giovedì 18 settembre 2014

Lo scalpo dell'art.18 all'Europa ...

Il governo Renzi è pronto a rottamare definitivamente l’articolo 18 intervenendo (per decreto!)  per sancire che per tre anni i neoassunti che dovessere essere illegittimamente licenziati, non avranno diritto alla reintegra ma solo ad un indennizzo monetario.
Lo scalpo dell’articolo 18 va portato in Europa per dimostrare che l’Italia sta facendo le “riforme strutturali” che naturalmente comportano un nuovo attacco ai diritti e alle tutele residue del lavoro.
Lo schema di funzionamento dell’Europa è questo: poiché le politiche di austerità sono chiaramente fallimentari e stanno portando tutto il continente alla deflazione cioè ad un nuovo salto di qualità della crisi,  la proposta è quella di… andare avanti con le politiche di austerità e anzi rilanciarle, chiamandole in uno dei molti modi in cui in questi anni si è raggirato, manipolato, turlupinato l’opinione pubblica.

Etichette: , , , , , , , , , , ,

lunedì 15 settembre 2014

Due parole con Carlot-ta

Torna in palude Carlot-ta, torna a più di tre anni dalla prima volta su questi schermi. Allora, era qui per parlare del suo disco d'esordio Make Me A Picture Of The Sun, album poetico e piacevolmente intellettuale. Molta strada ha fatto la giovane di Vercelli con quel disco, sia fisica (un sacco di concerti, molti premi), sia mentale, arrivando così a questo nuovo lavoro, Songs of Mountain Stream. Proseguendo nella metafora, potrei dire che è salita in montagna, certo, Carlot-ta sì è arrampicata sulle sue amate Alpi piemontesi, ben presenti nelle undici tracce dell'album, per esprimersi all'aperto, a differenza dell'esordio, più intimo, più interno.
Malinconia, intensità, una chiara diversità nello sguardo (come la montagna), questo è quello che si sente ascoltando Songs of Mountain Stream, dato alle stampe per la Brumaio Sounds, bella etichetta nata da poco. Ascoltatelo qui, proprio da oggi in streaming gratuito sul sito di LaRepubblica XL, e se poi vi verrà voglia di acquistare il bel cartonato con fiabesche foto alpestri, andate qui, al sito della label (ufficialmente esce il 26 del mese). Come nel precedente album, Carlot-ta si è trovata accanto quelli della AbuzzSupreme, mentre nuovo di zecca è il produttore artistico, Rob Ellis (tra i tanti nomi “suoi” Pj Harvey, Anna Calvi). Viste tutte queste belle premesse, potevo non ospitarla in palude? La riposta nei commenti del post ...

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

giovedì 11 settembre 2014

2000 km sotto la pioggia

Finalmente riesco a pubblicare il post dei 2000 km. Le ultime due sere non sono riuscito a causa di due temporaloni improvvisi, tipici di questa estate bagnata. Non riesco a capire come sia riuscito ad arrivare anche quest'anno a 2000 km, come vedrete dalle foto è stata impresa titanica. Non ho mai preso tanta acqua come in questa lunga estate fredda. Per fortuna l'amico treno mi ha salvato una volta, l'amico traghetto un'altra, l'ho portata ancora sulla funivia e poi giù a rotta di collo ... uscivi con una giornata calda e piena di sole, e ti ritrovavi in mezzo ad acquazzoni tremendi qualche ora dopo. A volte pareva brutto, poi si apriva, ma ormai avevi rinunciato al viaggio. Spero sia stata un'estate anomala, e non la norma. Comunque sia, ad inizio stagione il contachilomentri segnava 2888 km, ora 4890, cioè 2002 km in più. Forse qualche altro centinaia di km potrò farli, tempo permettendo...non dico nulla e comincio a toccarmi.
Continua a leggere...»

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

lunedì 8 settembre 2014

Due parole con The Rust And The Fury

Ritorna l'intervista sul blog, ritorna con un disco bello e colorato come la copertina lascia intuire. Si tratta di See The Colors Through The Rain, seconda fatidica prova dei The Rust And The Fury, band di Perugia che sa il fatto suo. Un rock con molte venature, dal pop al folk, da ballate acide a momenti riflessivi di marca grunge. Ritornelli che restano, un cantato spesso piacevolmente alternato tra voce maschile e voce femminile, pezzi densi e intensi. L'album dei TRATF è tutto qui, e non è poco. Uscirà ufficialmente il 19 di questo mese con Woodworm, dando un buon sapore all'autunno dell'alternative-rock nostrano.
Registrato in modo autarchico presso il loro studio Cura Domestica, realizzato all’interno dell’Ostello Mario Spagnoli di Perugia, See The Colors Through The Rain, segna una perfetta evoluzione della band umbra, a due anni dal precedente acclamato May The Sun Hit Your Eyes. In mezzo ci sono stati molti concerti e sbattimenti, la partecipazione a numerose rassegne cult della penisola, dall'Arezzo Wave al Miami a molti altri, l'apertura a band di peso (Tre Allegri Ragazzi Morti, Appino...), il rifacimento di Frances Farmer Will Have Her Revenge On Seattle dei Nirvana per la compilation dedicata a Cobain nel ventennale della morte. Potevano mancare all'appuntamento in palude? Certo che no... eccoli! Pronti?

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , ,

domenica 7 settembre 2014

FestaInRosso, bel tempo, bel clima in città ...

Un Mojito prima di inziare a lavorare... e dopo
Non sono superstizioso, ma con l'estate schifosa di quest'anno non volevo scherzare. Quindi in questi giorni ho incrociato le dita, sperando non piovesse mai. Ero così occupato con le dita, che non sono riuscito a scrivere al pc, ve ne sarete accorti dalla latitanza nel mio e nei vostri blog. Perché questo? Perché c'è la FestaInRosso nella mia città, appuntamento politico-cultural-culinario di fine estate. Io mi occupo dell'aspetto culinario, come aiuto-cuoco e barista del piccolo ma prezioso stand dell'Osteria della Valpolicella-BaldoGarda,ormai da più di un decennio. Purtroppo, impegnato in questo lavoro, non ho potuto seguire i concerti di rock giovane che propongono, e manco i dibattiti. Ieri sera c'era il segretario del PRC Paolo Ferrero, questa sera si parlerà di Palestina in un incontro dal titolo emblematico Restiamo Umani... ora mi preparo per l'ultima serata. Metto alcune foto per me simpatiche di questi giorni e un link ad un articolo che racconta del bel clima che si respira nella mia città.
Aggressione alla FestaInRosso
Continua a leggere...»

Etichette: , , , , , , , , , , ,

mercoledì 3 settembre 2014

Ritorno al cinema con delitti ... Under the Skin

Sono ritornato al cinema dopo un  bel po' (solo due film visti a luglio, uno ad agosto), e ho trovato una pellicola molto strana, perturbante, con una Scarlett Johansson in un ruolo difficile, lontano da molti suoi personaggi. Un'aliena cattiva, un'aliena che giunta sulla terra ruba ad una donna defunta le vesti, e gira su di un furgoncino alla ricerca di uomini da eliminare. Sì, letteralmente eliminare, dopo averli attirati in trappola con il suo fascino, spogliati di tutto, conduce i malcapitati in una stanza buia per farli scomparire in un buco nero, dove si disintegrano in un blob melmoso.
Continua a leggere...»

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

domenica 31 agosto 2014

Quanti di questi libri hai letto?

Gira in Rete da qualche tempo un giochino riguardante la lettura di libri. Nasce da un assunto della prestigiosa BBC (si diceva così una volta, non so se lo sia ancora), che ha stilato un elenco di 100 libri "importanti" (lo sono veramente?... facciamo finta), affermando che la maggior parte delle persone ne ha letti solo 6. Il mio orgoglio di lettore è diventato grosso, scoprendo che io ne ho letti ben 22. La lista non è quella originaria della BBC del 2008, ma una più recente, attualizzata alla realtà italica dalla fantasia (poca?... troppa?) del "popolo di Internet". Provate anche voi, vediamo quanto vi gonfierete ... potete poi farne anche un post vostro.
Le regole da seguire sono
1. Mettere come immagine del post quella qui sopra;
2. Citare il blog dove l'avete trovato. Io l'ho trovato qui;
3 Copiare la lista segnalando le vostre letture così:
- Libri letti (in verde, sono passati al semaforo del vostro cervello)
- Libri lasciati a metà (in rosso, si sono fermati al semaforo... ripartirete?)
- Libri in nero (mai letti, avete trovato una rotonda al posto del semaforo).

QUESTA LA LISTA

Continua a leggere...»

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

mercoledì 27 agosto 2014

Il signor Bovary ... c'est moi?

Questo blog vive di profonde ossessioni miste a travolgenti passioni. Ci sono dei nomi che ritornano, uno di questi è lo scrittore padovano Paolo Zardi. A maggio, alla Salone Internazionale del Libro di Torino, ha presentato il suo nuovo scritto, Il signor Bovary. Un piccolo libro (piccolo nel senso del numero delle pagine, 44), ma grande come scrittura. Un affondare, ancora una volta, i denti nelle chiappe sfatte della borghesia, piccola o media che sia (i confini si sono di molto sfumati, ma ci sono ancora, e Zardi non lo dimentica), rifacendo oggi, alla sua maniera il classico di Gustave Flaubert, cambiandone sesso e qualcosa d'altro.
Continua a leggere...»

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

venerdì 22 agosto 2014

Enzo Baldoni, ne scrivo io...

In questi giorni ho cercato in Rete notizie relative a Enzo Baldoni, ma ho trovato poco o nulla. Sembra dimenticato, di proposito, a dieci anni esatti dalla sua morte. Chi era? Voi lo conoscevate? Per me era principalmente un grande traduttore di fumetti. Su Linus era il traduttore ufficiale di una delle più belle strip della Storia del fumetto, Doonesbury, di Gary B.Trudeau. Non faceva una semplice traduzione, ma molto spesso ci scriveva un pezzo, per spiegare il perché della traduzione. Per anni sono stato abbonato a quel magico mensile di fumetti e cultura, Baldoni era il migliore, l'ho sempre pensato.
Continua a leggere...»

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

martedì 19 agosto 2014

B.A.S.E. Jumping, che ne pensate?

B.A.S.E. Jumping, "sport" estremo, che consiste nel lanciarsi nel vuoto da varie superfici. Possono essere edifici, torri abbandonate, ponti, scogliere (da qui l'acronimo in inglese B.A.S.E.). Da alcuni anni, ci si aiuta con delle tute alari, abbigliamento che trasforma chi lo indossa in una specie di pipistrello. Alcuni anni fa avevo visto un film sull'inventore di queste tute, al Trento Film Festival, un film impressionante per la bellezza e pericolosità di queste imprese (l'inventore di queste tute è deceduto durante un lancio, per il malfunzionamento del paracadute). Proprio a Trento, l'altro ieri, è morto un ragazzo spagnolo durante un lancio, cosa successa qualche giorno prima ad una ragazza russa. Vengono da tutto il mondo, perché il Becco dell'Aquila, sul Monte Brento, è una palestra perfetta per praticare il B.A.S.E. Jumping, essendo una parete dritta, senza protuberanze. Io non lo farei mai, soffro terribilmente di vertigini, ma non lo vieterei. Ogni sport, considerato estremo, ha dei rischi. Chi lo fa, decide liberamente di assumersi questi rischi. Senza contare, che un divieto ne aumenterebbe il fascino. Voi che ne pensate?

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

venerdì 15 agosto 2014

Nano-nano ...

Ha fatto non so quanti film, in un quarantennio di onorata carriera del mondo dello spettacolo. Non sapevo come ricordarlo degnamente, e allora vi cito i miei 12 suoi film preferiti, in ordine cronologico e con il link a wikipedia. Tre i capolavori imperdibili (L'attimo fuggente, Harry a pezzi, La leggenda del re pescatore), ma anche gli altri non scherzano, sono dei pezzi fondamentali di Storia del Cinema. Ogni sua apparizione sul grande schermo era una gioia per gli occhi e la mente. Ciao Robin, anzi, nano-nano...

Etichette: , , , , , ,

martedì 12 agosto 2014

Allegro non troppo, se non vedo bisce ....

In quasi duemila km di bici, quest'anno non mi è mai capitato di vedere un serpente. Non ne sento il bisogno, sia chiaro, ma la cosa è preoccupante. Sarà la pioggia e il freddo di questa strana estate (noi rettili adoriamo il caldo), ma è quasi impossibile non averne visto manco mezzo. Ho incontrato una lepre, che se l'è data a gambe levate (dovevate vederla come zampettava nel campo di viti), e uno scoiattolo, anche lui veloce nel salire sull'albero e sparire come magicamente era comparso, ma niente bisce. Un paio di topi. Sì, dei bei rattoni, predatori di bisce, in effetti. Molti ramarri (la tradizione popolare dice che, dove c'è un ramarro c'è anche il serpente, ma io non ne ho visti), molte lucertole, anche piccolissime, cavallette e farfalle ... 
Gli anni scorsi ne vedevo di serpenti: lenti nell'attraversare mentre arrivavo in bici, con il loro strano modo di muoversi che non capisci mai dove vogliono andare (ed è questo che fa impressione), neri, anche lunghi un paio di metri, o grigi, piccoletti. Ne vedevo un sacco schiacciati dalle auto, la loro espressione terribile prima di morire (se un serpente vi fa impressione da vivo, dovreste vederlo da morto... la morte in persona, terribile), ma quest'anno mi manca pure questa esperienza. Ripeto, non ne sento il bisogno, ma lancio l'allarme ecologico. E voi? Ne avete visti? ...

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , ,