giovedì 27 marzo 2014

Due parole con i Werner



Bello ospitare ancora una volta in palude i Werner, bello il loro ritorno, a due anni di distanza, con un disco targato ancora White Birch Records, piccola label in pista ogni volta con lavori nuovi e diversi. Una realtà artigianale da sempre gradita ospite su questi schermi. Il loro nuovo album, uscito da qualche settimana, è contraddistinto da un tenue folk-rock confinante con la classica e il cantautorato, che incanta per la precisione nell’esecuzione e nelle emozioni generate dal suo ascolto. S’intitola Down Below On Your Own, sembra un fenomeno naturale, al pari della sua copertina, opera di Cuoredicane, come di consueto per l’artwork della band toscana.
Cuoredicane (vi consiglio un giro sul suo blog), è Alessia Castellano, anche violoncello della band, assieme ad Elettra Capecchi (piano), e Stefano Venturini (chitarre). Con le loro voci, spesso in armonia con gli altri strumenti musicali, direi quasi confuse, hanno dato vita a un disco intenso, uniforme, nuovo ad ogni ascolto. Loro soli, con pochi fidati amici (per esempio Mirko Maddaleno dei Blue Willa voce in un pezzo, e coro nel suggestivo finale con tanti altri, in particolare voci femminili) hanno saputo creare un altro disco importante. Un disco da diffondere ed ascoltare Down Below On Your Own. Sì, ascoltiamo i Werner. Pronti?
PER CONOSCERLI MEGLIO

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , ,

85 Commenti:

Alle 27 marzo 2014 21:32 , Anonymous WERNER ha detto...

Eccoci!

 
Alle 27 marzo 2014 21:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvneuti in palude Werner.

 
Alle 27 marzo 2014 21:34 , Anonymous WERNER ha detto...

Grazie, è un piacere!

 
Alle 27 marzo 2014 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvneuti sta per benvenuti in linguaggio di Mork da Ork ;)

 
Alle 27 marzo 2014 21:35 , Anonymous WERNER ha detto...

:)

 
Alle 27 marzo 2014 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', voi siete abituati all'intervista sul blog, e quindi abituati ai miei errorie/orrori...

 
Alle 27 marzo 2014 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

... e allora faccio partire la musica e vado con le domande. Va bene?

 
Alle 27 marzo 2014 21:37 , Anonymous WERNER ha detto...

Speriamo di uscirne sani e salvi anche stavolta ; )

 
Alle 27 marzo 2014 21:37 , Anonymous WERNER ha detto...

Pronti!

 
Alle 27 marzo 2014 21:37 , Anonymous WERNER ha detto...

Pronti!

 
Alle 27 marzo 2014 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, come sapete, mangio solo torte...

 
Alle 27 marzo 2014 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, allora faccio partire il cd...

 
Alle 27 marzo 2014 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Partito... e allora vi chiedo: come è nato?

 
Alle 27 marzo 2014 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato Down Below on Your Own?

 
Alle 27 marzo 2014 21:38 , Blogger Elle ha detto...

Ciao a tutti!!
Che emozione, è la prima volta che vivo un ritorno in palude! Io c'ero anche due anni fa ;)
E conosco anche i bei lavori di Cuoredicane :)

 
Alle 27 marzo 2014 21:39 , Anonymous WERNER ha detto...

Down Below On Your Own é nato lentamente, il primo pezzo, che poi è quello che chiude il disco (25th november) è datato 2012…è stato scritto quasi subito l’uscita del nostro primo disco ed è stato l’input per la nascita del secondo..

 
Alle 27 marzo 2014 21:40 , Anonymous WERNER ha detto...

Ciao Elle, piacere!

 
Alle 27 marzo 2014 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Elle, benritornata ;)

 
Alle 27 marzo 2014 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo? …come è stato scelto?

 
Alle 27 marzo 2014 21:42 , Anonymous WERNER ha detto...

Il titolo è tratto da una biografia di Nick Drake, in una lettera ad un amico confidava questo suo sentirsi “con se stesso” intimamente con se stesso e basta. Nick Drake è l’autore, il cantante, colui che insieme a Werner Herzog più ci ispira in questo disco. Ci sono numerosi pensieri rivolti a lui.

 
Alle 27 marzo 2014 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Si sente, questo tenue folk è molto drakeiano ...

 
Alle 27 marzo 2014 21:45 , Anonymous WERNER ha detto...

Onorati!

 
Alle 27 marzo 2014 21:46 , Blogger Elle ha detto...

Nick Drake lo conosco.
Mi piace l'idea di sentirsi con se stessi, anche se io a volte di me stessa non ne posso più, mi annoia, e allo stesso tempo è, proprio per questo, stimolante.. quasi una sfida.

 
Alle 27 marzo 2014 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 27 marzo 2014 21:48 , Anonymous WERNER ha detto...

L’idea di questo disco è stata chiara sin dall’inizio, Rispetto al primo c’è un’evoluzione volta ancor più alla narrazione attraverso testi più descrittivi e arrangiamenti più intensi. I brani in genere nascono da un’idea di Stefano, ma in questo disco c’è un’interazione diversa tra i Werner, Ci sono testi nei quali si riconoscono i pensieri di Alessia, Una ninna nanna dedicata al piccolo di Elettra e arrangiamenti che volta per volta si affidano più ad uno strumento rispetto ad un altro. Contemporaneamente alla “vita” singola di ogni pezzo è cresciuta in noi l’idea della copertina, dell’edizione limitata e di tutto quello che riguarda il lavoro di art work di Alessia-cuore di cane.

 
Alle 27 marzo 2014 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, è un disco più pieno di cose, suoni, storie ...

 
Alle 27 marzo 2014 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?

 
Alle 27 marzo 2014 21:51 , Anonymous WERNER ha detto...

Questo disco parla della vita. Gli episodi sono due, Una morte ed una nascita unite da un giorno di differenza. Il disco inizia con un pezzo che non ha voce, Parla un violoncello e lo accompagna un pianoforte, Il violoncello è quello di Lara, il titolo del pezzo è Lara e questo disco è interamente dedicato a lei e alla sua vita troppo breve.

 
Alle 27 marzo 2014 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Molto triste questa cosa...

 
Alle 27 marzo 2014 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo vostro cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? …

 
Alle 27 marzo 2014 21:56 , Anonymous WERNER ha detto...

Nessuna tristezza, è la vita : )

 
Alle 27 marzo 2014 21:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Vero, verissimo ... lo sappiamo bene :)

 
Alle 27 marzo 2014 21:57 , Anonymous WERNER ha detto...

Crediamo di aver già detto tutto con la risposta precedente ma sicuramente non è un disco che si lascia alla rassegnazione, Anzi, Down below on your own è un disco con una copertina grigia e un interno dai colori intensi... preferiamo ribaltare la cosa e partire dalla morte per arrivare alla vita, crediamo sia la visione più ottimistica della cosa. Se parti dalla morte puoi solo migliorare.

 
Alle 27 marzo 2014 21:57 , Blogger Elle ha detto...

Mi sembra tutto molto introspettivo, intimo. La musica, gli episodi.

 
Alle 27 marzo 2014 21:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, direi che questa è la nota dominante Elle...

 
Alle 27 marzo 2014 21:59 , Anonymous WERNER ha detto...

@Elle: benvenuta nel nostro nido!

 
Alle 27 marzo 2014 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Arrivo pure io ;)

 
Alle 27 marzo 2014 22:01 , Anonymous WERNER ha detto...

C'è posto!

 
Alle 27 marzo 2014 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di “Down Below on Your Own”? … che vi piace di più fare live?

 
Alle 27 marzo 2014 22:03 , Anonymous WERNER ha detto...

Il pezzo che ci ha emozionati di più quando lo stavamo arrangiando è Animal, E' uno dei pochi ai quali abbiamo lasciato il titolo iniziale perché ci siamo troppo affezionati, Ma andiamo fieri di tutto il disco, senza presunzione, siamo fieri del fatto che musicisti come Mirko (Maddaleno) o come Chiara (Remorini) siano intervenuti per realizzarlo con noi, fino al pezzo corale che lo chiude. E' un disco che racchiude un piccolo mondo, una piccola famiglia ecco.

 
Alle 27 marzo 2014 22:04 , Blogger Elle ha detto...

Grazie, mi accomodo in un cantuccio con le due o tre canzoni che preferisco ;)

 
Alle 27 marzo 2014 22:05 , Blogger Elle ha detto...

Posso dirle??

 
Alle 27 marzo 2014 22:06 , Anonymous WERNER ha detto...

@Elle: curiosi di sapere quali saranno le prescelte!

 
Alle 27 marzo 2014 22:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, Elle, diciamole insieme... pronta?

 
Alle 27 marzo 2014 22:07 , Anonymous WERNER ha detto...

rullo di tamburi!

 
Alle 27 marzo 2014 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Vai Elle...

 
Alle 27 marzo 2014 22:07 , Blogger Elle ha detto...

Across the fence, Red room, Trees have something to say e soprattutto, bellissima, 25 November!

 
Alle 27 marzo 2014 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Difficile prediligere una ad un'altra, ma ci provo: Clouds, Across the Fence, Animal, Le Him Go On His Way, Mountain

 
Alle 27 marzo 2014 22:09 , Anonymous WERNER ha detto...

:) Grazie mille! Intanto vi saluta Stefano che ha problemi con la connessione!

 
Alle 27 marzo 2014 22:10 , Blogger Elle ha detto...

Across the fence è proprio bella :)

 
Alle 27 marzo 2014 22:11 , Anonymous WERNER ha detto...

Grazie mille Elle, anche lei è stata una delle prime a nascere!

 
Alle 27 marzo 2014 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Stefano, continuiamo con le ragazze allora ...

 
Alle 27 marzo 2014 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd esce con la per voi consueta White Birch Records … altre persone/gruppi, importanti per questo cd?

 
Alle 27 marzo 2014 22:14 , Anonymous WERNER ha detto...

Sicuramente oltre a Mirko a Chiara e a tutti quelli che hanno cantato con noi nel pezzo finale ci sono persone che nell’ombra hanno lavorato per e con noi, Lorenzo (Cappelli). per esempio. voce e chitarra dei Ka mate Ka ora che è il nostro fonico fotografo che noi chiamiamo “fotonico”, E poi Lucia, Elisa, Agnese e Daria che ci hanno ospitate nel loro spazio 4vesta di Pistoia per la registrazione del pezzo corale "Downfall of rain".

 
Alle 27 marzo 2014 22:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Un bel giro ... fotonico ;)

 
Alle 27 marzo 2014 22:19 , Anonymous WERNER ha detto...

eh sì!

 
Alle 27 marzo 2014 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina molto vaporosa, sembra espandersi con la vostra musica. Del resto l’autrice è anche una di voi, quindi c’è la massima sintonia musica immagine… o no? Come è nata questa copertina? prima, dopo o durante la realizzazione del cd?

 
Alle 27 marzo 2014 22:21 , Anonymous WERNER ha detto...

La sintonia tra musica e immagine è un aspetto vitale per il nostro lavoro. Siamo visionari, ogni nostro brano affonda le radici in un' immagine precisa che ci appare ogni volta limpida negli occhi. Come per "Oil Tries To Be Water", la copertina è nata lentamente, seguendo la nostra crescita e quella del disco.
Inizialmente un'unica e solitaria nuvola si stagliava su un cielo molto scuro. Più i brani prendevano forma e più vedevamo che la nuvola si espandeva, riuscendo a racchiudere e sintetizzare tutte le immagini del disco.

 
Alle 27 marzo 2014 22:24 , Blogger Elle ha detto...

Se si fissa la copertina ascoltando la musica del disco, si va in autoipnosi: il contatto più stretto con se stessi: non esiste nient'altro in questo momento.

 
Alle 27 marzo 2014 22:25 , Anonymous WERNER ha detto...

@Elle: siamo commossi, davvero! Ti ringraziamo dal profondo del nostro unico cuore!

 
Alle 27 marzo 2014 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Grande Elle ... poi ci provo. Ma prima devo finire l'intervista, altrimenti se vado in autoipnosi come faccio ;)

 
Alle 27 marzo 2014 22:26 , Blogger Elle ha detto...

Grazie a voi che avete creato questa musica!

 
Alle 27 marzo 2014 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove avete presentato/presenterete l’album? …

 
Alle 27 marzo 2014 22:27 , Anonymous WERNER ha detto...

ahaha, potrebbe essere bello!

 
Alle 27 marzo 2014 22:28 , Anonymous WERNER ha detto...

Il disco è uscito il 17 febbraio per White Birch Records e lo abbiamo presentato allo spazio 4 vesta di Pistoia in un concerto un po’ inusuale ma che ci ha regalato tanto affetto. In una stanza con soffitto a volte e mattoncini rossi, Poche luci accese e fuori l’imbrunire. All’ultimo abbiamo cambiato la scaletta perché Stefano si era rotto un dito il giorno prima quindi alcuni pezzi non abbiamo potuto suonarli live…abbiamo deciso quindi di proiettare un documentario acquatico di Herzog con i brani che non avremmo fatto di sottofondo…alla fine è stato bellissimo, al di sopra di ogni aspettativa e alla faccia della Jella!

 
Alle 27 marzo 2014 22:29 , Blogger Elle ha detto...

Sì Alli, aspetta il post intervista, l'autoipnosi è troppo intima per praticarla in diretta!

 
Alle 27 marzo 2014 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

@Werner
Bel posto poetico, a parte l'incidente, mi pare un grande inzio... poetico.
@ Elle
Ho bisogno che qualcuno che mi controlli ... è come un viaggio psichedelico.

 
Alle 27 marzo 2014 22:34 , Anonymous WERNER ha detto...

Ormai il dito di Stefano è diventato leggenda in casa Werner.

 
Alle 27 marzo 2014 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Herzog ne farà un film ;)

 
Alle 27 marzo 2014 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non vi ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 27 marzo 2014 22:36 , Anonymous WERNER ha detto...

ahahah, sarebbe fantastico!

 
Alle 27 marzo 2014 22:37 , Blogger Elle ha detto...

DI questa presentazione ci sono le foto su fb, mi pare.
(Alli ti controllo io, dopo però)

 
Alle 27 marzo 2014 22:40 , Anonymous WERNER ha detto...

Salutiamo e ringraziamo i nostri canini Raja, Jodi e Runa e invitiamo tutti al nostro concerto di domani sera. 28/Marzo, ore 21.00, al Circolo Arci le Fornaci di Pistoia! Siamo li che vi aspettiamo!

 
Alle 27 marzo 2014 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Ok, Elle, a tra poco ;)

 
Alle 27 marzo 2014 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, invito chi è nelle vicinanze ad andare al concerto dei Werner, band veramente unica... e spero che vi avvicinerete alla palude, anche per qualche live...

 
Alle 27 marzo 2014 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie ragazze, e grazie a Stefano, grazie ai Werner tutti!

 
Alle 27 marzo 2014 22:43 , Anonymous WERNER ha detto...

Grazie a te, è sempre un piacere! Un abbraccio dai Werner.

 
Alle 27 marzo 2014 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie, abbraccio voi, e Elle, e vi saluto...

 
Alle 27 marzo 2014 22:46 , Anonymous WERNER ha detto...

Buona notte Alligatore, buonanotte Elle!

 
Alle 27 marzo 2014 22:46 , Blogger Elle ha detto...

Grazie a tutti i Werner per la splendida musica, grazie Alli.
Buonanotte a tutti.

(Pronto per l'autoipnosi? Stenditi.)

 
Alle 27 marzo 2014 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna ai Werner.

 
Alle 27 marzo 2014 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Elle, ero già partito, mi ha svegliato il gatto, per fortuna... ora che è finita l'intervista vengo a stendermi :)

 
Alle 28 marzo 2014 07:44 , Blogger giovanotta ha detto...

intanto ti saluto poi torno a leggere e ascoltare (ma c'è un gruppo che ti possa sfuggire?.. ;)
ciao!

 
Alle 28 marzo 2014 12:58 , Blogger Ernest ha detto...

:-)

 
Alle 30 marzo 2014 20:05 , Anonymous ndr ha detto...

Grandi Werner. E bellissimo il concerto di presentazione/uscita dell'album.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page