mercoledì 27 maggio 2020

In palude con Ubba Bond


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
Orchestre stonate chiuse in comode celle.
GENERE Non identificabile
DOVE ASCOLTARLO In digitale (tutte le piattaforme, tipo qui) o in vinile.
LABEL Ubba Bond Records
PARTICOLARITA’ Sta all’ascoltatore trovarne
CITTA’ Bologna
DATA DI USCITA Fine Aprile 2020
L’INTERVISTA
Come è nato Mangiasabbia?
Una genesi da spiaggia... di quando contempli il rollio delle onde e aspetti quel momento magico in cui è tutto perfetto.
Come mai questo titolo? Cosa vuole dire? …
Nel disco c’è una frase che recita “la solita vecchia storia di quando hai sete di deserto e inizi a bere sabbia”. E’ stata scritta da Max Guidetti, amico e collaboratore che ha prestato la voce in due brani del disco. Abbiamo preso quel concetto e, giocando di sponda, l’abbiamo asciugato in un ossimoro che richiama il concetto di mare parlando di sabbia. Inoltre ci piace l’idea che il titolo sia stratificato e dunque “leggibile” in molti modi diversi.
Come è stata la genesi dell’album, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Avevamo qualche pezzo scritto in fase embrionale e qualche solida idea di intreccio musicale: bozze che avevamo collezionato nei nostri cassetti prima ancora di metterci al lavoro.
Nel cominciare a vedere le potenzialità di un futuro disco abbiamo identificato e scritto i testi, stratificando poi idee e collaborazioni che hanno lentamente plasmato la forma definitiva. In ultimo abbiamo ripreso un paio di pezzi che già erano “formati” (Girasoli Olandesi e Sale) e li abbiamo rimessi in gioco con lo stesso spirito. In ogni caso, nel giro di tre anni, i pezzi hanno attraversato molte “forme”: gli arrangiamenti e i testi sono stati scritti e riscritti molte volte, mentre noi continuavamo a cercare le chiavi di lettura. È stato un vero e proprio percorso fatto di strade prese e poi abbandonate, di soste, di riflessioni e di scelte che non sono state mai “definitive” fino all’ultimo.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?
Bond: Durante la lavorazione di Girasoli Olandesi (batteria/chitarra/voce in presa diretta) ci urlavamo in cuffia cose tipo...”è una bomba vez”... Classica espressione bolognese che esce dalle viscere quando senti che qualcosa sta davvero funzionando, e quindi sei al massimo della carica emotiva.
Ubba: in tre anni ne sono successe di cose... di sicuro non dimenticherò mai la sera in cui Daniel e Sasà sono venuti a registrare i fiati... un momento magico, seguito poi da un grande dispiacere (Daniel Cau è scomparso qualche settimana prima dell’uscita del disco). Poi ci sono tante piccole dinamiche “buffe” che oramai io e il Bond abbiamo tra di noi...avendo un umorismo surreale molto affine ci divertiamo molto insieme. Se tu capitassi durante una delle nostre sessioni, probabilmente, ti chiederesti “perché questi due imbecilli stanno discutendo da due ore su come si sbucciano i pistacchi?”.
Se fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tolgo il fosse?
Sì certo... Per certi versi toglierei il “fosse”. Contiene alcuni riferimenti sparsi, ricollegabili a tutta la musica in genere (intesa come pozzo da cui tutti beviamo). però è decisamente “imprendibile” nel senso che sfugge fuori dagli schemi che è una bellezza! La particolarità è ascoltarlo tutto... un’esperienza caleidoscopica.
Il concept è sottocutaneo, tra le righe dei testi, nello scorrere anche solo la tracklist, nel sentire gli elementi che ritornano a portare una chiara unità di intenzione del lavoro nel suo insieme.
Il primo strato di concept riguarda l’acqua... il mare... il bello del mare è che dentro ci può nuotare qualsiasi cosa, e probabilmente ci puoi vedere qualsiasi cosa.
C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di Mangiasabbia? … che vi piace di più fare live?
Andiamo molto fieri di tutto il lavoro. Forse singolarmente siamo più affezionati all’uno o all’altro aspetto, o dettaglio, o ricordo. Crediamo che si possa dire che se mancasse un elemento qualsiasi di questo disco, tutto perderebbe di valore emotivo. Di conseguenza un brano da solo non rappresenta un picco di soddisfazione in particolare. La scelta del singolo è stata molto difficile anche per questo motivo.
Il live lo stavamo preparando, poi ci siamo detti “ma no dai, stiamo un po’ a casa” :-)
Il disco è autoprodotto, cosa vuol dire?
Autoprodursi significa produrre dischi con la più totale indipendenza creativa, il che riteniamo sia il requisito fondamentale se si vuole anche solo provare a fare qualcosa di originale e importante. Non è facile, bisogna avere competenze in tutti i settori (per fortuna il Bond oltre ad essere un musicista è fonico). Comunque, la motivazione che ti spinge è tutto. Noi ad esempio pensiamo che esista il mondo dello spettacolo (o della “discografia”) e poi esistono gli artisti e, come in tutte le cose, bisogna scegliere dove stare. Avendo entrambi altre professioni, ci guadagniamo ogni giorno il vantaggio di non essere economicamente dipendenti dai dischi che produciamo... quindi non solo non abbiamo interesse a seguire le tendenze, ma non ne abbiamo nemmeno il bisogno... anzi, se fare dischi significasse per forza andare dove tira il vento non li faremmo proprio. La libertà creativa è il motivo che ci spinge a fare dischi.
Copertina molto vacanziera (e oggi, forse nostalgica). Come è nata? Chi l’autore?
L’autore della foto è Davide Merighi e la storia che c’è dietro è davvero buffa. Mi sono trovato questa vecchia foto sul rullino del mio telefono e mi sono subito reso conto che sarebbe stata perfetta. L’ho mostrata al Bond e lui era d’accordo... ma non sapevo da dove l’avessi presa perciò ho iniziato a cercarne l’autore. Ci ho messo due mesi perché non riuscivo a trovarne traccia, poi finalmente ci sono riuscito, l’ho contattato e gli ho detto “la tua foto è un capolavoro, vogliamo usarla come copertina del disco” e lui ha accettato. Siamo molto contenti perché è una foto davvero straordinaria.
Come presentate dal vivo il disco?
In questo momento è un po’ difficile riferirsi a un “dal vivo”... e il brutto è che non sappiamo per quanto tempo. Fino a poco tempo avevamo iniziato a mettere mano al lavoro live con gli elementi fondanti (batteria, basso, chitarra, tastiere e voci) lasciando in backtracks le altre cose.
Nella preparazione finale ci piacerebbe che fosse suonato quasi del tutto, quindi con una band che includa anche i fiati per esempio. Vedremo come, dove e quando sarà possibile farlo.
Altro da dichiarare?
Vorremmo svelarti tutti i segreti per sbucciare i pistacchi, ma ci vorrebbero ORE! :-)

Etichette: , , , , , , , , , ,

10 Commenti:

Alle 27 maggio 2020 14:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Ubba Bond, duo scanzonato made in Bologna, con questa copertina, che oggi sembra irridente, ma forse lo era già prima, pensata mesi fa ... sicuramente nostalgica.

 
Alle 27 maggio 2020 14:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Come i pezzi contenuti nel disco, dodici pezzi di ironico cantautorato nostalgico, diverto/divertente ...

 
Alle 27 maggio 2020 14:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Così divertente che mi è difficile dirvi le mie preferite, sono tutte molto vibranti e interessanti.

 
Alle 27 maggio 2020 14:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche se mi piace molto il pezzo intitolato Bob, pezzo estivo, con il giusto ritmo e un sound di rock da balera tra la Via Emilia e il West.

 
Alle 27 maggio 2020 14:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Molto, forse ancora di più, Temporale, pezzo dal gran ritmo, stile Blues Brothers, per un quasi strumentale che descrive bene l'arrivo di un temporale come da titolo si può capire ...

 
Alle 27 maggio 2020 14:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi stavo dimenticando del gioiellino Girasoli olandesi: cantautorato pop classico, musica italiana tra il Dalla e il De Gregori più scanzonato. Organetto magico, fiati a perdere, gran ritmo e testo a tratti surreale ... finale virtuosistico.

 
Alle 27 maggio 2020 14:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse è questo il mio pezzo preferito.

 
Alle 27 maggio 2020 14:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma anche Piove il mondo, gran finale di pop-rock cantautorale ballabile, con chitarra gajarda ancora protagonista, dalla-style con le tastiere a dare il ritmo...

 
Alle 27 maggio 2020 14:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Insomma, sono molto indeciso, mi piace tutto, tanto che adesso lo faccio ripartira in cuffia a palla (anche se Elle dice che mi fa male),
No scherzo dai, ci tengo alle orecchie, lo faccio partire nella stanza e ci accompagnerà mentre pranziamo.

 
Alle 27 maggio 2020 14:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Ottimo pranzo oggi ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page