venerdì 4 marzo 2016

Letti a Berlino: La melodia dei perdenti

Simone Pagiotti
La melodia dei perdenti
Ass. Culturale Il Foglio
L'ho letto quasi tutto in treno, dall'Italia verso Berlino, dove l'ho finito; è stato un bene, La melodia dei perdenti è un libro da leggere tutto d'un fiato, si lascia leggere veramente così. Vorresti sapere come va finire questa storia di un trentenne senza aspirazioni e ideali, lasciato dalla sua ragazza alle soglie del matrimonio (dovevano decidere solo la data). Il giovane sprofonda in una depressione che lo porta a farsi prima licenziare, per poi vagare in un grande nulla fatto di bevute, prostitute, liti, allontanandosi sempre più dalla sua città, Perugia. Una città che odia. Questo è il lato più affascinante, ma anche, alla lunga, il più noioso, questo odio punk verso tutto e tutti, senza avere uno straccio di alternativa è pesante.
La sua ex non si è comportata bene con lui (l'ha lasciato senza un motivo, rifiuta ogni risposta, ogni richiesta di chiarimento, cerca solo avventure, salvo poi ... ), ma lui stesso, vista la passività e "comodità", non è esente da colpe. Senza contare che pure lui si comporta male con altri: la grassa barista con la quale instaura un qualche rapporto (ma solo quando ha bisogno, solo di carattere mangereccio e sessuale, poi la snobba), il figlio del suo ex datore di lavoro (l'unico suo vero amico, contro il quale vomita tutto il giusto disgusto per gli anni di lavoro, "giusto" sì, ma lui, sempre vicino, non era il giusto interlocutore). Questo odio per la città lo porta verso la campagna, la campagna umbra dove vivono i nonni. Lì ricomincia a vivere facendo il contadino, ritrovando quella verità, anzi, genuinità del rapporto con la terra, ritrovando forse l'amore, per la badante dei nonni (però ad un certo punto parte per il Perù, al capezzale del padre malato ... forse tornerà in primavera), trovando la durezza dell'inverno, con le sue perdite dolorose.
La melodia dei perdenti (il titolo è ispirato da un motivetto imparato dal nonno, uomo tutto d'un pezzo, brusco e attaccato alla terra), è un esordio simpatico e di buona lettura. Ha però dei limiti, quale il fatto siano passati alcuni anni dalla sua scrittura (mamme e nonne così, danno l'impressione essere di qualche anno fa: 5/10 anni?), l'eccessivo odio contro tutto e tutti è troppo marcato, e alla fine stroppia. Buona invece la costruzione di questo personaggio senza qualità, il narrare le sue bevute e avventure sessuali, il cercare di smascherare le dinamiche borghesi attraverso i suoi fallimenti. In copertina c'è un uomo lontano dalla città, si vede anche un gatto. Si tratta di Gastone, il gatto trovato in campagna, con il quale instaura un bel rapporto, il migliore del romanzo. Da leggere.

Etichette: , , , , , , , , , ,

15 Commenti:

Alle 4 marzo 2016 17:50 , Blogger giovanotta ha detto...

"Il migliore del romanzo".. ahah, è vero che i gatti non ti tradiscono mai (vabbè quasi). Grazie per la recinZione, un po' il libro mi incuriosisce, ma ora ho più bisogno di eroi positivi, che di disadattati ce ne sono in giro già abbastanza.
Un salutone!

 
Alle 4 marzo 2016 17:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, il rapporto che instaura con Gastone, questo il nome, è il rapporto migliore (come capita spesso, con gli animali, rispetto agli umani).

 
Alle 5 marzo 2016 16:22 , Blogger Andrea C. ha detto...


sempre interessanti le recensioni dell'Ally;)

 
Alle 5 marzo 2016 17:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie And ... lo spero, come spero questo libro venga letto.

 
Alle 5 marzo 2016 23:57 , Blogger Ernest ha detto...

davvero interessante :-)

 
Alle 6 marzo 2016 00:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, dici bene: davvero interessante!

 
Alle 6 marzo 2016 20:55 , Blogger George ha detto...

Interessante rece, mi hai fatto venire voglia di leggerlo.

 
Alle 6 marzo 2016 21:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie George, vedrai che ti piacerà.

 
Alle 7 marzo 2016 02:36 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Però sono curiosa: come sono cambiate mamme e nonne in soli 5-10 anni?

 
Alle 7 marzo 2016 12:11 , Blogger Elle ha detto...

Lo leggerei per la parte campagnola, col nonno e la nuda terra.
Comunque è stato bello vederti leggere così assorto ;)

 
Alle 7 marzo 2016 20:54 , Blogger Alligatore ha detto...

@Silvia
Be', direi le nonne non sono più le vecchine ingrigite di quando ero bambino io, e le mamme sono giovanili, si è giovani fino a sessanta/settanta anni ... se leggerai il libro ti renderai conto di quello che dico (in particolare sulla nonna).
@Elle
Be', è stato il libro giusto, come lunghezza (e anche per voler andare fuori dall'Italia). Sì, la parte campagnola ti piacerebbe (c'è anche un gatto).

 
Alle 8 marzo 2016 22:28 , Blogger Roberto Paglia ha detto...

Grazie, come sempre, sembra molto interessante!

 
Alle 8 marzo 2016 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te Roberto per l'attenzione ... in effetti è interessante, una buona lettura, sì.

 
Alle 9 marzo 2016 08:21 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Ora sono proprio curiosa...

 
Alle 9 marzo 2016 16:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Vedrai, vedrai ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page