venerdì 28 dicembre 2018

Salvador ridicolo su Tim Vision

In questi giorni di feste e festoni, pandori e panettoni, nebbie e nebbioni, noi ci siamo chiusi in casa, lontano da tutto e da tutti. Libri e riviste non lette durante l'anno, e cinema visto sul pc. Non abbiamo tv, quindi ci accontentiamo del piccolo schermo del pc per vedere dvd, film in streaming e, quest'anno tanti, tantissimi film su Tim Vision, la tv online della TIM.
Ci sono serial tv, cartoni, qualcosa di sport e un'infinità di film vecchi e nuovi, anche di recente passaggio al cinema, molti dei quali gratis. Ho stilato una lista di 40 film da vedere (più altri 40 di riserva), e con le carte dei tarocchi ne estraiamo un paio a sera. L'altra sera è toccato a Salvador, il capolavoro di Oliver Stone.
Per chi non lo conosce, dico che è del 1986, ambientato in Salvador, con protagonista un grande James Woods (ma  grandi anche James Belushi, John Savage, Elpidia Carrillo). Parla del sostegno Usa e dell'allora neo-eletto presidente Reagan (siamo nei primi '80) agli squadroni della morte che massacrarono l'opposizione comunista del Fronte Farabundo Martì, uccisero monsignor Oscar Romero e chiunque non la pensava come loro (nota la violenza sessuale e assassinio di alcune suore missionarie). 
Tutto questo viene mostrato da Oliver Stone senza censure (per questo il film venne boicottato in patria), tramite le avventure del reporter Richard Boyle (anche sceneggiatore della pellicola col regista) interpretato da James Woods. Un film impeccabile, che ho sempre apprezzato, poterlo rivedere con Elle è stato un vero piacere. 
Peccato che Tim Vision disponga dell'edizione speciale del film. In questa compaiono sequenze in più, però doppiate in modo ridicolo. Si passa da James Woods/Richard Boyle doppiato dalla mitica voce di Ferruccio Amendola, a quella anonima di qualcun altro. L'effetto è spiazzante e ridicolo, anche perché i doppiatori dell'edizione speciale sembrano leggere senza tono le battute (forse sono un paio a coprire tutti i ruoli), quasi come dei ragazzini che si divertono a coprire le voci autentiche. Potevano, come è successo in altre occasioni, lasciare le voci originali con i sottotitoli nei passaggi di pellicola aggiunti dopo.
Un vero peccato, una scarsa considerazione di chi guarda film in tv, l'ennesima mancanza di rispetto nei riguardi della 7^ Arte. Vi consiglio di cercare questo film e vederlo, ma di stare lontani dall'ezione speciale di questo capolavoro di Oliver Stone. Per me uno dei suoi migliori film da sempre.

Etichette: , , , , , , , , , , , , , ,

25 Commenti:

Alle 28 dicembre 2018 09:15 , Blogger fperale ha detto...

Questo non l'ho mai visto, ma se mi capita non lo vedrò in questa versione grazie del consiglio..all'epoca vidi "Romero", con un grande Raul Julia, e ricordo che rimasi sconvolto della vicenda (ero ragazzino)

 
Alle 28 dicembre 2018 11:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Merita una visione, fperale, perché per me è uno dei migliori Oliver Stone, di una carriera cinemamatografica davvero eccellente (è tra i miei registi preferiti). Sì, la versione non speciale, però (l'ho vista diverse volte, purtroppo farcita di spot, e questa poteva essere ghiotta occasione). Ricordo anche io il film con il compianto Raul Julia ... anche quel un buon film.

 
Alle 28 dicembre 2018 12:34 , Blogger Lucien ha detto...

Lo vidi al cinema. In casi come questi sempre meglio l'audio originale con i sottotitoli, ma per l'Italia una battaglia persa: ho amici che quando dico di aver visto una serie o un film in lingua originale inorridiscono.

 
Alle 28 dicembre 2018 13:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, l'ideale è sapere le lingue, io comunque sono da sempre favorevole al doppiaggio (fatto bene, ovviamente). In questo caso, mentre lo guardavamo, e c'era questo passaggio con James Wood, che passava dalla voce mitica di Amendola a quella monocorde dell'altro doppiatore, ci siamo chiesti se fosse uno scherzo ... alla fine abbiamo cercato notizie in rete e capito.

 
Alle 28 dicembre 2018 14:13 , Blogger amanda ha detto...

Trovo encomiabile quando nelle digitalizzazioni di vecchi film i frammenti inseriti a posteriori,perché recuperati nel restauro, vengono messi in lingua originale ma sottotitolati in modo da non stravolgere il doppiaggio originale

 
Alle 28 dicembre 2018 15:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Esattamente, dovevano fare così ... se non ricordo male fecero così per "Apocalypse now".

 
Alle 28 dicembre 2018 16:23 , Blogger Santa S ha detto...

film davvero straordinario, ed hai perfettamente ragione, adesso non ricordo con quale film, ma anche in quel caso un doppiaggio "ammazzafilm". Il doppiaggio è fondamentale, meglio come dici tu lasciare l'originale con sottotitoli quando non si può fare altro.
Un po' come le colonne sonore, anche la musica a volte può rovinare una pellicola.

 
Alle 28 dicembre 2018 16:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Concordo su tutta la linea :)
Film straordinario!

 
Alle 28 dicembre 2018 17:59 , Anonymous Enri1968 ha detto...

Lo vidi al cine quando uscì.
Meglio le voci originali sottotitolate per le aggiunte, va a capire questa scelta scellerata.

 
Alle 28 dicembre 2018 18:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Purtroppo al cine non sono riuscito a vederlo, ma solo in tv, con molti spot. Speravo fosse l'occasione giusta per godermeloval meglio, invece, scelta scellerata di tim vision di mettere online questa edizione :(

 
Alle 28 dicembre 2018 21:27 , Blogger Elle ha detto...

​Un bel recupero per me, che non conoscevo questo film né la storia del Salvador (purtroppo simile a molte altre del Sudamerica). Avevo sentito nominare il regista, ma solo con te ho scoperto che i suoi film sono impegnati e meritano più visioni.
Ridicolo il doppiaggio aggiunto, piuttosto la lingua originale con sottotitoli, ma anche senza, se l'alternativa è rendere ridicolo un film.

 
Alle 28 dicembre 2018 21:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, Oliver Stone è un grande, mi ricordo film memorabili dopo questo: Platon, JFK, The Doors, Wall Street solo per citare i primi che mi vengono in mente. O anche l'ultimo, che abbiamo visto al cinema. Sempre bravo a svelare gli intrighi del potere, a partire dal suo paese (e infatti non ha mai avuto vita facile).

 
Alle 29 dicembre 2018 10:23 , Blogger redcats ha detto...

io ho goduto di Cenerentola......
Tanti tanti auguri!!!!!!




 
Alle 29 dicembre 2018 11:53 , Blogger Alligatore ha detto...

A ciascuno il suo.
Grazie, buon 2019 anche a te.

 
Alle 29 dicembre 2018 21:28 , Blogger marcaval ha detto...

Peccato per i problemi di doppiaggio perchè le scene in più avrebbero arricchito il film, che anch'io considero un capolavoro.

 
Alle 29 dicembre 2018 21:48 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Ottimo film!
Serena notte.

 
Alle 30 dicembre 2018 11:05 , Blogger ReAnto R ha detto...

Su Tim Vision c'è Killing Eve e Trapped tra le serie tv "da vedere" :)) Buona visione

 
Alle 30 dicembre 2018 12:10 , Blogger Alligatore ha detto...

@Marcaval
Sì,concordo, infatti le scene in più sono perfette, peccato per il doppiaggio. E concrdo anche sul capolavoro!
@Cavaliere Oscuro del Web
Bentornato! Sì, è così!
@ReAnto
Grazie, me le segno ... per ora abbiamo visto una marea di film.

 
Alle 30 dicembre 2018 16:04 , Blogger Anna Bernasconi Art ha detto...

Uh, che fastidio, davvero meglio se ci fossero stati dei semplici sottotitoli!
È bello sapervi rintanati dal mondo tra letture e visioni, un ottimo modo per concedersi una pausa tra un anno e l'altro.
Arrivederci ad entrambi lungo il prossimo!

 
Alle 1 gennaio 2019 16:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Anna ... stiamo ancora in visione film, ma ho avuto il tempo di vedere e apprezzare il tuo bellissimo lavoro (grazie).
Sì, per quel film dovevano lasciare i sottotitoli.
Buon anno!

 
Alle 2 gennaio 2019 16:34 , Blogger Anna Bernasconi Art ha detto...

Grazie a te Alli per l'apprezzamento e soprattutto ad Elle per l'idea! ;-)

 
Alle 2 gennaio 2019 19:49 , Blogger Nina ha detto...

questo film è un pugno allo stomaco. importante e intenso. vedo sempre i film in lingua originale e non riesco più a tollerare il doppiaggio per quanto perfetto e somigliante.

 
Alle 2 gennaio 2019 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

@Anna Bernasconi
Grazie a entrambe ... spero presto di dedicarci un post :)
@Nina
Condivido il parere sul film, importante e intenso, un pugno allo stomaco, anche per il finale, che non è un happy end come di solito le pellicole Usa. Sul doppiaggio,, sul doppiaggio: io sono da sempre un sostenitore del doppiaggio (e in Italia, per fortuna, c'è un'ottima scuola), ma comprendo che conoscendo le lingue l'ideale è la versione originale.

 
Alle 3 gennaio 2019 16:34 , Blogger Anna Bernasconi Art ha detto...

Huhuhu... in caso, mi farà ovviamente piacere!
Farebbe piacere anche a voi se volessi mostrare la tua/vostra/nostra 😂 illustrazione sul mio blog?

 
Alle 3 gennaio 2019 18:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, fai pure ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page