lunedì 10 marzo 2014

Due parole con Fabrizio Cammarata & Paolo Fuschi


Serata internazionale quella di oggi, perché tra poco sarà in palude Paolo Fuschi, direttamente collegato da Manchester. Paolo è l’autore del disco del quale parleremo questa sera, lo ha fatto assieme all’amico giramondo come lui (o forse di più), Fabrizio Cammarata, già ospite su questi schermi. Cammarata, quello a destra nella foto, non sarà qui, perché impegnato a girare un road-movie tra il Messico e gli States con il regista palermitano con base a Berlino Luca Lucchesi. Sarà però con noi la sua voce, che sento già nel magnifico disco dato alle stampe per la 800A Records di Palermo, Skint and Golden.
Skint and Golden, uscito solo in vinile 12” da qualche settimana, suona intenso e divertente, come immagino sia stato farlo per questi due amici musicisti, e fortemente politico. Il titolo nasce da uno slang britannico, “Skint”, che sta per “al verde”, accostato a “Golden”, “d’oro”, come ci si può sentire quando si crea canzoni come queste. Sono al verde, ma mi sento solare, ho il privilegio e la magia di creare, un inno alla decrescita felice e consapevole. Creare pezzi di blues o soul come queste dieci perle, scritte dai due musicisti e poi registrate/mixate/masterizzate tra Manchester e l’Italia, con artisti e collaboratori di entrambi i luoghi. Ore ne parleremo qui. Pronti?
PER CONOSCERLI MEGLIO

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

77 Commenti:

Alle 10 marzo 2014 21:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Collegamento internazionale ... è pronto il saltellite (of love)?

 
Alle 10 marzo 2014 21:36 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Hello everybody! Eccomi qui.

 
Alle 10 marzo 2014 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

... ciao Paolo, benvenuto in palude.

 
Alle 10 marzo 2014 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Che ore sono a Manchester?... le stesse dell'Italia?

 
Alle 10 marzo 2014 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

... 21,38 ora.

 
Alle 10 marzo 2014 21:39 , Blogger Elle ha detto...

Ci sono anche io! Al verde, naturalmente, ma pronta ad ascoltare musica d'oro ;)

 
Alle 10 marzo 2014 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah,ah, ah, allora il Satellite funziona ;)

 
Alle 10 marzo 2014 21:40 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

A Manchester sono le 20.39 e tutto va bene

 
Alle 10 marzo 2014 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Sembra il titolo di un film ... e allora, vado con le domande ufficiali.

 
Alle 10 marzo 2014 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

1. Come è nato Skint and Golden?

 
Alle 10 marzo 2014 21:46 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Skint & Golden e’ nato da una telefonata a fine Aprile del 2013, Fabrizio con molta naturalezza durante la nostra conversazione mi ha detto ‘Paolo, forse e’ gia’ tardi, ma perche’ non scriviamo un paio di canzoni da fare uscire come singoli in Estate?’ ed io ho subito risposto di si. Io e Fabrizio ci conosciamo da quando siamo ragazzini, la nostra amicizia e’ ventennale e la musica e’ sicuramente stata sempre un momento di condivisione fondamentale per noi. E’ da circa 12 anni che desideriamo di fare un lavoro insieme e finalmente siamo riusciti a trovare il momento giusto per farlo. Quindi abbiamo scritto e registrato 4 pezzi e siccome ci e’ piaciuto troppo la domanda successiva e’ stata ‘Ma se invece di un paio di singoli facciamo un album intero?’ e chiaramente la risposta e’ stata ‘Certo!’. E cosi’ abbiamo fatto.

 
Alle 10 marzo 2014 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

In modo naturale e diretto ... una cosa che doveva accadere insomma...

 
Alle 10 marzo 2014 21:49 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Assolutamente si, naturale e diretto sono due parole che rappresentano bene lo spirito di questo disco.

 
Alle 10 marzo 2014 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo? … un titolo, politico, nel vero senso del termine?

 
Alle 10 marzo 2014 21:50 , Blogger Elle ha detto...

A orecchio e croce direi che l'idea ha dato buoni frutti..

 
Alle 10 marzo 2014 21:50 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Grazie Elle :)

 
Alle 10 marzo 2014 21:52 , Blogger Alligatore ha detto...

A orecchio e croce direi di sì...

 
Alle 10 marzo 2014 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Titolo?... perché questo?

 
Alle 10 marzo 2014 21:54 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

La traduzione italiana del titolo e’ ‘Al verde & Dorato’. Si riferisce ad una condizione di vita che determina lo stato d’animo di una persona. Oggi come non mai tutti i tipi di pietre miliari che hanno determinato la crescita di una persona, come lavoro, casa, indipendenza sono state messe in discussione se non addirittura annullate. La causa di cio’ e’ dal mio punto di vista che il mondo e’ cambiato, il sistema economico e’ fallito e la nostra generazione si e’ trovata in mezzo. Noi dobbiamo cercare la felicita’ in un’altra maniera. Quindi, non hai soldi per comprare una casa, non hai un contratto di lavoro a tempo indeterminato, ti trovi ad avere un master in telecomunicazioni ma fai il cameriere in un paese dove non sei nato ecc. Insomma, la nostra generazione e’ questa, quindi potenzialmente ha tutti i motivi per essere confusa e triste. Skint & Golden vuole rappresentare questa condizione ma allo stesso modo parla anche di una speranza. Rimette in discussione la scala di valori. Parla della vita e invita a semplificarla. Quindi si, ‘Al verde’ ma sempre ‘Dorato dentro’.

 
Alle 10 marzo 2014 21:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Un messaggio forte: c'è stato uno sconvolgimento cosmico, prendiamone atto e cerchiamo di viverlo al meglio, perché non freghi noi ancora di più... e le canzoni, poi ci arriviamo, parlano di questo,usando il blues e il soul, musiche molto adatte, direi... per la loro forza e tradizione.

 
Alle 10 marzo 2014 22:00 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Naturale e Diretto, esattamente come il soul, il blues, il funk, il reggae, te l'ho detto hai scelto due parole perfette :)

 
Alle 10 marzo 2014 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata la genesi del disco, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 10 marzo 2014 22:03 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Come ho scritto sopra, il tutto e’ partito da una telefonata. Poi Fabrizio ha scritto alcune canzoni, io ne ho scritte altre, ce le siamo mandate reciprocamente, ascoltate, discusse. Dopo ci siamo incontrati a Milano, le abbiamo aggiustate, arrangiate, e messe a punto per le prime sessioni di registrazione che sono avvenute a Manchester a fine Maggio 2013. Abbiamo utilizzato dei musicisti di Manchester eccezionali, anche loro sono dei miei carissimi amici e compagni di lavoro, mi fa piacere menzionarli: Justin Shearn alle tastiere, Matt Owens al basso ed Adam Dawson alla batteria. Dopo abbiamo finito le registrazioni a Palermo ad Agosto allo studio 800A Records, del nostro altro carissimo amico e compagno di mille avventure Fabio Rizzo. Insomma tra la pioggia del Manchester ed il caldo di Palermo siamo riusciti, a mio avviso, a creare un album dalle atmosfere intense e contrastanti esattamente come il titolo dell’album. Perdonate l’esaltazione dell’ultima frase, ma sono proprio contento dell’album :)

 
Alle 10 marzo 2014 22:06 , Blogger Alligatore ha detto...

La confermo io che ho in sottofondo il disco... è così, c'è sempre magia tra Palermo e il nord-Europa (non è il primo disco che passa qui fatto così).

 
Alle 10 marzo 2014 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione dell’album? ... tra i tanti, immagino.

 
Alle 10 marzo 2014 22:08 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Nessun episodio in particolare, ma sicuramente tante risate sia a Manchester che a Palermo. Non so perche’ ma c’era molta allegria durante le sessioni. Il che e’ stato bellissimo perche’ spesso in studio l’atmosfera puo’ essere pesante. Invece questa volta tanto calore.

 
Alle 10 marzo 2014 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Se Skint and Golden fosse un concept-album su cosa sarebbe? ... potrebbe? ;)

 
Alle 10 marzo 2014 22:12 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Sarebbe sulla realta’ dei nostri tempi e come influenza i nostri sentimenti e la nostra crescita personale.

 
Alle 10 marzo 2014 22:13 , Blogger Elle ha detto...

Scusate, mi si è spento il pc :( ora recupero ciò che avete detto in mia assenza!

 
Alle 10 marzo 2014 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Adesso arriva la domanda sulle canzoni preferite Elle, tieniti pronta, so che ne hai ;)

 
Alle 10 marzo 2014 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri dell’intervo lavoro? ... che vi piace di più fare live?

 
Alle 10 marzo 2014 22:16 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Io sono particolarmente innamorato di due pezzi uno e’ Shine e l’altro e’ Shona. Shine perche’ rispecchia perfettamente il mix dello stile di Fabrizio con quello mio e Shona perche’ e’ un pezzo super soul che ho scritto e sono strafelice di come e’ uscito, Fabrizio lo canta come Otis Redding.

 
Alle 10 marzo 2014 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Le mie (ma faccio fatica a non dire "tutte"), sono: My Salvation, War Will Soon Be Over, Shona, Radio, Shine...

 
Alle 10 marzo 2014 22:19 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Thank you Diego :)

 
Alle 10 marzo 2014 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, come vedi sono entrati nella mia cinquina ... Shine e Shona sembrano dei classici già al primo ascolto.

 
Alle 10 marzo 2014 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Vediamo che vi dice Elle ...

 
Alle 10 marzo 2014 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Se il suo pc regge...ci sei Elle?

 
Alle 10 marzo 2014 22:23 , Blogger Alligatore ha detto...

... starà ancora leggendo, ho le è saltato il collegamento,mentre la cerco con what's up, vado con la prossima domanda.

 
Alle 10 marzo 2014 22:23 , Blogger Alligatore ha detto...

7. Skint and Golden è uscito solo in vinile 12” per la 800A Records. Perché questa scelta? Nostalgia del vinile? … di quel suono che la tecnologia a cambiato? E se uno non ha il giradischi?

 
Alle 10 marzo 2014 22:24 , Blogger Elle ha detto...

Eccomi!
Volevo chiedere: avete scritto entrambi sia le parole che musica, o uno musica e l'altro le parole?
Condivido l'esaltazione di Paolo, il disco vi è venuto così bene, che il mio computer, impreparato, si è spento!
Ora arrivano le canzoni..

 
Alle 10 marzo 2014 22:25 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Se uno non ha il giradischi dovrebbe comprarne uno, ne vale la pena :) Comunque il disco e’ gia’ su iTunes Italia. La scelta del vinile e’ perche’ le canzoni sul vinile suonano meglio, la copertina e’ piu’ bella e perche’ sostanzialmente la 800A Records si distingue per un catalogo vinile super cool con altre bands fantastiche, tra le quali ci sono Le Formiche la mia band italiana preferita. Quindi la scelta si sposa con la filosofia della casa discografica.

 
Alle 10 marzo 2014 22:27 , Blogger Elle ha detto...

A me piacciono My Salvation, Tuesday's a Good Day, Shona, I'll be there again e Can't you see me.
Cioè quasi tutte (ma non è che le altre non mi piacciano, eh!)

 
Alle 10 marzo 2014 22:29 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Grazie Elle :)

 
Alle 10 marzo 2014 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Insieme l'abbiamo dette tutte, ma Shona vince alla grande su tutte...

 
Alle 10 marzo 2014 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Faccio mia la domanda di Elle: Volevo chiedere: avete scritto entrambi sia le parole che musica, o uno musica e l'altro le parole?

 
Alle 10 marzo 2014 22:33 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Shona parla di una ragazzina di 15 anni che ha un problema di anger management, cioe' di gestione della rabbia. Un problema che hanno un sacco di persone, ho pensato che parlarne ed utilizzare come protagonista una ragazzina avrebbe sminuito cose come aggressivita' e violenza asociate a questo problema ed avrebbe fatto risaltare la debolezza e vulnerabilita'. Si sono troppo contento di Shona :)

 
Alle 10 marzo 2014 22:35 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

abbiamo scritto individualmente 4 pezzi l'uno sia musiche che parole. Poi le abbiamo "sistemate" insieme. Ci sono delle canzoni che abbiamo registrato ma che non ce l'hanno fatta a far part dell'album perche' pendevano troppo o dal mio lato o da quello di Fabrizio in termini di stile. Forse in futuro faremo un free dowload, vedremo :)

 
Alle 10 marzo 2014 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Un lavoro di contaminazione reciproca...

 
Alle 10 marzo 2014 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Attendiamo gli altri pezzi...

 
Alle 10 marzo 2014 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari decidete insieme quando Fabrizio ritornerà dal film e dai concerti negli States.

 
Alle 10 marzo 2014 22:39 , Blogger Elle ha detto...

Sì, visto questo precedente.. attendiamo gli altri pezzi!

 
Alle 10 marzo 2014 22:39 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

assolutamente, ma la cosa bella e' che non e' mai stato una forzatura, c'e' troppa musica che io e Fabrizio condividiamo.

 
Alle 10 marzo 2014 22:42 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Vedremo, io al momento sto scrivendo il mio disco nuovo e sto lavorando con altre bands. Fabrizio sta scrivendo il suo disco nuovo e sta girando questo on the road movie che secondo me sara' veramente interessante. Quindi siamo molto busy individualmente. Pero' sicuramente on faremo passare altri 15 anni per scrivere qualcos'altro insieme. Promesso :)

 
Alle 10 marzo 2014 22:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Immagine di copertina con voi due, una valigia rossa, una bella macchina fotografica non digitale, una statua di un supereroe …è molto autobiografica. Dove siete? In partenza, come sempre?

 
Alle 10 marzo 2014 22:44 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Siamo sul terrazzo di casa di Fabrizio e il concept della foto e’ di Fabrizio, quello e’ un autoscatto. Il mio fratello Cammarata e’ un artista a 360 gradi. La statuetta dietro e' di un artista palermitano che si chiama Igor Scalisi. Comunque si, sempre in movimento, sempre pronti per partire

 
Alle 10 marzo 2014 22:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Fantastico, si vede che è un autoscatto ... e fantastica la stautetta di Scalisi, tra un super-eroe, un santo e una maschera da storia dell'arte...

 
Alle 10 marzo 2014 22:50 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

esattamente come Scalisi stesso :)

 
Alle 10 marzo 2014 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove avete presentato/presenterete l’album?

 
Alle 10 marzo 2014 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

... ah, ah, ah,andrò a cercarmi questo Scalisi e approfondirò. Grazie per averlo presentato.

 
Alle 10 marzo 2014 22:52 , Blogger Elle ha detto...

Io sono una sostenitrice dell'autoscatto, bravi!

 
Alle 10 marzo 2014 22:55 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Abbiamo fatto un festival la scorsa estate per presentare il progetto. Fuori Luogo Festival a San Damiano D’Asti. Poi a Novembre siamo stati a Milano, Arezzo e Roma in trio. E invece il mese scorso a ridosso dell'uscita dell'album, il mese scorso abbiamo fatto un tour tra Sicilia e Calabria. E’ stato fantastico anche perche’ io non suonavo in Sicilia da circa 15 anni! E siccome non potevamo far venire i ragazzi inglesi abbiamo messo su una band super palermitana. Ferdinando Piccoli alla batteria (Wines), Carmelo Drago al basso (Le Formiche) e Manfredi Bruno alle tastiere.

 
Alle 10 marzo 2014 22:56 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

ah ed il super ingegnere del suono Francesco Vitaliti che ci ha aiutato a lavorare all'album costantemente :) anche lui super palermitano

 
Alle 10 marzo 2014 22:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Grande, spero un giorno di sentirvi live ...magari a Manchester, o a Palermo... o a Berlino ;)

 
Alle 10 marzo 2014 22:58 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Germania non e' da escludere

 
Alle 10 marzo 2014 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Alla prima del film che sta girando Fabrizio ... di questo ne sai qualcosa?... c'è stata qualche analogia con il disco? Qualche incrocio?...

 
Alle 10 marzo 2014 23:01 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

So che Luca Lucchesi (Regista) e Fabrizio lavorano molto bene insieme. Ma fate prima a chiedere a Fabrizio, lui vi sapra' dare informazioni piu' corrette chiaramente

 
Alle 10 marzo 2014 23:02 , Blogger Alligatore ha detto...

....ok, e allora vado con l'ultima :)

 
Alle 10 marzo 2014 23:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non ti ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 10 marzo 2014 23:02 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

vai

 
Alle 10 marzo 2014 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

La ripeto allora, perché vedo si è persa: una domanda che non ti ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 10 marzo 2014 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

... è la classica domanda a piacere.

 
Alle 10 marzo 2014 23:07 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

Volevo segnalarvi l'uscita imminente del nuovo disco del Trio Valore, una band inglese che esce con Record Kick di Milano, la stessa casa discografica dei Calibro 35. Ho registrato le chitarre per loro. E' roba super funk, vi piacerebbe :)
Volevo anche salutare Fabrizio che domani si sposta dal Mexico per andare ad Austin Texas per il SXSW ed augurargli una grandissimo in bocca al lupo.
Infine volevo ringraziarti per questa blog intervista, grazie anche ad Elle. Ciao a tutti e grazie ancora. :)

 
Alle 10 marzo 2014 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te Paolo, dei consigli e di aver passato la serata qua in palude, con noi ... e un saluto a Fabrizio, in viaggio verso Austin.

 
Alle 10 marzo 2014 23:09 , Blogger Elle ha detto...

Grazie a te Paolo, e a Fabrizio, per la musica e le parole ;)
Buonanotte!

 
Alle 10 marzo 2014 23:10 , Blogger Paolo Fuschi ha detto...

ah e gli Omosumo, la band del Fratello di Fabrizio, Roberto Cammarata, Angelo Sicurella e DiMartino anche loro a SXSW. Anche loro spaccano e anche loro di Palermo :)

 
Alle 10 marzo 2014 23:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao e grazie Elle...

 
Alle 10 marzo 2014 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a Paolo Fuschi & Fabrizio Cammarata ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page