martedì 22 dicembre 2009

LIBRI: Si parla troppo di silenzio di Aldo Nove

Quello che sapeva sicuramente era che tutti si sarebbero ricordati di suo marito e dei suoi quadri, e che nei quadri di Edward Hopper c’erano anche i suoi pensieri, i suoi occhi, il suo corpo nudo. C’era qualcosa di paradossale per una donna che come lei era stata una delle seguaci del pionierismo del pensiero femminista americano.
Da Si parla troppo di silenzio – Un incontro immaginario tra Edward Hopper e Raymond Carver (Skira), di Aldo Nove, incontro fantastico tra Edward Hopper e Raymond Carver, mai avvenuto, ma con un sacco di geniali intuizioni e con un bel ritratto della moglie di Hopper, Josephine Nivison, femminista della prima ora (a quanto pare molto più di una semplice musa).
Da Leggere: Si parla troppo di silenzio

Etichette: , , , , , , , , , ,

10 Commenti:

Alle 23 dicembre 2009 15:58 , Anonymous marco ha detto...

Grazie per la segnalazione. Avevo anch'io un post su Carver da sparare, ma mi sembrava un po' fuori moda (non sapevo di quetso nuovo libro di Nove). Adesso mi rendo conto che invece è trendy...

 
Alle 23 dicembre 2009 17:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Sai, Carver ritorna sempre, anche se abbiamo letto tutto di lui c'è sempre qualcosa da ri-vedere o qualcuno che lo riprende. Carver è un fuoco che brucia ancora.

 
Alle 23 dicembre 2009 18:59 , Blogger ReAnto ha detto...

Che connubio da urlo!
Auguri Al!

 
Alle 23 dicembre 2009 20:39 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

La Cattedrale di Carver é davvero eccezionale.

Auguri di Buon Natale Alligatore :-)))

 
Alle 23 dicembre 2009 20:39 , Blogger Alberto ha detto...

Lo guarderò senz'altro. Anche perché ho visto Hopper.

Ne approfitto per augurarti felici festività.

 
Alle 23 dicembre 2009 20:50 , Blogger Alligatore ha detto...

@ReAnto
Già, veramente una bella trovata quella di Nove.
Auguri anche a te e bentornato sole che ride, sempre più di attualità in questa nostra Italia che torna al nucleare nel silenzio dei più.
@Daniele Verzetti il Rockpoeta®
Sicuramente quel racconto è uno dei vertici del Novecento. Buone rockfeste poetiche pure a te...
@Alberto
Ben trovato Alberto. Hai fatto bene a ricordare la mostra di Milano (che da febbraio sarà a Roma), ora vengo a leggere con calma sul tuo blog. Grazie e auguri pure a te.

 
Alle 24 dicembre 2009 00:35 , Blogger Lucien ha detto...

Sempre interessanti le tue segnalazioni.
Ho finito Sirene: bello e terrificante!

Felici feste !

 
Alle 24 dicembre 2009 02:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Lucien. Direi che hai usato due termini perfetti per quel libro di Laura Pugno: bello e terrificante. Anche se l'ho letto qualche hanno fa, quando penso a "Sirene" mi saltano alla mente forti immagini, come se avessi visto un film. Non per nulla l'ho messo tra i miei libri preferiti del profilo del mio blog.

 
Alle 24 dicembre 2009 10:47 , Blogger AmosGitai ha detto...

Splendido Hopper... in attesa che arrivi a Roma!

Nel frattempo... tanti auguri!

CINEMAeVIAGGI

 
Alle 24 dicembre 2009 12:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Amos, buon cinema e buoni viaggi pure a te...e buon Hopper.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page