venerdì 27 novembre 2009

CINEMA: L’uomo che fissa le capre di Grant Heslov

È bello quando vai al cine, sai poco o nulla del film che vedrai, ti ricordi a malapena il titolo (L’uomo che amava le capre? No! L’uomo che uccise Liberty Capra? Nah!, l’uomo che ballava con le capre? …!? L’uomo che sognava pecore elettriche. No pecore, capre… sì, sì, l’uomo che fissava le capre, fuochino…), non ti aspetti un granché, e invece t’imbatti nel film dell’anno, anzi in un cult-movie epocale: L’uomo che fissa le capre.

Il cast prima di tutto. Anzi, Jeff Bridges prima di tutto. Ancora una volta pesca un personaggio memorabile (sembra appena uscito da Il grande Lebovski): scoppi a ridere solo a vederlo, pensi alla sua faccia e ti rendi conto dell’esistenza della magia nella vita, pensi che tutto si può risolvere alla fine. È lui Bill Django, l’ex marine ferito in Vietnam, l’inventore a fine anni settanta dei soldati psichici, del Primo Battaglione Terra, dell’uso della forza mentale per porre fine a tutte le guerre. Capelli lunghi, ampio uso di sostanze psicoattive, rock’n’roll. Peccato che i suoi superiori poi utilizzino le sue “rivelazioni” per sofisticate torture e il suo sogno si trasformi in un incubo (vedi Abu Ghraib, Guantanamo…).

Un altro grande attore è Ewan McGregor, qui serio reporter con il cuore spezzato alla ricerca dello scoop della sua vita. Lo trova in Iraq, inseguendo l’ultimo vero soldato psichico in missione segreta (manco lui sembra conoscerla), tale Lyn Cassidy. Rischia l’osso del collo, si perde nel deserto più volte, viene rapito da criminali comuni, legge allucinato il diario incredibile di quel battaglione di cappelloni e dei loro esperimenti con le capre …
Lyn Cassidy è George Clooney, l’ultimo Jedi pacifista, l’erede del fondatore del gruppo con la missione segreta (la consoce?) da compiere. Ovviamente libertaria, ovviamente da colpo di scena finale, ovviamente antisistema come nei veri cult-movie del passato, Animal House in testa. Non rivelo nulla se vi dico della scena d’antologia, quella della liberazione delle capre e di tutti i prigionieri in tuta arancione grazie all’avvelenamento con LSD delle uova e dell’acqua della base Usa in Iraq …memorabile (e poi volare nel cielo con Bill Django, l’amico ritrovato). È così che si fotte il cattivo del film, il traditore degli Jedi, colui che ha usato le tecniche psichiche per arricchirsi e annientare l’umanità. Ovviamente ad interpretarlo hanno chiamato Kevin Spacey, impeccabile come sempre (ormai specializzato in personaggi antipatici, cattivi, negativi, stronzi).
Stupefacente, anarchia pura, situazionismo, pellicola incendiabile. A dirigerlo l’amico e sodale di George Clooney, l’attore (non nel film), produttore, sceneggiatore (ad esempio Good Night, and Good Luck) Grant Heslov, qui all’esordio nel lungometraggio. Con rigore e un equilibrio incredibili, riesce a mantenere in piedi un film surreale, d’ambiente militare alla Mash. Grande fan di Woody Allen (il suo primo corto s’intitolava Waiting for Woody, ed era interpretato da lui, con Clooney, Jennifer Aniston e la voce di Woody), proveniente dalla banda dei fratelli Coen, è partito con il piede giusto. Spero solo che non se ne accorga nessuno e possa continuare a fare film.
Tratto da una storia vera, (si dice), ha origine nel libro Capre di guerra, di Jon Ronson, edito in Italia inizialmente da Arcana (vedi sopra la copertina), ora in libreria con Einaudi Stile Libero sotto il titolo L'uomo che fissa le capre, per sfruttare l'onda del film.
Surreale anche la leggenda di come l’esercito Usa decise di dare vita al Primo Battaglione Terra e agli studi di psicologia di guerra: qualcuno aveva fatto sapere ai sovietici che gli Usa stavano creando dei soldati psichici, ma non era vero. Allora Mosca decise di creare un progetto simile. Gli americani, per non essere secondi, decisero a loro volta di creare veramente questo battaglione. Sembra un paradosso alla Comma 22…del resto quello è l’ambiente.

Etichette: , , , , , , , , , , ,

13 Commenti:

Alle 27 novembre 2009 08:28 , Blogger Cappellaio ha detto...

io in realtà ero partito molto entusiasta prima di andare al cinema, proprio in virtù delle belle recensioni lette. e l'ho in effetti molto apprezzato. cosa che però in molto italiani non hanno fatto. il cinema di qualità purtroppo stenta sempre a cogliere successi. fantastico comunque!

 
Alle 27 novembre 2009 09:53 , Anonymous and ha detto...

non vedo l'ora di vederlo pure io.
e bisogna anche dire una cosa, si fa un gran parlare in italia di Clooney solo per questioni di gossip, eppure ne ha fatti di film belli...non tutti. anche i suoi come regista non erano male.

 
Alle 27 novembre 2009 10:33 , Blogger felix lalù ha detto...

cazzi, m'hai convinto!

 
Alle 27 novembre 2009 10:39 , Blogger Ross ha detto...

Ally, la pellicola di cui parli probabilmente è un plagio. L'unico vero, convincente, inconfondibile uomo che fissa le capre è questo. ;p

 
Alle 27 novembre 2009 11:47 , Blogger Lucien ha detto...

Già solo Jeff Bridges vale il prezzo del biglietto!
Ho letto proprio oggi che sta girando un nuovo film con i fratelli Coen: accoppiata fantastica

 
Alle 27 novembre 2009 16:51 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Proveniente dai Coen? Veramente?

 
Alle 27 novembre 2009 18:22 , Blogger Alligatore ha detto...

@Cappellaio
Non ho letto molte recensioni (forse un paio prima di vederlo), tutte però buone, ma non esaltanti come meriterebbe. Avevo visto il trailer e mi pareva una cazzata...poi invece ho dovuto ricredermi, fin dall'inzio: un cult-movie. Non conosco le reazioni del pubblico. Dici che sono negative? Non mi sorprenderei, visto il generale abbassamento del livello culturale in Italia...
@And
Clooney è un uomo di cinema totale con una precisa idea del cinema e del mondo in testa. Difficilmente un suo film mi delude. Purtroppo viviamo in un paese di gossippari.
@Felix Lalù
Lo vedrei bene pure al Bruno, magari in una rassegna dedicata a Clooney.
@Ross
Certo, tutti i veri cult-movie sono dei plagi. Tra poco vado a vedere l'unico uomo che fissa le capre (ma tu fai pure i link nei post, come cavolo fai?)
@Lucien
Sì, anche lui è un grande...Bridges, Clooney, i Coen, Heslov...una gran bella banda. Aspetto il film che farà con i fratelloni, che, tra l'altro, usciranno a dicembre con un nuovo film strano e interessante a vedere la pubblicità.
@LaMentePersa
Sì, cara Gio', è uno della banda Coen, uno del gruppo di radical-cinematografari più iconoclasta d'america.

 
Alle 27 novembre 2009 18:34 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ross
Bell'uomo, bell'uomo...con quello sguardo sembra "L'uomo che fissa i bovini". Potrebbe tentare di attraversare i muri come nel film di Heslov (uno ci riesce pure).

 
Alle 28 novembre 2009 12:02 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Allora lo vado a vedere :)

 
Alle 29 novembre 2009 14:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Vai Gio', poi mi dirai se ho visto giusto.

 
Alle 29 novembre 2009 23:22 , Blogger LENINGRAD COWBOYS ha detto...

Ero un po' scettico e ancora non sono andato a vederlo. Ma il tuo post mi ha sospinto.
Ti consiglio sei ancora non hai avuto modo di vederli
Garage di di Lenny Abrahamson (lo trovi già in dvd) ha vinto il Torino film festival.

Una soluzione razionale di di Jörgen Bergmark (anch'esso già in dvd)

 
Alle 30 novembre 2009 12:33 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Io ero dubbioso enon l' ho visto. Cercherò di recuperarlo.

 
Alle 1 dicembre 2009 01:01 , Blogger Alligatore ha detto...

@LENINGRAD COWBOYS
Grazie dei consigli, anche se ultimamente vedo film solo al cine e ignoro completamente l'elettrodomestico chiamato tv, ci farò un pensierino. Quanto a "L'uomo che fissa le capre" ero scettico pure io, anzi, non avrei dato un centesimo a vedere lo spot...invece mi sono dovuto ricredere. Il Cappellaio è con me, sono curioso di avere altri pareri, magari anche di chi non l'ha apprezzato (anche se dubito frequenti il mio blog).
@Daniele Verzetti il Rockpoeta®
Ecco un altro dubbioso... vai, vedi e dicci...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page