martedì 23 settembre 2008

Intervista agli Stone Martens


Alcuni di voi pensavano che dalla Val di Non venissero solo (solo?) le mele. In verità vengono anche buoni dischi, come l’esordio Samizdat degli Stone Martens, gruppo trentino tra poco in diretta online. Vedete quante cose si scoprono collegandosi ogni tanto con il blog dell’Alligatore? (Perdonate l’immodestia, ma oggi festeggio pure il post numero 100…)
Ritornando a bomba, vi confesso che Samizdat ha riempito le mie orecchie spesso e volentieri nell’ultimo periodo. Mi piace sentirlo anche come sottofondo quando leggo. Oltre ad un richiamo esplicito a certi Radiohead, senza per questo sembrarne una volgare copia (anzi, di volgare non hanno proprio nulla), gli Stone a tratti mi ricordano un gruppo come i Thin White Rope, band seminale anni ‘80/’90 tra le mie preferite. Troppo in là nel tempo e nello spazio?
Allora, per rimanere vicini, dico che la loro musica vi porta in paesaggi innevati e senza tempo, come quella dello splendido cartonato che racchiude il loro cd. Canzoni dai titoli inequivocabili come Acid Rain, Morpheus, Devotional dicono chiaramente da dove vengono e a chi possono piacere. A me divertono un sacco, tanto, tanto che ho voluto sentirli in diretta sul Blog.
Stone, ci siete?

Etichette: , , , , , , ,

107 Commenti:

Alle 23 settembre 2008 21:36 , Anonymous max ha detto...

eccomi, Ivano e Tiz stanno arrivando.

 
Alle 23 settembre 2008 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuto Max, pensavo mi aveste fatto il pacco...

 
Alle 23 settembre 2008 21:38 , Anonymous max ha detto...

nono...innanzitutto grazie per la bella presentazione...ti dobbiamo una cassa di mele!:-)

 
Alle 23 settembre 2008 21:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

presente

 
Alle 23 settembre 2008 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Chi è questo?

 
Alle 23 settembre 2008 21:40 , Anonymous ivano ha detto...

l'anonimo sono io

 
Alle 23 settembre 2008 21:41 , Anonymous max ha detto...

bella domanda...

 
Alle 23 settembre 2008 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Manca solo Tiz

 
Alle 23 settembre 2008 21:42 , Anonymous max ha detto...

credo tiz ci raggiungerà...se ti va intanto possiamo comiciare senza la sezione ritmica.:-)

 
Alle 23 settembre 2008 21:42 , Anonymous ivano ha detto...

maledetta tecnologia avveniristica!!! rivoglio il mio piccione viaggiatore :)

 
Alle 23 settembre 2008 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Ferma il piccione, che comincio, se vi va ...
Chi sono gli Stone Martens?

 
Alle 23 settembre 2008 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

C'è il temporale?

 
Alle 23 settembre 2008 21:49 , Anonymous max ha detto...

siamo 4 ragazzi della valle di non e dintorni che suonano più o meno assieme da circa 5 anni. Le formazioni sono cambiate nel tempo, ora la line up è costituita da Max alla chitarra, Ivano alla voce, Tiz alla batteria e Nicola al basso.

 
Alle 23 settembre 2008 21:50 , Blogger ivano ha detto...

dato che non son riuscito a inviare la risposta, lascio rispondere a max. nel frattempo mi sono registrato, nel frattempo inoltre avrete capito chi e'l'impedito del gruppo

 
Alle 23 settembre 2008 21:50 , Anonymous max ha detto...

scusa...Ivano ha qualche problema di comunicazione per via della bassa pressione che sta colpendo l'Olanda.:-)

 
Alle 23 settembre 2008 21:51 , Blogger ivano ha detto...

nicola sostituisce da un paio di settimane gianni, il bassista col quale abbiamo registrato samizdat

 
Alle 23 settembre 2008 21:52 , Blogger Alligatore ha detto...

L'Olanda? E cosa ci fa in Olanda? Oltre alle mele, dall'Olanda potresti mica portarmi ...
Sostituzione definitiva?

 
Alle 23 settembre 2008 21:54 , Blogger stonmax ha detto...

mi sò registrato pure io...con il nome in codice.:-)

 
Alle 23 settembre 2008 21:54 , Blogger ivano ha detto...

dalle mele...alle pere? ahahah
mi godo qualche giorno di vacanza, lontano dalle mele. pero' credo che sull,aereo non mi lasceranno portare tante cose...:(

 
Alle 23 settembre 2008 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Le tue canzoni te le lasceranno portare. A prop. come nasce una vostra canzone? Prima la musica o prima le parole?

 
Alle 23 settembre 2008 21:58 , Blogger stonmax ha detto...

dunque, in prima battuta nascono le parti musicali che si sviluppano principalmente partendo da qualche riff di chitarra...

 
Alle 23 settembre 2008 22:00 , Blogger ivano ha detto...

stai insinuando che le nostre canzoni sono una pera? :-)
sull'aspetto compositivo, limitandomi ai testi, di cui sono il famigerato responsabile, ti posso dire che nascono talvolta completamente slegati dalla musica. poi, se arriva qualche melodia che si presta mi limito ad adattarli metricamente. in altri casi il testo si sviluppa ex novo, comunque non e'mai successo di costruire la musica attorno al testo, per ora

 
Alle 23 settembre 2008 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

No, dico che siete una droga, vi ascolto spesso. Come sono nate quelle del vostro recente cd?

 
Alle 23 settembre 2008 22:06 , Blogger stonmax ha detto...

guarda, le canzoni hanno avuto una lunga gestazione: dopo aver lavorato a lungo in sala sulla fase compositiva abbiamo speso molto tempo per curare gli arrangiamenti. In fase di registrazione abbiamo apportato numerose modifiche a quelle che erano le caratteristiche base dei brani, cercando di curare il più possibile le sfumature sonore dei vari strumenti e della voce.

 
Alle 23 settembre 2008 22:07 , Blogger ivano ha detto...

tra parentesi, ancora non ti avevo salutato, quindi "ciao" e scusa

 
Alle 23 settembre 2008 22:08 , Blogger stonmax ha detto...

cavolo, quante ripetizioni nel mio messaggio...:-)

 
Alle 23 settembre 2008 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Ivano.
@max
è il bello della diretta

 
Alle 23 settembre 2008 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Continuando.
“Samizdat” è il vostro primo cd ufficiale. Ci raccontate la sua genesi produttiva?

 
Alle 23 settembre 2008 22:13 , Blogger stonmax ha detto...

dopo la fase compositiva sopra esposta ci siamo concentrati su quella produttiva. Il disco è stato registrato allo studio atracoustic di Pordenone tranne le chitarre che sono state registrate nella mia mansarda :-). I ragazzi dello studio sono stati fantastici e ci hanno permesso di lavorare davvero bene. Il lavoro grafico è stato completamente realizzato da Tiziano, il nostro batterista. Vista l'assenza di una qualche etichetta alle spalle si tratta di un lavoro praticamente autoprodotto...purtroppo...

 
Alle 23 settembre 2008 22:14 , Blogger ivano ha detto...

io la prendo un po'alla larga, dicendo due parole sul significato del titolo: samizdat e' il termine russo per un'avanguardia di protesta sviluppatasi negli anni cinquanta per sfuggire alla censura di regime. si sviluppo'cosí una sottocultura clandestina, una sorta di DIY ante litteram. Ci piaceva il suono della parola, oltre al fatto che indicava benissimo una certa situazione di marginalitá costretta che ben si adatta a noi e alla genesi di quest'album

 
Alle 23 settembre 2008 22:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Molto bello quello che dite. Autoproduzione? Vedo che a produrre il cd c’è l’Associazione Culturale “The Biomass Strategy in Murderous Cows”? Chi sono? Cosa fanno? Una strategia da giovani musicanti?

 
Alle 23 settembre 2008 22:23 , Blogger ivano ha detto...

la mia gioventú finirá a dicembre :(
the biomass... é il nome dellássociazione che abbiamo creato, col contributo di altre persone, nel 2005. e' una sorta di lungo braccio della legge che permette al gruppo di svolgere la propria attivitá in maniera legale e riconosciuta. oltre a ció, l'associazione organizza in val di non alcuni eventi musicali, cercando di coinvolgere musicisti indipendenti di altre regioni italiche. una di queste é il festival 916, ideato e curato da tiziano con michele bellio. il 1 novembre invece festeggeremo le mucche di halloween in una malga a mezza montagna, con il contributo dei vanessa van basten, cosí, per fare un pó di pubblicitá

 
Alle 23 settembre 2008 22:25 , Blogger ivano ha detto...

finisco la pubblicitá: oltre ai vanessa van basten suoneranno di sicuro i nurse e noi. tutto gratis da non credere :)
e la festa finisce solo quando nessuno ha piú voglia di darci dentro

 
Alle 23 settembre 2008 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Adesso capisco perchè sei in Olnada. Per convincere Vanessa a venire in Val di Non...
No, lo so, sono un gruppo di Genova, l'ho appena letto sul loro myspace. Ecco internet, così veloce, ti dice tutto in un secondo. Voi che rapporto avete da utenti con il web?

 
Alle 23 settembre 2008 22:31 , Blogger stonmax ha detto...

io sono internet addicted, connesso il più possibile..:-)
per quanto riguarda internet e stonemartens cerchiamo di utilizzare il più possibile il web per farci della pubblicità, per promuovere la nostra musica, per farci conoscere, insomma.

 
Alle 23 settembre 2008 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Insomma, Internet, Myspace una vetrinetta? Specchio dei nostri tempi?

 
Alle 23 settembre 2008 22:35 , Blogger ivano ha detto...

visto il posto periferico in cui siamo costretti, direi che internet é assolutamente utile. a noi é servito molto anche nella fase di mix del cd, dato che pordenone non é dietro l'angolo...
anche per la conoscenza diretta con altre realtá musicali direi che é una manna dal cielo (manna: traduzione biblica: che cazzo é?). alla fine peró la conoscenza diretta, specie se si vuole riuscire a suonare in realtá diverse, rimane insostituibile

 
Alle 23 settembre 2008 22:38 , Blogger ivano ha detto...

secondo me myspace assume il giusto valore quando viene considerato come una risorsa in piú, non se pretendiamo sia la soluzione a tutto. quindi puó essere specchietto se la nostra conoscenza della realtá si limita all'esterioritá...

 
Alle 23 settembre 2008 22:39 , Blogger stonmax ha detto...

si, sicuramente specchio dei nostri tempi; emblematico in questo senso è quello che ha appena scritto ivano, cioè la sostituzione di contatti reali con contatti virtuali che spesso restano cmq di distante ed inefficace....indubbie sono cmq le potenzialità che può offrire la rete.

 
Alle 23 settembre 2008 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

E poi aiuta ad uscire da ambiti ristretti. Voi venite dalla provincia di Trento, dalla Val di Non, quindi beatamente lontani dai grandi centri. Questo è un bene per dei giovani musicanti o un male?

 
Alle 23 settembre 2008 22:43 , Blogger stonmax ha detto...

assolutamente un male, poichè implica un confronto più difficoltoso con realtà musicali altre. La mancanza di spazi, la mancanza di una vera e propria scena musicale riconducibile ad una qualche etichetta indipendenete (fatta salva qualche meritevole eccezione) o dinamiche di questo tipo rendono il lavoro molto difficile...

 
Alle 23 settembre 2008 22:45 , Blogger ivano ha detto...

se mancanza di strutture, di una scena, di pubblico (purtroppo é la legge dei numeri e il trentino non arriva che a cinquecentomila anime) possone essere considerate un bene...
l'unica luce che vedo é che, non essendo legati a scene propriamente dette, le band possono sviluppare un'attitudine forse piú personale e slegata da certi cliché. sempre che ci sia dietro comunque una conoscenza di base di cosa succede fuori dal cancello di casa.
poi rimane il fatto che spesso le band non hanno modo di portare a conoscenza la propria attitudine, mancando una rete di contatti che vada oltre i confini della regione

 
Alle 23 settembre 2008 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Avete contatti con altri artisti della vostra città o regione? Di altre?

 
Alle 23 settembre 2008 22:47 , Blogger ivano ha detto...

"il fascismo non fu il male assoluto" (cit. Alemanno, sindaco de córe, filosofo de panza!!!)

 
Alle 23 settembre 2008 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Be' questo si sapeva prima delle elezioni.

 
Alle 23 settembre 2008 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

E poi, per rimanere in tema de panza, dentro il suo partito c'è una guerra intestina. Ma ritorniamo alla musica. Mi pare di capire che ci sono pochi spazi adatti nella vostra città per suonare? Il tanto cantato Nord-est dei schei, investe in musica?

 
Alle 23 settembre 2008 22:52 , Blogger stonmax ha detto...

nel corso degli anni siamo riuciti ad allacciare qualche contatto con gruppi esterni alla nostra realtà, oltre a quelli locali ovviamente. Importante in questo senso sono state le manifestazioni organizzate dalla "nostra associazione culturale che ci hanno permesso di "portare in casa" realtà altrimenti difficilmente raggiungibili....

 
Alle 23 settembre 2008 22:53 , Blogger ivano ha detto...

a livello regionale ci sono svariate conoscenze; non abbiamo scambi particolarmente profondi, ma per lo meno cé un rispetto reciproco. fuori regione abbiamo avuto un po'di contatti, con band dell'area veneta e genovese in primis. band che abbiamo portato a suonare in zona e dalle quali ci aspettiamo un invito in cambio a breve, pena la castrazione :)
scherzi a parte, proprio qualche giorno fa abbiamo condiviso il palco con three in one gentleman suit, di modena, che si sono rivelati molto disponibili umanamente e anche musicalmente, nei nostri confronti

 
Alle 23 settembre 2008 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

I tiogs sono una mia vecchia conoscenza. Bravi.

 
Alle 23 settembre 2008 22:57 , Blogger ivano ha detto...

lavorando anche tramite l'associazione di cui sopra, sarei ingeneroso a dire che il trentino non investe anche in musica. se investisse di piú sarebbe comunque meglio!! oltre a ció manca una politica chiara di investimento. i soldi sono dati un po'a casaccio, senza che dietro ci sia stato un progetto con finalitá ben precise ad unire le manifestazioni o le proposte finanziate. credo che fuori provincia le cose, in ambito di investimento, possano essere peggio, ma é solo la mia opinione

 
Alle 23 settembre 2008 22:57 , Blogger stonmax ha detto...

beh, credo si investa poco e questa sia una delle cause della carenza di spazi adeguati e di luoghi di "promozione musicale".

 
Alle 23 settembre 2008 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Con i tiogs avete suonato al Bruno... quello è un spazio...

 
Alle 23 settembre 2008 23:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Spazi permettendo, vi sentite più una band da studio o da live?

 
Alle 23 settembre 2008 23:03 , Blogger ivano ha detto...

giá, in effetti non ci si puó lamentare del cso bruno, vista la maniera in cui i ragazzi si stanno dando da fare. oltre al bruno c'é il lochness pub a riva del garda, dove suoneremo il 3 ottobre coi loud nine, di milano. ma rimangono purtroppo due splendide eccezioni in un panorama che fatica ad andare oltre al pub con cover band o al tendone con birra e cover band stracommerciale (la birra va anche bene!!!)

 
Alle 23 settembre 2008 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Preferisco il vino. Teroldego o Schiava...

 
Alle 23 settembre 2008 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Vino vs birra, forse solo una questione generazionale ...
Come vincitori del contest regionale Trentino Alto Adige ITALIA WAVE LOVE FESTIVAL, siete saliti sul palco in quel di Livorno lo scorso luglio. Ci raccontate di questa esperienza? Come avete vinto e come è stato suonare a Livorno?

 
Alle 23 settembre 2008 23:07 , Blogger stonmax ha detto...

beh, sicuramente abbiamo molta più esperienza live che studio. Detto questo credo che entrambi i versanti siano ugualmente stimolanti e che permettano un approccio completo ai brani solo considerati come unicum; in breve, i live ci permettono di dare sfumature differenti al nostro lavoro e viceversa lo studio.

 
Alle 23 settembre 2008 23:07 , Blogger ivano ha detto...

l'esperienza avuta con la lavorazione di samizdat mi fa dire che sarebbe stupendo poter dedicare giornate intere a lavorare in studio, é apprendimento e invenzione continua. sul palco peró esce di piú l'anima piú cruda e sincera della musica, che é un qualcosa di insostituibile. quindi palco. meglio, un palco nello studio. se si puó :)

 
Alle 23 settembre 2008 23:11 , Blogger stonmax ha detto...

Abbiamo vinto le selezioni regionli di IW dopo aver sfiorato altre due volte questo traguardo. Suonare a Livorno è stata un'esperienza bellissima e formativa, una giornata indimenticabile; sapevamo perfettamente non fosse "una cosa che ti cambia la vita" ma abbiamo cercato di assaporare la situazione fino in fondo.

 
Alle 23 settembre 2008 23:13 , Blogger ivano ha detto...

la cosa piú bella di livorno é il sentirsi arrivati: appena entrati in possesso dell'all area pass eravamo serviti e riveriti. interviste, free drink, contatti con i 'big'. poi riconsegni il pass e ritorni nel tuo nulla, ma é bello cosí. poi ci sono i contatti maturati nei giorni a livorno. se son fiori fioriranno, se son cachi...

 
Alle 23 settembre 2008 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

E da spettatori come vi è sembrato ITALIA WAVE LOVE FESTIVAL? Buoni gli ospiti? E gli altri gruppi giovani?

 
Alle 23 settembre 2008 23:18 , Blogger stonmax ha detto...

Tra i gruppi emergenti che siamo riusciti a vedere c'erano cose interessanti e cose meno (giudizio personale ovviamente) ma la qualità in generale era davvero notevole. Per quanto riguarda i big c'erano davvero nomi di tutto rispetto, da Bugo a Elio e le storie tese passando per gli Offlaga disco Pax, solo per citarne alcuni.

 
Alle 23 settembre 2008 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Grandi gli Offlaga, sono tra i miei preferiti...

 
Alle 23 settembre 2008 23:20 , Blogger ivano ha detto...

io volevo ascoltare le sarah schuster, simpaticissime, ma probleemi lavorativi ce l'hanno impedito. peró le abbiamo conosciute di persona ed é stato piacevole. poi non abbiamo potuto seguire granché del festival: sai, le interviste a noi rockstar ci portavano lontani dall situazione...:)
ottimo bugo, tra i pochi sentiti. i vanilla sky giravano attorno al palco, nel parterre, chissá perché, e non sono riuscito a far lo sgambetto al bassita, peccato. per gioco eh, mica che sia cosí cattivello.
mostruosi elio elst in chiusura. a me non dicono molto, ma sul palco sono impeccabili e, per citarli, eleganti!!!

 
Alle 23 settembre 2008 23:22 , Blogger ivano ha detto...

rileggo ora che bevi teroldego o schiava. non é che potremmo fare un baratto con qualche bottiglia di amarone? la mia mail ce l'hai...

 
Alle 23 settembre 2008 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma tu non bevevi solo birra?

 
Alle 23 settembre 2008 23:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Tornando a ITALIA WAVE LOVE FESTIVAL le da voi citate Sarah Schuster sono mie amiche, già intervistate sul mio blog, proprio prima di partire per Livorno. Anche di voi, mi hanno detto, serbano un buon ricordo. Quando un concerto insieme?

 
Alle 23 settembre 2008 23:27 , Blogger stonmax ha detto...

beve birra a giorni alterni...:-)

 
Alle 23 settembre 2008 23:27 , Blogger ivano ha detto...

mai detto niente del genere. sto giusto bevendo un uvaggio di tannat, pinenc e cabernet della guascogna (sboronaggine da parvenue!)

 
Alle 23 settembre 2008 23:28 , Blogger stonmax ha detto...

sarebbe davvero bello, speriamo di riuscire ad organizzare qualcosa assieme presto.

 
Alle 23 settembre 2008 23:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Un saluto alle Sarah Schuster, gruppo per 3/4 femmina ...

 
Alle 23 settembre 2008 23:31 , Blogger ivano ha detto...

ricordo di aver letto la loro intervista sul tuo blog, forse l'ho conosciuto tramite loro.
per il concerto assieme, aspettiamo l'invito :) scherzi a parte, speriamo che ci possa essere l'occasione di condividere un palco, nel loro veneto, nel nostro trentino, dove capiterá.
magari di nuovo al bruno...

 
Alle 23 settembre 2008 23:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari in Olanda ... A prop.,che clima c'è in Olanda?

 
Alle 23 settembre 2008 23:36 , Blogger ivano ha detto...

non mi lamento. fino a ieri sole e temperature miti. oggi pioggia e vento, non freddo, ma a quanto pare é la norma. era peggio a verona, quando partivo.

 
Alle 23 settembre 2008 23:38 , Blogger ivano ha detto...

per il live in olanda, mai dire mai...

 
Alle 23 settembre 2008 23:41 , Blogger Alligatore ha detto...

E bici, ci sono tante bici e piste ciclabili in Olanda? Ti sentirai a casa. Voi, in Trentino ne avete un sacco, almeno per la media italica. E pure bici-gril...

 
Alle 23 settembre 2008 23:42 , Blogger stonmax ha detto...

hanno tante cose belle in Olanda, i musei, l'architettura...:-)

 
Alle 23 settembre 2008 23:43 , Blogger stonmax ha detto...

beh, le piste ciclabili le fanno semplicemente tracciando una linea gialla sulla strada, una linea sacra, direi

 
Alle 23 settembre 2008 23:44 , Blogger Alligatore ha detto...

A prpoposito di sacro, tra i Radiohead e i Thin White Rope, tra i Sonic Youth e i Sigur Ros… questo a leggere alcune recensioni e a sentirvi suonare. Sono solo le solite masturbazioni mentali della critica oppure qualche contatto lo sentite? Altri più nascosti e imprevedibili?

 
Alle 23 settembre 2008 23:45 , Blogger ivano ha detto...

le bici la fanno da padrone!! anche in trentino ce n'é in bel pó. noi peró siamo tutto fuorché praticanti. io personalmente ho maturato una distanza irrimediabile con le due ruote, preferisco passeggiare. mi salva solo il ciclismo in tv e l'epica di paolo conte. e ai bicigrill non ci fanno suonare...

 
Alle 23 settembre 2008 23:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Insomma non vai in bici Ivano, ma allora perchè sei in Olanda. Per il pomodoro?

 
Alle 23 settembre 2008 23:51 , Blogger stonmax ha detto...

hai toccato un tasto dolente viste alcune ultime recensioni.:-)
Ora, sarebbe assurdo affermare che in quello che suoniamo non ci siano delle influenze palpabili di quello che ascoltiamo, non ci spacciamo assolutamente per "originali a tutti i costi" come spesso fanno a sproposito certe band. credo che radiohead, Sigur Ros e Sonic Youth rappresentino la punta di un Iceberg, formato da decine e decine di altri gruppi. Io peronalmente sono afezzionatissimo alla produzione musicale della Constellatio (Godspeed, A Silver mt Zion) e a molta elettronica. Per quanto riguarda il cantato non trovo delle affinità particolari tra Yorke ed Ivano, anche se mi rendo conto siano punti di vista leciti.
Credo il sound degli Stone Martens sia un mix dei gusti personali di ogni componente...il "più radiohead" sono io, se proprio..:-)
Per quanto riguarda i Thin White Rope devo dire che me li hai fatti conoscere tu e sono felice ti abbiamo ricordato qualcosa di "insolito", in relazione alle altre recensioni.

 
Alle 23 settembre 2008 23:52 , Blogger stonmax ha detto...

Constellatio = Constellation :-)

 
Alle 23 settembre 2008 23:54 , Blogger ivano ha detto...

premessa: mi piacciono i radiohead, come piacciono agli altri stone martens.
personalmente le mie influenze piú profonde son ben lontante dai radiohead, anche se evidentemente qualche reminescenza c'é, magari piu'a livello di mood che altro.
dai sigur ros abbiamo velatamente rubato un elemento ben preciso che fa parte di samizdat (ma é decisamente troppo astuto il suo nascondiglio, quindi non lo sveliamo).
io vedo qualche affinitá in piú, confermata, se non dalla bontá presunta del nostro prodotto, da qualche citazione, coi pink floyd.anche la "spinta" lirica che credo emerga sul qualche nostro brano, la ricondurrei al cantato di waters. e poi potrei fare mille altri nomi, pur rivendicando una personalitá indipendente, al netto dellíspirazione.
i thin white rope li conosco ora, grazie a te.

 
Alle 23 settembre 2008 23:57 , Blogger ivano ha detto...

i pink floyd hanno un rimando assolutamente percepibile in uno dei nostri brani. ci meravigliamo che nessuno ancora ci abbia fatto caso. era il nostro modo per omaggiarli...

 
Alle 23 settembre 2008 23:58 , Blogger Alligatore ha detto...

I Thin White Rope sono stati il mio gruppo di quando ero regazì, ho solo vinili di loro. Ascoltateli. Per finire, visto che non si è visto il batterista, fatevi una domanda, datevi una risposta e poi tutti a nanna …

 
Alle 24 settembre 2008 00:00 , Blogger ivano ha detto...

pomodori non ne ho visti. ma potrei svelarti che vado in olanda per certe verdure :-) e soprattutto per un "motivo" ben migliore, che sta riposando qui affianco!!
non ti annoio oltre :)

 
Alle 24 settembre 2008 00:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Un saluto a chi è tra le braccia di Orfeo...

 
Alle 24 settembre 2008 00:01 , Blogger stonmax ha detto...

la faranno franca i nosrri eroi o sarà Franca a farsi i nostri eroi?:-)

 
Alle 24 settembre 2008 00:01 , Blogger stonmax ha detto...

oppure
Son bravi gli Stone Martens?
Si, spaccano di brutto.:-)

 
Alle 24 settembre 2008 00:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Franca Rame?

 
Alle 24 settembre 2008 00:02 , Blogger stonmax ha detto...

grazie di tutto davvero, è bello che qualcuno si interessi in questo modo e dedichi spazio e tempo.

 
Alle 24 settembre 2008 00:03 , Blogger stonmax ha detto...

non c'erano riferimenti specifici..:-)

 
Alle 24 settembre 2008 00:04 , Blogger ivano ha detto...

"Quando il prima sarà adesso?
Presto!
...Quanto presto?"
una domanda di troppo, pardon!
buonanotte alligatore, grazie della piacevolissima conversazione e buona notte

 
Alle 24 settembre 2008 00:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Aspetta Ivano. Un adomanda solo per te: come si chiama?

 
Alle 24 settembre 2008 00:07 , Blogger ivano ha detto...

permettimi di correggerti: morfeo, non orfeo. solo perché ci abbiamo scritto una canzone :)
ah, dobbiamo sistemare lo scambio teroldego- amarone. se puó andare abbiamo pure un campionario numerato di acidissimo gropel della val di non...

 
Alle 24 settembre 2008 00:08 , Blogger stonmax ha detto...

ehm, parli di mia sorella Alligatore?:-)

 
Alle 24 settembre 2008 00:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Il bello della diretta ha colpito aancora con un bel lapis ...
Come si dice Alligatore in olandese?

 
Alle 24 settembre 2008 00:09 , Blogger ivano ha detto...

max sa bene come si chiama...antonia (ecco, ho fatto outing...) ahahahahah

 
Alle 24 settembre 2008 00:10 , Blogger stonmax ha detto...

è mia sorella...che ci vuoi fà, qui si fa tutto in casa. Cmq, non badare alle correzioni di Ivano, è un maestrino fastidioso ed insopportabile..:-) in simpatia Ivano, sai che ti voglio bene in fondo

 
Alle 24 settembre 2008 00:10 , Blogger ivano ha detto...

aligator, ma la pronuncia é molto piú "catarrosa"

 
Alle 24 settembre 2008 00:12 , Blogger stonmax ha detto...

allora buonanotte e grazie di tutto.
a presto

 
Alle 24 settembre 2008 00:12 , Blogger Alligatore ha detto...

E così abbiamo fatto 100, anzi più di 100. Ciao Antonia, Max, Ivano, Morfeo, Orfeo, tutto il circo, il pomodoro olandese e il Teroldego ... anche il batterista nudo che non è venuto ...
Grazie Stone!

 
Alle 24 settembre 2008 00:13 , Blogger stonmax ha detto...

ciao e grazie!

 
Alle 24 settembre 2008 00:14 , Blogger ivano ha detto...

grazie a te, ancora. e scusaci per il batterista: non é che se la tiri, ma in questo periodo é piuttosto oberato di lavoro.

 
Alle 24 settembre 2008 00:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Lo sappiamo, c'è il film "Il batterista nudo" sugli schermi in questi giorni. Grazie a voi e alla prossima.

 
Alle 24 settembre 2008 00:36 , Blogger ivano ha detto...

che orrore il nostro batterista nudo!!! almeno per me :-P

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page