giovedì 2 luglio 2020

In palude con Tommaso Mantelli


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE Acoustic Folk Rock
DOVE ASCOLTARLO su Bandcamp
LABEL Shyrec
PARTICOLARITA’ La ricerca della sincerità attraverso l’uso esclusivo di chitarra acustica e voce
CITTA’ Treviso
DATA DI USCITA 27/03/2020
L’INTERVISTA
Come è nato questo nuovo disco, 9 Useless Tunes?
Letteralmente da anni pensavo a questo disco come recipiente di tutte le canzoni che per qualche motivo non sono mai uscite nei dischi dei miei progetti. Canzoni che giacciono a decine nel mio hard disk. Mi sono accorto che questi pezzi venivano spesso esclusi dai dischi perché erano troppo personali, o troppo tranquilli, o troppo “pop”. Allora ho pensato di metterli tutti insieme dentro ad un disco.
Cosa vuol dire?
È un titolo ironico: 9 canzoni inutili. Il senso è che mi rendo conto di non aver fatto niente di innovativo (per l’innovazione e la sperimentazione ho altri progetti in cui sfogarmi, ad esempio AMA). Lo scopo non era quello. Lo scopo era di rendere in modo più sincero possibile 9 canzoni alle quali sono particolarmente legato. Si tratta solo di canzoni, niente di più niente di meno. Ma io credo molto nel potere delle canzoni.
Come è stata la genesi dell’album, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Quando dopo anni ho trovato finalmente lo stimolo e soprattutto il tempo per dedicarmi a questo disco, ho cominciato con la ricerca tra i miei files di tutti quei brani inediti che avevo continuato ad apprezzare nel tempo. Dopo la selezione rimaneva da capire che tipo di produzione fargli. Ho pensato che per restituire la massima intimità e complicità la formula giusta sarebbe stata quella del singolo strumento, cioè la chitarra acustica e una singola voce, senza sovraincisioni o arrangiamenti di alcun tipo.
Il progetto iniziale è stato poi contaminato dall’inserimento di canzoni più recenti, che in effetti sento più legate al mio modo di essere attuale.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione di 9 Useless Tunes?
Nel disco c’è un pezzo che ho composto quando ho saputo che sarei diventato papà: I Will Learn. Gliel’ho cantata molte volte durante la gravidanza, addirittura in sala parto… Ora Alice ha 3 anni, e mi ha già insegnato tanto. La sera dell’estate scorsa in cui ho deciso di registrarla al Lesder Studio, il mio studio che ho la fortuna di avere letteralmente in fianco a casa, lei è venuta da me con il suo Glockenspiel, uno xilofono giocattolo giallo. Si è seduta vicino a me (lasciando la porta aperta, da qui i grilli in sottofondo) e abbiamo registrato assieme. Sa molto bene che questa è la sua canzone. E così nel disco è finita la traccia con lei che suona, note a caso ovviamente, ma per me assolutamente perfette. Uno strano cerchio si è chiuso quel giorno.
Se  fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tolgo il fosse?

Eh no, caro Alligatore! Per una volta nessun concept! ;) Questa volta si tratta di una semplice raccolta di canzoni, alcune risalgono addirittura ai mitici anni 90 e alcune scritte qualche giorno prima di registrare il disco, nell’estate del 2019. Se proprio vuoi il concept lo puoi trovare nella scelta minimale della produzione o nella ricerca della forma canzone ottimale. Ma a livello di testi invece si spazia un bel po’: la ricerca di se stessi e del proprio posto nell'universo, i rapporti con le persone vicine, scenari apocalittici e riflessioni sulla morte, i vizi e le virtù dell'uomo e le speranze per un figlio in procinto di nascere.
C’è qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale vai più fiero dell’intero disco? … che ti piace di più fare live?
Just Around The Bend, il primo singolo è un pezzo di cui vado molto fiero. E adoro suonarlo live. Questo pezzo si avvicina molto al risultato ideale della mia ricerca della “canzone perfetta”.
Il disco è prodotto dall’ormai storica label veneta Shyrec. Come mai con loro?

Volevo una cosa gestibile anche a livello umano e non solo burocratico. Altrimenti avrei optato per l’autoproduzione. I ragazzi di Shyrec, come quelli di Three Blackbirds che mi segue come booking, mi sembravano adatti a poter maneggiare una cosa così preziosa per me. E si sono rivelati al di sopra delle mie aspettative. Sono davvero felice della mia scelta e di constatare che stiamo facendo un ottimo lavoro in totale armonia.
Come è nata questa bella copertina? Chi è l’autore?
È semplicemente il primo disegno che ha fatto mia figlia Alice dicendomi: “Questo sei tu papà!”. Appena l’ho visto… booom. Ecco la copertina del disco.
Come presenti dal vivo il disco?
La dimensione ideale per suonare questo disco è un house concert. Poche persone, concentrate per 40 minuti creano una atmosfera magica. Mi piace suonare questi pezzi senza l’ausilio di alcuna amplificazione. Solo la mia chitarra e la mia voce, senza microfoni, cavi o amplificatori. Questo è il modo più sincero di suonare il mio disco più sincero.
Altro da dichiarare ?
Non vedo l’ora di fare il secondo disco di Tommaso Mantelli.

Etichette: , , , , , , , , ,

10 Commenti:

Alle 2 luglio 2020 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran piacere ospitare in palude Tommao Mantelli, uno dei musicisti più presenti in palude, fin dagli inizi ...

 
Alle 2 luglio 2020 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai come Tommaso Mantelli, ma con tutti i progetti musicali che ha creato e/o preso parte, da Captain Mantell (ospite per la prima volta il 23 febbraio 2010 e poi altre volte) a Licantropy (ospiti qui il 14 aprile di quest'anno).

 
Alle 2 luglio 2020 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Oggi, come detto nell'intervista, ha fatto un disco a nome proprio, in solitaria, con tutte quelle canzoni scartate perché troppo intime, troppo da fare in solitaria ...9 Useless Tunes, nove canzoni inutili, titolo ironico.

 
Alle 2 luglio 2020 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Penso subito a I Will Learn, canzone composta quando aveva saputo che sarebbe diventato papà. Il Glockenspiel infatti, nel disco è stato suonato dalla piccola Alice, tre anni, figlia di Tommaso.

 
Alle 2 luglio 2020 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Un pezzo molto Eddie Vedder, lo devo ammettere, come molte altre canzoni del disco.

 
Alle 2 luglio 2020 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Tipo Now And Before, pezzo dai pieni e vuoti, con la chitarra acustica che si scatena più che in altri pezzi.

 
Alle 2 luglio 2020 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma anche Just Around The Bend, singolo messo in apertura del disco (godetevi il bel video che vi ho messo in coda all'intervista), cantato intimo e sofferto,pop-folk malinconico.

 
Alle 2 luglio 2020 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma anche Which Game, psichedelico, con la chitarra suonata ancora in modo più ardito e un cantato ispirato.

 
Alle 2 luglio 2020 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma tutto il disco, tutto 9 Useless Tunes è un disco che mi piace ascoltare e riascoltare ... e spero che sia il primo di una lunga serie a nome Tommaso Mantelli.

 
Alle 2 luglio 2020 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari sempre firmato con la Shyrec, storica label veneziana spesso presente qui in palude a presentare i suoi prodotti curati con passione artigianale.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page