domenica 14 luglio 2019

La Strage, la Storia e le storie

Ho appena finito di leggere il numero di giugno 2019, e non posso fare a meno di scriverne, per consigliarvene ancora la lettura. Si tratta di un fumetto, un fumetto di casa Bonelli che a me piace tantissimo (ne ho già scritto qui) Cani Sciolti. Parla del Sessantotto, attraverso sei ragazzi, sei tipi di allora, sei amici studenti universitari nella Milano di fine anni Sessanta. Scritto da Gianfranco Manfredi, che di quella generazione ha fatto parte, diventato poi cantautore, fumettista (chi non ricorda Magico Vento?... tra le cose migliori di casa Bonelli), sceneggiatore e molto altro. 
L'ha pensata lui questa nuova serie Cani Sciolti, e la scrive. Questo numero uscito a giugno con i disegni del buon Roberto Rinaldi (autore anche della copertina), intitolato La Strage, è un piccolo capolavoro di equilibrio, narrazione, lezione di Storia, alto fumetto. Trasmette in modo perfetto l'atmosfera di quei giorni. La Strage è quella a Piazza Fontana presso la Banca Nazionale dell'Agricoltura, momento tragico per il nostro paese e la nostra fragile democrazia, del 12 dicembre del 1969. Esiste anche un altro fumetto bellissimo su quella Strage (Piazza Fontana, di Francesco Barilli e Matteo Fenoglio, BeccoGiallo, ne scrissi qui), ma questo mi piace perché riesce a "incastrare" le vite dei protagonisti di un fumetto seriale in una vicenda storica importante. Le storie di sei ragazzi che incontra La Storia. Certo, è nato per questo Cani sciolti, ma La Strage è una conferma importante. 


Per questo, mentre è in edicola il nuovo numero, quello di luglio Cartoline dalle vacanze, vi consiglio di cercare in edicola La Strage, numero 8 della serie Cani Sciolti, edito da Sergio Bonelli Editore nella collana Audace. Vi affezionerete/appassionerete come sto facendo io.

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

14 Commenti:

Alle 14 luglio 2019 21:23 , Blogger Nella Crosiglia ha detto...

Indubbiamente qualcosa di Bonelli ho letto, non perderò questa serie, momento tragico ed importante della nostra storia.
Come sempre grazie amico caro Alli per le tue informazioni, sempre così preziose e uin bacio speciale ad Elli!

 
Alle 14 luglio 2019 22:39 , Blogger La firma cangiante ha detto...

Sono indietro di qualche numero (come con tutto) ma sta piacendo molto anche a me, si discosta dal classico genere avventuroso Bonelli ed è un modo per ripercorrere tramite il privato tappe importanti della storia e del costume del nostro Paese. Non male.

 
Alle 15 luglio 2019 07:20 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Provo a trovarlo.
Sereno giorno.

 
Alle 15 luglio 2019 10:46 , Anonymous accadebis ha detto...

Casa Bonelli spesso crea cose interessanti. Bella segnalazione
Un salutone e alla prossima

 
Alle 15 luglio 2019 11:00 , Blogger elenamaria ha detto...

Oh, ricordo Magico Vento ma pure Non è una malattia (oh no) e altre cose. Cercherò questi fumetti sperando che i caratteri siano abbastanza grande per i miei occhi. Grazie Alligatore.

 
Alle 15 luglio 2019 16:09 , Blogger Alligatore ha detto...

@Nella Crosiglia
Grazie Nella, ti consiglio di cercare questo fumetto, perché è davvero fatto bene, e tocca un'epoca fondamentale della nostra storia. Nel bene e nel male, come sai, quello che siamo oggi, lo dobbiamo in gran parte a quel periodo, secondo me molto interessante.
@La firma cangiante
Confermo tutto quello che scrivi ... e anche a essere indietro con le letture, pure io lo sono con molte, ma questo cerco di stare al passo, mi manca solo quello uscito in questi giorni.
@Cavaliere Oscuro del Web
Cercalo, veramente, ti piacerà. Conoscendoti lo so per certo.
@Accadebis
Sì, alla Bonelli sanno fare il loro mestiere molto bene, è una scuola importante, e Manfredi un grande.
@Elenamaria
Brava, brava, citi cose di Manfredi importanti (e ne ha fatte), credo che ti piacerà di sicuro. I caratteri? Mi sembra siano quelli di un normale fumetto, quindi ...

 
Alle 15 luglio 2019 21:46 , Blogger marcaval ha detto...

Come sempre un gran consiglio. Si parla di un buco nero della storia italiana e mai perdonerò alla nostra sinistra di non avere aperto tutti gli armadi una volta salita nei ministeri che contano.

 
Alle 15 luglio 2019 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Vero, vero, questo vuol dire che quella sinistra salita al governo era ben poco interessata (visti certi personaggi poi), e che il sistema quando entri nella stanza dei bottoni ti ha già mangiato). Comunque interessantissimo il fumetto, e, se non l'hai letto ti consiglio anche il libro della BeccoGiallo che hio linkato nel post. Da leggere entrambi.

 
Alle 17 luglio 2019 18:35 , Blogger redcats ha detto...

lo cercherò senzaltro.
Intanto ti ringrazio ancora del riconoscimento generosamente attribuitomi e mi scuso per non adempierne gli obblighi.
Ci proverò

 
Alle 17 luglio 2019 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah Redcats, mi fa ridere l'espressione di Raspy, legata all'affermazione e mi scuso per non adempierne gli obblighi.
Non sentirti obbligata, può essere difficile, per un blog impostato come il tuo, lo capisco molto bene, l'importante è che hai apprezzato il premio, tra blogger, che Elle e io ti abbiamo dato. Si tratta solo di un gioco ...e sì, leggi Cani sciolti, per me qualcosa che va oltre il fumetto, con tematiche "nostre".

 
Alle 18 luglio 2019 12:54 , Blogger Sonia - Il salotto del gatto libraio ha detto...

Complimenti per il post e il tuo blog, veramente molto interessante :-)
Se ti va di passare da me io sono Il salotto del gatto libraio

 
Alle 18 luglio 2019 22:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Sonia - Il salotto del gatto libraio, interessante il nome del tuo blog, verrò a leggerlo.

 
Alle 20 luglio 2019 16:42 , Anonymous Enri1968 ha detto...

Prendo nota grazie.

 
Alle 20 luglio 2019 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Lo devi leggere assolutamente Enri!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page