mercoledì 11 marzo 2015

Volate al cinema dietro a questo piccione

Trentanove quadretti surreali, tristi, buffi, sulla vita, sulla morte, sull'assurdità di tutto ciò. Un film che incanta, giustamente Leone d'Oro a Venezia 2014, perché film autenticamente d'arte, fuori da qualsiasi epoca. Durante la visione si è presi da attacchi di riso, ma anche di panico, all'inizio ci si sente spaesati, per l'umorismo nero, molto scandinavo, vicinissimo a quello dei migliori Monty Python per le situazioni, o ai fratelli Kaurismaki per i personaggi. Poi ci si abitua, ad un crescendo di storielle, accadimenti, personaggi buffi o meschini, in cerca di amore, o soldi, o ricordi, o pace interiore.
 
Due poveracci venditori di assurdi scherzi da carnevale, tipo denti di Dracula, e il loro pezzo forte, la maschera di Zio Dentone, sono il filo rosso che lega i singoli episodi, anzi queste vignette surreali. Momenti da antologia come l'armata di Carlo XII che si ferma in un moderno bar mentre va in guerra (tutta su di giri all'andata, malconcia al ritorno), o quello degli schiavisti che bruciano degli uomini di colore dentro uno strano marchingegno, che fa pensare ai forni crematori, oppure l'insegnante di flamenco che si mangerebbe vivo un suo allievo, cerca di toccarlo mentre ballano, senza risultato, l'anziano signore che muore d'infarto mentre sta aprendo una bottiglia di vino. Ma tutto è mostrato in modo semplice, senza voler fare del pietismo o denuncia, e allo stesso tempo ti fa riflettere su tutto ... tutto l'assurdo umano.
Dopo Wes, e Paul Thomas, un altro Anderson eccentrico, ancora di più (infatti ha una esse in più), Roy Andersson, cineasta svedese attivo fin dagli anni Settanta, che con questa pellicola completa la sua originale trilogia iniziata nel 2000 con Canzoni del secondo piano, proseguita nel 2007 con You the Living, e conclusa nel 2014 con questo Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza. Un film più unico che raro.

Etichette: , , , , , , , , , , ,

18 Commenti:

Alle 11 marzo 2015 08:09 , Blogger redcats ha detto...

Ho letto la recensione e mi aveva incuriosito, il tuo commento mi invoglia a d andarci

 
Alle 11 marzo 2015 14:41 , Blogger Schiele ha detto...

Sono contenta di sentire che stai bene :)

 
Alle 11 marzo 2015 15:20 , Blogger Alligatore ha detto...

@Redcats
Sì, vai, ti piacerà... è decisamente un film a parte, che non vedi tutti i giorn.
@Schiele
Bene? ... da dio quando vedo film come questi. L'hai visto tu?

 
Alle 11 marzo 2015 17:03 , Blogger Salvatore Baingiu ha detto...

Ogni volta che leggo di questo film penso sempre: "che titolo prolisso".
Da come lo descrivi sembra davvero interessante, appena possibile cercherò di guardarlo.

 
Alle 11 marzo 2015 19:06 , Blogger Nella Crosiglia ha detto...

Mi incuriosisce non poco caro ALLI, deve essere un film anche molto difficile da girare..non l'avevo mai sentito...
Andrò senza alcun dubbio a vederlo , mi hai incuriosito tanto!
Un bacio serale!

 
Alle 11 marzo 2015 19:34 , Blogger Alligatore ha detto...

@Salvatore
Titolo veramente strano, vero, al pari del film. Se ti capita a tiro non fartelo sfuggire.
@Nella
In effetti deve esservi stato un bel lavoro di taglia e cuci, un montaggio non semplice. Io ne avevo letto su di un blog, non mi ricordavo del Leone d'oro. Meritato, ne consiglio la visione. Grazie, anche a te ...

 
Alle 11 marzo 2015 19:48 , Blogger G ha detto...

Mi ricorda vagamente Storie Pazzesche di Damiàn Szifron, Alli! Se non lo hai visto te lo consiglio...
Lo guarderò, sono curiosa come una scimmia, ormai! :D

 
Alle 11 marzo 2015 19:53 , Blogger Alligatore ha detto...

L'ho visto Storie pazzesche, e mi era piaciuto un sacco. Questo è molto diverso, da vedere. Umorismo nero scandinavo. Surreale e mai banale...

 
Alle 11 marzo 2015 23:56 , Blogger Elle ha detto...

Mi sa che me lo sono perso per colpa del piccione.. non volevo vedere un film con un piccione e l'ho ignorato :(

 
Alle 12 marzo 2015 00:00 , Blogger Alligatore ha detto...

In realtà, si vedono molte cose, persone, anche animali, ma mi sembra non ci sia nessun piccione, perché lui è seduto su di un ramo, a riflettere sull'esistenza :)

 
Alle 12 marzo 2015 18:37 , Blogger Andrea C. ha detto...

molto curioso di vederlo anche io.

 
Alle 12 marzo 2015 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Da vedere, da vedere And ... ti piacerà!

 
Alle 12 marzo 2015 22:59 , Blogger poison ha detto...

Non l'ho ancora visto (non sono riuscita a convincere le amiche) ma ho sentito pareri molto contrastanti... Dovrò verificare di persone da che parte "schierarmi"... :)

 
Alle 12 marzo 2015 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Da vedere: è un film che magari sul momento lascia perplessi, perché diverso dagli altri, si sente la diversità di cultura, ma è di forte impatto ... non è Birdman che strappa applausi a scena aperta, e del quale chiunque può scrivere un post, però bisogna vederlo. Curioso di sapere che ne pensi, non ho letto molto in giro per la blogosfera su questo surreal-sarcastico film.

 
Alle 12 marzo 2015 23:41 , Blogger Ciccola ha detto...

Il pubblico è rimasto abbastanza sconvolto dalla visione ^_^ io mi sono divertita ma l'ho visto a pezzi. Tutto insieme non so se l'avrei apprezzato.

 
Alle 12 marzo 2015 23:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Decisamente un film particolare, che può lasciare perplesso lo spettatore medio, che si aspetta cose lineari, e che davanti il nonsense va in tilt. Pure io stesso, subito dopo la visione, ero perpelsso, ma sentivo di aver visto un qualcosa di veramente unico.

 
Alle 13 marzo 2015 00:29 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Uh, che bel consiglio, lo vedrò senz'altro! Ti ringrazio doppiamente perché senza il tuo consiglio avrei fatto come Elle e aborrito il piccione.

 
Alle 13 marzo 2015 00:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Capisco, il piccione non attira come il pappagallo, per il piumaggio meno appariscente, ma è capace di pensieri profondi, sotto il grigiore apparente ... vola al cinema, poi mi dirai.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page