venerdì 20 marzo 2015

Due parole con Vito Ranucci



Questa volta in palude ascoltiamo musica classica, anzi, cerchiamo di ucciderla, per farla rivivere come ha provato a fare Vito Ranucci, con questo suo recente disco: KTC Killing The Classics, uscito lo scorso dicembre presso CNI Music. Provocazione audace nelle parole, tanta quanta nei suoni. L’autore partenopeo ha infatti preso alcuni brani classici, dal Medioevo al Novecento, rileggendoli in chiave moderna. Gli amati Bach e Vivaldi, monumenti quali Mozart o Chopin, Puccini e Ravel, contaminati in modo audace, impastati di elettronica, fatti saltare in trip-hop, fritti dalla techno. Esperimento affascinante, molto più del mio banale modo di descriverlo.
Può piacere o meno, ma la musica è arrangiamento e riscrittura, o almeno per buona parte è così. Ne è consapevole Vito Ranucci, viste le molte esperienze, tra le quali cito volentieri la sua collaborazione all’ultimo film di Mario Monicelli, Le rose del deserto, in veste di compositore del tema principale della pellicola. Ascoltando KTC Killing The Classics, si ha quasi la sensazione di assistere a un film, a un flusso ininterrotto di emozioni, immagini, salti nel tempo. Ad accompagnare Vito Ranucci, un bel gruppo di musicanti, tra i quali la voce e le parole di Federica Mazzocchi, e il piano/synth di Ernesto Vitolo. Pronti?

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

78 Commenti:

Alle 20 marzo 2015 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

C'è nessuno? Yuuhhh!

 
Alle 20 marzo 2015 21:35 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

hey!

 
Alle 20 marzo 2015 21:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Vito, benvenuto in palude...

 
Alle 20 marzo 2015 21:35 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

buonasera

 
Alle 20 marzo 2015 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Sto già ascoltando il tuo disco in cuffia.

 
Alle 20 marzo 2015 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

... e mi prende bene.

 
Alle 20 marzo 2015 21:37 , Blogger Elle ha detto...

Ciao a tutti, ci sono anche io!

 
Alle 20 marzo 2015 21:37 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

sei annegato?

 
Alle 20 marzo 2015 21:38 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

Ciao!

 
Alle 20 marzo 2015 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Elle .... no, non annego mai :)

 
Alle 20 marzo 2015 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Che dici, ne parliamo?

 
Alle 20 marzo 2015 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

... di KTC.

 
Alle 20 marzo 2015 21:40 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

certo
con piacere

 
Alle 20 marzo 2015 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

1. Come è nato “Killing The Classics”?

 
Alle 20 marzo 2015 21:43 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

ho intrapreso uil percorso gradualmente, senza neanche rendermene conto, mentre lavoravo anche ad altro, un terreno di sperimentazione personale..che soltanto dopo un po' ha raggiunto la sua fisionomia di album..

 
Alle 20 marzo 2015 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Bello questo percorso deviato ...

 
Alle 20 marzo 2015 21:45 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

un pretesto per concentrarmi sul sound, e per incrociare una musica molto affascinante..

 
Alle 20 marzo 2015 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo? … perché uccidere i classici? Uccidere i classici?

 
Alle 20 marzo 2015 21:48 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

nel mondo della musica classica, o della filologia..., un tale intervento sui classici sarebbe improponibile...il titolo scherzoso demolisce questo tipo di approccio e in qualche modo da spazio alle fantasie piu' sfrenate

 
Alle 20 marzo 2015 21:50 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

d'altronde credo si possa esercitare la propria libertà di interpretare l'arte secondo i propri personali codici espressivi, senza che questo possa scalfire minimamente ciò che è storia dell'umanità

 
Alle 20 marzo 2015 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah sicuramente...

 
Alle 20 marzo 2015 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata la genesi del disco, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 20 marzo 2015 21:56 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

Dopo un certo periodo di lavoro mi sono reso conto di aver rielaborato 3 brani di Vivaldi...cosi' mi sono venuti alla mente alcuni brani della musica antica, medioevale, che mi sarebbe piaciuto affrontare, intanto si andava sviluppando un sound che ho provato ad espandere sulle musiche del 900, ma anche altro...naturalmente selezionando i brani con un criterio che li rendesse riproducibili con il mio gusto, stile, strumentazione...etc

 
Alle 20 marzo 2015 21:57 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

cosi' è nata una sorta di raccolta di brani classici riscritti in diversi modi, ma con un sound comune...cosi' è nato KTC

 
Alle 20 marzo 2015 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi che la definizione calza alla perfezione ....

 
Alle 20 marzo 2015 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del cd?

 
Alle 20 marzo 2015 22:00 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

Comunque un modo per misurasi con qualcosa di piu' grande di sé, e provare a restituirlo agli altri pregno della propria esperienza, della propria identità personale...cosa inarrivabile limitandosi alla interpretazione accademica...

 
Alle 20 marzo 2015 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, o fondi (con quello che sai), o ti limiti a rifare ... tu hai fuso perfettamente.

 
Alle 20 marzo 2015 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi piace quello che sento, pur non essendo un'esperto di classica, ma anche di elettronica...

 
Alle 20 marzo 2015 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del cd?

 
Alle 20 marzo 2015 22:06 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

di per se tutto l'album mi ricorderà un periodo di cambiamento molto importante della mia vita, una gran voglia di rompere con gli schemi, con quello che gli altri si aspetterebbero da noi...il lavoro è stato quasi interamente realizzato a casa mia, in solitudine, e di notte, è stata un'esperienza di vita nuova..

 
Alle 20 marzo 2015 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Credo che sia bello sorprendere e rompere gli schemi ... non è un episodio, ma è bello. Trovare strade nuove ... ascoltando KTC si può ben capire quello che intendi.

 
Alle 20 marzo 2015 22:10 , Blogger Elle ha detto...

Un album così rappresenta bene una rottura con gli schemi!

 
Alle 20 marzo 2015 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì Elle, una bella rottura di schemi, rischiosa, ma proprio per questo, bella ...

 
Alle 20 marzo 2015 22:11 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

infatti...la vita traspare nella musica

 
Alle 20 marzo 2015 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … forse lo è, nel vero senso? O no?

 
Alle 20 marzo 2015 22:16 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

la musica, nella sua identità piu profonda, oltre l'estetica, oltre la filologia, oltre l'immagine stereotipata a cui potrebbe rimandare, ha una essenza, un'anima, che rivive sotto altre vesti, portando con se tutta la sua magia, e restituendosi all'ascolto con un volto diverso, ma ancora portatore di bellezza...questo è il principio magari concept..

 
Alle 20 marzo 2015 22:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari senza volerlo, come hai trovato la strada per questo disco, hai trovato dopo, anche il concept ...

 
Alle 20 marzo 2015 22:19 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

inoltre...risuonare degli standard jazz o dei classici del rock, in libertà, è cosa comune e diffusa...per me risulta ugualmente familiare questo materiale, quindi ho trovato anche molto divertente fare tutto questo..

 
Alle 20 marzo 2015 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Posso ben capire ... delle variazioni sul tema.

 
Alle 20 marzo 2015 22:21 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

la musica è una continua scoperta, ed apre il pensiero a sempre nuovi e diversi orizzonti.

 
Alle 20 marzo 2015 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale vai più fiero di Killing The Classics?… che ti piace di più fare live?

 
Alle 20 marzo 2015 22:23 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

I brani che preferisco dell'album sono diversi, in particolare "La Danse" rielaborazione della Gnossienne N.1 di Erik Satie...dal vivo invece le cose cambiano, ed ogni brano ha una sua forza specifica, per cui non saprei rispondere..

 
Alle 20 marzo 2015 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Difficile dare dei titoli, è un disco molto compatto: mi viene La vita, molto solare (da un pezzo ultranoto di Puccini), poi un pezzo diverso come Innocence giocattolosa e dolente (dal Ravel), Lost in the Garden pezzo completamente originale, molto prog anni '70 (banalmente potrei dire Goblin), poi Amadeus con il quale apri il disco, sensuale e a tratti orientaleggiante Mozart, ma anche Beethoven, così fortemente elettronico che il maestro avrebbe apprezzto (il pezzo è Lobet Den Herrn), e perché no? Le Ciel d'Hiver un Chopin che trovo molto malinconico e filmico ...

 
Alle 20 marzo 2015 22:26 , Blogger Elle ha detto...

Io ho trovato qualche video, mi piacciono le rielaborazioni techno!

 
Alle 20 marzo 2015 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

C'è un link dove ascoltare il disco Vito? ... o alcuni pezzi?

 
Alle 20 marzo 2015 22:28 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

grazie, mi fa molto piacere..

 
Alle 20 marzo 2015 22:29 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

il disco è su spotify.. Itunes, etc..

 
Alle 20 marzo 2015 22:29 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

alcuni brani del disco sul mio profilo YouTube

 
Alle 20 marzo 2015 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, cerchermo ... e poi Elle ascolterà e apprezzerà il disco quando ci vediamo. Io intanto lo rifaccio ripartire ...

 
Alle 20 marzo 2015 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con la CNI Music. Come vi siete incontrati e come ti sei trovato a fare il disco con loro? Altre realtà importanti attorno a te?

 
Alle 20 marzo 2015 22:35 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

La collaborazione con la CNI è iniziata nel 2006 con "Il giardino delle delizie" e "Le Rose del deserto" Soundtrack...poi una breve interruzione durante la produzione di "Dialects" nato dal Premio Radici 2011...poi quando era pronto KTC in realtà ero già in giro a suonarlo dal vivo, quindi ho sottoposto il lavoro a CNI che lo ha prodotto, nonostante fosse un po' lontano dai soliti loro prodotti etno-world

 
Alle 20 marzo 2015 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, è vero ... Le rose del deserto con il maestro :)

 
Alle 20 marzo 2015 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina semplice e diretta, con le prime lettere del titolo in grande, sotto il titolo, e sotto ancora il nome. Come mai questa scelta? Tua? … di un grafico? E San Gennaro?

 
Alle 20 marzo 2015 22:41 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

il titolo e la grafica fanno parte di una unica visione tutta mia...anche molto condizionata da un certo interessamento da parte del pubblico del nord europa alla mia musica..san gennaro rappresenta l'unica presenza nel lavoro del retaggio partenopeo, cosa di cui ti assicuro è complicato svestirsi se si è nati e cresciuti a napoli, ma viaggiare aiuta..

 
Alle 20 marzo 2015 22:43 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

il san gennaro è opera dell'artista e amico Marco Mazzocchi..

 
Alle 20 marzo 2015 22:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche qui, una certa rielaborazione di un classico ...

 
Alle 20 marzo 2015 22:44 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

infatti...

 
Alle 20 marzo 2015 22:45 , Blogger Elle ha detto...

San Gennaro è nel libretto?

 
Alle 20 marzo 2015 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, dentro, in fondo a tutto il libretto (ti guarda mentre lo apri).

 
Alle 20 marzo 2015 22:46 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

si certo..

 
Alle 20 marzo 2015 22:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterai l’album? …

 
Alle 20 marzo 2015 22:48 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

L'abbiamo già presentato ad Amsterdam (Pianola Museum), Napoli (Teatro Mercadante)...tra un mese si torna ad Amsterdam per 2 Concerti..

 
Alle 20 marzo 2015 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Bello portare fuori la propria musica, anche qui oltre i confini (oltre che in casa)... oltre a te?

 
Alle 20 marzo 2015 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

... Federica Mazzocchi e Ernesto Vitolo.

 
Alle 20 marzo 2015 22:53 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

in realtà sarebbe piu' bello se l'italia fosse un passo piu avanti circa la musica e il gusto dominante...direi che il resto dell'Europa ha una ricettività mostruosa a confronto...

 
Alle 20 marzo 2015 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, discorso sempre attuale ...

 
Alle 20 marzo 2015 22:56 , Blogger Elle ha detto...

In Italia va molto il karaoke ahahah

 
Alle 20 marzo 2015 22:56 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

Federica è la voce che interpreta tutto l'album ed altre tante cose che sto facendo...oltre ad essere la mia autrice di testi...lei è con me anche dal vivo...con Ernesto è nata un'amicizia, e non appena si è presentata l'occasione l'ho invitato ad offrirmi il suo prezioso contributo

 
Alle 20 marzo 2015 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

@Elle
Quella purtroppo è una reintepretazione piatta e banale :)
@Vito
Bel connubio parole musica il vostro...

 
Alle 20 marzo 2015 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non ti ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 20 marzo 2015 23:02 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

avrei troppe persone da citare...da ringraziare per avermi sostenuto in questo lavoro, ma nel cd c'è tutto...grazie a te per averne parlato!

 
Alle 20 marzo 2015 23:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te di essere passato in palude Vito!

 
Alle 20 marzo 2015 23:04 , Blogger Vito Ranucci ha detto...

bella palude! Buona Serata!

 
Alle 20 marzo 2015 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a Vito Ranucci.

 
Alle 20 marzo 2015 23:08 , Blogger Elle ha detto...

Grazie per la musica! Buonanotte a tutti!

 
Alle 20 marzo 2015 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Notte Elle ;)*

 
Alle 21 marzo 2015 16:16 , Blogger Andrea C. ha detto...

sempre bello passare nella palude e incontrare artisti che non si conoscono.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page