giovedì 5 dicembre 2013

Arrivederci, Berlinguer ... un augurio

Bella l'idea di dedicare al segretario più amato del PCI Enrico Berlinguer, una storia a fumetti. Bello perché il fumetto è un mezzo immediato, fruibile anche dai più giovani, di lettura immediata, e la figura del segretario comunista va certamente fatta conoscere ai più. Meritoria quindi, solo l'idea della BeccoGiallo di dare alle stampe questo libro, Arrivederci, Berlinguer, scritto da Elettra Stamboulis e disegnato da Gianluca Costantini (la stessa coppia che aveva realizzato A cena con Gramsci, per la medesima casa editrice). Solo un caso che ne parli oggi, con le primarie del suo ex partito al centro dell'attenzione, partito il quale l'ha dimenticato, lasciando cadere molte sue intuizioni, dalla questione morale all'eurocomunismo, oggi più che mai necessario.

La Stamboulis ha voluto dare un taglio personale a questa storia, partendo dal suo privato. La mia prima manifestazione senza genitori, apre il libro, e sotto uno schizzo di militanti in bianco e nero (e bandiere rosse), c'è una giovane a colori seppia, alla sua prima manifestazione senza genitori: i funerali di Berlinguer. Quanta gente, quanta commozione in quel giugno di quasi trent'anni fa.Tutte le altre cento pagine sono disegnate così, mischiando il lato personale a quello della biografia dell'uomo politico ... e il risultato è perfetto.
Perfetto anche sul lato grafico, con l'utilizzo di varie tecniche: dalla foto virata al seppia o resa mobile con l'inserimento del fumetto, a disegni veri e propri, con vivi colori, ad altri solo abbozzati, in bianco e nero (in particolare quelli ambientati durante la giovinezza di Berlinguer), oppure la bambina disegnata in bianco e nero all'inizio di ogni capitolo, sopra le righe di un quaderno di scuola lasciato sul retro bianco, come se lo potessimo usare per scrivere nostri appunti, della nostra biografia accanto a quella sua.
Di Berlinguer si parte raccontando della morte, al comizio di Padova. Pertini al suo fianco all'ospedale, poi i funerali, di massa, di popolo (bello il parallelo con il famoso dipinto di Guttuso, I funerali di Togliatti). Quindi i saluti di amici vicini, anche se critici a volte: dalla storica redazione de il manifesto con in testa Luigi Pintor (sardo come lui), ad un Benigni giullare (Berlinguer ti voglio bene), Natalia Ginzburg... la questione morale e la diversità comunista (...ma siamo uguali agli altri, ma siamo diversi, recita Moretti in piscina), il rapporto con il PSI di Craxi e la rottura (e il filo-socialista Napolitano s'incazza), la P2, tangentopoli, non dico prevista, ma quasi (discorso complesso), gli anni '80 con ricordi privati dell'autrice (da Goldrake alle tv commerciali, ad una società dove la tv diventava preponderante, e si iniziava a parlare del computer), poi si ritorna al giovane Berlinguer, che guida una rivolta per il pane durante il fascismo... 
Nella parte finale si toccano altri argomenti forti, come l'elezione a segretario del PCI nel 1972, il rapporto difficile con i giovani del '68 e degli anni Settanta (e qui c'è una parte molto divertente, in bianco e nero, con disegni da bambina, con la protagonista a raccontare cosa dicevano i grandi, i suoi genitori, di Berlinguer ... qui concordo totalmente con lei Era bello essere bambini negli anni 70... L'unica cosa brutta era portare la salopette... quando scappava la pipì/pupù era una gran rottura). Importante il rapporto con Moro, e il gravitare dei comunisti nell'area di governo, osteggiati dagli americani, traditi dal PSI. I licenziamenti FIAT all'inizio degli anni '80. Tra le ultime immagini, una molto significativa, quella di Campovolo, Reggio Emilia, la storica foto al comizio conclusivo della festa del PCI, una folla sterminata con bandiere rosse e un uomo sul palco: Enrico Berlinguer.
In questo libro ci sono molte cose della storia d'Italia del secolo breve, una Storia che a me appassiona sempre, la sento mia, la sento formativa per quello che sono diventato. Alcune parti possono essere criticabili, ma non ne esce un santino, c'è il privato dell'autrice, e il politico di un uomo. Arrivederci, Berlinguer. Un augurio...

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

13 Commenti:

Alle 5 dicembre 2013 07:41 , Blogger m4ry ha detto...

Grazie mille per questa segnalazione..questo potrebbe essere il regalo di Natale perfetto per mia mamma, e magari, potrei prenderne uno anche per me..
Un abbraccio e buona giornata :*

 
Alle 5 dicembre 2013 08:49 , Blogger bibliomatilda ha detto...

Lo compro certamente! Grazie, All. Sai che sto leggendo anche Paolo Zardi? Va beh, c'entra poco con Berlinguer :-)

No, volevo sottolineare... "la diversità comunista"... già... dillo a Renzi di quanto siamo uguali, lui che aspira a ricoprire quel ruolo che fu di Berlinguer, appunto. Cosa dici, glielo regaliamo?

 
Alle 5 dicembre 2013 09:01 , Blogger mr.Hyde ha detto...

Sempre interessanti e originali le tue proposte su racconti e fumetti.Si, mi piacerebbe leggerlo. L'editore Becco Giallo è una vera garanzia.

 
Alle 5 dicembre 2013 11:48 , Blogger GIOCHER ha detto...

Spero di trovarlo dove vado.Mi hai dato l'idea per un regalo al Primario della Clinica di Patologici.
Grazie!

 
Alle 5 dicembre 2013 13:35 , Blogger LYSERGICFUNK ha detto...

Che tristezza pensare a Berlinguer e poi vedere l'attuale dirigenza della sinistra.....

 
Alle 5 dicembre 2013 18:50 , Blogger Vera ha detto...

Suo ex partito?
Fatico a credere che si sarebbe potuto riconoscere in quello che il PCI è diventato, un partito in cui quelli che parlano e contano sono democristiani (vedi Renzi, Franceschini, Bindi e Letta per es.)
E non scordiamoci che c'è stata anche la Binetti....

 
Alle 5 dicembre 2013 19:48 , Blogger Elle ha detto...

Sembra bello, anche se un po' troppo pieno di cose che non so e non capirei - anche se le parti personali dell'autrice mi fanno pensare ad una "introduzione per ignoranti". Mi piace molto la scelta di usare varie tecniche per rappresentare vari momenti. Mi incuriosisce di più però quello su Gramsci, lui mi sembra più alla mia portata, ne avevi parlato?

 
Alle 5 dicembre 2013 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

@M4ry
Credo sia un gran bel regalo, per chi lo conosceva e l'ha amato, nonostante gli errori (era un uomo), e anche per chi non ne sa nulla. BeccoGiallo ha poi altri libri interessanti...
@Bibliomatilda
Bene per la lettura di Paolo Zardi, che, in comune con questo libro ha alcune cose importanti... è un ottimo libro...per quanto riguarda Renzi, è completamente altra cosa (un neodemocristiano).
@MrHyde
Grazie, concordo BeccoGiallo è una vera garanzia...
@GIOCHER
Perché, il Primario è berlingueriano? ...prego.
@LYS
Dipende cosa intendi per sinistra (il Pd, per esempio non è sinistra). Poi è vero, non esiste un partito di massa di sinistra, come era il PCI, con tutti i suoi limiti ed errori...
@Vera
Infatti, PD vuol dire Partito Democristiano ...
@Elle
Sì, del libro su Gramsci ne avevo parlato, scrivendo una piccola nota che trovi qui
A me è piaciuto di più questo, per la presenza della Storia più concretamente dell'altro (più astratto). E poi, come dici tu, è molto interessante l'uso di tecniche diverse in questo libro.

 
Alle 5 dicembre 2013 23:36 , Blogger GIOCHER ha detto...

Walligator...perche' un ex tesserato ha necessita' di riflettere sul periodo,volente o nolente... ;)

 
Alle 6 dicembre 2013 01:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora rifletterà bene, veramente bene... meglio della psicanalisi.

 
Alle 6 dicembre 2013 09:36 , OpenID Hol ha detto...

Non amo particolarmente l'utilizzo di tecniche miste all'interno della stessa opera (se disegnate dallo stesso autore) ma l'argomento pare molto interessante da far meritare al volume una lettura. Grazie, a priori l'avrei scartato!

 
Alle 6 dicembre 2013 10:45 , Blogger formichina ha detto...

mi sa che faccio contente varie persone, segnalando l'ora questa cosa... grazie!

 
Alle 6 dicembre 2013 19:28 , Blogger Alligatore ha detto...

@Hol
Credo che buona parte del suo fascino, sia dovuto a questo mescolamento di tecniche ...magari non sono in sintonia al 100% con l'autrice, ma la tecnica usata affascina.
@Formichina
Saranno contente, almeno qualcuno che si ricorda di Berlinguer, un comunista italiano...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page