mercoledì 20 giugno 2012

Lomax - alle radici del rock


Alcuni disegni a tutta pagina tolgono il fiato, per la loro bellezza e ricerca di particolari, che fanno venire in mente l’immaginario degli States visti mille volte al cinema, ma sempre apparentemente nuovi. Un libro prezioso, per chi vuole sapere da dove deriva tutta la musica di un secolo … e oltre.

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

15 Commenti:

Alle 20 giugno 2012 19:24 , Blogger mr.Hyde ha detto...

bellissimi i particolari: le strade le auto, veramente ben disegnati...vado al link.

 
Alle 20 giugno 2012 19:29 , Blogger Blackswan ha detto...

Che meraviglia ! Non me lo lascerò sfuggire di certo !

 
Alle 20 giugno 2012 19:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Hai detto bene, qui c'è una cura del particolare veramente perfetta ... se vai alla rece in fondo trovi il link della Coconino e puoi goderti altri grandi disegni ... ogni tanto loi sfoglio così, giusto per gusto ...

 
Alle 20 giugno 2012 19:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Abbiamo postato quasi in contemporanea Blackswan, dire che meraviglia è il termine corretto ...

 
Alle 20 giugno 2012 20:16 , Blogger Giuliano ha detto...

E' sempre bello parlare di queste cose! Alan Lomax, suo figlio, ha continuato e ampliato il lavoro, è venuto anche in Italia dove ha collaborato con Ernesto De Martino, Roberto Leydi, un gran lavoro.
Per chi non lo sapesse, uno dei nostri più importanti studiosi di musica popolare è stato Virgilio Savona, quello del Quartetto Cetra.

 
Alle 20 giugno 2012 20:25 , Blogger Alligatore ha detto...

... confermo. Nel fumetto ci sono entrambi i LOMAX, padre e figlio, che negli States della Grande Depressione giravano gli stati del sud, tra razzismi e neri ancora schiavi, per "registrare" il blues ... sia su nastro, sia come parole scritte.

 
Alle 20 giugno 2012 22:38 , Blogger Andrea ha detto...

Veramente bello!

 
Alle 20 giugno 2012 23:02 , Blogger Cirano ha detto...

su Lomax figlio, un mio studente ha fatto la tesina per l'esame. Infatti, negli anni '50 soggiornò a lungo in Calabria regalando scatti alla storia della fotografia.

 
Alle 20 giugno 2012 23:16 , Blogger Nora* ha detto...

Great!!!

 
Alle 21 giugno 2012 00:34 , Blogger Adriano Maini ha detto...

Credo proprio che il tuo giudizio sia perfettamente calzante!

 
Alle 21 giugno 2012 01:26 , Blogger Alligatore ha detto...

@And
Un gioiellino, di etica ed estetica.
@Cirano
Sì, nella breve nota al libro, parlano anche del suo soggiorno in Italia. Personaggio di una curiosità inesauribile.
@Nora
Grande, come il concerto visto poche ore fa nella "tua" Trento: Offlaga Disco Pax
@Adriano
... a pennello ;)

@

 
Alle 21 giugno 2012 01:27 , Blogger Alligatore ha detto...

@Tutti
Ora vado a letto felicie: ho abbracciato Max Collini al concerto che hanno fatto più a nord, questa sera a Trento, e anche il più caldo, a detta di Max... se riuscirò a ordinare le idee presto un post: OfflagaDiscoPax Live in Trento.

 
Alle 21 giugno 2012 08:02 , Blogger Andrea ha detto...

E com'è il disco nuovo dal vivo?

 
Alle 21 giugno 2012 13:30 , Blogger Adriana Riccomagno ha detto...

Bene, adesso vado a proseguire sul sito della Smemo :-)

 
Alle 22 giugno 2012 00:18 , Blogger Alligatore ha detto...

@Andrea
Dal vivo sono molto intensi, Collini si rivela ancora di più un ottimo interprete, un uomo che si racconta sul palco, e in questo, inevitabilmente risaltano maggiormente i pezzi intimi, sul quelli "politici" ...è stato un concerto molto caldo, spero di trovare le parole giuste per raccontarlo nei prossimi giorni.
@Adriana
Poi ti consiglio spassionatamente il libro, da lettrice e ottima ascoltatrice di musica...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page