sabato 16 ottobre 2010

… Announo

TUTTIBLU
Metalmeccanici, studenti, ricercatori, precari, migranti, movimenti sui beni comuni, femministe, pacifisti. Oggi a Roma con la Fiom sfila l'opposizione sociale al governo Berlusconi. Per chiedere più democrazia sul lavoro e fuori, dire no agli accordi separati ed esigere un altro modello disviluppo. Per il ritiro dall'Afghanistan e perché l'acqua resti pubblica. Affinché il modello Pomigliano non venga esteso al paese.
(dalla prima de il manifesto di oggi)

Etichette: , , , , , , , ,

19 Commenti:

Alle 16 ottobre 2010 10:06 , Blogger nico ha detto...

Bravissimo Alli, questi post ci servono in modo incredibile, e non solo perché su quest'argomento il manifesto è senz'altro fra i quotidiani più obiettivi.
Peccato per il tempo schifosissimo qui a Roma, giusto oggi!
Come si diceva a Annozero, che stavolta finalmente ha parlato di cose concrete, il momento è davvero critico. E in tutto questo contesto purtroppo c'è un'ennesima vittoria del governo, che ha ottenuto di dividere definitivamente i sindacati. E questo, stavolta, fa veramente male!

 
Alle 16 ottobre 2010 11:57 , Blogger Alligatore ha detto...

... e allora, riporto la prima pagina de il manifesto di oggi
TUTTIBLU
Metalmeccanici, studenti, ricercatori, precari, migranti,
movimenti sui beni comuni, femministe, pacifisti. Oggi a
Roma con la Fiom sfila l'opposizione sociale al governo
Berlusconi. Per chiedere più democrazia sul lavoro e fuori,
dire no agli accordi separati ed esigere un altro modello di
sviluppo. Per il ritiro dall'Afghanistan e perché l'acqua resti
pubblica. Affinché il modello Pomigliano non venga esteso
al paese
SOTTOSCRIVO ...

 
Alle 16 ottobre 2010 13:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Anzi, metto online aggiornando il post, perchè mi piace questo modo di presentare la manifestazione.

 
Alle 16 ottobre 2010 15:12 , Blogger Ross ha detto...

Tra un paio d'ore ho un colloquio di lavoro con il responsabile del personale di un supermercato, per vedere se sarò tra i pochi candidati che avranno il privilegio di essere sfruttati tra le corsie del consumismo tutti i sabati, le domeniche e i giorni festivi da qui a Natale.

Il corsivo non è ironico.
Siamo arrivati a un punto di miseria tale che un "contratto week-end", osceno a cominciare dal nome, rappresenta oggi l'unica opportunità di sopravvivenza in cui sperare per i giovani di un'intera generazione. Giovani che, se sono tanto disgraziati da saper ancora pensare e capire, da avere ancora una dignità che non gli permette di abbassare la testa, da aspirare ancora a un buon futuro, sentono di vivere in sè una frattura lancinante.

Seguo i tuoi link, e mi arrabbio e mi rattristo. Vorrei solo essere alla manifestazione, in questo momento.

 
Alle 16 ottobre 2010 15:20 , Blogger ReAnto ha detto...

Ci sarò col cuore e virtualmente ;)
E vai a sapere che nel 2010 ci saremmo ritrovati a manifestare contro il "padrone" ..che parola demodè.. ma mica tanto demodè

 
Alle 16 ottobre 2010 16:34 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ross
Mi piace quando ti arrabbi così.
@ReAnto
Un termine che sarà sempre attuale, almeno fino a che esisterà questo sistema. Hai ragione, non è per niente demodè.

 
Alle 16 ottobre 2010 17:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Ross, ti hanno presa? ... siamo curiosi.

 
Alle 16 ottobre 2010 18:30 , Blogger Zio Scriba ha detto...

Solidartietà a Ross e a tutti i giovani sfruttati del fottuto odierno mondo del lavhorror. Con la speranza che almeno qualcosina possa cambiare (o che almeno non cambi in peggio...) :-(

 
Alle 16 ottobre 2010 21:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Pensavo che esprimessi solidarietà al mio Chievo, grande Zio, sconfitto dal Milan, nonostante una partita formato gigante (è forte quest'anno). Invece a Ross e ai giovani... Meglio, il Chievo si salverà, loro? ... e noi tutti? La manifestazione della Fiom, formato gigante, dice che se s'inverte la strada sarà possibile.

 
Alle 16 ottobre 2010 22:05 , Blogger ReAnto ha detto...

@unclewriter- "sperando sperando" ..morì ca'ando :D
tanto qui nella palude si può dire
Al non brontola e se brontola ..
s'attacca :D .. aproposito..per il Torino di vittoriobond non è andata bene ;)

 
Alle 16 ottobre 2010 23:57 , Blogger Alligatore ha detto...

ReAnto, re del vernacolo livornese, che tutti noi adoriamo, certo che si può dire.
Pure il toro è caduto in questa bella giornata di lotta. Vado ad esprimere solidarietà a Vittorio ...

 
Alle 17 ottobre 2010 12:02 , Blogger Ross ha detto...

@Ally:

Perla del reclutatore:
"Sarebbero 8 ore al giorno, divise su due turni, perchè la legge ancora non consente di lavorarle tutte filate".

Mi sono trattenuta dallo sbottare "e ci mancherebbe solo questo, brutto stronzo sgrammaticato che del lavoro maltratti persino il verbo, usandolo in modo improprio come transitivo!", e ho optato per un più algido "certo", seguito da un sorrisetto tirato che lui nemmeno ha visto, dal momento che faticava a guardarmi in faccia.

Sono in attesa di risposta.
E sinceramente non so cosa augurarmi.

 
Alle 17 ottobre 2010 12:53 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ross
La tua testimonianza è perfetta. Il sistema dominante ha corroso le menti, tanto che ciò che vale per il "padrone" dovrebbe valere per tutti. Purtroppo non c'è ancora lo schiavismo, poteva dire. E lui stesso, da dirigente, è soggetto a queste logiche, ma non lo sa. Che augurarti? Di mantenere la stessa lucidità mentale ed intellettuale sempre. Solo così ci salveremo.

 
Alle 18 ottobre 2010 10:25 , Blogger Zio Scriba ha detto...

* Ally
non mi parlare di Milan-Chievo: nel fantacalcio invece di Pato avevo Ibra, quel maledetto somaro vaffangol!!

Sull'altro argomento più serio, il problema del "voler cambiare" è che ovunque si sta stabilendo una neanche troppo tacita alleanza tra schiavisti bastardi e schiavi volontari disposti a tutto, o perché disperati oppure, peggio, per potersi permettere i gadget, gli specchietti e le perline di questo iperconsumismo sempre più delirante.
Temo quindi che coloro che davvero vogliono cambiare, anche se fossero milioni, rischino semplicemente di... rimanere fuori!

A proposito del grande ReAnto: la verifica parole, beffa delle beffe, diceva PREARY: che volesse dire "precari" in toscano?

 
Alle 18 ottobre 2010 15:08 , Blogger Alligatore ha detto...

@ZioScriba1
Già, di Milan-Chievo meglio non parlarne più... :-(
@ZiScriba2
Concordo sull'analisi, ma sono meno pessimista. L'unione fa la forza, e se le notizie viaggiano forti, ci si può organizzare meglio. Alla fine è un problema di comunicazione.
@ZioScriba3
No, è un codice: Prima della Rivoluzione...

 
Alle 18 ottobre 2010 15:26 , Blogger ReAnto ha detto...

"preary" si usa nel "Chiantishire" , nel resto della Toscana si usa "preari

 
Alle 18 ottobre 2010 15:27 , Blogger Alligatore ha detto...

:-))))

 
Alle 19 ottobre 2010 13:33 , Blogger Ernest ha detto...

Siempre!

 
Alle 19 ottobre 2010 20:56 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ernest
Sintetico, ma dici tutto.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page