giovedì 15 maggio 2008

No Fabio Fazio, no…


No Fabio Fazio, non si deve fare, mi hai deluso… ospitare Jovanotti che canta Rimini, in una versione personalissima, e dimenticarsi entrambi (pure tu Jova…) di citare il coautore, Massimo Bubola, cantautore veronese che non ha certo bisogno di presentazioni, è stato grave (altro che Travaglio). Lo hanno fatto, purtroppo, in una puntata importante, quella dedicata ad Emergency.
Bubola, presente sulla scena musicale da più di trent’anni, ha, tra le mille cose, collaborato ai testi di tutto l’album Rimini (1978) e de L’indiano (1981). Canzoni come Rimini, appunto, ma anche Fiume Sand Creeck (indimenticabile) e Andrea (sì, Andrea).
In questi giorni, parecchio incazzato, Bubola ha diffuso un comunicato, che in coda dice questo: - Se un collega scrittore di canzoni come Jovanotti e un conduttore televisivo come Fazio, che da sempre ama la canzone d’autore, incorrono in questi gravi errori e in questa pericolosa superficialità, c’è veramente da essere preoccupati per gli altri, come, ultimamente, Rocco Tanica componente del gruppo “Elio e le storie tese” che nella puntata de “ Le invasioni barbariche “ del 18 aprile, mi ha tolto dagli autori di Don Raffae’ attribuendo la canzone solo a De Andrè e a Mauro Pagani, quando Pagani ha co-firmato soltanto la musica con Fabrizio, invece il sottoscritto, veronese, il testo in napoletano, e scusate se è poco.-
No, non è certo poco. Trovo quella canzone un piccolo gioiello, e mi fa molto piacere saperla scritta da uno della mia città. Una città che ha un sacco di difetti, dall’assassinio della banda neonazi in giù, ma anche qualche pregio. Uno di questi è sicuramente Massimo Bubola, con un nuovo cd in circolazione, il diciottesimo della sua serie, intitolato Ballate di Terra & d'Acqua. Consigliatissimo, come tutti i suoi precedenti e futuri.
Vai al suo sio ufficiale http://www.massimobubola.it/home.asp

Etichette: , , , , , , , , , , ,

16 Commenti:

Alle 15 maggio 2008 17:54 , Blogger silvano ha detto...

Hai ragione, quando abbiamo qualcosa di buono, valorizziamolo. Tra l'altro l'artista merita, è molto bravo e, nel periodo che ha collaborato con Fabrizio, era eccelso. Certo il collaborare con un mostro sacro, e Fabrizio era veramente un gigante, comporta anche il pericolo di perdersi, nella percezione del pubblico non specialistico, nell'ombra del mito. Secondo me è un po' questo che è capitato a Bubola: si è un po' troppo avvicinato al sole e gli si son sciolte le ali. Novello Icaro.
ciao, silvano.

 
Alle 15 maggio 2008 21:14 , Blogger silvano ha detto...

Ancora io. Pazienza. Volevo dirti che il tuo blog mi piace molto. Per questa ragione ti ho linkato (se per te è ok).
ciao, silvano.

 
Alle 15 maggio 2008 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie per i complimenti Silvano, sto diventando rosso, anzi lo sono già ...ovviamente mi fa piacere del link (quando sarò riuscito a capire come cavolo si fa linkerò pure il tuo, molto bello). Quanto al nostro conterraneo, direi che la metafora di Icaro è molto buona, ma secondo me Bubola ha ancora delle buone ali e vola ancora alto. Le canzoni scritte con De Andrè sono tra le migliori del cantautore genovese (che conosco poco, troppo poco) e mi dispiace del pressappochismo di certi nostri giornalisti/musicanti; spiace ancora di più quando questi sono bravi. Cosa aspettarsi da quelli cattivi?

 
Alle 15 maggio 2008 22:27 , Blogger sapevatelo ha detto...

in effetti lo scaricamento gratis sta diventando di gran moda tra i musicisti (o presunti tali). onestamente, se come nel caso dei nine inch nails la qualità dei files che puoi scaricare è molto alta non posso che esserne contento. mentre nel caso dei radiohead mi sapeva tanto da necessità di pubblicità data la scarsa qualità degli mp3. però mi incuriosisce vedere per quanto durerà...

 
Alle 15 maggio 2008 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Durerà, durerà: le tecnologie lo consentono e lo consentiranno sempre di più, i soldi in tasca sono sempre di meno ... rimarrà ancora il cd, il vinile troverà nuova vita, anche se di nicchia. Previsioni d'Alligatore.
Il vinile, già il vinile, guarda la cover di "Rimini" che bella. Difficilmente faranno ancora copertine così belle. Anche se quella degli Yuppie Flu e del loro ultimo buon cd distribuito anche con download gratuito non è male.

 
Alle 16 maggio 2008 08:46 , Anonymous redturtle ha detto...

bubola è un grandissimo!
hai fatto bene ad evidenziare la cosa, affoghiamo nella superficialità più totale...

 
Alle 16 maggio 2008 09:34 , Blogger Regina Madry ha detto...

Ciao Alligatore :))
io mi associo al grido di dolore, soprattutto perchè vi scongiuro, basta Fazio! abbiamo già dato, nun se ne può piùùù di tutti quei salamelecchi :((

 
Alle 16 maggio 2008 13:14 , Blogger silvano ha detto...

Info: come si inserisce link.
entra nel blog>bacheca>layout>elementi pagina (ci dovrebbe andare di default)>aggiungi elemento pagina>scegli elenco link>aggiungi a blog>modifica>inserisci url nuovo sito e nome nuovo sito>salva modifiche>(tonato sulla pagina "elementi pagina" salva ancora e quindi visualizza blog.

ciao, silvano.

 
Alle 16 maggio 2008 15:36 , Blogger Alligatore ha detto...

@redturtle
affoghiamo? sei un ottimista, io penso che siamo già trippa per gatti per quanto riguarda la superficialità ... accordo totale su Massimo Bubola.
@Regina Madry
guardo la tv pochissimo, quindi non saprei darti un giudizio su Fazio (per quello che vedo è comunque meno peggio di altri ... cosa vuoi, in Italia si ragiona sempre sul meno peggio.
@ silvano
grazie per la dritta, proverò nei prossimi giorni a fare come mi dici (è facile?) ... oggi no, perchè stasera ho un'intervista in diretta sul blog con le Cherry Lips, altre veronesi da andare fieri, e non vorrei mandare in tilt il pc prima di farla.

@TUTTI Dalle 21,30 ad oltranza intervista con le Cherry Lips, nei post del prossimo POst ...

 
Alle 16 maggio 2008 15:55 , Blogger Donna Cannone ha detto...

Passerò quando l'audio del mio pc funziona, per cogliere quache spunto musicale.
PS: fazio mi è sempre sembrato uno smidollato prezzolato, non lo consideriamo mica un giornalista, vero???

Ciao

 
Alle 16 maggio 2008 15:57 , Blogger silvano ha detto...

http://31canzoni.blogspot.com/2008/03/cherry-lips-hard-rock-girl-band.html

ciao ;))

 
Alle 16 maggio 2008 16:21 , Blogger Alligatore ha detto...

@ Donna Cannone
L'intervista sarà scritta, quindi non hai bisogno di avere l'audio; l'audio ti servirà semmai per ascoltare le Cherry Lips sul loro myspace o, ti consiglio, su cd, se non l'hai già fatto (forse lo sai, parte della band viene dalla tua città).
@silvano
Sempre puntale. Impeccabile la tua rece all'omonimo esordio delle Cherry Lips con la quale concordo pienamente.

 
Alle 16 maggio 2008 16:27 , Blogger silvano ha detto...

Ehm a dir la verità la recensione non è mia. Ho ospitato l'articolo di un tuo collega...non so se lo conosci, un carissimo amico, Gianni che ha prodotto il loro disco.
ciao.

 
Alle 16 maggio 2008 16:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Gianni Della Cioppa, altro veronese buono ... per continuare la lista.

 
Alle 16 maggio 2008 16:51 , Blogger silvano ha detto...

Mi sembrava strano non lo conoscessi!
te lo saluto lunedì sera che vado a fare un giro qui http://31canzoni.blogspot.com/2008/04/nuove-conferenze-sul-rock.html

se vieni ci conosciamo di persona.

hola.

 
Alle 24 aprile 2009 16:59 , Blogger JonVendetta ha detto...

http://jonvendetta.blogspot.com/2006/03/no-non-mi-accontento-mai.html

Quanto alla deontologia professionale del Della Cioppa, puoi leggere l'intervista alle Phantom Blue che IO ho fatto anni fa per un sito chiamato Hammerblow (ora defunto, ma le mie interviste e recensioni sono presenti sul mio blog da anni), e che il signorino ha pubblicato sul numero due di Classix Metal a SUO NOME:
http://jonvendetta.blogspot.com/2005/07/intervista-phantom-blue-novembre-2004.html

Complimenti alla "penna del giornalismo metal nostrano", davvero.
Da una parte c'è chi le cose le fa per passione e a gratis; dall'altra chi, forte solo del suo nome, lucra plagiando il materiale del primo.
Davvero rincuorante da parte di chi sostiene di "supportare la scena".

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page