domenica 29 agosto 2021

Una donna promettente, film sorprendente


Una donna promettente, una delle pellicole viste di nuovo al cinema in questa strana estate, è un gran film. Un film di quelli che restano, tipo Sesso, bugie e videotape, ma non perché gli somigli. La pellicola di questa giovane regista che non conoscevo, Emerald Fennel, ricorda il De Palma più psicotico, l'Altman più festaiolo e maschile, ovviamente l'Hitch più torbido (poi rivisto da De Palma). Insomma, più del contenuto forte (e di un femminismo di ritorno) del quale parlerò dopo, mi ha colpito la cinefilia. 

C'è da dire che, nonostante questi riferimenti classici, Una donna promettente è un film modernissimo. La protagonista è una trentenne di oggi, Cassandra, una biondina arrabbiata con il mondo, che vive con i genitori molto classe media, e lavora come cameriera in un bar. A interpretarla Carey Mullingan, una delle migliori attrici della sua generazione, sempre diversa e sempre bravissima in ogni sua interpretazione (la ricordo, tra gli altri, in A proposito di Davis, Wall Street - Il denaro non dorme mai, Nemico pubblico, Drive, solo per citare i primi che mi vengono in mente). 

Perché è incazzata con il mondo e si comporta in modo così particolare Cassie?  Anni prima ha buttato alle ortiche una promettente carriera in medicina, in seguito a una violenza sessuale su di una compagna di corso minimizzata da tutti: corpo docente (anche femminile) e altri studenti e studentesse, tutti quasi a giustificare l'accaduto perché era ubriaca ... storia già sentita.
Cassandra per questo, ogni fine settimana, si finge ubriaca per poi farsi abbordare da sconosciuti e vendicare l'amica, umiliandoli. Non uccide nessuno, semplicemente si risveglia dalla sbornia e redarguisce l'uomo dall'approfittare di una povera ubriaca. Coraggiosa la ragazza. Una missione, per lei, ma questo suo modo di vita va in crisi quando incontra Ryan, bello e bravo ex collega di studio, ora medico in carriera. Sembra nascere una bella storia d'amore con  i genitori finalmente soddisfatti, sembra ma ... non voglio fare spoiler.

Il finale è molto torbido, nero, malato, con lei che si traveste da infermiera sexy per l'addio al celibato di un medico di successo, uno dei responsabili della brutta storia dell'amica. Finirà male, ma anche qui non rivelo altro. Dico solo che il bosco dove seppelliscono qualcuno (indovinate chi), sembra il Vietnam di M.A.S.H. e pure il matrimonio all'aperto dove arresteranno (finalmente) qualcuno, ricorda ancora Altman. Quanti riferimenti, chissà se li ho visti solo io.

Nessuno ne esce pulito in questo manifesto neofemminista, sia ben chiaro. Pellicola notturna e perturbante, non facile, molto anni Settanta maledettamente impegnati di certo cinema Usa (Scorsese, Paul Schrader e chi più ne ha ...).  

Ci sono momenti d'antologia, come il primo approccio da finta ubriaca, o quando sul posto di lavoro Cassie sputa nel caffè del bel Ryan, l'amico appena ritrovato, e lui lo beve contento, come avremmo fatto in molti, probabilmente, prima del covid almeno (scena da Fratelli Farrelly)., il travestimento da infermiera sexy... Una donna promettente è stata una bella sorpresa della mia estate al cinema: una pellicola stelle e strisce senza lieto finale. E pensare che dalla locandina al titolo, non avrei dato un soldo bucato a questo film. Se non l'avete visto, ve lo consiglio spassionatamente.   

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

12 Commenti:

Alle 29 agosto 2021 21:21 , Blogger alberto bertow marabello ha detto...

Effettivamente dalla locandina non c'avrei dato un nichelino.
Ma se lo consigli tu ci penso eccome

 
Alle 29 agosto 2021 23:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie della fiducia Alberto ... anche io, mi sono fidato di un blogger, e sono andato a vedere il film dopo avere letto la sua rece ;)

 
Alle 30 agosto 2021 00:01 , Anonymous Enri1968 ha detto...

Mi intriga dopo aver letto il post!

 
Alle 30 agosto 2021 00:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Un film che dovrà il suo successo alla blogosfera? Scherzi a parte, credo che veramente vada visto, e l'Oscar come miglior sceneggiatura (della stessa regista, tra l'altro, cosa rara nel cinema Usa), è meritato. Poi l'attrice è magnifica, come sempre (la Mulligan è una garanzia).

 
Alle 30 agosto 2021 11:16 , Blogger Lucien ha detto...

Devastante: sEnza ombra di dubbio, il miglior film uscito quest'anno (per ora).

 
Alle 30 agosto 2021 19:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Ben detto Lucien: devastante ... un film che segna (un'epoca?). Non avendone visti molti, non saprei, ma sicuramente un film così è unico e resterà.

 
Alle 30 agosto 2021 21:36 , Blogger Nella Crosiglia ha detto...

Ho abbandonato il cinema da parecchio tempo e non capisco la ragione di questa mia scelta. Un vero peccato perchè ne ero appassionata. Un farsi del male da sola. Vedo solo vecchie pellicole che certo non mi annoiano , con il desiderio di vederne altre. Farò un'eccezione questa volta? Speriamo di si e che sia un bell'inizio pe ricominciare ad interessarmi. Grazie come sempre Alligatore caro!

 
Alle 31 agosto 2021 00:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Cara Nella, anche io, causa il covid ho dovuto rinunciare al cinema per lungo tempo, e devo dire che l'alternativa online non mi ha soddisfatto, essendo un cinefilo, solo la sala mi soddisfa completamente (davanti alla tv mi addormento, al cinema mai ... a parte due volte, devo dire la verità, film di monaci che pregavano e io mi addormentai, lasciamo stare). Comunque sì, se riesci a vederlo, magari al cinema, è un gran film. Garantisco io e Lucien ;)

 
Alle 1 settembre 2021 00:03 , Blogger marcaval ha detto...

Me lo segno ma lo ammetto e con un bel pizzico di vergogna ... sono quasi due anni che non metto piede in un cinema!

 
Alle 1 settembre 2021 00:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Non ti devi vergognare Marcaval, anche io ci sono tornato solo quest'estate, e per 4 film, ma non ci andavo dal febbraio del 2020. E adesso vedremo quando ci andrò ...
Comunque, se almeno riesci a recuperarlo in video, recuperalo, ne vale la pena.

 
Alle 1 settembre 2021 17:35 , Blogger premio petrolio ha detto...

Adoro i registi che citano. Adoro i non lieti fini. Almeno credo d'aver capito che insomma… vabbè, vedrò.

 
Alle 1 settembre 2021 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora che aspetti, cara petrolio premio? Vola al cinema?

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page