domenica 27 ottobre 2019

La vita di Belushi a fumetti


Grande libro per gli appassionati di cinema e in particolare di cult-movie: Vita eccessiva di John Belushi, quando il gioco si fa duro. Una sorta di intervista impossibile fatta dai due fumettisti Francesco Barilli (testo) e Lele Corvi (disegni), con un Belushi divertente e scaltro, rotondo fumetto, a ricordare gli eccessi della sua vita. Ho intervistato i due autori del libro, (l’intervita sarà presto online) e la mia ultima domanda è stata: Il vostro film preferito di John Belushi?per la loro risposta vi rimando all’intervista. Per me è Animal House, anche se vicinissimo di un pelo metto The Blues Brothers e incollato Chiamami aquila (li rivedo spesso, perché ho una confezione co i 3 dvd, anche Elle ora li conosce). 
... e il vostro film preferito con Belushi?

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , ,

17 Commenti:

Alle 27 ottobre 2019 13:15 , Blogger amanda ha detto...

Uh Beppe Beppetti alias Lele Corvi!
The Blues Brothers seguito Animal House

 
Alle 27 ottobre 2019 13:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, entrambi grandi film, non mi so quasi mai decidere, forse vado per ordine alfabetico. Per te Amanda che ami la montagna, consiglio spassionatamente Chiamami aquila.

 
Alle 27 ottobre 2019 13:39 , Anonymous accadebis ha detto...

Bella iniziativa, mi piace. Per quanto mi riguarda ci sono due film con Belushi che amo da sempre: The Blues Brothers e 1941: Allarme a Hollywood
Un salutone e buona domenica

 
Alle 27 ottobre 2019 13:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, bella iniziativa questa del libro a fumetti dedicato a John Belushi, accadebis.
Quanto ai film da te segnalati, hai fatto bene a citare anche 1941: Allarme a Hollywood, perché è un bel film ingiustamente poco citato di Spielberg, e perché, anche se fa una piccola parte Belushi, lascia il segno.

 
Alle 27 ottobre 2019 15:18 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

The Blues Brothers sicuramente.
Sereno pomeriggio.

 
Alle 27 ottobre 2019 21:35 , Blogger fperale ha detto...

Indeciso fra Animal House e Blues Brothers (non sono originale lo so)..il fumetto è veramente ottimo, come sai l'ho già letto, è divertente ma pure molto commovente in certi punti

 
Alle 27 ottobre 2019 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

@Cavaliere Oscuro del Web
Mi sembra che The Blues Brothers stia stravincendo :)
Buona notte.
@Fperale
Difficile scappare da uno di quei due/tre film lì, anche se, a pensarci bene, Belushi era una maschera, che rendeva imperdibile ogni suo film, anche se faceva una parte piccola. Nello stesso Animal House non era il protagonista, ma uno dei..., eppure è lui l'unico che è rimasto nell'immaginario di quel cult assoluto. Vero, è un libro molto forte e vero Vita eccessiva di John Belushi, da consigliare a fan e no.

 
Alle 28 ottobre 2019 16:39 , Blogger Garbo ha detto...

Film preferito? The Blues Brothers. Da quel poco che so della sua vita pare che Belushi fosse così, esagerato, sia nei film che nella vita, per questo interpretava bene la parte dei personaggi cinematografici e rendeva credibile l'incredibile: chi altri potrebbe dire: "Siamo in missione per conto di Dio!", e ancora la scena delle scuse alla ragazza mentre scappano dal tunnel del teatro … prova ad immaginarla recitata da un qualsiasi attore comico italiano contemporaneo …
Accolgo con piacere l'opera della sua vita a fumetti.
Ciao

 
Alle 28 ottobre 2019 21:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Dici bene Garbo, Belushi era una maschera, e poteva recitare solo lui certe scene, per questo è diventato un'icona pop mondiale, seconda solo, forse, a Che Guevara, come scherza proprio in questo gran bel fumetto, che consiglio e ti consiglio, per approfondire la conoscenza del mito John Belushi.

 
Alle 29 ottobre 2019 11:47 , Blogger Berica ha detto...

Non potendo che condividere le citazioni di film di culto come Animal House e Blues Brothers, propongo un film forse minore, del 1981: Chiamami Aquila.

 
Alle 29 ottobre 2019 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, ottima proposta Berica, è uno dei miei suoi film preferiti, incollato proprio agli altri due che citi. Ecolgista, romantico, con dei paesaggi di montagna e una bella storia. L'ho rivisto con Elle qualche settimana fa, dopo anni (per lei era una prima visione, piaciuto).

 
Alle 30 ottobre 2019 15:50 , Blogger Charlie68g ha detto...

Lo voglio anche io il fumetto !!!!!

 
Alle 30 ottobre 2019 21:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Bravo Charlie68g, è un gran fumetto, che esalta il mito e ci regala un Belushi amico, ancora di più di quello che avremmo voluto😎!

 
Alle 3 novembre 2019 16:05 , Blogger Elle ha detto...

Ha fatto solo questi pochi film? A me non piace, in realtà non mi sono mai posta il problema, è passato inosservato sui miei schermi. Se lo guardo meglio ha un bel musetto da orsacchiiotto, nulla di più. Animal House non mi sembra un cult, mentre Chiamami aquila mi è piaciuto, ma da qui a metterlo tra i preferiti... Forse dovrò leggere il fumetto per capire il personaggio, e naturalmente lo leggerò. Per me stravince The Blues Brothers, l'unico film che conoscevo fra quelli che citate voi, visto almeno due volte (uh, quante!) più una con te ;), un film che non collego assolutamente a Belushi (chi?): a me piace per la musica, e ricordavo solo le scene cantate e suonate, e i cantanti e musicisti presenti, nessuna frase cult ;)
Ok, ora mi tocca leggere il fumetto!

 
Alle 3 novembre 2019 16:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, felice che ti sia piaciuto Chiamami aquila tra i miei suoi preferiti. Vero che The Blues Brothers è più film, e deve il suo culto alla musica presente, alla storia raccontata, oltre che a Jake (Belushi) e Elwood (Aykroyd). Sì, ti tocca il fumetto, prima o poi ... per me Belushi è un mito, il mio mito cinematografico di quando ero ragazzo, e non so decidermi tra i suoi film, anche se, istintivamente dico Animal House, che sono riuscito a vedere pure al cinema (ma avrei detto comunque quello):

 
Alle 11 novembre 2019 07:26 , Blogger marcaval ha detto...

Interessante. Anni fa avevo letto la sua favolosa biografia. Non so scegliere il film preferito o meglio forse domani ne sceglierei un altro. Il mito è sicuramente The Blues Brothers! :-)

 
Alle 11 novembre 2019 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, è un mito che continua, come dice il titolo del sequel ... credo che questo libro sia qualcosa di importante, e merita di essere letto ... anche per la caratura dei due autori.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page