domenica 13 ottobre 2019

3 film da vedere: Joker, Martin Eden, La vita invisibile di Eurìdice Gusmão


Joker di Todd Phillips (USA 2019)
Non è un film sui supereroi, con effetti speciali e spacconate varie. È un film tetro e realista, ambientato negli anni ’80, mai così grigi e depressi. Siamo a Gotham City (la città di Batman) e Joker è un sottoproletario con molte patologie, che si guadagna da vivere facendo il clown. Abita con la vecchia madre malata in un appartamento dei sobborghi, sogna di fare il comico televisivo, e intanto prepara un suo numero di cabaret. Ma la vita è dura se non sei ricco, ti tagliano i servizi sociali e le medicine, spazzatura agli angoli di strada, padroni che ti licenziano da un giorno all’altro. Non resta altra via che il disordine. Grande interpretazione di Joaquin Phoenix, tra i migliori attori della sua generazione, ottimo De Niro nella parte del comico televisivo famoso, come Jerry Lewis nel capolavoro meno celebrato di Martin Scorsese Re per una notte (Phillips lo omaggia e l’ha citato come fonte d’ispirazione per questa pellicola, come anche Taxi Driver e Toro scatenato), bella la fotografia, superba la colonna sonora. White Room dei Cream con la rivolta nelle strade, è il momento più emozionate di Joker, apice di un capolavoro assoluto, giustamente premiato a Venezia 2019 con il Leone d’oro come miglior film. 
Martin Eden di Pietro Marcello (Italia/Francia 2019)
Tratto dall’omonimo libro del 1909 di Jack London, ma genialmente trasportato in Italia anni dopo, è una delle sorprese italiche della nuova stagione cinematografica. Martin Eden è un sottoproletario che non ha potuto studiare, ma grazie all’amore per una ragazza incontrata per caso dopo aver salvato il fratello di lei da un pestaggio, decide di cambiare vita. Attraverso la lettura e lo studio si emancipa, partecipa alle lotte sociali in una Napoli anarchica, sogna di diventare scrittore e con l’aiuto di un vecchio libertario scopre gli inganni della borghesia. Grande interpretazione di Luca Marinelli, tra i migliori attori della sua generazione (meritata Coppa Volpi come migliore attore a Venezia 2019), Carlo Cecchi nelle vesti dell’anziano anarchico, faro di Eden/Marinelli (il giovane attore ha dichiarato di avere imparato molto da lui sul set, e alla fine quanto gli somiglia!), ottimo il montaggio, con il film mischiato a scene di repertorio (c’è pure Malatesta in un comizio del 1 maggio 1920). Tra realismo e surrealismo, Martin Eden ci consegna un nuovo cineasta forte e originale. Speriamo faccia tanti altri film, e non venga bloccato da censure di mercato.


La vita invisibile di Eurìdice Gusmão di Karim Aïnouz (Brasile 2019)
Sorpresa brasiliana dell’anno, direttamente da Cannes 2019, dove ha meritatamente vinto Un Certain Regard. Anche questo tratto da un romanzo (The Invisible life of Eurídice Gusmão di Martha Batalha, in Italia presso Feltrinelli), è la storia surreale e sensuale di due sorelle divise dal destino, anzi dal maschilismo del padre. Le vediamo insieme all’inizio del film Euridìce e Guida Gusmão, le vediamo scherzare e confidarsi cose, aiutarsi a sfuggire a una noiosa cena con una persona importante, poi Guida se ne esce nella notte con un bel marinaio greco, e sarà l’ultima volta che le due sorelle si vedranno. Incredibile! Un bambino in pancia, ricordo del marinaio dopo avere girato un po’ il mondo, quindi ripudiata dalla famiglia e costretta a vivere nei bassifondi della città Guida; moglie borghese con aspirazioni di pianista, soffocate dal marito, Euridìce, nella stessa città, quartieri medio-alti. Ma non sanno di vivere entrambe a Rio de Janeiro, e nonostante lettere (nascoste) e ricerche di un detective … mi fermo per non spoilerare troppo. Denso e ricco di sfumature, con il maschilismo imperante a soffocare aspirazioni femminili in una società in piena crescita, è un melodramma perfetto. Natura colorata e maestosa, scene di sesso tra il goffo e il torbido, poco romanticismo e una storia appassionante ben scritta. Quanto fumano però …

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

18 Commenti:

Alle 13 ottobre 2019 17:42 , Blogger fperale ha detto...

Concordo per Joker ovviamente, il momento White Room è stato veramente il massimo!

 
Alle 13 ottobre 2019 19:17 , Blogger redcats ha detto...

Ho visto Martin Eden e non mi è piaciuto affatto, bravo marinelli , ma per ilresto mi sembra un'operazione virtuosistica ,cerebrale , oleografica e pure noiosa.
Voglio vedere gli altri due, spero di trovrmi d'accordo con te almeno su uno!!!

 
Alle 14 ottobre 2019 00:36 , Blogger Alligatore ha detto...

@fperale
Sì, quella è una scena da antologia.
@Redcats
Ovviamente non concordo con il tuo parere su Martin Eden, che al contrario ho trovato ben fatto, fantasioso, con uno stile personale e per niente noiosa. Guarda anche gli altri due, e vediamo che ne pensi.

 
Alle 14 ottobre 2019 08:55 , Blogger Babol ha detto...

E nulla, io non riesco a considerare Joker un capolavoro. Anche perché lo sono già le sue fonti di ispirazione, riproposte in maniera interessante ma blanda.

 
Alle 14 ottobre 2019 10:30 , Blogger Ernest ha detto...

mi ispirano tutti e tre, il problema è trovare il tempo :-)

 
Alle 14 ottobre 2019 11:36 , Blogger Berica ha detto...

Hai sciolto i miei dubbi sui primi due; andrò a vederli.

 
Alle 14 ottobre 2019 16:38 , Blogger Alligatore ha detto...

@Babol
Non mi sembra così blanda la riproposizione delle tematiche, anzi. Ho letto bene la tua rece e le tue considerazioni e l'analisi ben approfondita, ma non concordo in toto, e, come detto da te, condivido in pieno il parere di Kris Kelvin, in particolare quando scrive "...a Gotham di Joker è così (mal)ridotta a causa dei tagli al welfare che sbattono la gente malata in mezzo alla strada e fanno crescere l'odio sociale, esattamente quello che sta accadendo oggi in mezzo mondo (Italia compresa)." Ecco, nei film di Scorsese eravamo all'inizio di questo, mentre oggi, dopo quarant'anni la misura è colma, e non è semplicemente una cosa di populisti, e/o grillini che dir si voglia, è una cosa di sinistra. Detto questo, credo che Joker sia un film ben fatto sia dal punto di vista ideologico (senza essere solo quello) e plastico (senza essere il solito film di supereroi amati dalla generazione nerd ... e qui si potrebbe aprire un'altra discussione, ma non mi interessa farla). Comunque, che si discuta di un film e anche di più (andandoli a rivedere), credo vada bene.
@Ernest
Anche noi abbiamo sempre il tempo contato, e vorremmo trovarlo per molte cose ... per un film al cinema a settimana lo troviamo sempre (a volte anche due), quindi è una questione di priorità.
@Berica
Bene, mi interessa molto il tuo parere su questi due ... sul terzo, probabilmente lo hai già visto o lo vedrai di sicuro, immagino.

 
Alle 15 ottobre 2019 09:56 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Tre film che ho intenzione di guardare.
Sereno giorno.

 
Alle 15 ottobre 2019 20:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Cavaliere ... e fai bene.
Buona notte.

 
Alle 16 ottobre 2019 15:36 , Anonymous accadebis ha detto...

Ho sentito (ed ho letto) parlare molto bene di Martin Eden. Per il resto vediamo come sarà perché in questo periodo sono un po'ppreso da varie cose
Salutone

 
Alle 16 ottobre 2019 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Be' accadebis, il mio consiglio spassionato è di vederli tutti e tre, ma posso capire, nella vita ci sono delle priorità, e non per tutti (come noi) sono il cinema. Martin Eden vero, è un gran film, sul livello del capolavoro internazionale Joker (a Venezia, quest'anno, cinema di alto livello), mentre La vita invisibile di Eurìdice Gusmão è stata una gran bella sorpresa dal Brasile, passata per Cannes.

 
Alle 18 ottobre 2019 15:17 , Blogger Clarke è vivo! ha detto...

Joker è fatto molto bene ma mi ha lasciato seriamente depresso per due giorni. Sarà che sono troppo sensibile... Martin Eden stupendo (Marinelli è un portento). Ma l'ho trovato un po' vago quando il protagonista prendeva posizioni politiche. Mi pare di aver capito che Eden fosse un anarchico individualista ma non ne sono sicuro. L'ultimo film che descrivi invece non l'ho visto. Rimedierò.

 
Alle 18 ottobre 2019 18:18 , Blogger Elle ha detto...

Film bellissimi e tu come sempre li spieghi e li fai conoscere in maniera... ecco non mi viene il termine, ma è un termine positivo. Marinelli e Phoenix sono davvero due grandi attori, se poi è bravo anche il regista. Anche il film sulle Gusmão è davvero bello, complimenti alle due attrici!
Ciao Alli! ;)***

 
Alle 18 ottobre 2019 23:10 , Blogger Alligatore ha detto...

@Clarke
Joker è un capolavoro, ma posso capire che nelle persone sensibili generi questi sentimenti ... io, per fortuna, riesco a capire sempre che quello che vedo è un film, quindi non piango, rido di rado sguaiatamente, e non mi deprimo, ma credo possa capitare. Sì, alla fine è un libertario (anzi lo è da sempre), ma non direi individualista. Il terzo film, La vita invisibile di Eurìdice Gusmão ti piacerà un sacco.
@Elle
Grazie, grazie, mi sono esercitato fin da piccolo per sintetizzare messaggi o storie 😁
Comunque sì, grandi attori e anche grandi attrici.
Ciao Elle ;)***

 
Alle 20 ottobre 2019 14:36 , Blogger silvia ha detto...

Non ho capito, o forse mi confondo io: Martin Eden non era un marinaio, nel romanzo di London?

 
Alle 24 ottobre 2019 10:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Silvia, no, non ti confondi, anche nel film, all'inizio, è un marinaio. Lavora sulle navi, e uscendo, una mattina, dal porto, trova il fratello della co-protagonista che le sta prendendo, e lui lo difende.

 
Alle 25 ottobre 2019 15:29 , Blogger silvia ha detto...

e finisce che si butta in mare?
il film non l'ho visto, ma il libro mi aveva talmente preso che l'avevo mangiato in un sol boccone

 
Alle 25 ottobre 2019 23:22 , Blogger Alligatore ha detto...

No, non finisce che si butta in mare ... però non svelo altro, credo che anche il film meriti di essere mangiato in un sol boccone (io però non ho ancora letto il romanzo).

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page