domenica 8 settembre 2019

Il delitto Matteotti a fumetti

A giugno di quest'anno sono stati 95 anni, dall'assassinio fascista di Giacomo Matteotti, parlamentare socialista, che quando ancora si poteva fare qualcosa per fermare Mussolini, tentò di farlo con un famoso discorso e forti accuse contro il regime nascente. C'è tutto questo nel libro a fumetti della BeccoGiallo uscito a inizio anno, scritto e disegnato da due autori molto bravi (Francesco Barilli e Manuel De Carli), autori anche di altri importanti libri usciti con l'editrice di Padova (Carlo Giuliani - Il ribelle di Genova e Piazza Fontana, per esempio).
Ci sono molte cose in Il delitto Matteotti, scritto in maniera molto dinamica e moderna, con passaggi importanti tra ieri e oggi. In modo per niente banale, ma quasi surreale (mi ha ricordato il film di Bellocchio, Vincere), Barilli/De Carli raccontano l'ascesa del fascismo, la marcia su Roma, il clima di violenza, la libertà di movimento di Mussolini, figura di politico italiano a tutto tondo (altro che anti-politica) tra trasformismo e corruzione. Proprio la corruzione, questa la tesi del libro, il motivo dell'assassinio di Matteotti
Io avevo sempre pensato che fosse stato il discorso in Parlamento del 30 maggio 1924 contro il fascismo e le sue violenze, a scatenare la reazione del regime, in realtà quello è stato il momento culminante. Prima, molti articoli del leader socialista, una vera e propria indagine giornalistica riguardo le concessioni all'americana Sinclair Oil, per il monopolio nelle ricerche petrolifere in Italia. Una sorta di appalto concesso in maniera irregolare dietro al quale c'era corruzione politica. Probabilmente Matteotti aveva scoperto troppo, e stava facendo scoppiare una sorta di Tangentopoli che avrebbe coinvolto il regime. Per questo venne rapito e ucciso. 
Tutto questo e molto altro nel libro della sempre ottima BeccoGiallo, curato nei minimi particolari dall'inizio alla fine, con disegni molto belli e particolareggiati. Un libro da regalare a qualche studente all'inizio delle lezioni, e che non dovrebbe mancare in qualsiasi biblioteca scolastica che si rispetti.

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

10 Commenti:

Alle 8 settembre 2019 22:36 , Blogger fperale ha detto...

Ho appena preso un altro libro BeccoGiallo, la biografia di John Belushi, sempre di Barilli con però Lele Corvi. Questo su Matteotti mi ha sempre incuriosito e prima o poi lo prendo! Ma la copertina raffigura Matteotti con in braccio un piccolo Mussolini?

 
Alle 8 settembre 2019 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Bravo fperale, sempre attento, e bravo per quanto riguarda gli acquisti. Certo, la copertina è strana, ma ti invito a prenderlo per capire meglio il perché di questa scelta.

 
Alle 9 settembre 2019 09:17 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

BeccoGiallo una garanzia!
Saluti a presto.

 
Alle 9 settembre 2019 16:14 , Blogger Garbo ha detto...

Matteotti andrebbe ricordato molto di più per quel grande politico che è stato e non per l'atroce morte che fece. Fu una spina nel fianco del fascismo (in alcuni casi l'unica davvero pungente) e di Mussolini in particolare, che non lo sopportava, forse perché gli rimandava indietro l'immagine di ciò che egli veramente era, e non quella di ciò che avrebbe voluto essere.
Ciao

 
Alle 9 settembre 2019 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

@CavaliereOscurodelWeb
Dì, confermo, BeccoGiallo sforna grandi fumetti a getto continuo ... difficile starci dietro.
@Garbo
Sì, se leggi questo libro ti rendi conto di quello che dici è vero. Il libro non ne racconta semplicemente la morte, ma la vita, l'attività politica e di giornalista, motivo principale, come scrivo, della sua morte. Mussolini, come si sa, è un socialista che ha fatto un cambio di politica totale, dietro il so trasformismo, molti interessi personali, una tangentopoli tutta da chiarire ... altro che onestà e porte aperte.
Ciao.

 
Alle 10 settembre 2019 13:12 , Blogger Elle ha detto...

Anche a me è piaciuto molto, proprio perché racconta una storia (ben documentata alla fine del libro) che non è conosciuta. Ho sempre sentito parlare di Matteotti del delitto Matteotti senza sapere chi e quando. Grazie a BeccoGiallo per i suoi fumetti storici e a te che ne riempi la nostra libreria :)

 
Alle 10 settembre 2019 18:45 , Anonymous accadebis ha detto...

Interessante, soprattutto il fatto che parli della vita di Matteotti e di quel che ha fatto. Bel post e un salutone

 
Alle 10 settembre 2019 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

@Elle
Sì, è un gran bel libro ben fatto come di consueto in casa BeccoGiallo, che oltre a fare fumetti splendidi, ben scritti e ben disegnati, raccontano storie d'Italia da altre angolazioni, e alla fine danno anche dati e documenti utili a capire altre cose. Non mancano mai nella nostra libreria questi fumetti, no, avremo sempre fumetti ci casa BeccoGiallo nella nostra casa ;)
@Accadebis
Sì, è così, si riesce a capire bene una delle tragedie d'Italia, dentro la tragedia della nostra povera patria, attraverso la storia di un personaggio entrato nella Storia (e si capisce che ci sarebbe entrato anche se non fosse stato assassinato).

 
Alle 17 settembre 2019 08:02 , Blogger marcaval ha detto...

un pezzo di storia importante! Io avevo il nonno paterno importante dirigente milanese socialista morto durante una tranquilla operazione di appendicite dopodichè la famiglia scappò nel piacentino e ovviamente io non l'ho mai conosciuto.

 
Alle 25 settembre 2019 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Inquietante questa morte, come molte altre a partire da questa narrata nel libro. Capisci cosa era quel regime, cosa sono i pieni poteri.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page