domenica 7 luglio 2019

In palude con Nero Kane

NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE Psych folk / Dark blues 
DOVE ASCOLTARLO: qui oppure qui
LABEL American Primitive 
PARTICOLARITA’ Album minimale, desertico, oscuro e decadente. Un viaggio solitario alla ricerca di noi stessi. Voce e chitarra uniscono radici europee alle sonorità desertiche americane in un progetto dalle tinte scure ed emozionali. Un animo mosso da sogni malinconici e bisogno di emozioni profonde in un mondo solitario: amore, morte, decadenza e solitudine sono le tematiche affrontate in Love in A Dying World con una vena poetica e spirituale.
Registrato a Los Angeles e prodotto da Joe Cardamone, già al lavoro con artisti come James Williamson (The Stooges) e Warren Ellis. 
CITTA’ Milano 
DATA DI USCITA 30 Novembre 2018
L’INTERVISTA
Come è nato Love In A Dying World?
L’album è nato come una raccolta di brani dal taglio intimo e cantautoriale, ciascuno di essi legato dalle tematiche principali su cui si articola il disco: amore, morte, decadenza e solitudine. Tematiche che il protagonista, viaggiatore solitario nel mondo di oggi, si ritrova a raccontare con una vena poetica e spirituale. 
Perché questo titolo? Che vuol dire?

Il titolo richiama ad un bisogno di emozioni forti, profonde, reali, in un mondo in cui esse sembrano sempre di più svanire nel labile confine tra vita vissuta e vita immaginata o irrimediabilmente perduta.
Come è stata la genesi del disco, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
La genesi è stata molto naturale, ha seguito un percorso di scrittura che rientra nel mondo dei songwriters più intimi, da chitarra acustica e voce per intenderci. A un certo punto mi sono semplicemente ritorvato ad avere abbastanza materiale valido per registrare un disco che si basasse sulle tematiche, a me molto care, accennate precedentemente. La collaborazione con Joe Cardamone è nata quasi per caso una notte in cui mi scrisse perché incuriosito dalla mia musica. Dopo aver ascoltato i provini dei nuovi brani decidemmo di lavorare assieme e di registrare nel suo studio a Los Angeles.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione di Love In A Dying World?

La felicità unita anche alla tensione per essere al lavoro accanto ad un produttore e artista che ho sempre apprezzato, e la sensazione di avere una occasione unica di poterlo fare a Los Angeles, città meravigliosa. Credo infine che il deserto della California abbia profondamente influito sul sound del disco caratterizzandolo profondamente.
Se il tuo album fosse un concept-album su cosa sarebbe? … anche a posteriori?

Il mio lavoro è già definibile come concept album, e spesso gli addetti ai lavori l’hanno considerato tale. Il concept è quello del viaggio solitario alla ricerca di noi stessi, ma le tematiche sono in generale quelle care al nostro Io. L’amore, la morte, la malinconia, la solitudine ma anche la vita e la spiritualità. Tematiche ampie, infinitamente indagate da moltissimi artisti, ma sempre attuali e portanti.
C’è qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale vai più fiero dell’intero disco? … che ti piace di più fare live?
Amo molto Desert Soul e Now the Day Is Over per il loro risultato su disco e per l’atmosfera che emanano ma per intensità e immediatezza forse sceglierei Black Crows perché rappresenta un po’ tutto il mood dell’album. Non ha caso è l’opener del disco ed è stata scelta anche come primo singolo/video.
Come è stata la produzione del disco? … chi, in fase produttiva ti è stato più vicino?

Il disco è stato registrato interamente da me e da Joe Cardamone. Abbiamo lavorato a stretto contatto cercando di ricoprire tutti i ruoli possibili. Per questo abbiamo anche optato ad una produzione minimale ma suggestiva e particolare. 
Copertina particolare, dalle suggestioni cinematografiche forti. Come è nata? Chi l’autore?

La copertina è nata da uno scatto fatto nella Monument Valley in Ariziona, luogo che ho vistitato durante un tour fatto dopo la fine delle registrazioni insieme all’ artista Samantha Stella, autrice non solo dello scatto che mi ritrae in copertina ma anche del film sperimentale connesso al disco. Sia l’impatto che il luogo ha avuto su di noi, sia l’immaginario che esso emana ci sono sembrati perfetti per comunicare le atmosfere del disco. Il film, dal titolo invariato Love In A Dying World, ne è poi il percorso visivo completo.
Come presenti dal vivo il disco?

L’aspetto minimale e psichedelico del disco si ristrova anche in sede live. La voce e la chitarra sono al centro del suono, ne sono l’aspetto portante. Ad esse ho deciso di aggiungere piano elettrico e organo che dal vivo sono suonati da Samantha Stella. Presento questo lavoro sia in elettrico che in acustico e a volte il concerto è stato associato alla proiezione integrale del film. 
Altro da dichiarare?
Per tutte le informazioni relative al mi progetto potete seguire i miei canali social. Un saluto e grazie per lo spazio che avete dedicato alla mia musica.

Etichette: , , , , , , , , , , , , , ,

9 Commenti:

Alle 7 luglio 2019 12:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Nero Kane in palude in questa torrida estate, e la sua musica desertica ben si adatta.

 
Alle 7 luglio 2019 12:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Lo ascolto con le cicale che cantanto fuori dalla finestra, e il vento che raramente muove le tende, e vi assicuro è il momento giusto per ascoltarlo ... magari con un serpene che si muove sinuoso sulla polvere ... atmosfere che il disco richiama alla memoria.

 
Alle 7 luglio 2019 13:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Undici pezzi asciutti, malinconici, malati, per questo suo Love In A Dying World.

 
Alle 7 luglio 2019 13:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi ha ricordato molto certe atmosfere alla Thin White Rope, ma sono molte le influenze del giovane milanese, che ha saputo rendere bene con un suo taglio personale.

 
Alle 7 luglio 2019 13:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Non è difficile dire un pezzo preferito, è direi quasi impossibile, perché Love In A Dying World è un pezzo unico dall'inizio alla fine.

 
Alle 7 luglio 2019 13:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse Dream Dream, che sembra un classico fin dal primo ascolto, acido chitarra/voce cullanti, sognanti, come il titolo suggerisce ...

 
Alle 7 luglio 2019 13:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma anche Black Crows dall'atmosfera onirica, malinconica, da blues del deserto, voce, organo e suggestioni malate ... messa, come dice lui, all'inizio del disco, perché ben la rappresenta.

 
Alle 7 luglio 2019 13:12 , Blogger Alligatore ha detto...

... ma anche So Sad, anche Desert Soul, o Living On The Edge Of The Night. Tutto, tutto da ascoltare Nero Kane.

 
Alle 7 luglio 2019 13:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Ascoltatelo oggi.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page