mercoledì 29 maggio 2019

In palude con i Morose

NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE Cantautorato Deviato
DOVE ASCOLTARLO su spotify
LABEL Ribéss Records, Under My Bed Recordings
PARTICOLARITA’ 
 “se nella vita sognate uno sciamano a disposizione, a portata di mano”
CITTA’ Sarzana, Parma, Singapore
DATA DI USCITA 3 Maggio 2019
L’INTERVISTA
Come è nato Sopra il tetto sotto terra?
Il disco ha preso forma nel corso di un intero anno, muovendo i primi passi a gennaio 2018 per poi concludere la gestazione nel gennaio successivo. I Morose sono un duo, Davide e Pier Giorgio, da ormai un decennio e il processo creativo è rimasto sostanzialmente immutato nel tempo. E’ un disco nato da allontanamenti e ritorni, sospeso tra il seducente fascino dell’esotico e il conforto straniante dell’endotico.
Perché questo titolo? È il titolo anche di uno dei pezzi più intensi dell’album …
Il pezzo che porta il titolo dell’album è stato il primo ad essere composto e registrato. Anche la scelta del primo video tratto dal disco è ricaduta su questo brano (Sopra il tetto sotto terra). Si tratta quindi un brano e un titolo piuttosto significativi per il momento attuale del progetto Morose e in particolare modo di questo lavoro. Sopra il tetto sotto terra ha un in sé una valenza evocativa e allo stesso tempo suona come il ritornello di una filastrocca.
Come è stata la genesi del disco, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
E’ un lavoro che ha subito almeno tre fasi nel corso dell’anno nel quale è stato realizzato. La prima fase è avvenuta con il breve rientro in Italia da parte di Pier, stanziato da più di un anno nel Sud Est asiatico: il duo si è ritirato per qualche giorno nella piccola sala prove sulle colline di Lunigiana e ha composto e registrato i primi pezzi. Poi si è nuovamente diviso, pur continuando, seppur in maniera minore, a lavorare a grande distanza. Col definitivo rimpatrio avvenuto ad agosto si è infine messo in opera idee lasciate in sospeso, arrangiato brani già più strutturati e composto altro materiale, insomma si è tirato le fila e il lavoro ha preso la forma che si può ascoltare su disco.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione di Sopra il tetto sotto terra?
L’apparizione di un fulmine globulare all’interno della casa in cui facciamo le prove. Un fenomeno singolare e impressionante, che rende evidente come il luogo si trovi in mezzo a significativi campi magnetici. Per un nostro amico si tratta invece di inequivocabile manifestazione extraterrestre.
Se il vostro album fosse un concept-album su cosa sarebbe? … anche a posteriori?
La presenza e l’assenza sono conniventi, per dirla con Breton.
C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri dell’intero disco? … che vi piace di più fare live?
I brani che portiamo in concerto costituisco l’intero album e questa per noi è una novità clamorosa. In passato non è mai avvenuto o almeno non in modo così completo, quindi la cosa ci rende decisamente soddisfatti del lavoro svolto in questo senso. Dovendo citare solo un paio di titoli: Sbagliare è la cosa più giusta da fare, una sorta di anthem, un vessillo da portare in giro appuntato all’occhiello o stampato su una t-shirt, ed Emanuela pedala veloce, il brano più lungo e articolato (per i nostri standard) del disco, che troviamo particolarmente coinvolgente suonare davanti ad un pubblico.
Come è stato produrre con Ribéss Records/Under My Bed Recordings? Chi altri citare dietro le quinte? …
Conosciamo Giulio (Ribéss) e Stefano (UMB) da una vita e siamo di casa con entrambe le etichette. Entrambi ci stimano e hanno creduto in questa uscita dopo un lungo periodo nel quale il gruppo, pur continuando a suonare assieme, non ha dato alle stampe alcunché. Un sentito grazie ad entrambi.
Copertina molto particolare, surreale, che colpisce …. Come è nata? Chi l’artefice?
L’artista è Riccardo Tedoldi e collabora con noi da lunga data. Sue sono le copertine di People have ceased to ask me about you, Best regards from Hungary, La bygone era. Riccardo ci ha sottoposto alcuni suoi lavori e la serie coi particolari di volti in cornice ci ha subito intrigato e poi convinti potesse essere l’artwork giusto per il disco.
Come presentate dal vivo il disco?
Come dicevamo, il disco lo presentiamo tutto! O quasi tutto, può dipendere dalla serata. Il concerto è accompagnato con delle video proiezioni, immagini originali riprese per lo più in Asia e da vecchio materiale d’archivio rifilmato. Anche dal vivo ci presentiamo come duo: Davide alla chitarra classica e la voce, Pier alla chitarra elettrica, Mellotron, clarinetto e percussioni. Alcuni brani dal vivo accentuano e approfondiscono gli aspetti più legati all’improvvisazione e alla sperimentazione  sonora che  sono meno riscontrabili rispetto alla veste che  gli stessi hanno sul disco.
Altro da dichiarare?
Altro,
grazie.

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

10 Commenti:

Alle 29 maggio 2019 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Graditi ospiti questa sera in palude i Morose, duo di cantautorato forte ... si definiscono cantautorato deviato, ma io direi ancora di più: rock-psichedelico-surrealsurrealsita ... tante cose, tante suggestioni.

 
Alle 29 maggio 2019 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Sono in due, ma non ci credi se non leggi il libretto, e vedi: Davide Landini voce e chitarra classica, Pier Giorgio Storti, chitarra elettrica, mellotron, farfisa, violoncello, harmonium, zither, balalaika, clarinetto, suling, piano, percussioni, cori ...in una parola polistrumentista.

 
Alle 29 maggio 2019 23:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Nove pezzi belli pieni, come potete intuire, pieni di suoni, parole ... che alla fine sembra di avere ascoltato un solo lungo e intenso brano.

 
Alle 29 maggio 2019 23:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Difficile scinderlo in singoli brani, ma non impossibile ... per esempio, direi che la lunga Emanuela pedala veloce non passa di certo inosservata nei suoi otto minuti e passa di suggestioni poetiche sotto forma di parole e suoni ... con archi in evidenza.

 
Alle 29 maggio 2019 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

La title-track è poi un rock cullante e macabro da ascoltare e riascoltare ...

 
Alle 29 maggio 2019 23:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Stupenda Al banchetto della vita con un testo e un modo di cantarlo che mette i brividi ... e qui c'è solo la voce di Davide e la chitarra elettrica di Pier Giorgio ... ma solo è già molto. In coda archi devastanti rendono il pezzo ancora più importante.

 
Alle 29 maggio 2019 23:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Breve quanto ironico il piano/voce Col suo sorriso Costanza.

 
Alle 29 maggio 2019 23:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Il finale È ora (di andare via) è un brano avvolgente, con il clarinetto magico, che fa venire voglia di risentirlo.
Fatelo anche voi ...

 
Alle 30 maggio 2019 18:37 , Anonymous accadebis ha detto...

Forti, interessanti. Ma provengono da Sarzana, cioè dalla Liguria?
Un saltuone e alla prossima

 
Alle 30 maggio 2019 23:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Bazzicano quei luoghi, sì ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page