martedì 16 aprile 2019

Un fumetto sugli anni '60

Sergio Bonelli Editore, sezione Audace (fumetti più adulti, potremmo dire), continua a sfornare cose per me affascinanti in quanto a epoche e temi trattati. Come la serie Cani sciolti, della quale ho già parlato, a partire dal 2018 è uscita in edicola una nuova serie, Mister No Revolution. Solo 6 episodi (da domani, 17 aprile ci sarà il n. 5), che ho iniziato a leggere tardi (amici nerd, perché non ne avete parlato?), ma che potete recuperare anche voi cercando i primi numeri online come ho fatto io, o nelle fumetterie specializzate. Ve lo consiglio, Mister No Revolution, è la riproposizione di un noto personaggio bonelliano, spostato nel tempo, nei favolosi e combattivi anni '60.
Se il Mister No ideato Guido Nolitta (ero lo pseudonimo usato dal mitico Sergio Bonelli nelle vesti di sceneggiatore) presentava come personaggio un reduce dalla seconda guerra mondiale, Jerry Drake, detto Mister No, per la sua insofferenza alle stupide regole militari, che se ne andava in Amazzonia come pilota e avventurosa guida turistica per sfuggire alla normale vita borghese, quello della serie attuale è un reduce della guerra del Vietnam. Nei primi due episodi lo vediamo muoversi nella sporca guerra: prima cercando di evitarla, dopo, in seguito a un dramma d'amore, ci si ritrova invece invischiato in mezzo. Ci sono scene crude, scene che abbiamo visto in molti viet-movie, ma che val la pena di ricordare.
Poi c'è il ritorno a casa, vivo, ma con un amici morti, altri senza gambe. Si trova a San Francisco, quella dell'Summer of Love, quella della contestazione, dei diritti delle minoranze, del No War. Qui vive un'intensa storia d'amore con la sorella dell'amico rimasto in carrozzella. Bella donna di colore, gli trova un lavoro come cameriere in un locale di Castro Street, noto quartiere gay.
Farà poi la conoscenza con alcuni militanti delle Black Panthers, le Pantere Nere, movimento rivoluzionario di lotta per l'emancipazione degli afroamericani. Come il primo Mister No, anche questo è un pilota di aerei da turismo, e lo vediamo in azione in Messico, dove si chiude drammaticamente il quarto episodio. Cosa farà ora negli ultimi due? Ovviamente sono curioso.
Molte avventure, molte scene mitiche, prese dalla storia, dal cinema, dalla musica. Un periodo che ben conosciamo per essere stato molte volte rappresentato in tanti cult-movie, ma che non perde il suo fascino e motivo di interesse. Il fumetto è a colori, scelta originale e coraggiosa se pensiamo che spesso sono in bianco e nero i seriali Bonelli.  Michele Masiero è l'ideatore, soggettista/sceneggiatore mentre ai disegni si sono alternati Matteo Cremona e Alessio Avallone. Le stupende copertine sono di Emiliano Mammuccari, anche direttore artistico della serie.
N. 5 in edicola dal 17 aprile 2019

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

11 Commenti:

Alle 17 aprile 2019 07:55 , Blogger Lucien ha detto...

Bellissimo! Li vado a cercare...
Sono un vecchio fan (da qualche parte devo ancora avere i primi 100 numeri).

 
Alle 17 aprile 2019 08:13 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Altra proposta molto interessante.
Sereno giorno.

 
Alle 17 aprile 2019 09:39 , Blogger Alligatore ha detto...

@Lucien
Io lo conoscevo ma non l'avevo mai letto, e me ne dispiace. Da quello che ho capito, dovrebbe ripartire, dopo questi primi 6 numeri, una nuova serie.
@Cavaliere oscuro del web
Sì, decisamente sì.
Grazie, buona giornata anche a te.

 
Alle 17 aprile 2019 10:01 , Blogger Riccardo Giannini ha detto...

Sono andato a vedere il vecchio mister No.
Direi che graficamente hanno fatto un ottimo lavoro, innovando il personaggio senza snaturarlo.

 
Alle 17 aprile 2019 12:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Sicuramente Riccardo, sicuramente ... credo che abbia gli stessi pensieri, la stessa filosofia di vita, spostati nel tempo, e anche graficamente ci siano delle evidenti somoglianze.

 
Alle 17 aprile 2019 18:52 , Blogger Nella Crosiglia ha detto...

Mi vergogno Alligatore mio, ma pur conoscendo Bonelli ( e come si fa a non apprezzarlo!!!) non ho mai letto un suo fumetto. Grande mancanza lo so, ma quante cose mi mancano...
Dovrei mettermi in pari, perchè solo vedendo le tue illustrazioni, ammiro molto l'arte di questo personaggio e l'ambientazione dove si svolge.
Chissà non sia la volta buona..
Un felice Pasqua per te e Alli.

 
Alle 17 aprile 2019 19:00 , Blogger Simona [Ciccola] ha detto...

Bello!! Per mancanza di spazio mi conviene stare lontana da ogni genere di acquisto ma questo è davvero molto bello.

 
Alle 17 aprile 2019 20:20 , Blogger Alligatore ha detto...

@Nella
Non si può leggere tutto, non si può... da un altro amico blogger dicevo di non aver mai letto Diabolik, anche se lo conosco e credo mi piacerebbe, così posso credere e capire quello che dici. Comunque, se ti capita tra le mani, te lo consiglio, come consiglio spassionatamente Cani sciolti sul '68 italiano e tutto quello che gli gira attorno. Grazie, buone feste (senza agnellini nei piatti) anche a te.
@Simona
Questo fumetto dura solo 6 numeri, e credo ci starebbe anche in una casa piccolina, ma se non riesci e lo trovi magari in biblioteca, te lo consiglio (c'è anche il Vietnam, anche se non un Viet turistico, ma quello della sporca guerra amerikana).

 
Alle 18 aprile 2019 11:17 , Anonymous accadebis ha detto...

Me lo ricordo bene e una delle foto che hai postato (i due ragazzi che si stringono e camminano per strada sulla neve) rievoca la famosa copertina di The Freewheelin' dove si vede Bob Dylan con la sua prima fidanzata dell'epoca, l'italo americana Suze Rotolo con cui, per quel che si sa, Dylan ebbe un legame molto forte. Bello questo post, perché riporta qualcosa di storico all'attenzione di tutti
Un saltuone e alla prossima

 
Alle 18 aprile 2019 17:58 , Blogger Elle ha detto...

E di nuovo io ho cercato di snobbare la tua nuova "fissa" per un nuovo fumetto, e di nuovo ho letto "per caso" il terzo numero, poi i primi due, poi il quarto e adesso quando esce il quinto?!?!? E sono solo sei in tutto?!?!?!

 
Alle 18 aprile 2019 20:26 , Blogger Alligatore ha detto...

@Accadebis
Grazie, grazie,per i complimenti ... e ovviamente ci hai beccato in pieno (memoraibile quella copertina, come del resto, quella dei Velvet Undegrond and Nico, con la famosa banana di Andy Warhol).
@Elle
Uscito ieri il quarto numero, lo prendo domani nell'edicola che di solito ha tutto e lo leggeremo insieme 😎.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page