giovedì 9 agosto 2018

In palude con i LtG LeadtoGold

NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE elettronica, trip-hop, rock
DOVE ASCOLTARLO qui
LABEL autoproduzione
PARTICOLARITA’
CITTA’ Augusta
DATA DI USCITA 27.4.2018
L’INTERVISTA
Come è nato questo vostro ep d’esordio?
Il disco nasce dalla volontà di mettere “nero su bianco” ciò che i LeadtoGold sono stati fino a questo momento. Volevamo fotografare l’attimo. 
Perché nessun titolo? … per dire, noi siamo le nostre canzoni?
In realtà un titolo c’è ed è I, può essere letto sia come “primo” (come numero romano) che come I all’inglese (“Io”), ma concordiamo sul fatto che il titolo del disco potrebbe essere benissimo “LeadtoGold”. Nome che nasce dal concetto dell’accidia e da una miniatura medievale che rappresentava un alchimista intento a trasformare il piombo in oro. 
Come è stata la genesi del disco, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Il lavoro sul disco, a partire dalla sua genesi fino alla realizzazione finale, è stato lungo e travagliato, forte era la tentazione di intitolarlo “First Born”, inteso come primogenito, è stato come una gravidanza, durata anche più di nove mesi. 
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione dell’album?
Il disco parla molto di sesso e ha un attitude erotico, quindi non possiamo parlare degli episodi durante la lavorazione del disco. 
Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tolgo il fosse?
In realtà il disco non è stato concepito a priori come un concept. C’erano degli spunti che ci ispiravano in fase di scrittura, soprattutto derivanti dalle nostre letture o dal cinema, possiamo però dire di esserci accorti a lavoro finito della quadratura del lavoro nel suo complesso. 
C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri dell’intero ep? … che vi piace di più fare live?
Where’d You Run è stato il primo pezzo scritto sotto il nome LeadtoGold, quindi probabilmete è uno di quelli a cui siamo più legati.
Come è stato produrre questo disco? Chi avete avuto più vicino, dal punto di vista produttivo?
Il lavoro di produzione del disco è stato un processo lungo e per certi versi formativo; è stato interamente prodotto e registrato da noi (ad eccezione del master che è stato curato da Andrea Suriani della ALPHa dept.). Abbiamo sempre cercato di essere autosufficienti in tutto e siamo maniacalmente legati al nostro lavoro, questo ci ha portato a studiare, a capire di registrazione, produzione e mixing. Possiamo dire di essere soddisfatti del lavoro fatto e di sentirci cresciuti rispetto all’EP d’esordio.
Copertina molto misteriosa e strana, surreale e macabra come un film di Garrone ... chi l’ha fatta e pensata così?
L’idea della copertina nasce da un fortuito incontro con Paolo Longhitano, proprietario di una boutique nel corso principale di Taormina. Tra noi è stato amore a prima vista, lui è riuscito a cogliere il nostro intento e il nostro messaggio e insieme siamo arrivati a concepire l’immagine in copertina. Una donna matura, fasciata in bende post-operatorie, con una flebo nel braccio e un’alziera piena di occhi. Siamo scrutati, soggetti a pressioni sociali, rincorriamo un concetto di perfezione estetica e non accettiamo il tempo che passa. Il disco racconta senza filtri le nostre pieghe più oscure, quelle mai rivelate.
Come presentate dal vivo il disco?
La nostra formazione live vede Sergio alla batteria e ai sample, Sebastiano chitarra elettrica e voce e Giulia tastiera e voce. A prescindere dalla mera formazione il nostro obiettivo è presentare il disco dal vivo in modo quanto più fedele possibile, sia a livello di arrangiamenti che a livello di messaggio. Il live è a tratti arrabbiato, inquieto, frenetico, lento e sensuale.
Altro da dichiarare?

Etichette: , , , , , , , , , , ,

11 Commenti:

Alle 9 agosto 2018 00:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran bel disco d'esordio, fa molto piacere ospitare anche questa band in palude.

 
Alle 9 agosto 2018 00:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Un disco di suadente elettronica, questo I, che convince dall'inizio alla fine.

 
Alle 9 agosto 2018 00:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Convince per Millionaire, sensuale, lenta, elettronica, che esplode nella testa, ma anche per 2,57, giocattolosa, corale, elettro-pop malinconica e ironica.

 
Alle 9 agosto 2018 00:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Convince per Come, tanto ritmica quanto liquida, con una gran partecipazione, una gran vibra e tanta emozione, ma anche per Ebony, chitarra intensa, andamento lento, un organetto magico a creare una vera atmosfera dark. cantato sensuale.

 
Alle 9 agosto 2018 00:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Potrei dire anche per Room 101, ipnotico pezzo vario, tra il pop psichedelico e l'elettronica di confine, ma anche bobjohn, ironica/elettronica danzereccia, cantata a due voci.

 
Alle 9 agosto 2018 00:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Fino ad arrivare a Eurotrash, forse vertice del cd, nel suo essere pompante, torbido, sensuale, duro elettro-rock inflessibile.

 
Alle 9 agosto 2018 00:06 , Blogger Alligatore ha detto...

E che dire di Who get around? ...

 
Alle 9 agosto 2018 00:06 , Blogger Alligatore ha detto...

... lenta, inesorabile, con piano elettrico incantevole, ritmo, coralità, la tromba, l'organo, un incrociasi magico di suoni, strumenti, malinconie, versi, gran finale di un disco magnifico.

 
Alle 9 agosto 2018 00:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Complimenti LtG e alla prossima.

 
Alle 10 agosto 2018 20:48 , Blogger marcaval ha detto...

Copertina bellissima

 
Alle 11 agosto 2018 08:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, veramente deliziosa, e nell'intervista spiegano bene il perché.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page