martedì 20 settembre 2016

Daunbailò ... trent'anni dopo

Tom Waits, Roberto Benigni e John Lurie, diretti da Jim Jarmusch, un film incredibile uscito trent'anni fa negli Usa (era stato a Cannes nel maggio precedente, acclamato da critica e pubblico) ... sembra ieri che andavo al cineclub Corso d'essai (chiuso da anni) con mio fratello (lui l'aveva già visto, ma ci accompagnò volentieri). Daunbailò, genialmente tradotto così in italiano per volere di Benigni, come si pronuncia il titolo originale Down by
Law. Bianco e nero d'autore del wendersiano Robby Müller, uscito solo in lingua originale con sottotitoli, per me è la rappresentazione del vero cinema d'autore. L'allora trentatreenne Jim Jarmusch aveva all'attivo solo due film, Tom Waits era già un cantautore di culto, con alcune partecipazioni a cult-movie, ma mai così protagonista, John Lurie un jazzista quotato, già nella precedente pellicola di Jarmusch, Stranger than Paradise. E Benigni, che dire di Benigni? In Italia era già conosciutissimo, il nuovo comico italiano sbarcava per la prima volta in Usa, recitando in un inglese divertentissimo. Trovatosi in carcere con gli altri due non si sa bene il perché, guida la rocambolesca fuga nelle paludi della Louisiana infestate di alligatori, che li porterà in una casa abitata da una ragazza della quale l'italiano s'innamora (è la futura moglie Nicoletta Braschi: indimenticabile il ballo stretto tra i due, sotto lo sguardo ironico di Waits e Lurie). Una favola dark che mi piacerebbe tanto rivedere oggi. E voi, non l'avete mai visto Daunbailò

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

14 Commenti:

Alle 20 settembre 2016 10:23 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Una perla e speriamo di rivederlo presto anche in tv.
Saluti a presto

 
Alle 20 settembre 2016 10:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, meriterebbe di ritornare anche sul Grande Schermo.
Alla prossima.

 
Alle 20 settembre 2016 13:23 , Blogger Berica ha detto...

da Daunbailò a turncoat

 
Alle 20 settembre 2016 14:52 , Blogger Cri ha detto...

Trent'anni?! In effetti me lo ricordo praticamente sempre esistito...Che filmone :)

 
Alle 20 settembre 2016 18:30 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Il mio film preferito!! L'ho visto centinaia di volte! Anzi, quasi quasi stasera me lo rivedo.

 
Alle 20 settembre 2016 18:32 , Blogger amanda ha detto...

I scream, you scream, we all scream for ice cream

 
Alle 20 settembre 2016 18:53 , Blogger Alligatore ha detto...

@Berica
Fosse solo lui ... comunque resta un gran film e il Benigni prima maniera mi piaceva molto.
@Cri
Sì, ogni tanto cerco i miei cult e vedo quando sono uscito (questo ero un ragazzino).
@Silvia
Pure io l'ho visto un sacco di volte, e se non è il mio film preferito(forse non ne ho uno), è sicuramente uno dei miei ...
Amanda
Memorabile e trascinante quella scena ...

 
Alle 20 settembre 2016 19:37 , Blogger Roberto Paglia ha detto...

Stupendo. Parlando di Benigni, quello che preferisco è in questo film.

 
Alle 20 settembre 2016 21:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Pure io.

 
Alle 21 settembre 2016 18:15 , Blogger Vera ha detto...

No mai visto, che bello così, lo cerco e me lo godo :)

 
Alle 21 settembre 2016 19:37 , Blogger Simona [Ciccola] ha detto...

...Sai che forse non l'ho mai visto? Mumble mumble. Possibile?

 
Alle 21 settembre 2016 21:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Vera e Ciccola, spero lo recuperiate presto. É ora :)

 
Alle 26 settembre 2016 22:51 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Alli, io per un po' l'ho usato come test per i possibili fidanzati: se Daunbailò non gli piaceva non era l'uomo per me.

 
Alle 26 settembre 2016 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, interessante prova Jarmush ne sarebbe contento.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page