sabato 20 agosto 2016

In palude con Mud


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE: folk-pop
DOVE ASCOLTARLO: su soundcloud
LABEL: IRMA Records

PARTICOLARITA’: Il brano “Metti che un giorno ti svegli” ha vinto il premio “Voci per la Libertà” di Amnesty International nel 2014. Hanno collaborato alla realizzazione: Marco Malavasi nella produzione; alle chitarre Enrico Zapparoli (chitarre in “Il tempo che verrà” e in “D'amore e di fango”) ed Elia Garutti (chitarre in “Quando sarà sera” e interventi slide guitar in “Hanno trovato un uomo”); Franco Manco è co-autore del brano “D'amore e di fango”
SITO O FB DEL GRUPPO: www.mudworld.it     www.facebook.com/mudworldmusic
CITTA’: Lungo il grande fiume
DATA DI USCITA: 2015 

L’INTERVISTA
Come è nata questa tua collaborazione con Mi sento Indie?
Nella primavera del 2015, dopo aver vinto il premio di Amnesty International Voci per la libertà ed aver ultimato il master dell'album, ho cercato una struttura che mi supportasse nell'uscita dell'album. IRMA Records, in quel momento stava costruendo l'embrione di quello che poi sarebbe diventato il progetto Mi sento indie. Il mio album è piaciuto a chi stava facendo la selezione dei progetti da inserire e mi è sembrata una buona opportunità da cogliere. Soprattutto nell'idea di cercare modi nuovi per veicolare la musica indipendente (in questo caso in collaborazione con la rete di Radio Coop e con il MEI) in un momento in cui le strade tradizionali sembrano più complicate di un tempo.
Le 5 canzoni del disco sono state “selezionate” dall’album D’amore e di fango. Come e da chi, questa selezione?
La selezione è stata fatta in collaborazione fra me e chi si è occupato della parte discografica. Ho dialogato con Luca Parizzi di Radio coop cercando di trovare una linea che riuscisse a sintetizzare nei 5 pezzi lo spirito dell'album intero: un progetto fondamentalmente acustico per un album leggero nelle sonorità ma profondo nei contenuti. Sono canzoni che raccontano di quanto anche nella quotidianità si possano trovare gli elementi per vivere i grandi ideali e i grandi sogni che ognuno di noi ha dentro di sé.
Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
I brani sono nati chitarra e voce. La mia intenzione era quella di entrare in un mondo nuovo e totalmente altro rispetto all'esperienza legata alla band rock; in cui poter sperimentare un'intimità diversa, poter ritrovare una nuova essenzialità, sia nei temi che nella musica. Dopodiché ho lavorato molto sulla ricerca di arrangiamenti essenziali che mantenessero al centro la voce e la chitarra acustica. Gli arrangiamenti di chitarra dovevano consentire ai brani di ”stare in piedi”, come si suol dire, anche senza altri strumenti. Con un proprio groove, melodie e accordi semplici ma non banali, che potessero mantenere viva l'attenzione durante tutto il brano. Da lì, insieme a Marco Malavasi di Sonic Design, che ha curato la produzione in studio, abbiamo cercato i suoni giusti e aggiunto piccoli interventi di percussioni o altri strumenti ma solo dove  ne sentissimo la necessità.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?
Sicuramente la nascita del brano D'amore e di fango. Avevo in mente che quello dovesse essere il titolo dell'album in cui volevo ci fosse un riferimento al nome del progetto (Mud in inglese significa fango); che facesse capire subito che l'album parlava di come per vivere in pieno le proprie passioni sia necessario “sporcarsi le mani” di vita vissuta e non stare a guardare alla finestra. Ma non c'era un brano né che avesse quel titolo né che avesse quelle parole nel testo! Allora, nello spirito dell'album, cioè di tornare alle cose essenziali e importanti della vita, ho pensato di coinvolgere alcuni amici nella scrittura e nella registrazione del brano. Franco Manco con cui ho suonato per anni e che da qualche tempo ha iniziato a scrivere come autore per nomi di livello nazionale ha accettato subito di scrivere con me testo e musica. Dopodiché ho chiesto ad Enrico Zapparoli (che oltre ad essere un caro amico è, a mio avviso, uno dei migliori chitarristi rock in Italia) una mano nella registrazione delle acustiche ed anche lui con molto entusiasmo mi ha regalato delle chitarre bellissime! Il brano che dà il titolo all'album ho voluto che fosse un po' il riassunto delle cose belle che avevo vissuto fino a quel momento in musica; fatto insieme ad alcune delle persone con cui avevo condiviso quel cammino.
Come hai presentato la tua musica dal vivo? Come è stata diffusa all’interno del progetto?
Dal vivo, fino ad oggi, ho costruito i miei live mantenendo l'idea della essenzialità. Una voce, una chitarra e poco più. La maggior parte delle volte utilizzando una loopstation, altre volte usando delle drum machine per rinforzare un po' l'impatto sonoro (soprattutto su palchi più grandi). Negli ultimi mesi ho iniziato a provare situazioni in duo. Sto ragionando su collaborazioni che possano dare un tocco particolare al progetto anche dal vivo. Magari “sporcandosi” (anche qui) con altri generi o sonorità, senza paura di portare, dal vivo, un'esperienza diversa da quella più intima che l'ascoltatore può vivere ascoltando l'album.
Ad oggi all'interno del progetto Mi sento indie le nostre canzoni hanno avuto soprattutto una diffusione legata al circuito di Radio coop. La parte live abbiamo continuato a seguirla singolarmente ognuno di noi. Il progetto sta prendendo corpo in tutti suoi aspetti un poco alla volta, come tutti i progetti che provano a costruire strade nuove e confido che nei prossimi mesi anche sul versante del live ci possano essere nuove prospettive!
Ritieni un’esperienza positiva quella di Mi sento Indie? Ti ha dato più visibilità?
L'esperienza di Mi sento indie è sicuramente un'esperienza positiva nel mio caso! IRMA Records e Radiocoop hanno deciso di promuovere un progetto appena nato, dando fiducia semplicemente alla musica che sentivano, senza aver bisogno di essere “amici” di qualcuno o “vicini” a chicchesia. In Italia questo non è per nulla scontato! Già per questo io penso che il progetto Mi sento indie abbia fatto un'operazione importante. Sicuramente non semplice e nemmeno a breve termine. Sarà un progetto che potrà vedere risultati importanti solamente se riuscirà a darsi dei tempi medi e facendo continuamente i passettini giusti per svilupparsi. I presupposti ci sono e penso che anche noi come musicisti, con il nostro continuo lavoro, portando la nostra musica in giro, partecipando a Festival e concorsi in giro per l'Italia, stiamo aiutando il progetto ad avere gambe sempre più forti.
Aspetti positivi e aspetti negativi del progetto … cosa miglioreresti?
Fino ad oggi tutte le energie sono state spese per promuovere il progetto Mi sento indie nel suo complesso, per dare visibilità all'insieme degli artisti e al progetto che li ha riuniti. E' stato un momento necessario e probabilmente non ancora finito. Penso che un passo ulteriore su cui ci sarà da lavorare nei prossimi mesi potrà essere quello di costruire dei percorsi su ogni singolo artista. Avendo fatto la scelta (anche qui molto ambiziosa e di grande coraggio!) di scegliere progetti provenienti da generi diversi, penso che sarà importante costruire attorno ad ogni artista (o gruppi di artisti omogenei) dei percorsi di comunicazione e promozione ad hoc per rinforzare ancora di più la solidità del progetto!
Progetti futuri?
Fin dal nome MUD ho voluto che fosse presente l'idea che questo progetto non fosse relegato alla sola lingua italiana. E, nell'idea del mescolamento del fango, nemmeno legato a sonorità immutabili. Sto scrivendo i brani di un prossimo lavoro in italiano su cui spero di poter iniziare a lavorare già nel prossimo inverno, magari trovando altre collaborazioni che aprano nuove contaminazioni. Nel frattempo, però, fra un live e l'altro ho lavorato, sempre con Marco Malavasi, per la realizzazione di un Ep che conterrà alcune canzoni che avevo nel cassetto scritte inglese in cui abbiamo già provato a sperimentare nuove sonorità. Ogni lingua ha i suoi suoni, apre a melodie diverse e mi piace provare a seguire i mondi musicali che ne nascono. 
SUL PALCO DI VOCI PER LA LIBERTA'

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

5 Commenti:

Alle 20 agosto 2016 00:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Un progetto a me molto caro questo di MI SENTO INDIE, perché decisamente in linea con quanto fatto su questo blog, cioè un fiancheggiamento della musica delle indie italiche.

 
Alle 20 agosto 2016 00:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Detto questo un bravo a Mud, già passato in palude con i Terzobinario, e vincitore del Premio Amnesty International emergenti 2014 (un premio al quale sono legato, avendo fatto parte della giuria nelle prime edizioni).

 
Alle 20 agosto 2016 00:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Quindi Mud è a pieno titolo qui, in palude, a presentare il suo disco per MI SENTO INDIE, cinque pezzi per presentare la sua musica. Tutte canzoni da ascoltare, un pop-rock cantautorale con l'impegno della scuola classica.

 
Alle 20 agosto 2016 00:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Difficile dire un titolo, rispetto ad un altro. Potrei dire Metti che un giorno ti svegli, (è il pezzo vincitore del Premio Amnesty), soave voce/chitarra con un testo da mandare a memoria, che mette i piedi nel piatto nel "discorso" immigrati, e lo fa in modo apprezzabile (da la sveglia). Poi sicuramente Un punto dentro all'universo, che sembra un brano spensierato da cantautori folk-rock anni '70 (De Gregori o Dalla, fate voi). Poi dico Centro o periferia rap divertente, che resta subito impresso nella mente.

 
Alle 20 agosto 2016 00:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Non sono solo canzonette, provate ad ascoltarlo, come tutti i progetti targati MI SENTO INDIE.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page