domenica 15 maggio 2016

Cecità


Che gonfiore, che gonfiore,
rosso come un gambero, è
impossibile non toccarsi, io
non resisto.

A toccarsi si diventa ciechi,
dicevano ‘na volta ai bambini
forse avevan ragione.

Io non riesco proprio a non
toccarlo, mi prude troppo,
impossibile star fermo con
le mani.

A toccarsi si diventa ciechi,
dicevano ‘na volta ai bambini
forse avevan ragione.

Anche il dottore me l’aveva detto:
Alligatore non si tocchi, rischia di
diventare “cieco” da tutti e due gli
occhi.

A toccarsi si diventa ciechi,
dicevano ‘na volta ai bambini
forse avevano ragione.

Io non ho resistito, mi sono
grattato, ho toccato l’occhio
malato, e poi il sano, e la
congiuntivite l’ha preso.

A toccarsi si diventa ciechi,
dicevano ‘na volta ai bambini
avevano ragione, purtroppo.

Etichette: , , , , , , , , , ,

17 Commenti:

Alle 15 maggio 2016 11:20 , Blogger amanda ha detto...

ma cavoli è passato un bel po' di tempo da quando avevi l'altro occhio malato. Ti ha visto l'oculista o solo il tuo medico? scusa ma la deformazione professionale ha il sopravvento

 
Alle 15 maggio 2016 11:35 , Blogger Kylie ha detto...

Ci mancava anche questa.

Bacio e buona domenica.

 
Alle 15 maggio 2016 11:58 , Blogger ReAnto R ha detto...

Non è vero.... ahahahahaha!!

 
Alle 15 maggio 2016 13:05 , Blogger Alligatore ha detto...

@Amanda
Non voglio ti preoccupi, sono guarito da un paio di settimane, forse tre, ma questi versacci ho tardato a pubblicarli (li avevo scritti su di un pezzo di carta, e riportati su pc solo ieri). Ma è stata lunga, più di un mese, la tosse di aprile e il catarro tutto in giro per il corpo. Con questo tempo, qui al nord (fa schifo pure oggi), è dura.
@Kyl
Già!
@reAnto
Non è vero? ... coscia?

 
Alle 15 maggio 2016 13:39 , Blogger Elle ha detto...

Non toccarlo che si gonfia, avrei detto io...

 
Alle 15 maggio 2016 13:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Tu sì che sei un medico, altro che el dotor ;)

 
Alle 15 maggio 2016 21:00 , Blogger Nella Crosiglia ha detto...

Alligatore che ti posso dire, due risate prima di cena le apprezzo moltissimo e tu me le hai fatte fare...Grazie..
Abbraccione sopra la cintura....

 
Alle 15 maggio 2016 21:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Nella, mi fa piacere che tu abbia capito l'ironia, più o meno fine dei miei versacci :)
Grazie ...

 
Alle 16 maggio 2016 11:09 , Blogger bibliomatilda ha detto...

Ahahahahah, All, le poesie, come le preghiere, dicono aiutino ad allontanare il male... ma quale?

 
Alle 16 maggio 2016 13:03 , Blogger Serena S. Madhouse ha detto...

ahahahha dovresti sentire uno dei vecchi pezzi di Joe Natta e Nonna Rolanda!! ahahha comunque apparte le risate dementi mi dispiace e spero che ti passi alla svelta, per fortuna non ho mai avuto una congiuntivite ma forse compenso con miopia e astigmatismo, quelli son cronici e senza lenti sono proprio cea! si vede che anch'io non ho dato retta al dottore..ihihihih

 
Alle 16 maggio 2016 14:00 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Ma per questo non siete venuti a Torino? Guarda che io mi sono presa un mal di testa che non mi è ancora passato dopo due giorni. Non vi siete persi niente, se non una gran sfacchinata!

 
Alle 16 maggio 2016 16:03 , Blogger Alligatore ha detto...

@Bibliomatilda
Be', spero tengano lontano il male all'occhio (malocchio, ora capisco da dove deriva), perché è stato davvero insopportabile. E spero bastino le poesie, perché io non prego ...
@Serena
Ah, ah, ah, la congiuntivite è una brutta cosa, non puoi fare nulla, e alla mattina ti svegli con le ciglia tutte incollate, stile horror. Per fortuna io, normalmente, ci vedo bene e (cinema a parte) non porto gli occhiali.
@Silvia Pareschi
No, la congiuntivite l'ho passata qualche settimana fa, allora non scrivevo al pc, ma su carta, e ho riportato i versacci di quei giorni al pc solo ora. Per Torino abbiamo deciso di non venire, perché vogliamo una presentazione del tuo libro più intima e rilassata. Alla fin fine capisco che abbiamo deciso per il meglio ...

 
Alle 16 maggio 2016 19:54 , Blogger francesca ha detto...

Ah come ti capisco caro Ally, difficile non toccarsi( gli occhi naturalmente).
Io ho trascorso un mese tra collirio e sfregamento continuo degli occhi, sembravo una vampira con gli occhi costantemente insaguinati, anche a me adesso va meglio ma i pollini e questa umidità di certo non aiuta. In compenso mi aiutano gli occhiali da sole, che piova o c'è sole, da mattina a sera finchè non diventa buio :)

 
Alle 16 maggio 2016 20:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Veramente Francesca, chi non è stato colpito non può capire, è veramente una gran seccatura. Non è stato doloroso (almeno per me), ma bruttissimo. La sensazione di avere una cosa bruttissima negli occhi, e la paura che non ti lascerà più. Ma alla fine si guarisce (collirio con l'antibiotico per 10 giorni, tre volte al giorno, se non ricordo male), e camomilla per aprire gli occhi la mattina (la cosa peggiore in assoluto, svegliarsi con gli occhi incollati). Quanto agli occhiali scuri, è difficile esca senza (vuol dire che me li sono dimenticati). Auguri ... a tutti noi (con questo clima).

p.s. Sì, impossibile non toccarsi (gli occhi).

 
Alle 17 maggio 2016 09:48 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Più intima e rilassata... tipo con un bicchiere di vino sul mio balcone? ;-)

 
Alle 17 maggio 2016 17:33 , Blogger Ernest ha detto...

mamma mia solo a leggere mi viene da toccare :-)

 
Alle 17 maggio 2016 21:09 , Blogger Alligatore ha detto...

@Silvia
... bella idea, basta solo organizzarla :)
@Ernst
Vedi, è veramente contagiosa questa malattia ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page