sabato 9 aprile 2016

In palude con Wu Ming Contingent


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE: post-punk, spoken word, rock
DOVE ASCOLTARLO (in parte o tutto): https://play.spotify.com/album/3taalVgfd5tur8lgqgKpLm
LABEL: WoodWorm Label
SITO O FB DEL GRUPPO:
CITTA’: Bologna
DATA DI USCITA: 12-02-2016

L’INTERVISTA
Com’è nato Schegge di Shrapnel?
(WM2) Come sai, la band è legata a doppio filo con il collettivo di scrittori Wu Ming. Nell'aprile dello scorso anno, in occasione di un concerto a Berlino, la Freie Universität ci ha chiesto di tenere una conferenza sul nostro lavoro di romanzieri. In quel periodo stavamo scrivendo un libro, L’invisibile Ovunque, uscito poi sette mesi più tardi e ambientato durante la Prima guerra mondiale.
Visto che avevamo con noi strumenti e musicisti, abbiamo pensato di dedicare una parte della "lezione" a una lettura-concerto dei documenti d’archivio che ci hanno ispirato. Lettere di disertori, poesie, cartelle cliniche di soldati impazziti, carte di processi per insubordinazione, testimonianze di abusi da parte di ufficiali, pagine di diario.
Rientrati a Bologna, ci siamo accorti che quel materiale non ci lasciava più: in sala prove, per quanto tentassimo di concentrarci su altri pezzi, le schegge di shrapnel tornavano a mitragliarci, ci trovavamo a riprenderle, a rimaneggiarle e a trascurare il resto.
Così abbiamo deciso di mettere da parte l'altro disco che avevamo in mente e di dedicarci alla stesura di questo.
Perché questo titolo? … un titolo decisamente forte.
(Cesare Ferioli) Il perché è di tipo simbolico e sta nel fatto che in primis i testi sono schegge, frammenti di esperienze. Shrapnel invece perché l’immagine di questo ordigno esplosivo a frammentazione riporta alla mente la prima guerra mondiale e concettualmente rappresenta la deflagrazione dell’Europa di quegli anni nonché delle generazioni che la vissero e combatterono.
Come è stata la genesi dell’album, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
(Cesare Ferioli) Dopo la fase iniziale di creazione delle linee musicali per sonorizzare i testi presentati alla conferenza di Berlino di cui ti accennavamo prima, dove abbiamo in buona parte improvvisato direttamente sul palco dandoci degli obbligati ma lasciando al flusso emotivo lo scorrere di musica e parole, siamo passati a limare e sviluppare più approfonditamente i temi e i fraseggi, ad arrangiare meglio e più finemente i brani. Comunque non siamo arrivati in studio con i brani chiusi e finiti, anzi.
La fase di definizione assoluta del materiale è avvenuta proprio in studio, tanto che il primo paio di giorni di sessioni notammo un’espressione smarrita negli occhi del nostro produttore Andrea Marmorini che non stava capendo fino in fondo che cosa stava succedendo, come stavamo procedendo artisticamente sulle tracce.
Mentre con Bioscop siamo arrivati in studio con i brani già chiusi ed arrangiati con Schegge di Shrapnel ci siamo abbandonati ad un flusso creativo legato anche all’istante in cui nascevano spontaneamente le cose, in cui sorgevano idee, ci sono molte parti pianificate ma molti altri spazi sonori sono frutto di improvvisazioni momentanee e condivisioni creative decise collettivamente all’ultimo minuto prima di registrare la take.
Al terzo giorno Andrea era più rilassato entrando anche lui in questa modalità, il risultato lo potete sentire nell’album, le metriche delle song non sono così schematiche come nel disco precedente, il motivo sta proprio nel procedimento di produzione che ci ha completamente coinvolto e che abbiamo sentito come più naturale. Abbiamo vissuto lo studio di registrazione come laboratorio e non più solo come “fabbrica del disco”.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?
(Cesare Ferioli) Uno su tutti, fratello Rick (ex WM5) che si sintonizza con il flusso di onde cosmiche attraverso la meditazione, pochi attimi prima della lavorazione delle chitarre ambient di Maquillage.
Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tiro via il “fosse”, inevitabile.
(WM2) Il tema dell'album è la fuga dalla guerra, il rifiuto di un destino segnato. I testi raccontano di disertori e renitenti, poeti che denunciarono le menzogne patriottiche, folli che si fecero beffe di proiettili e granate.
C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di Schegge di Shrapnel? … che vi piace di più fare live?
(Yu Guerra) Vorrei risponderti facendo una valutazione sulla mia "preferenza" da una angolazione diversa che sono certo, nella sostanza, risponde alla tua domanda.
Non sono personalmente affezionato ad un brano o ad un testo in particolare, ma all’alchimia che la musica e le parole hanno prodotto come risultato complessivo del lavoro. La narrazione che tecnicamente viene definita reading, assume connotazioni di illustrazione visiva drammatica, poetica , vivida, quindi diventando "cosa altra" dal recitare un racconto su una base musicale.
I momenti poetici e quelli raccontati dal personale punto di vista di chi con la tragedia della Grande Guerra ha purtroppo dovuto fare i conti, si intrecciano tra di loro, mai regolari e paradossalmente giusti nello spazio e nel tempo in un tutt'uno con la musica. Tutto ciò di fatto indica e probabilmente costringe l'ascoltatore a usufruire di Schegge di Shrapnel come si potrebbe fare con la lettura di un libro, cioè iniziando dal principio è arrivando alla fine, senza saltare pagine e/o capitoli, perché la narrazione e il suo compimento si completano solo in questo modo. In sintesi, vorrei che questa intervista aiuti gli interessati al disco ad avere un motivo in più per ascoltarlo.
Il cd è uscito con Woodworm, in varie versioni, anche lp trasparente … altre cose da sapere sulla produzione e commercializzazione del prodotto?
(Cesare Ferioli) Teniamo a far notare, per chi non avesse i credits del disco sotto mano, che Andrea Marmorini è il produttore artistico e tecnico del disco per conto della Woodworm. Ci ha lasciato totalmente mano libera durante le registrazioni aiutando e collaborando a trovare le soluzioni giuste che alle volte descrivevamo quasi a gesti, un grande aiuto materiale in momenti in cui le idee sono fuggevoli e c’è bisogno di lavorare in fretta. Vogliamo citare anche Iacopo Gradassi il grafico con cui abbiamo interagito per il lato visual del disco più o meno nella stessa maniera. Insomma, un lavoro collettivo di grande empatia anche grazie a loro, Woodworm compresa.
Copertina di forte impatto. Come e stata scelta e chi è l’autore?
(WM2) L'immagine è la stessa che compare in copertina al libro di Wu Ming, L'invisibile ovunque. È una foto scattata nel 1917, da un autore ignoto. Ritrae due artiglieri tedeschi che indossano un antenato del radar, cioè uno strumento per localizzare e colpire aerei nemici.
Solo che questo è basato sull'amplificazione del rumore, con due trombe acustiche piantate nelle orecchie e una maschera-binocolo già pronta sugli occhi per prendere la mira. Solo di recente abbiamo scoperto che anche Michael Nyman ha usato un localizzatore acustico - di grandi dimensioni - per la copertina di War Work, l'album sulla Prima Guerra Mondiale che ha pubblicato nel 2015.

Noi cercavamo un'immagine che rappresentasse il nostro tentativo di captare le voci sommerse della Grande Guerra, le testimonianze dimenticate, sepolte sotto le celebrazioni del centenario.

Allo stesso tempo, volevamo discostarci dalle classiche fotografie che denunciano l'orrore delle trincee, non perché quell'orrore non ci interessi, ma perché rischiamo di trasformarlo in un cliché e quindi di togliergli il suo significato profondo. Così, nella nostra copertina, uno dei due soldati sembra addirittura sorridere. 

Come e dove avete presentato/presenterete l’album? …
(Cesare Ferioli) Ad ora è stato presentato alla Freie Universität di Berlino, dove in sostanza è nato ed ha preso corpo il progetto dell’intero album. Poi il live è stato portato per la seconda volta all’interno del Forte Pozzacchio (http://www.fortepozzacchio.it/), ex fortezza asburgica nei pressi del comune di Rovereto, luogo altamente suggestivo per questo tipo di contenuti. In seguito anche al Vag 61 di Bologna ed al circolo Ribalta di Vignola.
Ora stiamo calendarizzando date che vanno da Solothurn in Svizzera (6 e 7 maggio prossimo) a Roma, Pavia, Milano, Ferrara ed altre città d’Italia. Insomma, stiamo lavorando al calendario assieme alla nostra agenzia di riferimento, la Locusta di Pisa.
Altro da dichiarare?
Non ho altro da dire (cit. / brano n° 9 tracklist Schegge di Shrapnel).


Etichette: , , , , , , , , , , , , , ,

10 Commenti:

Alle 9 aprile 2016 10:58 , Anonymous Daniele Verzetti Rockpoeta® ha detto...

Sembrano molto interessanti e persone colte ed intelligenti. Sempre attento a cogliere realtà musicali di spessore. Bravo.

 
Alle 9 aprile 2016 13:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Sicuro Daniele, lo sono, lo sono, come i libri Wu Ming, anche le canzoni sono così. ascoltali e vedrai... e grazie!

 
Alle 9 aprile 2016 14:16 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Ottima e interessante intervista.
Saluti a presto.

 
Alle 9 aprile 2016 14:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie, sto ascoltando ora il disco ... e consiglio di farlo tutti.

 
Alle 9 aprile 2016 14:42 , Blogger Elle ha detto...

Stranissimo ascoltarli in casa dopo averli sentiti a Forte Pozzacchio! Però qui l'acustica è migliore ;)
Bella intervista con tante spiegazioni sul progetto, dettagliato come sempre è il lavoro dei Wu Ming. Ma soprattutto: bellissima musica!

 
Alle 9 aprile 2016 14:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran musica, già ... una progressione di canzoni belle, sempre più forti e dirette.

 
Alle 9 aprile 2016 14:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Un disco che mi piace tutto ... le mie preferite, da pacifista integrale è La tregua di natale, alla quale dedicai pure un un post (chitarre libere), da antiautoritario Macché licenza (gran ritmo e gran vibra a raccontare le miserie della guerra), Maquillage pezzo da meditazione, Dolce et decorum est forte rock.

 
Alle 9 aprile 2016 14:55 , Blogger Alligatore ha detto...

... ma come dicevo, è tutto da ascoltare.

 
Alle 9 aprile 2016 19:18 , Blogger Santa S ha detto...

... rispondemmo con un lancio di cioccolata e... Venire in palude è sempre un arricchimento :)

 
Alle 9 aprile 2016 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, grazie Santa S.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page