sabato 17 ottobre 2015

Panorama di Tommaso Pincio - Il Libro

Preceduta dall'incontro con l'autore stesso alla libreria Pagina dodici di Verona, la lettura di Panorama ha confermato la mia stima infinita verso Tommaso Pincio, uno degli scrittori più geniali d'Italia. Seduto sul divano rosso nei piani sotterranei della piccola ma sempre ottimamente fornita libreria della mia città, ha parlato del suo romanzo, divagando su un sacco di cose, dimostrandosi persona gentile e coltissima. La dedica sul nostro libro, con divertente autoritratto, è stata la ciliegina sulla torta. Dedica a me e Elle, che questo libro abbiamo sentito subito nostro, a partire dalla storia ...
Panorama, il titolo del romanzo, è anche il nome di un nuovo social che spopola in Rete in un'epoca un pelo più avanti nel tempo di oggi (anche se è l'oggi, Panorama non è altro che una versione un pelo modificata di FB, con l'uso delle telecamere). Un personaggio bizzarro come Ottavio Tondi, bizzarro perché legge molto, nella vita fa il lettore di manoscritti da pubblicare per importanti case editrici, ci finisce dentro diventandone un appassionato fruitore, dopo una crisi sentimentale e la perdita del lavoro (non legge più nessuno, tutti presi da smartphone e social ... già, è proprio l'oggi). Ci casca dentro come un salame, in seguito all'invito di un poeta "amico" al quale anni prima aveva negato la pubblicazione di un libro sputtanandolo alla grande.
Su Panorama, Tondi incontra una giovane ragazza, un po' problematica, Ligeia, con la quale diventa molto intimo. Dopo alcuni anni questa ragazza sparisce dal social e il povero Tondi, che non aveva altri contatti (c'è la telecamera, ma la si può puntare sul muro), entra in una nera spirale depressiva. Scherzo vendicativo del poeta "amico"? ... o invece era tutto vero?
Alexa Chung
Tra l'altro, Pincio ha rivelato, che il libro è nato in seguito a un'esperienza simile, avuta dallo scrittore romano navigando su FB. Dopo quattro anni, una ragazza con la quale si intratteneva spesso in conversazioni telematiche, è sparita. Il disegno di copertina, fatto da Tommaso Pincio, è un suo ritratto, ispirato da una fotografia che lei aveva mandato a Pincio stesso spacciandola per il suo volto (in realtà, è la modella londinese Alexa Chung). Ovviamente questa nota di colore, non certo di poco conto, ha colpito molto i presenti, e si è finito, tra un autografo con disegno e l'altro, a parlare del proprio rapporto con la Rete. Verrebbe da pensare ad una provocazione culturale forte di Pincio
Tommaso Pincio
Tutta una burla la sua storia?... mi chiedo. Per creare attenzione, non semplicemente sul suo libro, ma sull'appiattimento culturale attuale (verrebbe da citare Pasolini, ma mi trattengo). Quale modo migliore se non il trasformare in romanzo, un'esperienza comune a molti? Vera o inventata, poco cambia. Panorama, dato alle stampe per NNE, è un piccolo capolavoro di equilibro: in duecento agili pagine la crisi culturale dei nostri anni è spiattellata in faccia; un libro appassionante, con memorabili trovate e innumerevoli citazioni, scritto con un montaggio moderno. Cercate Panorama, noi internauti lo capiremo più di altri, e banalizzeremo meno ...
QUESTO IL BLOG DI TOMMASO PINCIO 

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

17 Commenti:

Alle 17 ottobre 2015 09:12 , Blogger amanda ha detto...

La rete è foriera di lutti, ogni tanto sparisce qualcuno, con cui sembrava di aver creato legami tutt'altro che effimeri e sono dolori gratuiti ed inspiegabili

 
Alle 17 ottobre 2015 12:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché la Rete é più reale di quanto si creda, e noi blogger lo sappiamo bene. Sparizione, hai centrato la tematica del libro.

 
Alle 17 ottobre 2015 13:06 , Blogger Elle ha detto...

Sulla crisi culturale degli ultimi anni, dico subito, io farei parlare mia nonna, se non fosse già morta, che era un'illetterata già ai suoi tempi, e potrebbe dire che con la letteratura ci hanno provato ma non ha funzionato, non è la fine del mondo. Riguardo al libro, divorato ieri pomeriggio, non direi geniale (non lo dico mai) ma bello al... 95% quindi non gli stronco il manoscritto, ma c'è un non so che che non mi convince del tutto. Il poeta che dopo quattro anni sparisce ad esempio... o la voce narrante che si materializza ma continua a fare la misteriosa (anche se questa l'ho rivalutata nel corso della notte). Quasi quasi ne faccio un post anch'io ;)
Ps. bellissima la dedica a noi :)***

 
Alle 17 ottobre 2015 13:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi piace che ti sia piaciuto al 95% (è già molto). Geniale era riferito a Pincio, se non ricordo male quello che ho scritto (e ci sarebbe da pensare male, visto che l'ho scritto e riscritto ieri). C'è qualcosa che suona male (forse non a caso), misteri svelati e misteri non svelati ... brava alla nonna, e sì, fantastiche le dediche che fa Pincio.

 
Alle 17 ottobre 2015 18:28 , Blogger Serena S. Madhouse ha detto...

Be', ci sarei cascata anch'io, visto quanto mi intendo di queste it-girl che vanno di moda ora, interessante questa trama, e autore che (come sempre, come sono disinformata?!) non conoscevo... Visto che poi tutti hanno detto la loro sul loro rapporto coi social, posso dire la mia?! Piccola parte della mia vita, se non rispondo a una mail non mi sento in colpissima (come invece accade ai 20enni), se faccio un'errore non mi fustigo, perchè la vita è complicata e magari mentre scrivo, cucino, mi metto lo smalto, pettino il gatto e penso a come pagare il prossimo mese di affitto.. le conoscenze fatte sul social difficilmente diventano anche reali, dopo anni di carta e penna, ho imparato a essere più distaccata, molte amiche che avevo sul web a un certo punto sono sparite, mi sono fatta delle domande, ma poi... è un loro diritto, un giorno potrei aver voglia di sparire anch'io..

 
Alle 17 ottobre 2015 18:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo Serena, dici bene, la Chung è una it-girl, termine che ho conosciuto tramite Pincio, quando l'ha detto presentando il libro. Nella mia decennale presenza sul web ho avuto molti incontri virtuali, alcuni dei quali si sono poi trasformati in incontri reali, vuoi per la musica, vuoi per i libri, vuoi per amicizia, o anche amore. Il web, la Rete, secondo me, è una parte della realtà attuale, che lo si voglia o no credere o capire (chi ci sta fuori non lo capisce, e crede sia tutto in gioco torbido). A volte ho perso dei contatti, che credevo solidi (ma è successo così anche nella vita reale), perché la sparizione, bene o male, è una cosa che abbiamo fin dalla nascita. Ed è vero, prima o poi, spariremo anche noi, e non ci sarà nulla da fare ...

 
Alle 17 ottobre 2015 20:25 , Blogger Zio Scriba ha detto...

Mi hai incuriosito... :)

 
Alle 17 ottobre 2015 20:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Felice di averti incuriosito, e di ritrovarti in palude :)

 
Alle 18 ottobre 2015 10:42 , Anonymous Giò ha detto...

La presentazione di un bel libro è sempre un momento magico... e le librerie hanno il gusto di una storia nella storia! E visto che il boy scout vuol donare 500 euro a noi insegnanti semi analfabeti per migliorare il nostro status culturale, magari una parte di quelli li spendo per questo libro! :-)

 
Alle 18 ottobre 2015 11:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Ben detto Giò, sto prorpio leggendo unn libro che parla di librerie italiche attive ... non la sapevo questa del boy scout: allora sarete ricchi dentro! :)

 
Alle 18 ottobre 2015 12:49 , Blogger Santa S ha detto...

Intanto non sapevo neanche dell'existenza di "panorama"(la rete chi era costei?). Con la webcam, sempre a pettinarsi i capelli, noooo!!!
Segno il libro, spronata dalle tue parole e dalle "indiscrezioni" di Elle. Buona domenica :*

 
Alle 18 ottobre 2015 12:49 , Anonymous Giò ha detto...

Mi sa anche che saremo anche più vuoti fuori. :-)

 
Alle 18 ottobre 2015 13:43 , Blogger Alligatore ha detto...

@Santa S.
Volevo chiarire che Panorama, come social, è un'invenzione di Pincio, non esiste nella realtà, almeno non come descritto nel libro. Esistono vari "social" con telecamera, ma sono fenomeni minori rispetto a FB. Nel libro, tra l'altro, si dice che la telecamera deve essere accesa ventiquattro ore su ventiquattro, ma può essere puntata su qualcosa di fisso: lui la punta sulla sua libreria, lei sul suo letto.
Elle ne sarà felice :)
@Giò
Ma no dai, ti prendi più libbbbri :)

 
Alle 18 ottobre 2015 19:58 , Blogger Nella Crosiglia ha detto...

Hai il potewre Alli mio, di farmi interessare di qualsiasi cosa tu possa pubblicare sul tuo blog..Straordinario..
Anche questo libro , a me totalmente sconosciuto è descritto in maniera tale( biografia compresa) da non poterlo assolutamente perderlo...
Grazie e bacio serale!

 
Alle 19 ottobre 2015 00:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Nella, lettrice sempre attenta.
Bacio notturno!

 
Alle 19 ottobre 2015 12:05 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

E' vero, Pincio è bravo, gentile e coltissimo. Lo leggerò!

 
Alle 20 ottobre 2015 01:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi fa piacere che condividi la mia opinione....

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page