venerdì 4 settembre 2015

Franzen in testa ...

Superato il fatto di dover prendere un inserto del giornale confindustriale, superate patinate pagine di pubblicità, superati alcuni articoli dei quali potevo vivere senza (tipo Renato Pozzetto sdoganatore di omosessualità, tipo Bevi e Pedala), sono arrivato alle ultime pagine di questo IL Idee e Lifestyle del Sole 24 ORE, dove ho trovato la succosa anticipazione di un capitolo del nuovo romanzo di Jonathan Franzen tradotto da Silvia Pareschi (non ha certo bisogno di presentazioni per gli amici della palude, e non solo), che dal suo blog me l'aveva segnalato.
Come vedete dalla foto, Franzen mi ha preso alla testa, tanto scrive bene. Non ho mai letto un suo libro, ma dopo questa scorcio di Purity, credo inizierò presto. In uscita a settembre negli States, Purity sarà in Italia solo a febbraio 2016. Si respira aria di miti smitizzati, la Storia intrecciate con le storie, sottili ironie di un Wes Anderson con la penna: dalla Berlino est ottanta/novanta, dove un figlio di funzionari di Partito fa il ribelle in chiese di sovversivi, scopazzando a più non posso con ragazze disagiate socialmente, alla San Francisco di oggi, tra case occupate e povertà diffusa, dove vive Purity, per gli amici Pip, giovane squattrinata. E poi la Bolivia, in un campeggio cablato, dove chissà come si incontreranno i due ... e cosa faranno per la libertà d'informazione internazionale/internazionalista?
Questo è quanto trapela riguardo il romanzo evento. L'anticipazione si svolge a Berlino, città mito per molti, dove facciamo la conoscenza con Andreas Wolf, eccentrico figlio di dirigenti del Partito, decisamente poco in linea con loro. S'intitola La Repubblica del Cattivo Gusto, e se il romanzo è tutto su questi livelli, ci sarà da divertirsi ...  

Etichette: , , , , , , , , , , , , , ,

15 Commenti:

Alle 4 settembre 2015 01:20 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Ottima presentazione, caro Alli, sono contenta che ti sia piaciuto.
Ti sta bene la testa di Franzen!

 
Alle 4 settembre 2015 01:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, la foto è stata scattata da Elle, ne approfitto per dirlo. Mi fa piacere che dici ottima presentazione, vuol dire che ho capito qualcosa del libro :)

 
Alle 4 settembre 2015 02:26 , Blogger Glò ha detto...

Ho letto un solo romanzo di Franzen, che mi ha conquistata: Libertà, sempre tradotto da Silvia Pareschi.
Da come hai presentato il nuovo romanzo, c'è da andar fuori di testa *__* Vedo di recuperare il capitolo-anticipazione!

 
Alle 4 settembre 2015 07:45 , Blogger m4ry ha detto...

Mi piace, mi piace ! Ho letto "Più lontano ancora" e "Libertà"...incantata ! Libri che fanno riflettere, e poi, è nato il 17 agosto come me ;)
Grazie per questa succosa anticipazione :*

 
Alle 4 settembre 2015 08:32 , Blogger amanda ha detto...

lo aspetto come regalo di compleanno posticipato e me lo gusterò tutto intero, niente capitolo anticipatorio, se la Pareschi si spiccia..... :D

 
Alle 4 settembre 2015 10:46 , Blogger G ha detto...

Franzen, come Silvia sa, è uno dei miei grandi amori... Mi fu consigliato dal mio professore di AI a Malta, che mi vide leggere DeLillo in caffetteria, e mi buttai su The Corrections... beh, da lì non ho mai abbandonato né lui né la sua ironica e arguta lente di ingrandimento puntata sugli americani e sulla vita!
Alli, concordo con Silvia, la testa di Franzen ti dona! E quella maglia mi piace un sacco :-D

 
Alle 4 settembre 2015 11:56 , Blogger Ernest ha detto...

ottima presentazione e ottima testa!!! :-)

 
Alle 4 settembre 2015 14:10 , Blogger Elle ha detto...

Superato il fatto che l'edicolante ha strabuzzato gli occhi alla parola "inserto" e mi ha detto "non esiste un inserto e comunque qui non è arrivato niente" lo leggerò anche io, sperando di non rimanerci troppo male per il fatto che è solo un breve estratto del libro ;)

 
Alle 4 settembre 2015 16:08 , Blogger Ciccola ha detto...

Preferisco evitare sempre le anticipazioni, per gustarmi meglio il libro, però con questa presentazione mi hai davvero incuriosita. E poi voglio un altro libro tradotto da Silvia sul mio comodino ^_^

 
Alle 4 settembre 2015 18:37 , Blogger Cri ha detto...

Uh, ti invidio per il fatto che devi ancora goderti "Libertà" e tutte le altre magistrali opere di Franzen!

 
Alle 5 settembre 2015 14:34 , Blogger Alligatore ha detto...

@Glò
Credo che partirò con Le correzioni, e poi passerò a Libertà, tu sei riesci recupera l'anticipazione, e poi dimmi...
@M4ry
Bello avere uno scrittore nato lo stesso giorno, se poi è un grande meglio. Mi segno anche Più lontano ancora.
@Amanda
Ah, ah, ah, lasciamo lavorare Silvia con la giusta calma e il giusto ritmo.
@G.
Grazie per i complimenti e gli ulteriori suggerimenti. Sto ordinado i libri ora (ho fretta e non riuscirò ad andare in libreria la prossima settimana).
@Ernest
Grazie!
@Elle
Non penso che ci rimarrai male, anzi ti piacerà essendo ambientato in una città che conosci. Sull'edicolante mettiamo una pietra sopra, mi spiace averti consigliato male, ma poi ho scelto quella giusta che aveva la copia in caldo per noi ;)
@Ciccola
Pure io preferisco leggere il libro intero, ma non avendo mai letto Franzen avevo voglia di leggere subito qualcosa di lui per capire se poteva fare al caso mio... ora i libri.
@Cri
Mi godrò Libertàin vacanza la prossima settimana: quale titolo migliore? :)

 
Alle 5 settembre 2015 18:59 , Blogger Andrea C. ha detto...


Anch'io non vedo l'ora di leggere l'ultimo di Franzen. Le correzioni mi piacque molto mentre Libertà lo trovai un po' noioso.

(ho quasi le stesse brachette ma blu)

ciao

 
Alle 5 settembre 2015 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Leggerò presto entrambi, sono i due libri ordinati poco prima, poi And ti dirò ...
Le brachette non sono mie, ma di Jonathan :)

 
Alle 7 settembre 2015 01:39 , Blogger George ha detto...

Alli, la testa di Franzen ti dona, e credo ti piaceranno i suoi fantastici e politici libri.

 
Alle 7 settembre 2015 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Dici bene George, Franzen è fantapolitico ... grazie per la test che mi dona :)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page