giovedì 25 giugno 2015

XXI Secolo in testa, anche allo Spritz Letterario

Non ci sono foto dell'incontro di lunedì 22 giugno alla libreria Pagina Dodici di Verona, non ne faccio mai ad incontri così. Per timidezza, perché non ho tempo, perché spengo la macchina fotografica (che fa anche da cellulare), perché mi sembra quasi di rompere, non dico la sacralità, ma l'unicità del momento. Che incontro? Già, l'incontro con lo scrittore Paolo Zardi, candidato al Premio Strega 2015. Un libro che mi è entrato in testa, come ben illustra la foto fatta poco prima di sentirlo parlare di esso, scattata da Elle. Mi era già entrato in testa dopo averlo letto, come ogni suo scritto, del resto, dopo l'incontro ancora di più.
XXI Secolo, dato alle stampe con la Neo. non è semplicemente una storia di corna, oggi, con le nuove tecnologie a moltiplicare le possibilità di tradimento (secondo i luoghi comuni di persone senza fantasia), ma un concentrato acido di umori, paure, insicurezze dell'uomo (ma anche della donna) ai tempi della tanto decantata crisi. Il XXI Secolo, come ci ha tenuto a dire Zardi, ben incalzato da Marianna Bonelli, dello Spritz Letterario, è l'oggi un pelo peggiorato dallo scrittore. Non è per questo un testo di sociologia, bensì un bel romanzo, forte, un pugno nello stomaco assestato con grazia.
Durante la presentazione del libro, lo scrittore padovano ha colpito per la proverbiale gentilezza nel dire cose di un certo peso; tipo, paradosso dei paradossi, la famiglia, contestata nel Sessantotto, appare oggi come l'unica e vera depositaria dell'utopia comunista: tutto è diviso equamente, il fine non è capitalistico, ma sociale. Potremmo muovere un sacco di contestazioni a questa provocazione: e il padre padrone, che proprio nel '68 si contestava? Senza dimenticare che una famiglia (non necessariamente tradizionale), può essere sì unita, può rappresentare un nucleo di società egualitaria, ma è una rivoluzione in un solo paese, quindi, come tutte le rivoluzioni passate, destinata a fallire (una rivoluzione è permanete, o non è, come ci ha insegnato Trockij).
Tra un bicchiere di buon bianco e l'altro, qualche patatina, Zardi ha ricordato che sono molti gli scrittori veneti, oggi, ad interrogarsi sulla crisi. Perché? Forse perché la crisi è arrivata anche da noi, ma ancora in modo soft, come notizie sui giornali, immagini alla televisione, e anche se molti capannoni sono irrimediabilmente chiusi, e si è ben consapevoli della fine dell'età dell'oro, del progresso illimitato, non c'è ancora quella povertà diffusa che ha colpito altre parti d'Europa. Anche qui potrei dire "non proprio così", ma lo dice già lui con questo romanzo: la crisi è adesso!

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , ,

17 Commenti:

Alle 25 giugno 2015 10:18 , Blogger Serena S. Madhouse ha detto...

Non sono mai riuscita a mitizzare il '68, forse perché da un ventennio siamo governati da ex sessantottini e guarda dove ci hanno portato...la fantasia al potere, si, la fantasia e il potere per non pagare le tasse e, immagino che questa abitudine in Veneto sia arrivata molto prima della crisi, ma anche perché i miei quella lotta, in un modo o nell'altra l'hanno vissuta e ci sono stati immersi come inconsapevoli bustine di tè... e sanno bene di come tanti eroi sfortunati, magari diventati protagonisti di qualche bella canzone di protesta, sono diventati eroi perché, prima di tutto sfortunati, finiti lì per caso, perché magari volevano essere da un'altra parte e proprio la famiglia patriarcale italiana, ancora tanto, troppo, radicata qui da noi, ha deciso diversamente (niente ragazze alla festa al CEP?! Allora si va alla Bussola)... questa disillusione ce l'ho nel DNA, cresciuta in una famiglia di sinistra perché in Italia c'è bisogno di sinistra, visto la storia recente che ha lacerato gli animi di nonni e bisnonni, e si potevano anche dire più fortunati di altri, insomma io pensavo che fosse così per tutti..invece confrontandomi con altri mi rendo conto che ci sono famiglie italiane in cui "gli indiani non erano buoni", "i partigiani erano la causa delle stragi" e a me viene la labirintite...
Oggi non so cosa si intente per sinistra,l'antifascismo lo trovo irritante come il fascismo perché gli da comunque potere (meglio sarebbe parlare di anti-imbecilli e imbecilli), il capitalismo è entrato ormai in stato di decomposizione, dopo aver attraversato quasi un secolo come uno zombie mangiacervelli... gli altenrativi sono insopportabili e stranemente pieni di soldi... e la famiglia in se dovrebbe esaurire il suo compito esattamente come la religione, ancora pretesto per guerre e varianti politiche dannose (vedi gli obiettori di coscienza negli ospedali, quando NON dovrebbero neanche prendere una laurea in medicina). Siamo ancora un paesotto bigotto, dove anche i gay (per fortuna una minoranza) vogliono matrimonio e figli... Il progresso è altro..

 
Alle 25 giugno 2015 12:31 , Blogger G ha detto...

Sono a metà... ma per ora amo il modo in cui ha snodato la nevrosi maschile e femminile! A breve (spero) l'opinione completa!
Ciao Alli, buona giornata a te e ad Elle! :-)

 
Alle 25 giugno 2015 14:33 , Anonymous Giò ha detto...

L'ho comprato, per curiosità e perché devo fare scorte da spiagge solitarie... e questo libro induce già nel titolo scottature da "arrivo sino al punto e poi mi sposto all'ombra... magari al prossimo punto"!

 
Alle 25 giugno 2015 15:21 , Blogger Alligatore ha detto...

@serena
Come spesso, dici molte cose, cose importanti. Io il mito del '68 l'ho sempre avuto (ora, permettimi, al potere non ci sono quelli che hanno fatto il '68, se per potere intendiamo chi sta al governo, Renzi e i suoi ragazzini, il '68 non l'hanno manco sfiorato). Per il resto posso concordare, però l'Utopia serve come il pane, e per me, il '68 (e il poco prima e il poco dopo) sono è restano, la più bella epoca del '900. Disgustosi gli anni '80, ma su questo so che c'è disaccordo.
@G.
Mi fa piacere sapere che lo leggi (magari hai ascoltato un mio consiglio), e attendo tue nuove ... ciao, da tutti e due.
@Gio'
Si tratta di un libro da leggere tutto d'un fiato. Io, se non ricordo male, l'ho letto in un pomeriggio. Credo che ti scotterai, perché non ti permetterà di muoverti ....

 
Alle 25 giugno 2015 16:29 , Blogger Ciccola ha detto...

Mi ricordo che ne avevi già parlato benissimo, e me lo sono segnato ma non ho ancora avuto tempo di cercarlo.
Nel frattempo posso rubare la foto di Linus?

 
Alle 25 giugno 2015 18:34 , Blogger Berica ha detto...

Con una recensione così, dove citi anche la rivoluzione permanente di Trockij, non mi resta che correre in libreria.

@Serena: Non tutti gli appartenenti a quella generazione sono diventati "pompieri" essendo stati "incendiari".

 
Alle 25 giugno 2015 21:08 , Blogger Aldievel ha detto...

Dopo aver letto il tuo post l'ho ordinato immediatamente.
Grazie per la recensione.

Ciao Ally!

 
Alle 25 giugno 2015 22:29 , Blogger Santa S ha detto...

Dal tuo entusiasmo alla libreria: Segnato.
Grazie.

 
Alle 26 giugno 2015 00:08 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ciccola
Certo, ruba pure la foto di Linus (l'ho rubata pure io dal web), ma fatti un bel regalo: leggi XXI Secolo.
@Berica
A dire il vero, la Rivoluzione Permanete è una mia passione, forse non trovi nulla di ciò nel libro d Zardi, che è comunque da leggere.
Concordo con la frase diretta a Serena: le idee dei sessantottini erano giuste, se qualcuno (tanti o pochi), l'hanno tradite, sono loro che vanno ripudiati, non un periodo esaltante e pieno di vita come quello.
@Aldievel
... hai fatto bene, veramente ottima scelta.
@Santa S.
Prendilo, non te ne pentirai (come tutti i libri di Zardi).

 
Alle 26 giugno 2015 00:40 , Blogger Elle ha detto...

Interessante presentazione, anche se io nel libro avevo visto tutt'altro e ciò che diceva Zardi scombinava il film che mi ero fatta. Fortuna che con l'ultimissimo ha concluso la trilogia delle corna, ora vediamo se col prossimo il mondo finisce trascinandoci tutti con sé.

 
Alle 26 giugno 2015 00:48 , Blogger Alligatore ha detto...

In effetti, qualcosa ha scombussolato pure a me ... ma è positivo, a volte, essere scombussolati. Già, vediamo cosa combinerà con i prossimi libri Zardi... anzi, cosa scombinerà.

 
Alle 26 giugno 2015 07:36 , Blogger Kylie ha detto...

Prendo nota di questo scrittore.

Buon venerdì!

 
Alle 28 giugno 2015 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi raccomando, fammi sapere che ne pensi quando l'avrai letto.
Grazie, buon settimana a te.

 
Alle 29 giugno 2015 08:50 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

E adesso ce l'ho anch'io!!

 
Alle 29 giugno 2015 16:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Ottimo, sono curioso di sapere cosa e pensi.

 
Alle 29 giugno 2015 19:32 , Blogger George ha detto...

Gra libro, ti invidio l'amicizia con Zardi.

 
Alle 29 giugno 2015 19:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Condivido in toto!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page