giovedì 19 febbraio 2015

Due parole con i Tuttonero!



La provincia italiana come il selvaggio west? Questo ci si chiede dopo aver ascoltato gli undici pezzi dell’omonimo esordio dei Tuttonero! (il punto esclamativo è parte del nome, non l’ho messo io) fissando la surreale copertina. Un mondo impazzito, violento, dove le scelte degli uomini risultano spesso inquinate dalla ricerca del dollaro, e l’alienazione, la follia, la stupidità dei comportamenti è spesso prevalente. Il tutto è reso da dei testi pieni di ironia e disincanto. Una critica sociale post-rock, con attitudine punk, accenni blues e gioiosa psichedelia. Provate ad assaggiare il disco dei Tuttonero! qui e mi direte.
I Tuttonero! si sono formati nel 2013 in quel di Torino, città zeppa di band a parte, sia nei suoni sia nei testi. Provenienti da svariate esperienze musicali iniziate negli anni novanta, i cinque amici piemontesi (non solo di Torino, ma anche Cuneo e dalla Val d’Aosta), hanno portato nel gruppo il loro vissuto seminale: dai Frontiera ai Kina, da Francesco-C a Noir, Personal Velocity, I Treni all’Alba … e ora Tuttonero!  A produrre una label di gran fascino, quale I Dischi del Minollo, già passata in palude con altri ottimi nomi. I Tuttonero! saranno all’altezza. Parliamone. Pronti?

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

76 Commenti:

Alle 19 febbraio 2015 21:35 , Blogger NERO ha detto...

ciao Alligatore

 
Alle 19 febbraio 2015 21:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Tuttonero! ... benvenuti in palude.

 
Alle 19 febbraio 2015 21:37 , Blogger Elle ha detto...

Ciao ci sono anche io!
Tuttonero!..? A fagiuolo!
Io punto sulla gioiosa psichedelia, ma sentiamo..

 
Alle 19 febbraio 2015 21:37 , Blogger NERO ha detto...

benvenuto a te!

 
Alle 19 febbraio 2015 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Elle, benvenuta ;)*

 
Alle 19 febbraio 2015 21:38 , Blogger NERO ha detto...

Dov'è di preciso la tua palude?

 
Alle 19 febbraio 2015 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Dirai che ci siamo tutti, e tutti benvenuti ;)

 
Alle 19 febbraio 2015 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Scusa, dove è la palude?

 
Alle 19 febbraio 2015 21:40 , Blogger NERO ha detto...

noi veniamo dal deserto dei territori del nord-ovest...

 
Alle 19 febbraio 2015 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Sula lago di Garda, precisamente Sucate sul Garda.

 
Alle 19 febbraio 2015 21:40 , Blogger NERO ha detto...

bello il lago. troppa acqua per noi.

 
Alle 19 febbraio 2015 21:41 , Blogger Elle ha detto...

Io invece sono nell'aria ;)

 
Alle 19 febbraio 2015 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Deserto e acqua, un incontro forte, come la vostra musica... ne parliamo?

 
Alle 19 febbraio 2015 21:42 , Blogger NERO ha detto...

parliamone. vai con le domande!

 
Alle 19 febbraio 2015 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, c'è l'aria di Elle, dall'alto del cielo sopra...

 
Alle 19 febbraio 2015 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato il vostro disco?

 
Alle 19 febbraio 2015 21:43 , Blogger NERO ha detto...

Da un po’ di anni, dopo l’esperienza con i Frontiera ed altre band fin dagli anni ’90, avevo in mente di dare vita a delle canzoni basate sulla rivisitazione in chiave punk di atmosfere “desertiche” e scure. In questi brani, a cui abbiamo lavorato da più di un anno, confluiscono i luoghi comuni del rock’n’roll, del garage, del blues, della psichedelia e della musica popolare. Una sorta di incontro tra i Black Heart Procession ed il post punk, con la vocalità “storta” alla Beck o alla Daniel Johnston.

 
Alle 19 febbraio 2015 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Bel progetto musicale ... ascoltandovi direi centrato.

 
Alle 19 febbraio 2015 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

2. Perché come titolo il nome della band? … per dire noi siamo le nostre canzoni?

 
Alle 19 febbraio 2015 21:47 , Blogger NERO ha detto...

Sì esatto, come primo disco abbiamo scelto di farlo omonimo.

 
Alle 19 febbraio 2015 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 19 febbraio 2015 21:49 , Blogger Elle ha detto...

Però è breve!!
Troppo punk..

 
Alle 19 febbraio 2015 21:50 , Blogger NERO ha detto...

ho sgrossato i pezzi con la chitarra acustica e poi ci siamo trovati in saletta a fare il resto, semplice no?

 
Alle 19 febbraio 2015 21:51 , Blogger NERO ha detto...

siamo per le cose semplici e dirette

 
Alle 19 febbraio 2015 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Un disco fatto insieme, in studio per buona parte dunque...

 
Alle 19 febbraio 2015 21:52 , Blogger NERO ha detto...

non solo. prima in saletta e poi in studio. in modo molto classico direi... per il rock n roll...

 
Alle 19 febbraio 2015 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo ... e allora, ditemi qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?

 
Alle 19 febbraio 2015 21:55 , Blogger NERO ha detto...

Ci siamo divertiti in saletta e in studio e abbiamo passato dei bei momenti in amicizia. questa è la cosa più importante.

 
Alle 19 febbraio 2015 21:57 , Blogger NERO ha detto...

nessuno di noi è un musicista di professione e dunque lo abbiamo fatto nelle serate, nei week end e nei ritagli di tempo. questo però è bello perché ci permette di non essere mai stressati ma di prendere solo il lato positivo della cosa.

 
Alle 19 febbraio 2015 21:57 , Blogger NERO ha detto...

tempo libero! insomma...

 
Alle 19 febbraio 2015 21:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, come i molti che passano in palude...

 
Alle 19 febbraio 2015 21:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … anche senza volerlo.

 
Alle 19 febbraio 2015 21:59 , Blogger Elle ha detto...

Un bel modo di passare il tempo libero! Contenti noi che ne sentiamo i risultati ;)

 
Alle 19 febbraio 2015 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, Tempo libero Elle, come una delle più ironiche canzoni del cd

 
Alle 19 febbraio 2015 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

:)

 
Alle 19 febbraio 2015 22:03 , Blogger NERO ha detto...

Il disco ironizza in modo disincantato sui vizi di una provincia italiana che, per le insidie più o meno nascoste, l’assenza di punti di riferimento e la totale crisi di valori ed idee, viene assimilata al selvaggio West. È una sorta di colonna sonora del “deserto” umano e culturale di oggi.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, passate al settaccio questa povera patria ...

 
Alle 19 febbraio 2015 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora parliamo delle canzoni ...

 
Alle 19 febbraio 2015 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri dell’intero album?… che vi piace di più fare live?

 
Alle 19 febbraio 2015 22:06 , Blogger NERO ha detto...

Ci piacciono tutte. In particolare Si cambia. Il brano è un sarcastico inno alla precarietà. I continui e repentini mutamenti sono oggi una condizione della quotidianità. Se da un lato possono generare disagio e disorientamento, dall'altro sono alibi per non assumere posizioni e responsabilità.
il brano "Lo fai" invece ironizza sul fatto che i comportamenti dell'uomo (e della donna) di oggi sono nella maggior parte dei casi finalizzati "ad apparire" e a "farsi notare" da potenziali partner. Viene fatto notare come, dallo sport alla poesia, da come ci si veste a ciò che si consuma, il fine ultimo delle azioni umane sia in fin dei conti solo il corteggiamento e l'accoppiamento.
Infine Cronaca Nera che parla della morbosa evoluzione dell’informazione.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Le mie: Cronaca nera puntualee sarcastica acida canzone sul vuoto degli assassini spettacolarizzati dalla tv (detesto questa tv), Lo-fi dalle atmosfere desertiche con un basso protagonista, La gente media post-punk ad aprire perfettamente il disco (come anticipazione di ciò che si canterà nel disco: i vizi senza virtuù della gente media), Bisogna aver paura rock a briglia sciolta che dice molte verità (la paura creata ad arte, epr esempio, le mergenze ...).

 
Alle 19 febbraio 2015 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, intendevo Lo-Fai, non Lo-Fi :)

 
Alle 19 febbraio 2015 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Piùo meno ci hanno colpito le stesse canzoni, non ci siamo accrodati prima ;)

 
Alle 19 febbraio 2015 22:13 , Blogger Elle ha detto...

Alli, il tuo è un indizio?
...
...
Dico le mie canzoni? Se dico tutte non sembro più credibile?

 
Alle 19 febbraio 2015 22:13 , Blogger NERO ha detto...

bisogna aver paura è più che mai attuale. proprio oggi escono le foto dei fantomatici guerriglieri ISIS che bruciano i tamburi in segno di odio verso la musica....

 
Alle 19 febbraio 2015 22:14 , Blogger Elle ha detto...

Ah ecco.. Alli ci hai fregati di nuovo!

 
Alle 19 febbraio 2015 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Vai Elle ... hai ragione, su scala globale le paure che vengono messe i lucd sono per creare guerre, anzi, consenso alle guerre.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Queste nostre riflessioni, mi fanno venie in mente il cinema di Michael Moore, il vostro disco me lo ricorda...

 
Alle 19 febbraio 2015 22:18 , Blogger NERO ha detto...

ci sentiamo più vicini a Ciprì/Maresco e a Lynch!

 
Alle 19 febbraio 2015 22:18 , Blogger NERO ha detto...

...o ad Antonio Rezza

 
Alle 19 febbraio 2015 22:18 , Blogger Elle ha detto...

Non posso, Alli, non sono pronta.. Hai sugerito un collegamento abbreviato, adesso ho trovato il resto dell'album e lo devo ascoltare.. Lo-Fai piace molto anche a me, assieme alle altre canzoni sentite su Bandcamp, direi che l'album ha buone probabilità di piacermi tutto.. Quasi quasi vi lascio e inizio a ballare e cantare ;)

 
Alle 19 febbraio 2015 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Grande Elle... io continuo con l'intervista ;)

 
Alle 19 febbraio 2015 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Be' sì, influenze sicuramente corrette, altri nomi che mi piacciono molto.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con I Dischi del Minollo, label indipendente di gran qualità. Perché con loro? Come vi siete incontrati?

 
Alle 19 febbraio 2015 22:22 , Blogger NERO ha detto...

Li abbiamo contattati nel solito giro che le band fanno quando producono una demo. A loro l’idea è piaciuta e così eccoci qua. Ci piace l’approccio eclettico e senza preconcetti della label. Le band che escono per il Minollo non sono etichettabili e hanno il pregio, sempre più raro al giorno d’oggi, di essere sempre originali e al di sopra della musica “di genere”.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, esatto, non c'è un disco uguale da I dischi del Minollo.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina da western buffo, surreale, con personaggi strani, che se la prendono con animali (continua sul retro).

 
Alle 19 febbraio 2015 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Per farla sono stati maltrattati? Spero di no. Di chi è tutta l’opera? Come è stata ideata/pensata?

 
Alle 19 febbraio 2015 22:27 , Blogger NERO ha detto...

Nessun animale è stato maltrattato! Ci mancherebbe, volevamo dare l’idea di qualcosa di truce e ci siamo riusciti…
Tutto merito di Paolo il chitarrista-grafico.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran bel lavoro grafico, pulito e diretto come i pezzi ...

 
Alle 19 febbraio 2015 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterete l’album? …

 
Alle 19 febbraio 2015 22:32 , Blogger NERO ha detto...

Il primo release party è già stato fatto il 13/2 a Chatillon in Valle d’Aosta al circolo Hibou. Il secondo release party sarà il 27 febbraio al circolo Border a Torino.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

... e poi seguiremo sul web l'evolversi del tour, magari vi avvicinate alla palude.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:34 , Blogger NERO ha detto...

Hai qualche bel posto da segnalarci dove suonare dalle tue parti?

 
Alle 19 febbraio 2015 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Non ne conosco molti, ma dopo ci penso e ti mando qualche nome da sondare per mail ...

 
Alle 19 febbraio 2015 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari Elle vi dice qualche locale di Berlino ;)

 
Alle 19 febbraio 2015 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

I ragazzi di Torino sognano Tokyo e vanno a Berlino ...

 
Alle 19 febbraio 2015 22:37 , Blogger NERO ha detto...

Magari..!!!

 
Alle 19 febbraio 2015 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non vi ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 19 febbraio 2015 22:39 , Blogger NERO ha detto...

Un saluto a Nino del Ramone Recording Studio che ci ha registrato e seguito nella produzione dell’album e a Francesco de I Dischi del Minollo per aver condiviso questa storia con noi…
E un ringraziamento a chi, come te ed Elle, si interessa di noi.

 
Alle 19 febbraio 2015 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a voi ...

 
Alle 19 febbraio 2015 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna ai Tuttonero!

 
Alle 19 febbraio 2015 22:43 , Blogger NERO ha detto...

grazie all'Alligatore dalla palude e ad Elle da Berlino!

 
Alle 19 febbraio 2015 22:47 , Blogger Elle ha detto...

Intanto io ho deciso (con calma): a me piaccaiono Lo-Fai, Canzone Popolare e Tempo libero.
Buonanotte e grazie per la musica!!

 
Alle 19 febbraio 2015 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Ottime scelte Elle.... buonanotte ;)***

 
Alle 20 febbraio 2015 12:15 , Blogger Ernest ha detto...

:-)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page