sabato 16 novembre 2013

Un indovino mi disse ... il viaggio prosegue


La produzione del film tratto dal mitico libro di Tiziano Terzani, Un indovino mi disse, sembra ricalcare il viaggio fatto dall'intellettuale pacifista fiorentino: lento ma cocciuto. Per chi non l'avesse ancora letto e non sapesse dell'idea di farne una pellicola, rimando ai miei due post precedenti (qui scrivevo dell'idea iniziale, qui dell'inizio della raccolta fondi popolare). Un viaggio fatto senza prendere l'aereo quello di Terzani nel 1993, perché nella primavera del 1976 un vecchio cinese incontrato ad Hong Kong gli aveva detto: 
Attento! Nel 1993 corri un gran rischio di morire. In quell'anno non volare. Non volare mai.
Terzani, tra il serio e il faceto, accettò l'idea di girare nella sua amata Asia, senza mai prendere l'aereo durante tutto quel 1993. Questo viaggio diventò uno dei suoi libri più fantastici. Ora stanno cercando di farne un film, e girano tante città alla ricerca di fondi; le prossime Pesaro, Napoli, Bergamo ... cercate sul sito la vostra.  

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , ,

17 Commenti:

Alle 16 novembre 2013 18:07 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Cavolo, mi sembra strano che un libro tanto amato (e venduto) necessiti di una raccolta fondi per diventare un film!

 
Alle 16 novembre 2013 18:13 , Blogger Andrea ha detto...


Gran bella iniziativa. Sono vere e proprie oasi.

 
Alle 16 novembre 2013 18:37 , Blogger mr.Hyde ha detto...

Mi piacerebbe vedere il film. Però ha ragione Silvia..

 
Alle 16 novembre 2013 20:12 , Blogger francesca ha detto...

Non ho letto il libro,mi fido che sia un "gran libro" ma ad onor del vero l'idea del film non mi affascina per niente.
Ho visto capolavori letterari ridotti a scempiaggini cinematografiche e poche volte, talmente poche da poterle contare sulle dita di una mano, il film rendeva onore al libro.
Poi, se la realizzazione del film è di matrice italiana .... passo!
Mi spiace Ally, concordo con te su tutto ma, cinematograficamente parlando, viviamo agli antipodi. Però...sei sempre il mio alligatore preferito e ti voglio bene lo stesso ;)

Francesca

 
Alle 16 novembre 2013 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

@Silvia
Infatti, è uno dei misteri italici, non capisco... un produttore con un minimo di sale in zucca dovrebbe
produrlo. Che cosa aspèttan?
@And
... in un vero e proprio deserto, chiamato Italia.
@Mr Hyde
Già, la cosa è incomprensibile...
@Francesca
Grazie della fiducia ...consiglio di leggere il libri (e vedrai un gran film).Dopo la produzione potrà essere di qualsiasi stato, ma difficilmente risuciranno a rovinare una storia così ...

 
Alle 17 novembre 2013 09:29 , Blogger Kylie ha detto...

Così difficile trovare fondi per un film? E pensare che fanno così tante schifezze anche con fondi pubblici...

Buona domenica!

 
Alle 17 novembre 2013 17:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, e pensare che è pure uno degli autori più letti in Italia e fuori, quindi le basi per avere un ritorno economico (al quale sono sensibili i produttori), ci sarebbero pure ...

 
Alle 17 novembre 2013 23:15 , Blogger Felinità ha detto...

progetto interessante vediamo cosa ne verrà, il materiale è talmente ricco d'ispirazioni .... miaooùù

 
Alle 18 novembre 2013 00:01 , Blogger Alligatore ha detto...

@Felinità
Già, da materiale così ne potrebbe uscire un gran film .... miaooùù.

 
Alle 18 novembre 2013 15:17 , Blogger Giulio GMDB© ha detto...

E' uno splendido libro e trovo anch'io difficile capire perchè non ne abbiano già fatto un film

 
Alle 18 novembre 2013 15:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Uno dei misteri italiani ... forse è perché si tratta di un progetto nato dal basso...

 
Alle 19 novembre 2013 14:42 , Blogger Serena S. Madhouse ha detto...

ma lo sai che non ho mai letto nulla di Terzani, per la verità (mi perdonerai mai?! spero di no..) non mi stava neanche tanto simpatico, saranno stati i vestiti bianchi...poi mi sono ricreduta, ma ancora non ho letto nulla di suo..

 
Alle 19 novembre 2013 15:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Ti perdono sì, io l'ho scoperto tardi, quando andava in giro a leggere le sue Lettere contro la guerra, poi ho letto tutto (mi mancheranno giusto un paio di suoi libri). Comincia da questo Un indovino mi disse.

 
Alle 19 novembre 2013 16:05 , Blogger Linda ha detto...

Pure io non ho letto mai Terzani, anzi diciamo che non lo conoscevo proprio fino a poco tempo fa. Eppure vivo qui, in questo tempo. Questo mi fa pensare che davvero la vita è fatta di occasioni, perse o avute, nel bene e nel male e che certe strade, o altre, sono solo il frutto del caso.

Ma mi documenterò, certamente. :-)

 
Alle 19 novembre 2013 20:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Credo che Terzani avrebbe certamente apprezzato il tuo commento Linda ... era un toscanaccio, non credente, attaccato alla terra, ma allo stesso tempo molto spirituale (niente a che vedere con atei devoti)... pure io l'ho conosciuto per caso, e poi visto da vicino, molto da vicino ...

 
Alle 20 novembre 2013 16:42 , Blogger George ha detto...

Sono uno dei sostenitori (ho messo il link anche sul mio blog), speriamo di vedere il film, prima o poi.

 
Alle 20 novembre 2013 17:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Bravo George ...già, speriamo ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page