domenica 25 agosto 2013

No, un film da vedere assolutamente

Un gran bel film del quale si è scritto poco. Uscito nelle nostre sale a maggio 2013, dopo un anno circa dall'uscita ufficiale e il passaggio trionfale a Cannes 2012, forse per nasconderlo ai più, disabituati alle sale aperte d'estate. Io me lo sono perso alla prima uscita, causa un infortunio al ginocchio, e l'ho recuperato solo ad agosto, in un cinema sotto le stelle bello pieno. Il regista è Pablo Larrain, giovane cileno di talento, autore anche di Tony Manero, che con questo suo quarto film racconta, con un stile documentaristico, i giorni che precedettero il referendum per dire sì o no alla permanenza al potere di Augusto Pinochet, il dittatore sanguinario che aveva eliminato Salvador Allende, uccidendo la democrazia cilena nel 1973. Per rendere perfetto l'incastro tra le immagini di repertorio e quelle filmiche, Larrain usa intelligentemente una fotografia sgranata, la camera un po' traballante, e il risultato è straordinariamente convincente.

Siamo nel 1988, dopo 15 anni di potere senza nessun spazio alle opposizioni, esiliate, brutalmente torturate e uccise, impaurite. Pinochet concede il referendum su pressioni internazionali, ma sembra sia già scritto il suo risultato. L'opposizione, divisa e incredula di avere 15 minuti di televisione per dire le sue ragioni, dopo 15 anni di silenzio, non ha molte speranze. Decide allora di mettersi nelle mani di un pubblicitario giovane e di talento, figlio di un desaparecidos, Renè Saavedra. Con la sua abilità e inventiva, Saavedra riesce a rendere accattivante il "prodotto democrazia", il no prevale di gran lunga e Pinochet deve ammettere la sconfitta (solo nel 1990 lascerà però il potere, rimanendo capo delle forze armate fino al 1998 e poi senatore a vita, ovviamente con l'immunità parlamentare). 
La pellicola pone molti problemi su concetto di democrazia, manipolazione delle masse, dittature giunte al termine, da rottamare si direbbe oggi in Italia. Bellezza dei concetti, bellezza delle immagini. Racconta poi, parlando dell'inizio della fine di Pinochet, cosa è stata la dittatura cilena per la popolazione che l'ha subita (e qualcuno l'ha pure sostenuta, non lo nasconde, certo). Un film complesso, ma molto godibile, qualcosa di più ed oltre dei doc di Michael Moore
Grande protagonista Gael Garcìa Bernal, il Che Guevara de I diari della motocicletta, qui nelle vesti dismesse del giovane pubblicitario Renè Saavedra, altro personaggio adatto a lui e al suo mito di attore: se ne va in giro con lo skateboard, jeans e una giacca di pelle logora. Barbetta incolta, maglioni dai colori strani, un'auto sportiva. Ha un figlio ed è separato dalla moglie, attivista radicale che vede ogni tanto (una volta riesce a tirarla fuori dal carcere, grazie all'amicizia del suo capo nell'agenzia pubblicitaria dove lavora, grande sostenitore di Pinochet). Saavedra vincitore del referendum, ma alla fine se ne torna, come se niente fosse, a lavorare nella solita agenzia di pubblicità, a fare le cose di prima, e molto normalmente, lo indicano come l'artefice della vittoria del no. Da qui il titolo, No (in italiano anche I giorni dell'arcobaleno, il simbolo dell'opposizione a Pinochet).
Curiose certe immagini in controluce, con i raggi del sole che impediscono di vedere bene, come certe foto di principianti (ovviamente un effetto voluto); spesso, ho notato, quando c'è l'opposizione inquadrata. Perché questo? Il regime controlla dall'alto? Un potere supremo che ti guarda? Oppure, più banalmente, bagliori di democrazia? ... e poi, questa democrazia è così vera? Oppure solo un modo soft, spettacolare come un film, per dimenticare la dittatura? ... ora che non serve più: dopo il temporale, torna il sereno, c'è l'arcobaleno. Un richiamo finto alla natura da Mulino bianco, davanti alla volontà degli uomini. Tante domande. Un film da vedere assolutamente.

Etichette: , , , , , , , , , , , , , ,

25 Commenti:

Alle 25 agosto 2013 14:02 , Blogger bibliomatilda ha detto...

Tema importante, direi. Bella e convincente presentazione del film. Spero di riuscire a vederlo, ultimamente non sto frequentando cinema o teatri...purtroppo, spero davvero di riprendere questo autunno... con calma però, che nulla ho voglia di programmare :-)
Il cinema sud americano, comunque, non mi ha mai deluso, i suoi artisti sono pratici e sognatori allo stesso tempo. Grazie mille della segnalazione. Besos :-)

 
Alle 25 agosto 2013 14:23 , Blogger Lumaca a 1000 ha detto...

Mi hai convinta, lo voglio vedere!

 
Alle 25 agosto 2013 14:59 , Blogger Alligatore ha detto...

@Bibliomatilda
... e per forza, sei sempre in viaggio (ma anche nei tuoi viaggi, troverai cinema e teatri, spero). Sì, confermo, film da vedere, senza fretta, ma non attendere troppo.
Besos.
@Lumaca
Brava, questo volevo sentire ;)

 
Alle 25 agosto 2013 18:04 , Blogger Ciccola ha detto...

Il regista ha voluto utilizzare anche un formato "vecchio" che si chiama 'normale'. Quando ho passato la prima volta il trailer al cinema mi è preso un colpo! Ho dovuto fare un mascherino apposta per proiettarlo...
Dopo queste note tecniche di cui magari non ti importa un tubo, ti dico che sono contenta che ti sia piaciuto. Purtroppo è passato davvero inosservato ed è un gran peccato.

 
Alle 25 agosto 2013 20:02 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Convintissima anch'io! Spero di trovarlo in qualche cineforum quando torno in Italia, visto che qui a SF è già passato e me lo sono persa :-(

 
Alle 25 agosto 2013 20:31 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ciccola
Invece mi interessano molto le tue note tecniche, da esperta (so che lavori in un cinema), e anche quelle sul pubblico, che confermano la volontà, secondo me, di nasconderlo, perché troppo scomodo. Spero che sul web e in tutti gli altri formati sia visto, perché merita.
@Silvia
Magari lo passano in qualche cineforum a Frisco ;)

 
Alle 26 agosto 2013 00:14 , Blogger Elle ha detto...

Bellissimo film davvero, che mi era piaciuto molto pur con tutte le limitazioni della lingua (sarei curiosa di vederlo in italiano, magari esce in dvd versione "rarità"). E mi aveva colpito la contrapposizione fra le due campagne, che ritrovo spesso in contesti simili, e di cui parlavo recentemente: tra chi punta sugli aspetti negativi (in questo caso denigra gli avversari, e risulta migliore per esclusione) e chi punta su quelli positivi (cosa può fare il governo per i cittadini, ossia provare almeno ad essere migliori, per convincere gli elettori).
Una cosa che sicuramente non avevo notato sono gli effetti in controluce: potrebbero significare che l'opposizione fino ad allora doveva agire nell'ombra e ora invece ha il permesso di agire alla luce del sole, ma sfruttandolo in modo che la nasconda, perché l'opposizione non ha ancora vinto, non è ancora legittimata, è un permesso di facciata (il sole rappresenterebbe quindi la legittimazione, più o meno legale o democraticamente ottenuta).

 
Alle 26 agosto 2013 00:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Finalmente qualcuno che l'ha visto ;)
In effetti, questa tesi, della luce del sole come legittimazione democratica, potrebbe essere ...

 
Alle 26 agosto 2013 01:07 , Blogger Elle ha detto...

Ma anche se l'ho visto la tua recensione non perde di fascino e professionalità.

 
Alle 26 agosto 2013 01:12 , Blogger Alligatore ha detto...

;)*

 
Alle 26 agosto 2013 13:03 , Blogger Adriano Maini ha detto...

Avevo già letto delle recensioni in merito. Un'avvincente, degna, intelligente vicenda.

 
Alle 26 agosto 2013 15:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Hai detto bene Adri: avvincente, degna e intelligente vicenda. E così è il film.

 
Alle 26 agosto 2013 22:30 , Blogger Sole ha detto...

Perso, come tanti altri in questa estate. Una rece molto sentita, invita a vederlo.
la luce del sole illumina, quindi che sia anche questa un'interpretazione? Gli illuminati ;)

 
Alle 26 agosto 2013 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Potrebbe essere, anche se, sembra un sole minaccioso, non benevolo come lo immagino io ... comunque sì,un invito a vederlo ;)

 
Alle 26 agosto 2013 23:01 , Anonymous Ismaele ha detto...

un gran bel film, sono d'accordo:)

 
Alle 27 agosto 2013 07:22 , Blogger Kylie ha detto...

Grazie per il suggerimento!

Un bacione

 
Alle 27 agosto 2013 11:00 , Blogger Serena S. Madhouse ha detto...

I film che vincono i festival sono sempre un po' nascosti mi sa...(penso al Faust di Sokurov vincitore a Venezia nel 2011)...
Però noi non ci facciamo scoraggiare, poii se questo è del regista di Toni Manero è una..garanzia, no?! quel film era veramente assurdo però geniale..si!

 
Alle 27 agosto 2013 14:41 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ismaele
Grazie, mi piace avere il parere autorevole, di chi l'ha visto.
@Kylie
Prego, fammi sapere quando lo vedrai...
@Serena
Tony Manero lo conosco per fama, ma devo ancora vederlo... anzi, mi hai fatto voglia di recuperarlo. Concordo che i film da festival, in particolare quelli vincitori, a volte risultano più nascosti, ma qui c'è qualcosa di più, "politico" direi.

 
Alle 27 agosto 2013 17:00 , Blogger Sandra M. ha detto...

Io l'ho perso. Dovrò proprio guardarmi attorno.

 
Alle 27 agosto 2013 18:20 , Blogger mr.Hyde ha detto...

Un film per saperne di più su quell'inferno e sul quel maledetto maiale che l'ha generato.Grazie per il suggerimento, m'interessa.

 
Alle 27 agosto 2013 20:01 , Blogger Alligatore ha detto...

@Sandra M.
Da recuperare sicuramente ... aggiriamo la censura di mercato.
@MrHyde
Sì, tutto vero ... il film è più centrato sull'inizio della sua fine (e, più che maiale, direi dittatore sanguinario al soldo degli amerikani).

 
Alle 20 ottobre 2013 11:31 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Ecco, ho ritrovato il post! L'ho visto ieri in aereo, mi è piaciuto molto (non ricordavo la storia del referendum).

 
Alle 20 ottobre 2013 14:07 , Blogger Alligatore ha detto...

In aereo? ... allora ottimo viaggio. Pure io non mi ricordavo bene quella Storia (e pensare, non sono passati millenni, allora ero pure un ragazzetto con il manifesto sempre a portata di mano, e di quella Storia ne hanno di sicuro scritto molto). Ma la memoria (anche le più allenate) è meno forte di quello che crediamo. Per questo meglio mantenerla allenata.

 
Alle 20 ottobre 2013 14:48 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Anch'io ragazzetta col manifesto sempre in mano!
Sì, ottimo viaggio, visti 3 film: oltre a "No", un revival di "Arsenico e vecchi merletti" e "Mars Attacks!"; quasi quasi mi è dispiaciuto di arrivare, stavo cominciando "Doctor Strangelove" (visto decine di volte, comunque).

 
Alle 20 ottobre 2013 14:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Chissà che effetto farà vedere Doctor Strangelove in aereo (la scena con l'uomo che vola sulla bomba poi...).

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page