mercoledì 21 novembre 2012

Verità su Gaza

Come Vittorio Arrigoni al tempo di Piombo Fuso, oggi Michele Giorgio è l'unico giornalista italiano nell'inferno di Gaza, e può quindi raccontare cosa succede realmente. Niente veline o censure, ma notizie di prima mano. Una cosa fondamentale nell'epoca del web, dove tutto è più libero e circola facilmente, ma allo stesso tempo tutto è più manipolabile. Per questo, se volete saperne di più, vi invito a leggerlo su il manifesto.

Etichette: , , , , , , , , ,

15 Commenti:

Alle 21 novembre 2012 15:15 , Blogger Adriana Riccomagno ha detto...

Grazie per la segnalazione. Sono addolorata per quello che leggo...

 
Alle 21 novembre 2012 16:05 , Blogger Ernest ha detto...

grazie per averlo segnalato

 
Alle 21 novembre 2012 18:03 , Blogger Aldievel ha detto...

Ho letto spesso suoi articoli sul «Manifesto». Grazie per la segnalazione e un saluto! :)

PS
Tra l'altro io e il giornalista siamo quasi omonimi. Ci separa solo un Di. :P

 
Alle 21 novembre 2012 18:43 , Blogger Cirano ha detto...

in effetti è l'unica voce senza censura...o autocensura.

 
Alle 21 novembre 2012 20:11 , Blogger Alligatore ha detto...

@Adri
Addolorato pure io ... e mi trattengo con le parole.
@Ernest
Un dovere di educazione civica internazionale ...
@Aldivel
Sì, è una delle migliori penne del giornale, molto forte a livello internazionale, direi unico in Italia.
p.s. allora ti chiami ...
@Cirano
L'unica ...

 
Alle 21 novembre 2012 20:56 , Blogger Elle ha detto...

Grazie Alli, finisco i compiti e poi vado a leggere. E per fortuna ci sono ancora persone che prendono sul serio la parola "informazione".

 
Alle 21 novembre 2012 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Elle ... infatti, è questo il punto, in particolar modo in situazioni di guerra come queste, dove la verità è la prima a morire...

 
Alle 21 novembre 2012 23:05 , Blogger Melinda ha detto...

Quello che sta succedendo a Gaza condiziona anche i miei sogni notturni.
Grazie per la segnalazione Ally.

 
Alle 21 novembre 2012 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Dici bene, è una cosa che sconvolge il razionale (giorno/vita), con l'irrazionale (notte/sogno/incubo)... grazie a te per il contributo.

 
Alle 22 novembre 2012 06:55 , Blogger Kylie ha detto...

Grazie per l'informazione. Ci vuole qualcuno che dica come stanno le cose veramente.

Buona giornata!

 
Alle 22 novembre 2012 09:12 , Blogger nella ha detto...

Parole sante ALLI e parole sante pure per il giornalista che non usa mezzi termini per descriverci questa ingarbugliata situazione....
smack!

 
Alle 22 novembre 2012 10:35 , Blogger Maude ha detto...

son contenta di essere riuscita a entrare, mi interessa molto conoscere l'esperenza di qualcuno che è sul campo. Ora lo leggo, ciao!

 
Alle 22 novembre 2012 16:53 , Blogger mr.Hyde ha detto...

Grazie per l'indicazione ed il post.Meno male che ogni tanto c'è qualcuno che mostra la realtà dal lato giusto!

 
Alle 22 novembre 2012 19:37 , Blogger Berica ha detto...

I paragoni con la vergogna criminale di piombo fuso, sono d'obbligo, come l'evidenza delle tante differenze nei fatti di allora.

Ancora una volta tutto cambia per non cambiare niente.
Non cambiano le condizioni in cui vivono i palestinesi a Gaza.
Non cambiano le logiche del nemico e della guerra, funzionali al mercato delle armi e agli eserciti.

 
Alle 22 novembre 2012 20:19 , Blogger Alligatore ha detto...

@Kyl
Penso così pure io...grazie, buona nottata a te.
@Nella
Dici bene. Smack!
@Maude
Benvenuta in palude, adoro il "tuo" film ... lettura interessante, grazie.
@Mr Hyde
Già, sul manifesto lo ritrovo spesso.
@Berica
Già... e aggiungo, non cambia la follia criminale dei politici israeliani che usano la violenza per aumentare nei sondaggi. In Italia, non siamo ancora arrivati a quel livello.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page