martedì 12 giugno 2012

Un anno dopo il REFERENDUM

12 e 13 giugno 2011 ricordate? Una grande partecipazione popolare, anche grazie a noi della Rete, vinceva la scommessa dei REFERENDUM... di quella lotta e di quell'impegno, cosa resta?

Etichette: , , , , , , ,

24 Commenti:

Alle 12 giugno 2012 22:30 , Blogger George ha detto...

Me lo ricodo bene. Dobbiamo ricordarlo ai nostri governanti: il nostro voto va rispettato.

 
Alle 12 giugno 2012 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, come dice l'articolo che ho segnalato, l'unica amministrazione comunale che ha rispettato in toto il referendum sull'acqua, è quella di Napoli ...

 
Alle 12 giugno 2012 22:53 , Blogger Cirano ha detto...

ricordo indelebile; una traccia profonda che dobbiamo imporre e ricordare alla istituzioni.

 
Alle 13 giugno 2012 00:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Lo dobbiamo far rispettare dal basso, da dove la lotta contro la privatizzazione è nata, verso l'alto. Napoli insegna che si può.

 
Alle 13 giugno 2012 12:45 , Blogger Alessandra ha detto...

Letto e scioccata, come sempre del resto... mi sembra sempre di andare in giro scioccata, ogni tanto vorrei dire "bene, è fatta!" ma perché è così difficile per tutto quello che riguarda l'Italia???

 
Alle 13 giugno 2012 14:30 , Blogger Maraptica ha detto...

Noi che siamo andati a votare al referendum sicuro non ce lo siamo scordati, ma loro?! :-/

 
Alle 13 giugno 2012 14:39 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Purtroppo i politici ci provano ancora.

 
Alle 13 giugno 2012 15:32 , Blogger Melinda ha detto...

Che bellezza, eh? :(

 
Alle 13 giugno 2012 20:01 , Blogger Alligatore ha detto...

@Alessandra
Direi che è un brutto periodo in tutta Europa... in Italia, dove c'è sempre stato poco senso dello Stato, è ancora peggio.
@Tekeros, The Golde Path, Qlxchange
Grazie!
@Maraptica
Pure loro non se lo sono scordati, infatti hanno fatto di tutto per tornare indietro, compreso "l'operazione Monti" ... poi "loro" è troppo vago per i miei gusti. Direi: quelli con una visione liberista (legittima, ma il referendum ha data un'altra indicazione).
@Cavaliereoscuro del web
Mi riallaccio a quello scritto a Maraptica: "politici" è una parola vaga (oggi, parolaccia), che fa di tutta l'erba un fascio, e a me non sta bene. Anche gli amministratori di Napoli sono dei politici, ma quelli hanno seguito l'indicazione del referendum ...
@Melinda
Il referendum sì, quello che non hanno fatto molti no ... quello che ha fatto il Comune di Napoli sì.

 
Alle 13 giugno 2012 20:13 , Blogger mr.Hyde ha detto...

Abbiamo fatto un bel lavoro di squadra, allora; e siamo ancora in grado di ripeterlo!

 
Alle 13 giugno 2012 20:13 , Blogger Melinda ha detto...

Sì, delle belle speranze di un anno fa non ci è rimasto niente, solo Napoli si salva...e tutte le altre città? Mah!

 
Alle 13 giugno 2012 20:22 , Blogger Alligatore ha detto...

@MrHyde
Abbiamo fatto vedere cosa può fare la Rete unita, e non solo con il Referendum, ma anche con le elezioni a Napoli, Milano e altre città...un lavoro che veniva da lontano (erano 10 anni, che, dal basso, ci si trovava sui temi dell'acqua), e si deve continuare ...
@Melinda
Hai ragione, ma per farci sentire bisogna toccare dove fa male quei politici che non ci hanno seguito (magari sono saltati all'ultimo momento sul carro dei vincitori, salvo poi dimenticarsene)... toccare vuol dire togliere loro il voto.

 
Alle 13 giugno 2012 22:05 , Blogger Kylie ha detto...

Temo resterà poco dell'esito del referendum ma resterà di sicuro la capacità di unirci per il nostro bene quando è necessario.

Baci

 
Alle 13 giugno 2012 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Credo sia necessario essere sempre uniti, fare lobby in senso positivo... anche ora, soprattutto ora. Grazie Kyl.

 
Alle 14 giugno 2012 08:31 , Blogger giacy.nta ha detto...

E' quello che ho pensato anch'io sentendo le ultime notizie provenienti dalla "capitale". Ma ho letto anche di Napoli che ancora una volta, come da un po' di tempo, si distingue in positivo.
Ciao, Ally. Buona giornata!

 
Alle 14 giugno 2012 09:08 , Blogger nella ha detto...

Si, è vero , l'unione fa la forza , ma quanta " miseria" morale e materiale in quello che ci circonda....Lo scoraggiamenteo è molto vicino, a volte anche la fede in noi stessi scricchiola paurasamente... Partecipiamo uniti , per favore!

 
Alle 14 giugno 2012 11:48 , Blogger stefanover ha detto...

oh... me lo ricordo si !

così come mi ricordo il referendum sul nucleare...

 
Alle 14 giugno 2012 15:05 , Blogger Alligatore ha detto...

@giacy.nta
Tutto è, alla fine, nelle nostre mani: votiamo sindaci e altro, con le nostre idee, se vogliamo essere sicuri non ci siano trucchetti ...
@nella
Già, l'unione fa la forza ...prima, durante e dopo...
@stefanover
Già, anche quella una bella vittoria, da far rispettare.

 
Alle 14 giugno 2012 19:00 , Blogger Andrea ha detto...

tutto disatteso e andando avanti andrà peggio. poi su come vengono spesi i soldi nei comuni anche in tempo di crisi ci sarebbe tanto da scrivere...come gli aiuti alla chiesa...vabbè...

 
Alle 14 giugno 2012 20:06 , Blogger Alligatore ha detto...

@And
Credo, come sempre, che non bisogna fare di tutta l'erba un fascio ... andrà tutto a scatafascio se a vincere saranno le forze neoliberiste (annidate anche in partiti di pseudo-sinistra)... dove ha vinto la sinistra, su di un progetto chiaro (vedi Napoli e poi vivi), non è andato così. La battaglia per l'acqua pubblica è nata anni fa, dal basso, importante che non sia finita con il REFERENDUM, che è stato il suo vertice, ma si continui a lavorare dal basso. Sugli aiuti alla chiesa, sempre troppi, sulle spese dei comuni, anche qui, non farei di tutta l'erba un fascio. Monti ha taglieggiato in modo indiscriminato i comuni (molti non lo sanno), ha imposto loro di tassare i cittadini con l'IMU, tassa classista (una patrimoniale per le classi medio-basse), tassa che va per metà allo stato centrale. Io non sono leghista, come si sa, ma vorrei dare più autonomia ai comuni, come si era cominciato a pensare negli anni '70, con una più giusta distribuzione dei poteri ...

 
Alle 14 giugno 2012 20:34 , Blogger Andrea ha detto...

Non volevo fare di tutta un'erba un fascio ma era per dire che molti sindaci (ma anche molte forze che hanno appoggiato il referendum fanno ridere dal punto di vista sociale)...che conosco che erano favorevoli al referendum sull'acqua sono gli stessi che da anni amministrano i propri comuni in maniera ridicola. io ti dico, ok l'imu, ma se so che un comune stanzia dei soldi per aiutare in tempo di crisi gli oratori o la ristrutturazione delle chiese o le scuole private e tutta una serie di vere fesserie come centri sportivi etc, mi viene da piangere.

il problema, secondo me, è che spesso queste lotte non fanno parte di una questione più ampia di messa in discussione radicale della società ma solo una sua buona amministrazione e a me questa cosa non interessa più di tanto.

 
Alle 14 giugno 2012 21:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Condivido l'analisi And, in particolare la parte finale: per me il sistema va cambiato, non semplicemente migliorato. Sulle forze che hanno sostenuto il referendum, alla fine erano in tanti (molti saliti sul carro all'ultimo momento), quindi di sicuro di possono trovare comportamenti non coerenti con questa loro scelta.

 
Alle 15 giugno 2012 09:34 , Blogger Andrea ha detto...

E' che nella mia zona questa cosa si è verificata spesso. pensa solo che il sindaco del mio paese ha fatto campagna per il referendum e poi distrugge tutte le zone agricole rimaste. E succede in molti comuni della Brianza.

 
Alle 16 giugno 2012 01:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Probabilmente succederà anche in altre zone d'Italia... l'incoerenza di questi, nulla toglie alla giustezza della battaglia, che per essere vera, deve essere permanente ... ma tu già lo sai ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page