martedì 19 ottobre 2010

Intervista ai Pazi Mine

I Pazi Mine sono pronti, vedo che sono in posa, quasi come nel film I soliti sospetti, noto cult-movie di quando ero ragazzetto. Non a caso la loro musica ha radici negli anni Novanta, gli anni del grunge e della rinascita di certe sonorità punk-rock. Un rock duro, un rock che spacca, senza perdere la tenerezza però. Forse perché c’è una donna nel gruppo (troppo facile dirlo?), forse perché le esperienze e le provenienze dei quattro Pazi Mine consentono loro di accelerare e rallentare quando si deve.
Sì, sanno guidare la macchina. L’hanno imparato con i Super Elastic Bubble Plastic, Pilar Ternera, Sorelle Kraus, Hollywood Perverse, Colossus&Colibrì, Welch … gruppi dove sono nati, dai quali hanno pescato amici/collaboratori per questo loro esordio perfetto targato Super Fake e ABuzzSupreme/ConsorzioUtopia. Un disco nato tra le nebbie di Mantova e Ferrara, nebbie fin dentro il cervello per far chiarezza nel caos dei nostri giorni. Un cd molto attuale, dalle architetture oniriche tipo l’immagine di copertina e del magnifico poster interno (da vinile): l’era industriale in disgregazione (se avete visto Inception o seguite la politica vera potete capirmi). Ma mi rendo conto che ho sbrodolato troppo. E allora posso cominciare ad interrogarli. Chi è l’assassino? Pronti a rivelarlo? Sento una voce di donna …
VAI AL LORO MYSPACE http://www.myspace.com/pazimine

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

153 Commenti:

Alle 19 ottobre 2010 21:34 , Blogger saraA ha detto...

eccola la voce...forse?

 
Alle 19 ottobre 2010 21:34 , Blogger saraA ha detto...

ce l'ho fatta... :)

 
Alle 19 ottobre 2010 21:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuta nella palude.

 
Alle 19 ottobre 2010 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Te la cavi benissimo, brava saraA

 
Alle 19 ottobre 2010 21:37 , Blogger saraA ha detto...

hai visto??? contro ogni previsione..!

 
Alle 19 ottobre 2010 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Contro tutto e tutti sei qui, presenza reale a rapprentare i Pazi Mine... i maschietti temono l'alligatore. Bene...

 
Alle 19 ottobre 2010 21:40 , Blogger saraA ha detto...

i maschietti, salvo colpi di scena, sono dispersi nelle loro paludi..

 
Alle 19 ottobre 2010 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

In attesa di loro incursioni, vado con la prima difficile domanda ...

 
Alle 19 ottobre 2010 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Chi sono i Pazi Mine?

 
Alle 19 ottobre 2010 21:42 , Blogger saraA ha detto...

vai pure perchè mi sa che non avremo incursioni..mi lasciano solaaa!

 
Alle 19 ottobre 2010 21:43 , Blogger saraA ha detto...

prima di tutto 4 teste dure… 3 uomini e una donna-uomo..

 
Alle 19 ottobre 2010 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Dura-dura... mi piace...

 
Alle 19 ottobre 2010 21:45 , Blogger saraA ha detto...

hahahahaha...

 
Alle 19 ottobre 2010 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Dura-dura ma senza perdere la tenerezza...

 
Alle 19 ottobre 2010 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Sto pure ascoltando la tua voce nel bel cd ... ma poi ci arriviamo.

 
Alle 19 ottobre 2010 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo nome? Pazi Mine …?

 
Alle 19 ottobre 2010 21:49 , Blogger saraA ha detto...

dunque ...deriva da un viaggio che feci io per lavoro più di 5 anni fa a Sarajevo, arrivandoci in auto via terra.. svariate volte ho incrociato posti di blocco lungo la strada per sminamenti in corso.. e i relativi cartelli di “attenzione pericolo mine!”, a teschio bianco su sfondo rosso, sparpagliati ancora in giro..

 
Alle 19 ottobre 2010 21:50 , Blogger saraA ha detto...

piuttosto inquietante, la frase mi rimase in testa e quando venne il momento di dare un nome al progetto (che in principio era un duo, io ed un altro batterista..) la scelta cadde su queste due parole. ..

 
Alle 19 ottobre 2010 21:50 , Blogger saraA ha detto...

Oltre alla connotazione di significato forte, mi piaceva che la lingua usata non fosse subito riconoscibile, un po’ come la musica che proponevamo.. infatti molti inglesizzano chiamandoci “peisi main”..hehehe

 
Alle 19 ottobre 2010 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi perfetto: uno perchè è meglio averli sempre presenti certi orrori del nostro tempo; due perchè si adatta molto alla tensione, al noise della vostra musica; tre, prendiamo termini anche da altre culture e mescoliamo ...peisimain

 
Alle 19 ottobre 2010 21:55 , Blogger saraA ha detto...

ahhaha..sì per alleggerire l'argomento potrei anc he dirti che

 
Alle 19 ottobre 2010 21:55 , Blogger saraA ha detto...

il mio batterista dell'epoca era anche solito, nelle sue performance soliste, lanciare petardi tra il pubblico.. :)

 
Alle 19 ottobre 2010 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì? ... bella idea, per continuare con il parallelismo e non dimenticare mai...

 
Alle 19 ottobre 2010 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Detto da uno, il sottoscritto, che non ama i petardi... appunto per questo.

 
Alle 19 ottobre 2010 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nascono le vostre canzoni? Prima la musica e poi le parole o è il contrario?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:01 , Blogger saraA ha detto...

Beh quasi sempre la musica.. raramente mi è capitato di pensare prima alla linea melodica della voce e relativo testo e costruirci attorno la musica.. penso che derivi dal fatto che io non sono una cantante e non mi sento una cantante..di base sono chitarrista, e sono molto affezionata all’approccio alla musica attraverso la chitarra, quello è il mio strumento e mi piace esplorarne le possibilità.. direi che sono chitarrista per scelta e cantante per caso..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:01 , Blogger saraA ha detto...

I pezzi nascono o perché qualcuno di noi propone un’idea in sala prove e poi ci si lavora attorno e vediamo cosa succede.. testo e voce arrivano per ultimi, ci tengo a non scrivere testi banali, anche se chiaramente non essendo bilingue, con l’inglese poi lavoro di lima..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Sto ora scoltando "Rip yourself open, ... con Gionata che canta e tu i dai dentro con il tuo strumento ... ora canti tu. Bel gioco di voci.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:05 , Blogger saraA ha detto...

lì i cori maschili, sono sia di Francesco ,il bassista , che di Gionata..che ha fatto un'allegra ospitata in studio ..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nate quelle del recente cd d’esordio?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:08 , Blogger saraA ha detto...

Una era un pezzo (standstill..) che avevo scritto ancora quando eravamo in due, e poi è stato stravolto.. altre (here e square the circles) le avevo registrate come bozze a casa tempo fa, e poi son state stravolte… altre (the waves..) sono nate in sala prove dal lavoro di tutti e 4 insieme..e comunque pure loro son state stravolte..altre nascevano da bozze di alessio (witness..) …beh sugli arrangiamenti siamo piuttosto puntigliosi, sia per la sezione ritmica che per gli incroci di chitarre.. facciamo,disfiamo, facciamo, disfiamo.. come lavorare a maglia!!

 
Alle 19 ottobre 2010 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

... ecco, qui ritroviamo la tenerezza.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove trovate l’ispirazione?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

…A proposito di scrittura e ispirazione, mi ricordo quello che diceva Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai capitato?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Girate con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:11 , Blogger Scoiattolo! ha detto...

Sto ascoltando anche io il cd dei Peisi Main :), supercomplimentissimi!

 
Alle 19 ottobre 2010 22:13 , Blogger saraA ha detto...

Vero!!..io spesso sfrutto ancora un vecchio registratorino a cassetta! Mi è capitato di buttar giù idee, soprattutto per le voci, mentre guido di notte, cosa che capita spesso.. o magari mi viene l’idea per un pezzo ma non ho la chitarra a portata di mano.. ho la memoria di un criceto!

 
Alle 19 ottobre 2010 22:13 , Blogger saraA ha detto...

L’ispirazione , per quanto riguarda la musica, direi che principalmente nasce dalla voglia di suonare, tutti e 4 lo sentiamo come un bisogno profondo, sennò, dati tutti gli sbattimenti che comporta , a quest’ora avremmo già smesso.. Ma la voglia di esprimere certe energie, anche certi disagi, di mescolare le carte in tavola, e , se vogliamo, di non seguire molto la corrente, c’è tutta! E poi ci piace mischiare i nostri stili molto diversi, è sempre un’interessante sorpresa vedere cosa salta fuori alla fine..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Scoiattolo? .... ciao. Cip o Ciop? Buongustaio comunque...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:14 , Blogger saraA ha detto...

ahhahahaha...scoiattolo è il nostro roadie.. :D

 
Alle 19 ottobre 2010 22:15 , Blogger saraA ha detto...

sotto mentitissime spoglie..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Sapevo di un Capra alla batteria, mi mancava lo scoiattolo roadie ...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Tra una ghianda e l'altra, intervieni pure quando vuoi ...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:18 , Blogger saraA ha detto...

ahahhahahaha

 
Alle 19 ottobre 2010 22:18 , Blogger Scoiattolo! ha detto...

Con grande piacere... mi affascina scoprire i "dietro le quinte" musicali!

 
Alle 19 ottobre 2010 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Serata antropomorfa ...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora, continuando, se questo vostro cd fosse un concept-album, su cosa sarebbe?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:22 , Blogger saraA ha detto...

Hmmm..domanda interessante.. anche perché non c’è un filo conduttore”tematico”, anche se inconsciamente l’ascoltatore ci potrà sicuramente trovare dei mood ricorrenti.. Per quanto riguarda la parte musicale non avevamo un pensiero ispiratore principale, diciamo che c’era la voglia di provare a mescolare parti piuttosto”robuste”, per dirla in gergo ”con una certa pacca”, alla melodia della voce, vabè detta così pare banale…

 
Alle 19 ottobre 2010 22:22 , Blogger saraA ha detto...

..comunque ci sembrava ormai inflazionato usare il solito cantato parlato-urlato, e per esprimere un suono potente ci sembrava riduttivo usare solo noise e superdistorsioni in stile “trattore”.. diciamo che ci piace molto “costruire”le parti, siamo meticolosi.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:23 , Blogger saraA ha detto...

Per quanto riguarda invece i testi in questo disco un filone dominante forse è più individuabile.. descrivono per lo più degli stati di ansia, generati da ricordi, dal vissuto, da pure ossessioni mentali… non necessariamente visti negativamente.. certe cose o ti bloccano totalmente o ti mettono in movimento, quasi freneticamente..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Capisco, sono al secondo ascolto della serata, e sento del movimento, azni della corsa, una sudata salutre ...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

anzi della corsa, una sudata salutare alla One Dimensional Man ... ma poi ci arrivo.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

One Dimensional Woman

 
Alle 19 ottobre 2010 22:26 , Blogger saraA ha detto...

allora sei a tema.. ;)

 
Alle 19 ottobre 2010 22:27 , Blogger saraA ha detto...

riguardo alla corsa intendevo...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, sì, è molto ginnico, dinamico ...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:28 , Blogger saraA ha detto...

potrei fare la controfigura di Pierpaolo..sì..hahah

 
Alle 19 ottobre 2010 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Non a caso, la settimana scorsa, se non ricordo male, siete stati sullo stesso palco per il ritorno sulle scene degli One Dimensional Man.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:30 , Blogger saraA ha detto...

sì, venerdì 15, al Latte+ , a Brescia..bella serata..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:30 , Blogger saraA ha detto...

abbiamo aperto la seconda data del loro tour ..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Chiapperi, immagino quanto latte versato per terra...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:32 , Blogger saraA ha detto...

latte corretto..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci credo ...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

L’album esce come autoproduzione, supportata da Super Fake recordings e da A Buzz Supreme. Perché questa scelta? È un modo per saltare i canali normali, andare direttamente dal musicista al suo pubblico? Un‘esigenza nata dalla rivoluzione informatica?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:34 , Blogger Scoiattolo! ha detto...

Super seratona, con tante ghiande e vino... e ottima musica ovviamente: quando le band dal vivo danno quelle marce in più che non ci sono nel cd, p un piacere fantastico... nel senso che ci sono band che suonano tale e quale il cd messo nello stereo... non l'altra sera! Sinceramente e non perchè sono rodi e mangio ghiande!

 
Alle 19 ottobre 2010 22:36 , Blogger saraA ha detto...

hehehe..grazie Scoiattolo..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:37 , Blogger saraA ha detto...

tornando alla scelta dell'autoproduzione ...
Anche se con questa formazione suoniamo insieme da appena più di anno (si parla dell’estate 2009…) già lo scorso inverno avendo qualche brano da parte avevamo comunque voglia di fissarlo, di registrarlo.. se avessimo aspettato di trovare un’agenzia, un booking, o un’etichetta probabilmente il disco sarebbe ancora solo nelle nostre teste.. avevamo una sana urgenza di “partorire”, senza mettere di mezzo troppi meccanismi..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:38 , Blogger saraA ha detto...

Nel frattempo , attraverso quel sorprendente calderone che è internet, io ero entrata in contatto con Andrea Sbaragli di A Buzz Supreme e col suo progetto di supportare le autoproduzioni..detto-fatto.. abbiamo proseguito su questa linea. Le cose principali che ci interessavano erano:fare un disco di cui esser soddisfatti e suonare di più in giro. Il primo punto è completato, al secondo stiamo lavorando, per la musica dal vivo e per i “free lance” non son proprio tempi d’oro..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci sono arrivato adesso: Scoiattolo, rodi-e eh, eh, eh, sono duro di compre, ma poi arrivo...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

... e per quanto riguarda il suonare, vedo che siete, se non altro, in un bel giro.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Registrato nel giugno 2010 al Blocco A di Padova sotto la supervisione di Giovanni Ferliga e masterizzato allo studio “la Maestà” da Giulio Favero e Giovanni Versari … leggo nelle note.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Come vi siete trovati con questi personaggi, che non hanno bisogno di presentazione? Cosa vi hanno dato?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:42 , Blogger saraA ha detto...

mah..diciamo più che altro in buona compagnia!!

 
Alle 19 ottobre 2010 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

… o tolto?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, buona, buona.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:44 , Blogger saraA ha detto...

Heheeh..questi personaggi non avevano bisogno di troppe presentazioni neanche con noi, perché , a parte Versari, che ho avuto il piacere di incontrare una volta sola, sono vecchi amici..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:45 , Blogger saraA ha detto...

Ci siamo trovati molto bene, sono persone con cui abbiamo scelto di collaborare, ma è ovvio che questo non basta a garantire i risultati.. con Giovanni “aucan” Ferliga in studio siamo stati molto bene, da un punto di vista professionale e umano.. già per me è esaltante l’idea di poter andare in studio e registrare un disco, se in più si crea anche un bel clima non posso chiedere di meglio…

 
Alle 19 ottobre 2010 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci credo...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone in particolare che rappresenta il pazimine-sound?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:48 , Blogger saraA ha detto...

I brani del disco son piuttosto variegati.. a mio avviso non ce n’è uno più rappresentativo di un altro …qua la risposta è ardua! Almeno per me!

 
Alle 19 ottobre 2010 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatt èuna domanda che faccio sempre, ma non saprei io, da ascoltatore, dare una risposta.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Ad ogni ascolto mi dico: questo, questo, questo ....

 
Alle 19 ottobre 2010 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Con Internet che rapporto avete da utenti?

 
Alle 19 ottobre 2010 22:52 , Blogger saraA ha detto...

beh ..per quanto mi riguarda molto stretto, se usati in modo critico ci sono strumenti potentissimi, vedi il solito facebook, io lo uso prevalentemente a scopo”musicale”, mi è stato utile ad esempio per i primi contatti con A Buzz Supreme, mi è ancora utile per organizzare concerti, ma chiaramente non è certo lo specchio dove rifletto i miei rapporti umani e la mia vita personale…

 
Alle 19 ottobre 2010 22:53 , Blogger saraA ha detto...

...mi mette tristezza solo l’idea..c’ è un gran bisogno di attenzione, di mostrare a “tutti” cosa fai 24 ore al giorno.. ma io mi chiedo spesso perché? Ma a chi interessa? Ma che senso ha? Chissà se è una necessità del tutto nuova legata allo sviluppo di questi social network..o meglio se era solo un desiderio solo latente, che aveva il suo predecessore nella tv e nella famigerata massima Warholliana sulla celebrità….

 
Alle 19 ottobre 2010 22:54 , Blogger saraA ha detto...

E’ molto bello e pericoloso avere a portata di mano con un clic le risposte alle domande più disparate, il problema è avere gli strumenti per capire quali sono le risposte”giuste”..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Credo un po' di tutto questo... e in più qualche esperimento di massa con cavie volonarie.

 
Alle 19 ottobre 2010 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Quindi la Rete per trovare contatti e farsi conoscere, ma senze esagerare ... meglio il live, in tutti i sensi ... almeno per i Pazi Main Street..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:56 , Blogger saraA ha detto...

..non è da escludere..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:57 , Blogger saraA ha detto...

..e comunque il rischio, che già oggi è palpabile, è che tutti si fingano tutto, lauree in tuttologia a gogo..tutti opinionisti, tutti critici, tutti artisti, tutti fotografi, tutti videomaker, tutti politici..si rischia di perdere e diluire il significato di molte cose..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:58 , Blogger saraA ha detto...

beh, sì ..meglio i live dello schermo..si spera possano diventare più frequenti ..

 
Alle 19 ottobre 2010 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Torniamo al territorio ...

 
Alle 19 ottobre 2010 22:59 , Blogger saraA ha detto...

..attendiamo l’avvento di HAL 9000..

 
Alle 19 ottobre 2010 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Un sogno. Del resto siete molto kubrikiani...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Venite dalle provincie di Mantova e Ferrara, quindi da una zona non molto lontana dai grandi centri, in regioni molto ricche dal punto della produzione musicale. Tutto questo vi ha aiutato nel vostro fare musica? Oppure è indifferente?

 
Alle 19 ottobre 2010 23:03 , Blogger saraA ha detto...

Hmmm.. direi che la cosa non mi ha aiutato troppo. Probabilmente avrei fatto musica comunque, è una necessità molto personale, che ha radici nella mia famiglia, una passione per l’ascolto che mi è stata instillata da bambina.. A Ferrara molta gente suona, nonostante questo un paio di anni fa circa ho avuto comunque voglia di cambiare aria e cominciare a fare la pendolare della musica, iniziando a suonare con Alessio (Capra) che è di Mantova.. dove avevo la possibilità di abusare della sala prove dei SUPER ELASTIC BUBBLE PLASTIC,di cui Alessio è il batterista, senza troppi limiti di tempo..

 
Alle 19 ottobre 2010 23:04 , Blogger saraA ha detto...

.. e ho fatto bene, ho conosciuto un sacco di musicisti nuovi,molto interessanti. Non dico certo una novità se ti scrivo che comunque scarseggiano gli spazi dove fare musica, non ci sono soldi, e comunque ci sono molte trasformazioni in atto, ma a poco serve stare a lamentarsi , meglio provare a farle le cose, e vedere che succede..

 
Alle 19 ottobre 2010 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi sembra giusto...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Avete contatti con altri musicanti della vostra zona? Di altre …
Domanda forse banale, ne conosco in buona parte la risposta.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:08 , Blogger saraA ha detto...

Sì certo , ma non ci sentiamo “dentro ad una scena particolare”.. posso avere contatti e scambi,musicali e logistici, con musicisti di Ferrara, quanto di Catania, o americani..questo è anche il bello di internet, usato bene...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:09 , Blogger saraA ha detto...

ci sono amici che sentiamo spesso con cui ci piace suonare assieme , come Neo, Karl Marx was a Broker, Aucan..e anche Joe Lally, abbiamo suonato con la sua band per presentare il disco qualche settimana fa e stiamo organizzando qualche giro insieme anche per l'inverno..

 
Alle 19 ottobre 2010 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran bella gente ... spero di sentirvi in un mucchio di concerti.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Interessante la copertina del cd, con questi disegni fantastici, tra Fellini e certo cinema da sogno (penso anche al recente “Inception”) …di chi è opera?

 
Alle 19 ottobre 2010 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

È nata in contemporanea con l’album? …prima? … dopo?

 
Alle 19 ottobre 2010 23:13 , Blogger saraA ha detto...

Sai che è stata una sorpresa pazzesca anche pere noi INCEPTION? (Che tra l’altro ho visto da poco e mi è molto piaciuto..). La prima volta che abbiamo visto il trailer la copertina era già fatta da più di 3 mesi, e quel lungo mare con la città-sogno diroccata è stato un notevole déjà vu , anche per il grafico stesso, Luca Zampriolo, un nostro amico, per altro bravissimo modellista (date un occhio: www.kallamity.com ).

 
Alle 19 ottobre 2010 23:14 , Blogger saraA ha detto...

Gli abbiamo fatto ascoltare alcuni provini dei pezzi e l’idea dell’immagine è nata solo dalla sua fantasia, praticamente in contemporanea col disco.. per fortuna entrambe le parti artistiche in gioco alla fine son state soddisfatte del reciproco “prodotto” !! E comunque volevamo creare, oltre ai contenuti musicali, un “bell’oggetto”... a maggior ragione perché è un’autoproduzione!! vendiamo il cd ai concerti e non volevamo avesse il solito look da demo. Infatti la grafica e il packaging stanno piacendo molto.. :)

 
Alle 19 ottobre 2010 23:14 , Blogger Scoiattolo! ha detto...

Mostro del modellismo e del desin!!! Geniale!!!

 
Alle 19 ottobre 2010 23:16 , Blogger saraA ha detto...

vedevatelo!!

 
Alle 19 ottobre 2010 23:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Vero, andrò poi a vedere altre sue cose ...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma come l'avete incotrato? Come avete incontrato i suoi disegni?

 
Alle 19 ottobre 2010 23:21 , Blogger saraA ha detto...

è..anzi era...un collega di marco, l'altro chitarrista.. lavoravano insieme ad un casello ferroviario.. arte sprecata eh? ;)

 
Alle 19 ottobre 2010 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Già ... a proposito, com’è la vita del giovane musicante indipendente?

 
Alle 19 ottobre 2010 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Come si riesce “a fare l’artista” e nel contempo vivere una vita “borghese”, con lavori e menate varie? Pochi, pochissimi, nell’alternative italico vivono di musica ...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:25 , Blogger saraA ha detto...

già.. E’ fatica, molta fatica..direi che lo fai o perché te lo puoi permettere o perché hai una gran passione che ti spinge.. nel nostro caso la seconda.. lavoriamo tutti e 4, chi più chi meno, anche tra licenziamenti e cassintegrazioni varie..

 
Alle 19 ottobre 2010 23:26 , Blogger saraA ha detto...

Serve molta organizzazione e ciò a dirsi fa tanto poco “bohèmien” , fa poco “ ispirazione selvaggia”, ma è così.. l’ispirazione non viene certo a comando nei momenti liberi che uno si ritaglia, anzi..e bisogna incastrare tutto .. gli impegni di lavoro di noi 4 ,i turni di notte, gli spostamenti per le prove tra Ferrara e Mantova, le ferie usate per registrazioni e concerti ..

 
Alle 19 ottobre 2010 23:27 , Blogger saraA ha detto...

..Ma ritrovarsi a condividere questo slancio insieme è molto bello, è molto “ricco”, anche sul piano umano, la musica è comunque un modo per comunicare anche tra di noi. Poi per quanto mi riguarda nel tempo libero che ho ,per fortuna o purtroppo , quasi tutte le energie le incanalo lì, sia per suonare, anche da sola, o per...mandare caterve di mail !!! e gestire un po’ le”public relations"..anche questo ruba un bel pò di tempo.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, usiamo il tempo libero per liberarci ... libera i sogni.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Tra Melvins e Jesus Lizard, tra Sonic Youth e One Dimensional Man, Nick Drake, anche Nick Drake sì… questo a leggere alcune recensioni e a sentirvi suonare.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Sono solo le solite masturbazioni mentali della critica oppure qualche contatto lo sentite? Altri, più nascosti e imprevedibili?

 
Alle 19 ottobre 2010 23:31 , Blogger saraA ha detto...

Mah..è sempre un po’ assurdo vedersi affibbiare etichette e somiglianze, un po’ servirà ai “critici” a dare vaghi punti di riferimento all’eventuale ascoltatore… altre volte escono nomi che proprio con noi non hanno nulla a che fare, né con i nostri ascolti né con la musica che proponiamo.. rispetto a quelli citati sopra beh sì, alcune affinità ci sono anche se poi lo spettro dei nostri gusti è mooolto più ampio ,pure troppo !!

 
Alle 19 ottobre 2010 23:32 , Blogger saraA ha detto...

… riguardo alle influenze nascoste e imprevedibili per quanto mi riguarda posso dirti che io ho iniziato a suonare studiando blues-rock, bluegrass e jazz…e uno dei chitarristi che preferisco è Marc Ribot..hahaha…non credo che siano influenze palesi nel modo di suonare che ho su questo disco!! ;)

 
Alle 19 ottobre 2010 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, sono nascoste ... ma ci sono, nel fondo della valigia. Io, al terzo ascolto, ho sentito il Robert Plant maturo. Ti piace? ...è tra i tuoi ascolti?

 
Alle 19 ottobre 2010 23:36 , Blogger saraA ha detto...

i led zeppelin li ho ascoltati certo, anche se non sono mai stata del tutto una patita.. Alessio, il batteraio, invece era patito.. magari anche noi ci facciamo una bella permanente platinata...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Sono andato troppo fuori ...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:37 , Blogger saraA ha detto...

io credo che sarei oltre il limite dell'inguardabile.. :D

 
Alle 19 ottobre 2010 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah ah, ah!...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Troppo forte... dura-dura.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché fai musica? Per liberarti dai demoni interiori? Per essere amata? Perché ti piace? …

 
Alle 19 ottobre 2010 23:42 , Blogger saraA ha detto...

beh di sicuro per i demoni interiori è un ottimo placebo, ognuno ha i suoi, l’importante è riuscire a conviverci … di sicuro perché mi piace , direi in maniera viscerale.. per essere amata, hahaha non credo (..per essere armata magari..) sennò proporremmo qualcosa di più “trendy” … no è che in realtà puntiamo solo ad arricchirci economicamente!!

 
Alle 19 ottobre 2010 23:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah ... una delle più divertenti risposte a questa domanda. Per essere armata ...in un letto di spine.
Fantastica questa donna.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:47 , Blogger saraA ha detto...

donna? quale donna?

 
Alle 19 ottobre 2010 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Nella foto a sinistra ...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Marzullata finale: una domanda che non ti ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna …

 
Alle 19 ottobre 2010 23:49 , Blogger Scoiattolo! ha detto...

Quante noccioline tengo nascosto nella zampetta sinistra?

 
Alle 19 ottobre 2010 23:50 , Blogger saraA ha detto...

hehehe...“spiiingitori di cavalieri!! Ma che spingevano? Che c’era qualcuno che li spingeva? ..su rieducational channel”

 
Alle 19 ottobre 2010 23:50 , Blogger saraA ha detto...

Cito il mio idolo Guzzanti come metafora della condizione del musicista..ma che c’era qualcuno che li spingeva?? Hahaha..la risposta non la so !!!

 
Alle 19 ottobre 2010 23:51 , Blogger saraA ha detto...

Scoiattolo ci sta truffando, non ha nessuna nocciolina..

 
Alle 19 ottobre 2010 23:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Un grande bluff dello scoiattolo... che rode...
Un grande Guzzanti. Su questo e altri blog si cita spesso il Robertetti...

 
Alle 19 ottobre 2010 23:54 , Blogger saraA ha detto...

grande poeta brunello ..

 
Alle 19 ottobre 2010 23:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Un maestro assoluto.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Sara, grazie peisi main! Grazie anche allo Scoiattolo che rodie... un grande rodie, che vi segue sempre.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:57 , Blogger saraA ha detto...

esatto è fedelissimo, lo sfamiamo a chianti e bagigie..

 
Alle 19 ottobre 2010 23:57 , Blogger Scoiattolo! ha detto...

garzie a voi e alla piacevbole serata! Quando internet e i blogg funzionano!!! Buone noccioline a tutti voi!!!

 
Alle 19 ottobre 2010 23:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Ottima dieta... vengo pure io.

 
Alle 19 ottobre 2010 23:57 , Blogger saraA ha detto...

grazie all'Alligatore!! e buonanotte..mmmbuti!

 
Alle 19 ottobre 2010 23:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah .... gran finale guzzantiano, che non mi aspettavo. Piacerà un sacco, vedrete.

 
Alle 20 ottobre 2010 00:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna Pazi Mine.

 
Alle 20 ottobre 2010 19:46 , Blogger Orietta248 ha detto...

Vi faccio tre rime:
amore, motore
cane, pane
gatto, esatto.

Ciaoooo! Stefanai.
:)

 
Alle 21 ottobre 2010 02:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Stefanai ermetica, hai una bella voce ...:)

 
Alle 21 ottobre 2010 14:58 , Blogger Ernest ha detto...

Applausi! :)

 
Alle 21 ottobre 2010 17:39 , Blogger petrolio ha detto...

evviva le teste dure nutrite a chianti e bagigie!
complimenti al gruppo e al grafico!

 
Alle 21 ottobre 2010 20:56 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ernest
... da fare anche live ai Pazi Mine.
@petrolio
Una grande immagine, veramente bravo, per un grande cd, veramente bravi. Un segno della nostra epoca in sfaldamento e poi vero/falso... tante cose.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page