martedì 7 settembre 2010

Intervista a Simona Gretchen

Simona finge di non vedermi di fronte alla porta della mia baracca nella palude. Ma ormai è tutto pronto, lei è qui e non può scappare. Non immagina la rapidità dell’Alligatore. Con una voce così poi, la troverei in capo al mondo. Ascolto e riascolto il suo disco d’esordio da un bel po’ (pure ora), e quello che mi colpisce è la voce: particolare, unica, inconfondibile. Non sto facendo la pubblicità ad un superalcolico, ma è quello che sento veramente. Poi le parole, tipo quelle di un grande libro di una giovane scrittrice alla sua prima prova. Senti l’urgenza, appunto.
Il disco è uscito sul finire dello scorso anno, suscitando pareri positivi e meraviglia: così giovane, così brava. Un nuovo talento da una regione capace di liberarne molti (la invidio), ma lei viene da lontano, con esperienze in band punk non superficiali ed è molto colta. Nasce così una nuova cantautrice intimista, con la rabbia del rock e la poesia del folk. Gretchen pensa troppo forte, dato alle stampe con la Discodada di Lorenzo Montanà e Gianluca Lo Presti (già ospite sul blog, alias Nevica su quattropuntozero), è questo ma anche molto altro (cito solo il violino di Nicola Manzan, mai così vivo).
Coraggio, entra pure, qualche volta mordo, ma in compenso non sparo mai freddure alla Vespa. Se vuoi possiamo dare inizio alla conversazione, sarà bello, perché anche a me piace pensare troppo forte. L’adoro …
VAI AL SUO MYSPACE http://www.myspace.com/simonagretchen

Etichette: , , , , , , , , , , ,

121 Commenti:

Alle 7 settembre 2010 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Simona entra, non temere ...

 
Alle 7 settembre 2010 21:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

eccomi qua... buonasera Alligatore

 
Alle 7 settembre 2010 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Wow, temevo una fuga intorno alla palude...ciao Simona.

 
Alle 7 settembre 2010 21:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

non scappo, non scappo :)

 
Alle 7 settembre 2010 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Una grande entrata in scena, benvenuta nella palude...

 
Alle 7 settembre 2010 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora, visto che sei qui, possiamo cominciare ...

 
Alle 7 settembre 2010 21:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

è un piacere. il clima mite. la palude sembra affatto ostile.

 
Alle 7 settembre 2010 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora, se ti senti a tuo agio, vado con la prima: chi è Simona Gretchen?

 
Alle 7 settembre 2010 21:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

una un po’ matta. che voleva fare la giornalista musicale. ed è finita a suonare in giro la sua musica.

 
Alle 7 settembre 2010 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella fine ... anzi bell'inizio...

 
Alle 7 settembre 2010 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nascono le tue canzoni?

 
Alle 7 settembre 2010 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Prima la musica e poi le parole o è il contrario?

 
Alle 7 settembre 2010 21:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

(il mondo in cui ci si muove è sempre quello; l'artista e il critico son due facce della stessa medaglia...e forse sarà una banalità, ma uno non ha gran dignità senza l'altro)

 
Alle 7 settembre 2010 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, la palude è sempre quella...

 
Alle 7 settembre 2010 21:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

possono accadere entrambe le cose. ci sono brani nati come testi lirici, innanzitutto, cui poi è stato adattato uno sfondo musicale. e ci sono, al contrario (cosa, però, più rara nelle canzoni di “Gretchen pensa troppo forte”), brani che si sono sviluppati a partire da un riff di basso o di chitarra.

 
Alle 7 settembre 2010 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Si sente ... ora sto ascoltando "O nostre pelli" ... nata sicuramente come testo prima.

 
Alle 7 settembre 2010 21:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

[colpito & affondato]
non solo: "O Nostre Pelli" è la prima canzone del disco che ho scritto.

 
Alle 7 settembre 2010 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

A sì?...come sono nate le canzoni di tutto il cd, a partire da O "Nostre Pelli"?

 
Alle 7 settembre 2010 22:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

"O Nostre Pelli" racchiude in sé il senso primo e profondo di ciò che dico nel disco. quello, come gli altri brani, son nati dopo un anno da dimenticare. ora dimenticarlo sarà molto difficile; ma in compenso ha assunto dei significati positivi. con il senno di poi e il disco alle spalle … soprattutto.

 
Alle 7 settembre 2010 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Soffrire è un buon modo per scrivere...creare. Passata la sofferenza resta la "cosa" creata.

 
Alle 7 settembre 2010 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Se la "cosa", -Gretchen Pensa Troppo Forte - fosse un concept-album su cosa sarebbe?

 
Alle 7 settembre 2010 22:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

in qualche modo potrebbe anche esserlo. è l’elaborazione di un lutto, più o meno. in cui lo scopo non è l’esorcizzazione, quanto la catarsi.
in fondo, forse, molte opere (letterarie o musicali che siano) portano in sé, più o meno esplicitamente, questa dimensione.

 
Alle 7 settembre 2010 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Capisco profondamente quello che dici.

 
Alle 7 settembre 2010 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone in particolare che rappresenta il simonagretchen-sound?

 
Alle 7 settembre 2010 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Che bello il simonagretchen-sound …

 
Alle 7 settembre 2010 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Dirlo riempie la bocca.

 
Alle 7 settembre 2010 22:17 , Anonymous Anonimo ha detto...

per definire quel sound (quel sound allo stato di "Gretchen Pensa Troppo Forte", per lo meno) forse dovremmo affiancarne almeno due: “Le mie fate” e “Fockus”. due brani complementari e distanti anni luce.

 
Alle 7 settembre 2010 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

A volte gli estremi si toccano ... e fanno scintille.

 
Alle 7 settembre 2010 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma torniamo all'ispirazione.

 
Alle 7 settembre 2010 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove trovi l’ispirazione?

 
Alle 7 settembre 2010 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

…A proposito di scrittura e ispirazione mi piace citare Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima... che rabbia.

 
Alle 7 settembre 2010 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai capitato?

 
Alle 7 settembre 2010 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Giri con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 7 settembre 2010 22:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vedder ha ragione, per quanto mi riguarda. a me le idee migliori vengono quando sto per addormentarmi. a volte il giorno dopo le ricordo, altre no. a volte, poi, ho la forza di prendere il cellulare o un foglio e di lasciar scritto qualcosa come promemoria. così nascono i pezzi di Gretchen, in gran parte.
i riferimenti son sempre alla vita reale, quasi sempre mia e in sporadici casi altrui. e a qualche sogno. ma la realtà spesso supera di gran lunga il mondo del sonno per livelli di assurdità e di nonsense intrinseci.

 
Alle 7 settembre 2010 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Non ho dubbi in proposito.

 
Alle 7 settembre 2010 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con Disco Dada Records? Come vi siete trovati? Come prosegue la collaborazione con loro?

 
Alle 7 settembre 2010 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Tra l'altro, presenti come musicanti pure nel cd...

 
Alle 7 settembre 2010 22:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

avevo in passato lavorato al Lotostudio di Gianluca Lo Presti (che quindi già conoscevo), il quale, insieme a Lorenzo Montanà, ha poi fondato la label. G. Lo Presti mi ha presentato a L. Montanà, che è diventato produttore artistico di “Gretchen pensa troppo forte”. continuo a lavorare con loro e Disco Dada; si tratta di produttori/artisti con cui è un piacere collaborare, oltre che persone che stimo e con le quali mi piacerebbe proseguire il mio percorso artistico.

 
Alle 7 settembre 2010 22:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

(sì, nel disco, oltre a me, hanno suonato sia Gianluca Lo Presti sia Lorenzo Montanà, oltre a Nicola Manzan, che direi non necessiti di presentazioni, e Valentina Grotti, un'amica pianista)

 
Alle 7 settembre 2010 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, Gianluca Lo Presti/Nevica su quattropuntozero è già stato nella palude in estate ... sotto un temporalone da paura.

 
Alle 7 settembre 2010 22:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

(eheh, quella sera mi hanno annullato il concerto e la serata è finita con una gomma a terra in un parcheggio)

 
Alle 7 settembre 2010 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Serata indimenticabile...

 
Alle 7 settembre 2010 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Per te e per me ...

 
Alle 7 settembre 2010 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Temevo saltasse il pc sotto qualche lampo ...

 
Alle 7 settembre 2010 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito, con Internet che rapporto hai da utente?

 
Alle 7 settembre 2010 22:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

ultimamente un ottimo rapporto, direi. considera che ho eliminato la tv e i giornali politicizzati (cioè praticamente tutti). in casa mia ora puoi trovare solo una connessione veloce, qualche rivista musicale e tanti libri.

 
Alle 7 settembre 2010 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

… e da musicante, il rapporto con la Rete delle Reti e le nuove tecnologie in genere?

 
Alle 7 settembre 2010 22:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

utilizzo la rete e i social network, ma c’è chi sa farlo certamente in maniera più efficace di me. credo la mia conoscenza in termini di nuove tecnologie sia alquanto lacunosa, anche se non per pigrizia.

 
Alle 7 settembre 2010 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

In realtà c'è troppa carne al fuoco, difficile concentrarsi su tutto, anzi impossibile: Myspace ... Facebook?

 
Alle 7 settembre 2010 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Anzi, la solita: Myspace ti sembra una cosa buona o solo una vetrinetta? ... superato da Facebook?

 
Alle 7 settembre 2010 22:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

ogni social ha potenzialità intrinseche che andrebbero sfruttate al massimo in quanto tali. io ho una pagina Myspace e non è solo una vetrinetta, rischierebbe di diventarlo però, oggi come oggi, se fosse l’unico mezzo a disposizione. dicevi bene, prima. Facebook lo supera quanto a velocità ed efficacia a livello divulgativo. ma ha un’estetica e possibilità che Facebook non offre (di cui Facebook non si interessa neppure, e giustamente!). ma sto dicendo banalità, cose molto semplici da intuire se conoscete minimamente il mondo dei social.

 
Alle 7 settembre 2010 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma, non direi banalità, qui sui social ogni musicante la pensa in modo diverso ... alla fine, meglio myspace di fb. Almeno è la mia idea.

 
Alle 7 settembre 2010 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Facebook ...

 
Alle 7 settembre 2010 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Fb,prima criticato perché contro la privacy, contro le libertà, ora mezzo usato per manifestazioni, quindi demonizzato dal potere (che come sempre non capisce le nuove tecnologie). Ora, forse, in declino, sostituito da altri.

 
Alle 7 settembre 2010 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

tu ci sei? Come lo usi?

 
Alle 7 settembre 2010 23:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

io sono presente come semplice profilo (Simona Darchini) e come artista (Simona Gretchen). uso il primo per mantenere contatti di ogni tipo (dagli amici più stretti a questioni artistico/lavorative), il secondo per aggiornare i fan a proposito delle novità, delle interviste, delle recensioni e dei live, con link, foto e ciò che mi salta in mente. è di certo il social che finora mi è stato più utile in assoluto. non solo, non fosse stato per Facebook non avrei mai conosciuto davvero tante persone (anche altri artisti) cui sono molto legata, oggi. è un mostro, per certi versi. ma per altri (molti di più) devo ringraziare chi l’ha inventato.

 
Alle 7 settembre 2010 23:01 , Blogger Stefania248 ha detto...

Ebbene, interrompo la trasmissione.
Un saluto dalla romagna, alla romagna!
:D
Ciao Diego, la voce della tua ospite è notevole.

 
Alle 7 settembre 2010 23:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

[grazie Stefania; la mia voce è grezza, e affatto educata, allo stato attuale ... ringrazierò le congiunzioni astrali]

 
Alle 7 settembre 2010 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Cia Stefania ... non siete molt lontane. Che tempo fa in Romagna vostra?

 
Alle 7 settembre 2010 23:07 , Blogger Stefania248 ha detto...

Qui, serata fresca, cielo stellato.
:)

 
Alle 7 settembre 2010 23:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

[qui niente stelle, e fa fresco, parecchio]

 
Alle 7 settembre 2010 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Qui piove un poco, sempre più fortunati in Romagna ...

 
Alle 7 settembre 2010 23:10 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito, tu Simona vieni dall’Emilia-Romagna, terra fertile per la musica e la cultura in genere.

 
Alle 7 settembre 2010 23:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Se uno non suona in una band, scrive libri, oppure fa del cinema o corre con la moto… io, abitante in una regione vicina, ma molto diversa, ho sempre invidiato questa vitalità.

 
Alle 7 settembre 2010 23:10 , Blogger Alligatore ha detto...

È un bene per un giovane musicante nascere dove sei nata tu, oppure è indifferente? O un male …

 
Alle 7 settembre 2010 23:13 , Anonymous Anonimo ha detto...

hai una visione un po’ distorta della realtà emiliano-romagnola, temo :) la Romagna non è esattamente volta all’arte e alla cultura, anche se in essa spiccano perle rare. la provincia di Ravenna è molto più desolata e desolante di quanto si possa immaginare, a livello artistico-culturale. Bologna e Cesena son ancora due isole (quasi) felici. Ravenna si distingue per il teatro sperimentale e una scena hardcore abbastanza viva. resta il fatto che ogni volta che passo da Roma o da Milano capisco che non fosse per questioni economiche me ne andrei subito da qui, e senza neppure pensarci troppo su.

 
Alle 7 settembre 2010 23:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', come numero di gruppi, è una regione molto ricca,rispetto ad altre realtà dello stesso livello. Roma e Milano sono altre realtà ... comunque capisco quello che dici.

 
Alle 7 settembre 2010 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Hai rapporti con altre band e/o musicanti delle tue città? Di altre ...

 
Alle 7 settembre 2010 23:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

[certo, verissimo, fra l'altro, quanto alla "densità"]
con moltissimi artisti e band, ma non molti di Faenza. l’unico progetto degno di nota nella mia città che vedo, ora come ora, son i Junkfood (http://www.myspace.com/junkfoodquartet). almeno uno di loro (Simone Calderoni, al basso) è di Faenza. ultimamente, poi, ho seguito il più possibile l’attività live degli Zeus (di Imola, ma pur sempre “vicini” di casa, in un certo senso, http://www.myspace.com/zeuspower).

 
Alle 7 settembre 2010 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Com’è la vita del giovane musicante indipendente? Come si riesce “a fare l’artista” e nel contempo vivere una vita “borghese”, con lavori e menate varie?

 
Alle 7 settembre 2010 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Pochi, pochissimi, nell’alternative italico vivono di musica …

 
Alle 7 settembre 2010 23:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

io non sempre me la vedo bene. nonostante ciò stringo i denti e per ora continuo. fortunatamente le mie bollette non son troppo salate e non mangio quasi nulla. né bevo. né ho vizi troppo dispendiosi in genere. divido un appartamento con un’altra persona e cerco di barcamenarmi dignitosamente in una battaglia persa in partenza, ma che mi affascina ancora come sfida. penso al presente. il futuro è comunque una beffa, se perdi troppo tempo a pensarci su.

 
Alle 7 settembre 2010 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora pensiamo al passato...

 
Alle 7 settembre 2010 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Il primo disco/cassetta della tua vita?...quello acquistato, intendo.

 
Alle 7 settembre 2010 23:29 , Anonymous Anonimo ha detto...

“Mellon Collie And The Infinite Sadness” degli Smashing Pumpkins e l’“Mtv Unplugged” dei Nirvana sono i primi due dischi che ho acquistato. credo in quest’ordine.

 
Alle 7 settembre 2010 23:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

[invece il primo disco che ho “ascoltato” era un Greatest Hits di Simon & Garfunkel, di mia madre]

 
Alle 7 settembre 2010 23:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', delle prime volte molto belle. Complimenti.

 
Alle 7 settembre 2010 23:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché fai musica? Per liberarti dai demoni interiori? Per essere amata? Perché ti piace?

 
Alle 7 settembre 2010 23:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

per “gestire meglio” i miei demoni interiori, mettiamola così.
a farlo mi son utili meditare e far musica, soprattutto. più un altro paio di cose che qui non è il caso di approfondire.

 
Alle 7 settembre 2010 23:36 , Blogger Alligatore ha detto...

...lasciamo il mistero.

 
Alle 7 settembre 2010 23:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Giovanni Lindo Ferretti e Cristina Donà, i Marlene Kuntz e Le Luci della Centrale Elettrica, Ginevra Di Marco …sono le solite masturbazioni mentali della critica o qualche contatto c’è. Altri più nascosti?

 
Alle 7 settembre 2010 23:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

la critica ben poche volte si masturba mentalmente. a volte ha intuizioni geniali, e neppure ha la faccia tosta di metterle in mostra. Giorgio Moltisanti di Rumore, che recensì il mio disco, in una conversazione di poco successiva alla consegna della sua recensione, mi chiese, peraltro temendo apparentemente una mia pessima reazione, se al di là di tutti i riferimenti più scontati ci potesse essere, fra i miei ascolti, il primo Branduardi: credevo di non aver sentito bene: aveva fatto centro più di molti altri e non aveva neanche accennato, nella recensione, a possibili miei influenze e riferimenti. immense risate.

 
Alle 7 settembre 2010 23:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Buonasera Alligatore e ciao Simona.

Un saluto,

C'est Disco

 
Alle 7 settembre 2010 23:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Anonimo. C'est Disco?

 
Alle 7 settembre 2010 23:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Il primo Branduardi?...interessante. Ti vedo tutta riccia, sì, in effetti.

 
Alle 7 settembre 2010 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Non ci avevo pensato, ma potrebbe essere.

 
Alle 7 settembre 2010 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche Nico e i Velvet Underground, però ... ho letto da qualche parte che farai (o hai fatto) una cover per un cd da collezione. Una chicca da collezione. È vero?

 
Alle 7 settembre 2010 23:50 , Anonymous Anonimo ha detto...

anonimo ma noto :) ciao! felice di vederti vigile

 
Alle 7 settembre 2010 23:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Noto? ... allora forse lo conosco.

 
Alle 7 settembre 2010 23:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

vero, ho appena registrato una cover di "Venus In Furs". sarà inclusa in un sette pollici che uscirà in autunno, in edizione limitata e numerata. i Velvet Underground sono forse la band che ho amato e amo di più in assoluto. e Nico era una dea.

 
Alle 7 settembre 2010 23:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

C'est Disco:
posso fare una domandina? :-)

 
Alle 7 settembre 2010 23:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche due ... se Simona accetta.

 
Alle 7 settembre 2010 23:56 , Anonymous Anonimo ha detto...

se l'Alligatore è d'accordo ...

 
Alle 7 settembre 2010 23:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Se è Simona l'anonima poco sopra, dico di sì ... vai pure C'est Disco.

 
Alle 7 settembre 2010 23:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

C'est Disco:
che disco ci consiglia di ascoltare la Gretchen?

 
Alle 8 settembre 2010 00:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

con un po' di coraggio e con l'umore giusto: "You Fail Me" dei Converge. non è il loro ultimo disco, ma quello che preferisco.

 
Alle 8 settembre 2010 00:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Io consiglio "Gretchen Pensa Troppo Forte" ...

 
Alle 8 settembre 2010 00:07 , Blogger Alligatore ha detto...

... e se l’anonimo non ha altre domanda, Simona, una domanda che non ti ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna, che è tardi.

 
Alle 8 settembre 2010 00:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

ok, vai con l'ultima domanda :)

 
Alle 8 settembre 2010 00:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Dici a me o a lui?

 
Alle 8 settembre 2010 00:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

a te, pare lui non ne abbia altre :)

 
Alle 8 settembre 2010 00:12 , Blogger Alligatore ha detto...

...e allora, una domanda che non ti ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna.

 
Alle 8 settembre 2010 00:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse non sono stato chiaro, scusami: fai tu una domanda, fai un appello, un saluto ... quello che avresti voluto ti chiedessi.

 
Alle 8 settembre 2010 00:17 , Blogger Alligatore ha detto...

La domanda a piacere è sempre la più difficile ...

 
Alle 8 settembre 2010 00:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Sta partendo il satellite ... satellite of love...

 
Alle 8 settembre 2010 00:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

sono qui ...
beh, non mi hai chiesto riguardo al futuro. e ne son lieta, in fondo, perché non avrei ben saputo cosa riponderti.
ho delle cose in mente, neanche poche. ma non so se, come e quando si concretizzeranno.
mi piacerebbe intanto ringraziare chi ha collaborato con me fino ad oggi, però. Lorenzo Soldano e Raffaele, per esempio, che mi han seguito nel tour fino a maggio. e Paolo Cola, il mio nuovo chitarrista/bassista, con cui spero di collaborare a lungo. magari anche su nuove idee.

 
Alle 8 settembre 2010 00:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', mi pare molto carino da parte tua...

 
Alle 8 settembre 2010 00:23 , Anonymous Anonimo ha detto...

[Andrea Raffaele, volevo scrivere, eheh]

 
Alle 8 settembre 2010 00:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

da soli si fa ben poco.

 
Alle 8 settembre 2010 00:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, è poco ma sicuro...questa bella intervista da solo non l'avrei fatta. Grazie Simona.

 
Alle 8 settembre 2010 00:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Sei stata molto gentile e paziente a trattenerti nella palude fino ad ora.... è quasi un record.

 
Alle 8 settembre 2010 00:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

grazie a te. a chi è intervenuto e a chi ha letto o leggerà!
un saluto e buona notte.
S.G.

 
Alle 8 settembre 2010 00:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Simona... grazie anche a Stefania248 e C’est Disco.

 
Alle 8 settembre 2010 00:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

la notte è giovane. penso uscirò, ora :)

 
Alle 8 settembre 2010 00:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Buona notte e buona fortuna Simona Gretchen.

 
Alle 8 settembre 2010 00:29 , Anonymous Anonimo ha detto...

anche a te. arrivederci Alligatore :)

 
Alle 8 settembre 2010 00:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Hai ragione, andrà a letto solo il vecchio Alligatore...ciao, buona uscita...

 
Alle 8 settembre 2010 09:17 , Blogger petrolio ha detto...

Mi piace tanto Simona, e il suo pensiero e i suoi sogni ad alta voce… :)

 
Alle 8 settembre 2010 15:10 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Davvero brava. Fockus é straordinaria. Io peraltro la Gretchen la conoscevo già per avere sentito qualche tempo fa "Alpha Overture" di cui mi innamorai al primo ascolto.

 
Alle 9 settembre 2010 20:18 , Blogger Alligatore ha detto...

@petrolio
... certo, certo, Gretchen pensa troppo forte, nel senso che lo fa ad alta voce, ma anche, e sopratutto (interpreto io), intensamente. Per questo (ci) piace.
@Daniele Verzetti il Rockpoeta®
Sì, lo sapevo, me l'avevi confessata tempo fa questa tua passione viscerale per Simona ... del resto potremmo definirla una Rockpoetessa. O no?

 
Alle 10 settembre 2010 12:31 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Assolutamente. Davvero bravissima.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page