domenica 14 marzo 2010

CINEMA: Amabili resti

Amabili resti è un film da nervoso, nel senso che a vederlo si diventa nervosi. Sembra come quei vecchi cartoni animati Warner Bros, con il cattivo, un po’ folle, decisamente brutto e kitsch, e l’innocente, sempre sull’orlo del pericolo, sempre pronta a cadere nel tranello, come da copione (e tu vorresti dirle “no, non farlo, non entrare, stai lontana da quello …”).
Insomma, non mi sono divertito. E poi ci sono troppi effetti speciali. Il cinema rischia di diventare presto (o forse lo è già diventato) un grande gioco sperimentale, tra reale e immaginario, con immagini finte e immagini vere, attori in carne ed ossa accanto ad attori sintetici. In certi casi il risultato è buono (vedi Avatar, per me un gran bel film) in altri meno (vedi, appunto, Amabili resti).
Certo, la storia, tratta da un libro di successo, si prestava: una povera bambina, vittima di un bruto, viene orribilmente assassinata (non ci sono scene di violenza, quasi tutto viene fatto abilmente immaginare); è morta, ma rimane nel limbo. Viaggia come spettro tra l’aldilà e l’aldiquà. Vede i genitori, la sorella, il fratellino, lo spasimante, il bruto … però rimane confinata in un paesaggio da fantasia (ed è qui che Peter Jackson si scatena con gli effetti speciali e colori mai visti).
Parallelamente, nel mondo dei vivi, la storia continua, ed è il meglio del film. Qui Jackson c’è (c’è pure in un bel cameo di stampo hitchcockiano). La vita della sua famiglia prosegue, anche se non nel migliore dei modi, le indagini vanno avanti, il bruto mette in atto altri crimini. Tutti splendidi attori a partire da un irriconoscibile Stanley Tucci, serial killer dalla borghese vita ordinaria, Susan Sarandon, nonna libertina/libertaria, Rachel Weisz, madre intellettuale persa nel suo dolore. Perfetta pure la ragazzina vittima dell’assasino, la giovane Saoirse Ronan. A non convincermi, oltre all’eccessivo utilizzo degli effetti speciali, sono certe sdolcinatezze da pellicole d’adolescenti, fuori luogo per un film con una tematica così dura. Il primo David Lynch forse avrebbe fatto meglio.

Viene voglia di leggere il romanzo Amabili resti di Alice Sebold, in Italia edito da e/o, editore molto presente al cinema in questo periodo (Il riccio); manca solo un bel film con L’Alligatore di Carlotto.

Etichette: , , , , , , , , ,

9 Commenti:

Alle 15 marzo 2010 06:45 , Blogger Lucien ha detto...

Jackson gira da dio, ma nella parte dell'aldilà si è fatto prendere la mano con effetti anche kitch. Il risultato finale non ha entusiasmato neanche a me.
Il libro non l'ho letto, ma mi dicono fonti vicine che si piange come vitelli dall'inizio alla fine.
Bello, ma ancora più straziante del film.

 
Alle 15 marzo 2010 10:15 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Non mi era dispiaciuto onestamente quando l'ho visto. Certo mi aspettavo di più e non mi ha lasciato entusiasta.

IL tuo film..... quando esce nelle sale fai un fischio che voglio poterlo vedere!

Ciao
Daniele

 
Alle 15 marzo 2010 12:58 , Anonymous Manfredi ha detto...

in effetti sarei più curioso di leggere il libro che di vedere il film.

 
Alle 15 marzo 2010 13:17 , Blogger Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Anch'io, come Manfredi, sono molto più incuriosita dal libro che dal film. Lo comprerò.

 
Alle 15 marzo 2010 15:01 , Blogger Alligatore ha detto...

@Lucien
Concordo pienamente con il tuo giudizio cinematografico; per il libro sono curioso.
@Daniele Verzetti il Rockpoeta
Nel complesso delude, ma ha dei buoni momenti. Con meno sdolcinatezze e meno effetti cartoon forse sarebbe stato un buon film.
Il "mio", cioè quello dell'Alligatore vero, quando ci sarà, se ci sarà, ti farò un fischio.
@Manfredi
A me non resta che leggerlo ...
@JanePancraziaCole
Saremo in due ...

 
Alle 15 marzo 2010 16:42 , Blogger Ross ha detto...

Sinceramente non mi attira come film. Più interessante potrebbe essere il libro, anche se la storia rimane comunque molto lontana dai miei gusti. Valuterò se dargli una possibilità. :)

 
Alle 16 marzo 2010 01:38 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ross
Attendiamo tue decisoni in merito...

 
Alle 16 marzo 2010 19:58 , Blogger ReAnto ha detto...

visto che rende nervosi ,non è il momento adatto per vederlo,almeno per me.. ;-)
Se mi permetti riassumo la tua esauriente recensione con due parole.
Fa cagare !
:-)

 
Alle 16 marzo 2010 21:24 , Blogger Alligatore ha detto...

In analisi finale, forse ... no dai, troppo finale.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page