domenica 6 luglio 2008

I Tetes de Bois al Tour de France


Il ciclismo ha sempre ispirato grandi artisti e grandi canzoni. Il ciclismo è lo sport più puro (sì, ormai è un balla anche questa, ma lasciatecelo credere) e il Tour de France è la gara più appassionante. Non c’è niente come la Grande Boucle per un vero tifoso di questo sport. Quest’anno c’è un motivo in più per parlarne: i Tetes dei Bois, nella persona di Andrea Satta, seguiranno tappa per tappa l’evolversi degli eventi e ne scriveranno su http://ilmanifesto.it/.
Accanto a Satta, un bel gruppo composto da giornalisti, fotografi, pittrici, registi, storici, analisti ambientali …
La prima puntata la trovate qui
http://ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/05-Luglio-2008/art65.html.

Etichette: , , , , , , , ,

8 Commenti:

Alle 7 luglio 2008 16:54 , Blogger Donna Cannone ha detto...

Ti lascio un saluto veloce,a rileggerti e sentirti presto!

 
Alle 8 luglio 2008 12:42 , Blogger stellavale ha detto...

Uau, che bell'idea!

 
Alle 8 luglio 2008 17:21 , Blogger silvano ha detto...

Ottimo a sapersi, grazie per l'info. A giorni, ne sto finendo un altro, mi leggerò il libro di Mura sul tour "Giallo su giallo", giusto per rimanere in tema.
ciao, silvano.

 
Alle 8 luglio 2008 20:42 , Blogger Pellescura ha detto...

Sono un appassionato di ciclismo da sempre e avevo in mente di fare un post sul campione d'Italia Simeoni e del mobbing che è stato fatto contro di lui, in particoalre da lance amstrong.
Poi ho pensato che è inutile incensare persone, magari pentite ma che hanno mangiato cmq in quel piatto.

 
Alle 8 luglio 2008 20:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

A proposito di ciclismo e Tour de France... consiglio a tutti la visione di "Appuntamento a Belleville" di Sylvain Chomet (Animazione, Francia 2003). Champion è un bambino orfano che ricorda i genitori scomparsi attraverso una fotografia che li ritrae in bicicletta, e da quella foto nasce l'unica cosa che gli dia gioia: pedalare. Quando Madame Souza, nonna e tutrice del bambino, scopre questa passione, gli regala un triciclo e diviene sua infaticabile allenatrice. Champion, diventato adulto, partecipa al Tour de France ma... Non vi svelo niente di più! :)
Ciao,
Press Sheep

 
Alle 9 luglio 2008 01:03 , Blogger Alligatore ha detto...

@donna cannone
Spero che rileggerai i Tetes de Bois su "il manifesto" più che il sottoscritto;
@stellavale
Sì, una bellissima idea: bici, musica, poesia, cinema, disegni ...;
@silvano
Il libro di Mura è sulla rampa di lancio anche sul mio comodino, assieme ad altri. In questo momento leggo un bella guida sul 1°tratto della Ciclopista del Sole, e per rimanere in tema, consiglio tutti i libri Emilio Rigatti, a partire da "Italia fuorirotta";
@pellescura
Benvenuto nel mio blog. L'argomento sport si presta a un sacco di retorica, difficile scriverne senza cadere in qualche cosa di controverso. Gibo ha fatto un bel Giro d'Italia, per questo meriterebbe un tuo post, forse ...
@ Press Sheep
Bentornata, sentivo la mancanza dei tuoi beee...
Quel cartone che tu dici, l'ho visto: fantastico e surreale, solo i francesi potevano farlo.

 
Alle 12 giugno 2009 12:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il Ciclismo è 'Letteratura', come nessun altro sport, la bicicletta una filosofia, no solo un mezzo.
Ambrogio

 
Alle 28 giugno 2009 00:25 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ambrogio
Un commento perfetto, che sottoscrivo.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page