venerdì 31 luglio 2020

In palude con Brunella Selo


GENERE   World/Folk
DOVE ASCOLTARLO   In viaggio, in bagno, in cucina... provate da qui spotify
LABEL SoundFly
PARTICOLARITA’ Metà napoletano, metà portoghese
CITTA’ Napoli
DATA DI USCITA 19 giugno 2020 
L’INTERVISTA
Come è nato Terre del finimondo?
Ho immaginato un ponte ideale tra le radici partenopee e il sentimento di grande vicinanza culturale, di fratellanza che lega Napoli ai ritmi e alle melodie del Brasile. Volevo raccontare la similitudine tra le melodie napoletane e le forme musicali popolari brasiliane, come lo chorinho e il samba, attraverso brani originali, scritti in napoletano e portoghese, e alcune personalissime rielaborazioni di grandi autori brasiliani, come Joao Bosco, Jacob do Bandolim,  Chico Buarque de Hollanda.
Perché questo titolo?
Terre del finimondo è un titolo mutuato da un famoso romanzo di Jorge Amado, il più grande scrittore brasiliano del Novecento. Napoli e Rio de Janeiro sono terre di un metaforico finimondo, terre di incontri di mille razze, luoghi di diversità e di integrazione, in cui convivono luci e ombre, salvezza e perdizione. In ogni brasiliano scorre un sangue ricco di fermenti europei, africani, indios e meticci, proprio come in ogni napoletano ci sono le tracce delle culture che hanno dominato a Napoli, greci, spagnoli, francesi, arabi. E sono appunto questi aspetti a rendere queste terre così uniche e impossibili da dimenticare.
Come è stata la genesi dell’album, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Inizialmente avevamo preso in considerazione anche alcuni classici della canzone napoletana dell’Ottocento, poi durante la lavorazione la nostra vena creativa, mia e di Piero De Asmundis, produttore artistico insieme a me e arrangiatore del disco, ci ha suggerito di scrivere quasi esclusivamente brani originali, e sono nati altri brani che ci hanno entusiasmato al punto da sostituirli ai classici.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione di Terre del finimondo?
Nessun episodio in particolare, piuttosto se ripenso ai tre mesi della lavorazione in studio, mi viene in mente il clima di grande gioia ed entusiasmo che ha caratterizzato la partecipazione di ogni musicista ospite del disco: ben 22 musicisti che hanno contribuito con la loro bravura e professionalità a rendere speciale il risultato finale e i giorni vissuti insieme.
Se fosse un concept-album su cosa sarebbe? … anche a posteriori?
Il mio precedente album, Io sono Ulisse, era un concept, e mi rendo conto che in qualche modo fa parte di me la ricerca di un senso omogeneo, quindi anche nel caso di Terre del finimondo c’è in fondo un concetto che emerge in tutti i brani, ed è il bisogno di rinascita, la capacità di ritrovarsi dopo i momenti bui della vita, di scoprirsi forti e ancora in grado di cogliere la bellezza e di splendere.
C’è qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale vai più fiera dell’intero disco? … che ti piace di più fare live?
Ogni brano ha un posto speciale per me, conquistato grazie al duro lavoro di studio, di arrangiamento e di realizzazione, Lassame sta perché è il brano più ispirato, Tarsila perché è il mio primo brano composto in portoghese, Nasco ddoje vote perché è una vera sfida vocale, tecnicamente molto impegnativa...
Chi citare a livello produttivo? Chi ti ha aiutato di più a realizzare il disco?
Terre del finimondo è un disco autoprodotto, e come ho già detto, Piero De Asmundis ne è il produttore artistico e arrangiatore insieme a me, quindi ringrazio la nostra capacità, confermata anche nei miei precedenti dischi, di essere sempre in profonda sintonia e di ispirarci reciprocamente nel totale rispetto delle nostre identità musicali.
Molto particolare la copertina, ricca di colori, disegni, come del resto il libretto interno e anche il cd stesso. Come è nata? Chi dietro la grafica del disco?
Studio Zeta, ovvero Mario Zenga, autore anche della copertina di Io sono Ulisse, è l’autore della meravigliosa grafica di questo disco. Siamo partiti dalla pittura modernista brasiliana, poi man mano il nostro è diventato un caleidoscopico e coloratissimo contenitore in cui far confluire tutti i simboli della cultura napoletana e brasiliana.
Come presenti dal vivo il disco Terre del finimondo?
Con enormi difficoltà, a causa delle misure restrittive per l’emergenza coronavirus, le rassegne e i festival hanno ridotto comprensibilmente i loro budget, quindi anch’io mi sono adattata. Avremmo voluto presentarlo in sestetto, ma al momento viaggiamo in trio, per fortuna il repertorio si presta anche a piccole formazioni.
Altro da dichiarare?
Spero che l’Italia torni ad occuparsi di cultura, arte e musica, perché la politica di questi ultimi decenni ha mortificato la categoria degli artisti in modo vergognoso. Un paese che non cura questo aspetto è un paese morto.

Etichette: , , , , , , , , , ,

9 Commenti:

Alle 13 agosto 2020 23:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Bellissimo avere in palude questa sera calda Brunella Selo, che ci delizia con questo disco tra cultura napoletana e brasiliana.

 
Alle 13 agosto 2020 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina magnifica, colorata e fiabesca come le canzoni del disco, un bel concentrato di parole e suoni di quelle terre, che, come dice la Selo nell'intervista, hanno più di una relazione.

 
Alle 13 agosto 2020 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Unidici pezzi magici, cantanti in napoletano e portoghese, tra i quali è molto difficile scegliere ...

 
Alle 13 agosto 2020 23:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Come dice lei, il pezzo più ispirato è Lassame sta: intenso, cantanto in napoletano, sembra un classico della canzone italiana del boom.

 
Alle 13 agosto 2020 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Molto sensuale, giocoso, che piacerebbe molto a Jorge Amado Doce de coco, bozzetto brasileiro con percussioni a iosa, chitarra classica, ukulele basso, bandolim ... e la voce di Brunella Selo. Magia pura.

 
Alle 13 agosto 2020 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciccibbacco (quante doppie, non riesco manco a pensarle), cantato in napoletano, con cuore e ironia tipica dei partenopei e un'intro di mandolino importante. Direi pure filmica, per un film tra Woody Allen e Troisi (forse lo potrebbe fare Turturro).

 
Alle 13 agosto 2020 23:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Da segnalare anche De frente pro crime, pezzo sostenuto da fiati impressionanti, che ti portano a Rio, come il cantato di Brunella e Robertinho Bastos (anche percussioni).

 
Alle 13 agosto 2020 23:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Veramente forte l'interpretazione della solenne Shinà di C. Buarque de Hollanda con archi a iosa, la chitarra classica a dare il ritmo e una voce al massimo della sua estensione...

 
Alle 13 agosto 2020 23:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma è tutto un disco da ascoltare, respirare, amare ...e molto belle le parole di Brunella Selo a chiusura dell'intervista, che faccio mie: spero che l’Italia torni ad occuparsi di cultura, arte e musica, perché la politica di questi ultimi decenni ha mortificato la categoria degli artisti in modo vergognoso. Un paese che non cura questo aspetto è un paese morto.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page