sabato 9 novembre 2019

In palude con gli Swörn

NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE Stoner – Desert Rock - Psych
DOVE ASCOLTARLO Bandcamp, FloppyDischi, Youtube, Spotify
LABEL Dotto – Floppy Dischi – Scatti Vorticosi Records – Brigante Records Productions
PARTICOLARITA’ Lo Stoner che non ti aspetti ma che potrebbe piacerti
FB
CITTA’ TORINO
DATA DI USCITA 20/09/2019
L’INTERVISTA
Come è nato questo disco?
Il disco è nato come conseguenza naturale di un percorso durato quasi due anni, iniziato quasi per puro diletto.
Quello che ci rende estremamente felici è constatare che senza il nostro collettivo (Dotto) non sarebbe successo nulla perché è grazie a Dotto se ci siamo incontrati ed è nello studio che abbiamo preso tutti insieme che abbiamo potuto prima lavorare assieme sui pezzi e poi registrarli, grazie a un altro validissimo membro del collettivo (Loris) che ha registrato e mixato il tutto.

Perché nessun titolo, se non il nome della band? … per dire siamo le nostre canzoni?
Siamo molto legati al nome della band, che ci è piovuto addosso come un’epifania.  Messa di fronte alla scelta ci siamo resi conto che qualsiasi altro titolo non avrebbe avuto lo stesso valore.

Come è stata la genesi del disco, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Anche in questo caso è nato tutto in maniera estremamente spontanea.
Il primo brano che abbiamo scritto assieme è stato I Ask Shield, sicuramente la nostra canzone più “sempliciotta”, ma è stata quella che ha gettato le basi della nostra filosofia:
"Sta parte mi sembra banalotta"
"Si ma a te piace?"
"Da morire"
"Allora facciamola così e pochi cazzi"
Il senso è semplicemente che tutti e tre arrivavamo da generi diversi e molto categorici: con questo disco abbiamo semplicemente deciso di fare quello che ci andava di fare.
Questo ci ha portati ad avere un disco che ci rappresenta veramente senza dover pensare a chi e a quanti piacerà.

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del cd?
La registrazione di un disco è sempre un momento tanto emotivamente/fisicamente frustrante quanto appagante. Alcuni ricordi di quest’esperienza ci sono rimasti nel cuore. Ad esempio il contapersone usato da Michele per sommare gli insulti ricevuti da parte degli altri due, l'alimentazione scriteriata, la visione periodica di video idioti nelle pause, l'uso smodato di sostanze psicotrope e dell’app di Futurama.

Se il vostro album fosse un concept-album su cosa sarebbe? … anche a posteriori?
Probabilmente racconterebbe un viaggio interdimensionale onirico tra i pianeti della nostra immaginazione. Ok, non ha molto senso, però il tutto sarebbe narrato da Lovecraft.

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri dell’intero disco? … che vi piace di più fare live?
Facendo una media ponderata tra le preferenze di ciascuno dei tre, Tecumseh e Electric Saint sono quelle di cui siamo più orgogliosi e che ci fanno impazzire mentre le suoniamo dal vivo.

Come mai tutte queste realtà dietro alla produzione del disco? Quante e quali sono? Come è nata la collaborazione con loro?
Negli anni il collettivo Dotto si è anche evoluto come piccola label, venendo in contatto con tante realtà affini sul piano ideologico, pronte a rispondere presente a seconda del disco in uscita, in un circolo virtuoso che è poi alla base di tutto quello che è il vero mondo “indipendente”. In questo caso si tratta di cinque realtà: ovviamente Dotto, poi i carissimi amici di Floppy e Scatti Vorticosi con i quali si collabora da un bel po’, i ragazzi di Brigante e infine Carlos Palacios di Entes Anomicos che ha contribuito a una sorpresa, che speriamo di svelare a breve.

Copertina molto impressionante, da suggestioni fumetto alternative. Come è nata? Chi l’autore?
Noi adoriamo tutto l'artwork che STRX ha creato per noi, è un ragazzo di grande talento, molto bravo nella difficile impresa di dare vita concreta alle nostre idee strampalate.
L'abbiamo scoperto un po' per caso e ci siamo innamorati subito del suo stile, quindi appena abbiamo iniziato i lavori per il disco l'abbiamo contattato dicendogli:
"Guarda a noi piacciono i dinosauri, con una spiccata prevalenza per i triceratopi. Ah anche il deserto è bello...però anche la fantascienza...vabeh hai carta bianca, fai un po' tu".
Il risultato è un mix perfetto di questi elementi e ci fa godere come ricci. Tant’è che i nostri cari stanno popolando le nostre case di triceratopi somiglianti a quello della copertina.

Come presentate dal vivo il disco?
Cerchiamo di riproporne le atmosfere il più fedelmente possibile ma stiamo già inframmezzando la scaletta con nuovo materiale.

Altro da dichiarare?
Giuriamo che del cadavere nel bagagliaio non sapevamo nulla.

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

10 Commenti:

Alle 9 novembre 2019 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran piacere ospitare in palude questa band di Torino, gli Swörn e il loro rock a tinte forte ...

 
Alle 9 novembre 2019 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Un rock acido e duro, come lascia ben intuire la puntuale copertina (e sentirete ascoltandolo in n dei link messi a disposizione).

 
Alle 9 novembre 2019 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Solo sei pezzi, ma con una vibra e una dilatazione a mille, che vi sembreranno molti di più.

 
Alle 9 novembre 2019 23:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Dall'iniziale Azathoth, corale e ricca di patos, tra pieni e vuoti Thin White Rope, al gran pezzo finale, il maestoso Tecumseh, hard-gotic-grunge-rock con i controfiocchi.

 
Alle 9 novembre 2019 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

E in mezzo il gran ritmo di San Pedro, che dal vivo deve infiammare un casino, il pestante Electric Saint, con la band a suonare come un uomo solo (si capisce perché è un dei loro preferiti).

 
Alle 9 novembre 2019 23:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma è tutto un disco da ascoltare questo esordio degli Swörn: compatto, sembra un'unica tirata di trenta minuti di psichdelica rockmusic incandescente.

 
Alle 9 novembre 2019 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Menzione speciale alla copertina, con strano dinosauro, fatta da STRX, artista che non conoscevo, ma da seguire (ho linkato nell'intervista il suo instagram).

 
Alle 9 novembre 2019 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Come da seguire sono questi Swörn. Da Torino con furore.

 
Alle 11 novembre 2019 19:26 , Blogger Clarke è vivo! ha detto...

Fantascienza e Lovecraft? Siamo a cavallo! Grandi

 
Alle 11 novembre 2019 21:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, credo che abbiano delle tematiche molto apprezzabili.
Ciao Clarke!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page