lunedì 26 novembre 2018

C'era il mare, Stucky di classe

Bello, bello, bello! Leggendolo ho spesso pensato a questo. Parlo di C'era il mare, libro di Fulvio Ervas, uscito da qualche settimana per la Marcos Y Marcos. Ancora una volta un'indagine dell'ispettore Stucky, che sicuramente conoscerete per l'interpretazione di Battiston nel film (prima romanzo di Ervas) Finché c'è prosecco c'è speranza, ma che vi consiglio di approfondire in tutti i romanzi dello scrittore veneto. In C'era il mare l'indagine si divide in due, tra la sua Treviso e Venezia, in particolare Porto Marghera. Infatti il libro si dipana in capitoli alternati, semplicemente intitolati Treviso, Marghera, Treviso, Marghera ... in una città fanno fuori un giornalista in pensione, nell'altra un ex operaio di Porto Marghera. Non due persone qualsiasi: il giornalista aveva fatto articoli forti sull'inquinamento e non solo, l'operaio era stato un leader sindacale. A Treviso indaga Stucky, a Venezia Luana Bertelli. A un certo punto c'è un terzo omicidio, di un avvocato, anche lui in pensione, un omicidio a metà strada, che unirà inevitabilmente le due indagini. Bello, veramente bello. Perché ha il sapore di un classico, fin dalle prime pagine, perché sembra già un film (inevitabile pensare a Battiston, mentre lo si legge), perché racconta un bel pezzo di storia d'Italia, Porto Marghera e le lotte operaie, una città industriale nata cento anni fa, sul finire della Grande Guerra, perché lo fa con una coscienza e conoscenza di classe. E poi la storia (che incontra la Storia) è davvero appassionante. Si rimane con gli occhi incollati alle pagine del libro fino alla fine. Una bella impressione.
VAI AL LIBRO

Etichette: , , , , , , , , , , ,

10 Commenti:

Alle 26 novembre 2018 17:13 , Blogger Sergente Elias ha detto...

Deve essere veramente piacevole e mi sa che uno di questi giorni mi guardo anche, "Finché c è prosecco c'è speranza" che avevo adocchiato ma non ancora visto. Un salutone.

 
Alle 26 novembre 2018 17:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, devi vederlo assolutamente e anche leggere i libri di Ervas, magari a partire da questo che è un gran libro, scritto in modo impeccabile.

 
Alle 27 novembre 2018 14:45 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Molto interessante!
Saluti a presto.

 
Alle 27 novembre 2018 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Cavaliere, sempre attento e presente.

 
Alle 28 novembre 2018 13:40 , Blogger Berica ha detto...

Il ricordo dell'interpretazione di Battiston mi convince... non me lo perderò. Grazie per la dritta .

 
Alle 28 novembre 2018 18:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, sì, quello l'ho in mente anche io, e nel libro si sente ... ma poi c'è Marghera, le lotte, un passato che ritorna. Un libro "nostro"!

 
Alle 28 novembre 2018 20:59 , Blogger marcaval ha detto...

me lo procurerò al più presto.

 
Alle 28 novembre 2018 21:13 , Blogger Alligatore ha detto...

E fai bene, te lo garantisco al 100%.

 
Alle 29 novembre 2018 21:20 , Blogger Elle ha detto...

Bello, bello, l'ho divorato in un pomeriggio, come è giusto che succeda a un vero giallo! Bravo Ervas, continua così.
(a parte che dobbiamo recuperare gli altri sei romanzi con Stucky protagonista)

 
Alle 29 novembre 2018 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Condivido in pieno: bravo Ervas, continua così!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page