sabato 24 giugno 2017

Letture estive: Sposerò Manuel Agnelli

L'ho intervistata sul blog per il suo disco la Genghini (l'ottimo Fuorimoda), poi ho saputo che ha scritto pure un nuovo romanzo, questo, e l'ho voluto subito leggere ... una bella lettura divertente, a tratti da sbellicarsi. Sì, si ride molto in Sposerò Manuel Agnelli  si ride sull'underground italico, argomento molto caro da sempre qui in palude. La Genghini fa in modo autoironico e con un pelo di nostalgia per anni eroici, quando a conoscere Manuel Agnelli eravamo sempre in pochi (non pochissimi, a dire il vero), e ora, che è stato in TV? ... 

Etichette: , , , , , , , , , ,

13 Commenti:

Alle 24 giugno 2017 19:04 , Anonymous Enri1968 ha detto...

Sembra divertente... non prendendosi sul serio...

Agnelli? Mah le sue ultime "uscite" mi hanno lasciato perplesso.

 
Alle 24 giugno 2017 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Enri, sì divertente, ironica e autoironica. Agnelli é preso come massimo esempio dell'underground italico per il quale ha fatto molto. Gli ultimi dischi non li ho ascoltati, lo devo ammettere, essendo un patitodei gruppi da piccoli. Gli Afterhours sono ormai troppo mainstream per i miei gusti ....

 
Alle 25 giugno 2017 05:04 , Blogger Glò ha detto...

Eccomi, anch'io vecchia fan degli Afterhours... diciamo che oggi l'Agnelli mi fa l'effetto di Giovanni Lindo XD
Segno il titolo! ;)

 
Alle 25 giugno 2017 09:45 , Blogger m4ry ha detto...

Alli, Manuel è una persona che adoro...mi piace proprio. Gli Afterhours li ho scoperti nel 2012 grazie a un amico e da allora mi sono ascoltata e riascoltata tutta la discografia, dalle prime cose alle ultime. E niente, ci sono canzoni che mi mettono i brividi. Testi di un'intensità che vabbè...francamente mi ha sorpreso molto vederlo a X FACTOR, ma per quanto mi riguarda, non ha perso valore. Anche se so di persone che, pura amando tantissimo gli Afterhours, hanno giurato che non ascolteranno mai più nulla di loro, perché con quella scelta è stato un po' come tradire la loro vera natura. Non so...per quanto mi riguarda, io continuo ad ascoltarli sempre e ti dirò di più, se non fossi già sposata, un pensierino ce lo farei pure io! Ahahahah! Buona domenica :*

 
Alle 25 giugno 2017 13:01 , Blogger Alligatore ha detto...

@Glò
Come Giovanni Lindo direi no, quello ha fatto dichiarazioni inconciliabili, Manuel, che io sappia, si è limitato ad X Factor, dove mi dicono, ha alzato il livello ... ma non saprei se alzare il livello di X Factor sia un merito o uno sputtanarsi :)
@M4ry
Capisco, capisco, io gli Afterhours gli ho seguiti per molto, anche a concerti (la dimensione live è a loro congeniale), e posso capire che potresti farci un pensierino pure tu, ah, ah, ah! X Factor è stata sorpresa mista a delusione, misto a entusiasmo quando sentivo che sputtanava un carrozzone musicale da Arisa in su.

 
Alle 25 giugno 2017 16:15 , Blogger Glò ha detto...

Agnelli ha rilasciato dichiarazioni per lo meno discutibili XD Rispetto ai Queen ad esempio, alla musica indie di oggi, ha abbastanza sputato nel piatto dal quale ha mangiato, ecc. Tutto lecito, ma a me pare parecchio ipocrita. Alla fine XFactor rappresenta il mondo contro cui si collocava all'inizio.
Sono arrivata a Varansi Baby, e là rimango ;)

 
Alle 25 giugno 2017 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Concordo su quello che dici, nel senso che è sbagliato sputare nel piatto dove si mangia, se ha sparlato dell'underground italico (del quale già da anni gli Afterhours non fanno parte), ha fatto male. A me i Queen non sono mai piaciuti (credo sia una delle band più sopravvalutate della storia del rock), ma è solo un parere personale ... Detto questo, il libro della Genghini non è un inno a Manuel Agnelli, ti consiglio di leggerlo.

 
Alle 26 giugno 2017 13:07 , Blogger Elle ha detto...

Forse leggerò proprio questo libro, questa settimana, visto che in questi giorni non riesco a concentrarmi sulla lettura, leggere qualcosa che fa sbellicare potrebbe togliere l'ingorgo. E che fa ridere l'ho visto con i miei occhi, quando leggevi accanto a me :D

 
Alle 26 giugno 2017 15:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, te lo consiglio, ci sono dei momenti di risate pure ... vai (tu però mi impresti l'altro, quello di racconti di uno scrittore).

 
Alle 27 giugno 2017 07:25 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Un po' di buonumore fa sempre bene.
Serena giornata.

 
Alle 27 giugno 2017 10:38 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Libro leggero allegro ed estivo per chi vuole una lettura fresca.

 
Alle 27 giugno 2017 18:18 , Blogger Andrea C. ha detto...


io lo conobbi malauguratamente tanti anni fa.
stavo parlando con Marco Parente in una Feltrinelli a Milano e lui si immischio' senza chiedere Posso?.
lo trovai una brutta persona, maleducata, saccente, spocchiosa, vigliacca.
mio padre, che era a pochi passi da me voleva quasi tirargli un pugno.

tutte le volte che lo vedo in tv mi sale un'ansia...

 
Alle 27 giugno 2017 21:56 , Blogger Alligatore ha detto...

@Cavaliere Oscuro del Web
Decisamente, e questo è da ridere molto ...
@Daniele
Come una fetta d'anguria!
@And
Mi dispiace di questo episodio ... per te, per lui, per tutti noi!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page