martedì 9 maggio 2017

L'Europa dopo la pioggia II

Max Ernst - L'Europe après la pluie II

Etichette: , , , , , , , , ,

17 Commenti:

Alle 9 maggio 2017 00:30 , Anonymous Enri1968 ha detto...

Mah?!?
Vedremo questo nuovo politico francese, non mi convince.

 
Alle 9 maggio 2017 00:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Nuovo politico francese? E chi è? ...

 
Alle 9 maggio 2017 01:18 , Blogger Elle ha detto...

Sembra una colata lavica, altro che pioggia!
Paura...

 
Alle 9 maggio 2017 01:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Niente paura, quello che sembra, in Europa non è.

 
Alle 9 maggio 2017 03:44 , Blogger Glò ha detto...

Arginato un problema, ne sopravvive un altro, non da poco -_-

 
Alle 9 maggio 2017 16:01 , Blogger Elle ha detto...

Mm.. non so se è meglio...

 
Alle 9 maggio 2017 16:06 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

E' il vecchio è un altro Renzi

 
Alle 9 maggio 2017 17:11 , Blogger Ernest ha detto...

il problema è che siamo ridotti a questo. Non è tanto un problema di vecchio o nuovo. Macron è vecchio perché è dalla parte delle banche, Le Pen è vecchia perché parla di muri e di stati nazionali... io aspetto sempre la sinistra ma è come aspettare gli autobus pubblici qui a Genova

 
Alle 9 maggio 2017 21:19 , Blogger Alligatore ha detto...

@Glò
Probabile, molto probabile che il giovane ex banchiere con studi classici, sia, tra qualche anno, un problema: ora sembra un modo per darsi una ventata di nuovo al sistema (vecchio).
@Elle
Peggio e meglio sono due concetti relativi.
@Daniele
Sì, anche io ho pensato che il nuovo presidente francese sia simile a Renzi (anche se è francese, quindi un pelo meglio, essendo più lontano da Roma).
@Ernest
Vero, vecchio e nuovo sono due termine pubblicitari. La sinistra in verità c'era, in Francia è ben rappresentata da Jean-Luc Mélenchon, per il quale avrei votato, come negli Usa da Sanders ... poi il sistema crea i Renzi, le Clinton, e i Macron, appunto.

 
Alle 9 maggio 2017 22:35 , Blogger marcaval ha detto...

L'Europa è rimasta ancora solo un sogno, peccato che poi ci si svegli!

 
Alle 10 maggio 2017 00:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, io personalmente credo che questo sogno sia stato fatto da alcuni capitalisti, quindi un vero e proprio incubo dal quale purtroppo non ci si sveglia, se non di rado.

 
Alle 10 maggio 2017 14:40 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Sembra il ripetersi delle elezioni americane.
Saluti a presto.

 
Alle 10 maggio 2017 16:24 , Blogger Elle ha detto...

Stiamo parlando di cose diverse, mi sa, io mi riferivo al quadro.

 
Alle 11 maggio 2017 01:30 , Blogger Alligatore ha detto...

@Cavaliere Oscuro del Web,Sì, le hanno, in parte ricordate, in particolare dal ballottaggio in poi ... ma qui ha vinto il clintontiano, se possibile dire così.
@Elle,In realtà non c'è un vero e proprio tema centrale nel post,anche parlare del quadro è interessante.

 
Alle 11 maggio 2017 12:00 , Blogger Nella Crosiglia ha detto...

Dilemma insoluto..riferito alla realtà preferisco tacere , riferito al dipinto una catastrofe..
Ci saranno analogie? bacione Alli

 
Alle 11 maggio 2017 14:24 , Blogger francesca ha detto...

Ecco... hai detto tutto nella risposta al commento di Ernest.

Faranno in modo di farci fare la cosa che più odio e che non ho mai fatto: non andare a votare (che ormai, diciamocelo pure, faccio solo per un pricipio morale)!

 
Alle 12 maggio 2017 00:07 , Blogger Alligatore ha detto...

@Nella
Ci saranno analogie? Certo, ci sono, io lo credo. Grazie e un saluto.
@Francesca
Diciamo che fino a che ci saranno candidati come Jean-Luc Mélenchon e Sanders andrò a votare, poi basta.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page