venerdì 27 novembre 2015

In palude con Elias Nardi Group


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE ….heh…difficile rispondere, ethno-jazz cameristico?...world-progressive……? Forse potrebbe essere meglio ascoltare e farsi un’idea propria…
DOVE ASCOLTARLO (in parte o tutto)
spotify, soundcloud, youtube
LABEL
Visage Music/Materiali Sonori per la versione Cd-Mp3 www.materialisonori.com
PARTICOLARITA’
Disponibile in versione audiofila su bobina Reel To Reel Master Tape tramite l’etichetta produttrice del disco “Analogy Records” www.analogyrecords.org.
SITO O FB DEL GRUPPO
CITTA’:
Molte.
DATA DI USCITA
1 Luglio 2015 la versione su Bobina Reel To Reel Master Tape tramite Analogy Records, 29 Settembre 2015 la versione Cd/Mp3 via Visage Music/Materiali Sonori.

L'INTERVISTA


Come è nato Flowers of Fragility?

Possiamo dire che il disco sia nato durante un tour in Belgio  nell’autunno del 2014, e in occasione delle ricorrenze per i Cento anni dalla Grande Guerra, con questa formazione al completo compresi oltre a me ovviamente Daniele Di Bonaventura al Bandoneon, Didier François alla Viola d’Amore a Chiavi, Nazanin Piri-Niri al Flauto e Carlo La Manna al Basso Fretless e Sei Corde. In quel contesto e in quel luogo hanno cominciato a prendere forma  alcune delle nuove idee compositive, principalmente mie e del bassista Carlo La Manna, che si sono poi sviluppate in ciò che oggi è diventato Flowers of Fragility. I brani sono poi stati “raffinati” e selezionati nel corso dei mesi successivi e sono stati affiancati, arricchendo il repertorio, da alcune composizioni degli altri membri del gruppo che sembravano legarsi molto bene col materiali appena nato.


Perché questo titolo? … molto poetico.
Il titolo nasce per “merito” del nostro amico e pittore fiammingo Pol Bonduelle: nell’ammirare ed analizzare una sua meravigliosa opera, che poi è diventata la copertina del disco, è emersa questa frase Flowers of Fragility che ci è parsa adattissima anche all’ispirazione di concetto che stava per nascere, visto che eravamo in sua compagnia proprio nei giorni del tour belga di cui sopra.
Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Possiamo dire che la prima nota del disco è stata seminata nell’ottobre 2014 ed il materiale è stato registrato a febbraio. Considerando che il gruppo è formato da elementi di diversa provenienza e origine, dal Belgio alla Germania e altri sparpagliati per l’Italia, il tempo di lavoro è stato molto rapido se teniamo conto che siamo riusciti a vederci ben poco nell’arco di quei mesi. Abbiamo fissato il tutto un paio di giorni prima di andare in studio, lasciando ovviamente spazio all’improvvisazione e all’ispirazione del momento. La registrazione è stata poi un’esperienza magica, con un mood splendido tra di noi che ha reso la sessione gioiosa, intensa e molto rapida.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?
Sono molti, dal momento in cui le prime note hanno preso forma fino ai giorni splendidi della registrazione con Robbo Vigo negli studi di Analogy Records. Personalmente ho un ricordo molto intenso durante la registrazione del brano Impermanenza di Didier François, che abbiamo registrato a un primo e unico take suonato e che presenta all’interno del pezzo un bellissimo assolo di Daniele di Bonaventura al Bandoneon, ricordo ancora che mentre lo stavamo registrando in cerchio e in presa diretta mi sono realmente commosso con lo strumento tra le braccia, avevo la pelle d’oca. E’ stato un momento unico e prezioso.
Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … anche senza volerlo.
In realtà il concept c’è ed in parte l’ho accennato in precedenza. Dobbiamo tornare per un momento al tour in Belgio dell’anno scorso, svoltosi durante l’anniversario dei cento anni dalla prima guerra mondiale. Tra una data e l’altra del tour Pol ci ha invitato a visitare alcuni dei numerosi e impressionanti cimiteri di Guerra presenti nelle Fiandre Occidentali, ben nota zona di confine e tra i più cruenti fronti di battaglia del conflitto. Questi luoghi, oggi pieni di pace e di quiete con prati curati e  fragili fiori ad accompagnare migliaia di nomi e di lapidi, rappresentano una sorta di museo a cielo aperto per la nostra memoria. E’ stato veramente toccante vedere che tra quelle decine di migliaia di soldati di tutte le età, c’erano anche “bambini” di appena 13 anni, ragazzi provenienti da ogni angolo di Europa così come dagli altri continenti che  hanno perduto per sempre la loro fanciullezza prima ancora delle loro vite. Diciamo che ci siamo trovati a porre la nostra attenzione su questo importante anniversario cercando di trarne ispirazione, anche se alla fine tutte le energie che fluiscono nella nostra musica vengono da molte direzioni.
C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di Flowers of Fragility?… che vi piace di più fare live?
Non è facile indicare dei brani prediletti. Flowers è un disco di cui siamo molto contenti dal punto di vista delle composizioni e della loro resa in registrazione, anche se naturalmente tutto è sempre perfettibile e migliorabile. Ma il motivo principale per cui non si possa dire con semplicità quale siano i preferiti risiede nel fatto che vediamo questo lavoro come un’entità unica e finita nel suo insieme, con il suo senso compiuto. Ovviamente ci sono brani che eseguiamo di più e altri di meno, anche in relazione alla formazione con cui andiamo in giro. Nonostante il disco sia registrato in quintetto non è sempre possibile fare concerti con la formazione al completo e quindi ci arrangiamo grazie alla sua elasticità. Brani che non mancano mai sono però la title track Flowers of Fragility, Le Coeur de Nina, Il Dono e La Barca Ubriaca.
Il cd è uscito con Visage Music. Come vi siete trovati e come è stato lavorare con loro? Altre realtà da citare per la realizzazione del disco e la sua diffusione?

La Visage Music di Claudio Carboni è stata fondamentale per la realizzazione della versione digitale del disco. Claudio è una persona in gamba ed è un  bravissimo musicista, quindi sa bene cosa possa servire in questo ambiente a chi porta avanti la sua stessa professione. Il suo supporto è stato importantissimo così come quello dell’etichetta distributrice Materiali Sonori. Naturalmente devo menzionare Roberto “Robbo” Vigo che ha registrato e prodotto il lavoro nel suo studio e con la sua etichetta audiofila Analogy Records, che si occupa di produrre e distribuire i suoi artisti direttamente su Reel to Reel Master Tape per il mercato su bobina, una nicchia ma che vanta però un numero sempre crescente di adepti tra gli audiofili.
La copertina è molto poetica, sembra la foto di un mondo a testa in giù … o no? Come è nata e chi è l’autore?
Come già anticipato l’autore del quadro è il nostro amico fiammingo Pol Bonduelle, un grandissimo artista, che ha anche curato la grafica del Cd, così come ha fatto per gli altri miei dischi Orange Tree del 2010 e The Tarot Album del 2012. Il quadro mostra dei soffioni (il famoso fiore del tarassaco su cui si può soffiare fino a disperdere i semi) appesi a dei fili a testa in giù come messi ad essiccare, e più in basso si vedono dei fori che sembrano rappresentarne la base da cui sono stati sradicati. E’ un quadro che può essere interpretato in mille modi, ma la fragilità e la delicatezza di questi fiori richiamano l’immagine di questi giovanissimi soldati, ragazzi che sono stati “sradicati” dalla loro terra e dalle loro famiglie in nome di un’assurdità conosciuta come guerra.
Come e dove presenterete l’album?
L’album è stato già presentato in Germania, Belgio, Svizzera e in buona parte dell’Italia ma i concerti e le presentazioni legati al disco proseguiranno anche per questa fine del 2015 e nel 2016.
Altro da dichiarare?
Niente da dichiarare! Siamo portatori sani di musica e strumenti musicali!

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

6 Commenti:

Alle 27 novembre 2015 00:53 , Blogger Elle ha detto...

Ricordo The Tarot Album mi era piaciuto molto, e anche questo Flowers of Fragility è bellissimo, nessuna canzone esclusa. È rilassante e magico, come un po' è stato detto nell'intervista. Adesso chiudo gli occhi e viaggio, ciao.

 
Alle 27 novembre 2015 00:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Vero, verissimo ... grande tutto il disco precedente, come l'attuale, che non è facile scindere in singoli pezzi. Forse citerei la title-track, e poi il finale Sine Nomine, ma anche Il dono e Impermanenza ...

 
Alle 27 novembre 2015 19:17 , Blogger Nella Crosiglia ha detto...

La copertina è bellissima e poetica, al solito non conosco il gruppo e impensabile ( dopo aver fatto un rapido ascolto ) catalogarli in un preciso genere....
Grazie come sempre Alli! Bacio!

 
Alle 1 dicembre 2015 00:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te Nella, attenta come sempre.

 
Alle 4 dicembre 2015 15:51 , Blogger Anna Bernasconi ha detto...

Della copertina mi sono immediatamente innamorata e dopo un veloce ascolto su youtube penso che la musica potrebbe fare da sottofondo ispirevole durante qualche mia creazione!

 
Alle 4 dicembre 2015 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, credo pure io che sia una musica molto "ispirativa", che faccia molto bene a spiriti creativi (ma anche no). Buon ascolto Anna.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page