lunedì 9 febbraio 2015

Due parole con i Leitmotiv



Magnifica questa copertina, appena l’ho vista ho pensato: voglio i Leitmotiv in palude, per la seconda volta, solo per questa copertina. Non mi interessa se il disco farà schifo, voglio l’immagine dell’aborigeno con la barba e occhi azzurri a campeggiare sul mio blog. E così ho insistito tanto, fino ad avere l’ok del gruppo pugliese, nonostante i numerosi concerti di questi giorni (ieri l’ultimo della prima serie, poi ripartiranno a fine mese). O poi ascoltato l'album, e mi è piaciuto un sacco. Tra le migliori uscite di questo scorcio di 2015 I Vagabondi. Provate ad assaggiarlo in streaming qui.
Titolo dalle reminescenze letterarie, come d’abitudine per i Leitmotiv, titolo che ti apre un mondo (a parte) I vagabondi, di avventure fuori dai binari. Così sono questi dieci pezzi di rock alternativo, cantati in italiano con i testi ben riportati nel libretto interno (stupende le foto da ricercati di tutti i componenti della band, anzi banda). A produrre, una delle label più interessanti del sottobosco vivo e intelligente, La Fabbrica, passata in palude sempre con gruppi interessanti, più una serie di altre realtà indi a partire dalla loro Pelagonia Dischi. Parliamone. Pronti?

Etichette: , , , , , , , , , , , , , ,

116 Commenti:

Alle 9 febbraio 2015 21:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Problemi tecnici, Giorgio, il cantante della band è appena tornato dal concerto di ieri ... lo attendo volentieri.

 
Alle 9 febbraio 2015 21:55 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Eccomi qua ragazzi :)
appena sceso (non è uno scherzo) dal furgone del Tour :)

 
Alle 9 febbraio 2015 21:56 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Io ci sono!

 
Alle 9 febbraio 2015 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Perfetto, ti vedo e ti sento (in cuffia).

 
Alle 9 febbraio 2015 21:57 , Blogger Elle ha detto...

Non ha più voce? E come fa a risponderti, Alli?
Ciao a tutti, ci sono anche io!

 
Alle 9 febbraio 2015 21:57 , Blogger Elle ha detto...

Ah, eccolo! :D

 
Alle 9 febbraio 2015 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Elle ... mi risponderà in playback :)

 
Alle 9 febbraio 2015 21:57 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

:)

 
Alle 9 febbraio 2015 21:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Vedo che ti sei ricordato al volo Giorgio ... e allora parto con le domande, ok?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:01 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Ciao Elle ! Ciao Alli! qui vagabondo numero uno Giorgio Leitmotiv pronto

 
Alle 9 febbraio 2015 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato I vagabondi?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:01 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Certo! scusate fuso orario da tour

 
Alle 9 febbraio 2015 22:02 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Parti pure!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato I vagabondi?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:03 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

I vagabondi è nato a cavallo del tour del disco precedente "A tremulaterra"..in quel lungo girovagare abbiamo raccolto diverse idee soprattutto io e il batterista Dino che in quei frangenti si è dedicato allo studio della ...chitarra

 
Alle 9 febbraio 2015 22:04 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Poi nelle pause ci siamo ritrovati spesso e abbiamo dato una decisiva accelerata alla stesura nello scorso autunno a tour completato..concepito in viaggio insomma!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Del resto siete sempre in tour (o spesso), siete dei vagabondi voi ;)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:05 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

E poi quando abbiamo raggiunto un buon numero di brani ci siam detti: Facciamolo! ed ecco il nostro quarto album

 
Alle 9 febbraio 2015 22:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Quindi la domanda perché questo titolo? … se non sbaglio ha origini letterarie (vedi la frase dentro il cd)... è forse banale :)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:06 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Si..nomen omen direi :)vagabondi e destinati ad esserlo

 
Alle 9 febbraio 2015 22:08 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Allora..in realtà il titolo proviene direttamente dalla canzone "I Vagabondi"..la frase, bellissima, di Erri De Luca l'ho trovata in seguito..ma in questi anni ho letto molta letteratura beat, mi sono appassionato al concetto del musicante girovago scomodo un pò alle società stanziali come le nostre (sul manuale in difesa della razza d'epoca fascista trovai una definizione di rom musico che mi colpì molto..)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:10 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

E poi in ultimo ho ascoltato una dichiarazione su un cd di De Andrè che parlava appunto del concetto di viaggiare perenne, di rom, solitudini e società..e il dado è stato tratto!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:11 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

A noi tutti piaceva questo giocare un pò ambiguo con la parola Vagabondi..che spesso poi ha un'accezione negativa

 
Alle 9 febbraio 2015 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Ottime scelte ... tra l'altro, I vagabondi del Dharma è uno dei miei libri preferiti di Kerouac.

 
Alle 9 febbraio 2015 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata la genesi del disco, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:13 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Ma l'abbiamo trovata magicamente calzante (e attualissima)! tutto qui

 
Alle 9 febbraio 2015 22:14 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Perfetto (su Kerouac vedo che ci intendiamo!)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata la genesi del disco, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:17 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

La genesi ha avuto come dicevo prima un'urgenza inaspettata..in realtà le canzoni venivano fuori..frutto di viaggi lunghi in tour..di suggestioni qua e là prese..di riflessioni al ritorno..quando abbiamo raggiunto una buona quantità di materiale abbiamo capito di essere pronti.abbiamo fatto una neanche troppo lunga preproduzione chiusi nella nostra sala prove e poi via al bellissimo Sudest studio di Guagnano vicino Lecce..in pieno inverno stavolta (parlo di esattamente un anno fa! tempo in cui registrammo le canzoni)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:19 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Poi La Fabbrica con cui avevamo ripreso a collaborare si è riavvicinata a noi e convinta della bontà del progetto ci ha seguiti in quest'avventura! E come spieghi bene nel post il loro, nostro grafico, Gaetano Maiorano, ha realizzato una copertina bellissima, ascoltando i brani e leggendone i testi..anche noi ne siamo molto orgogliosi!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:19 , Blogger Elle ha detto...

Non conosco nessuno dei vagabondi citati, ma confermo che di solito l'accezione è negativa, come se la sedentarietà fosse l'unica scelta seria. Penso che sia perché per gli altri, non sapere dove trovare il vagabondo, e quando, è destabilizzante, spaventa. E c'è forse anche l'invidia di tanta flessibilità. Non che un vagabondo sia sempre felice di esserlo, ma spesso, forse la sua infelicità è data dal dubbio che gli altri, i sedentari, abbiano ragione a considerarlo anormale.

 
Alle 9 febbraio 2015 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Alla label e alla copertina ci arrivo dopo...

 
Alle 9 febbraio 2015 22:20 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

E come da sempre abbiamo voluto scrivere, comporre, agire senza un'idea o connotazione o un genere troppo precisi..il nostro consueto stile folle e variegato è venuto fuori!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella interpretazione Elle, la quoto ... le "diversità" fanno paura ai cosidettì "normali", che a volte sono banali, la banalità del normale, parafrasando una grande nostra amica...

 
Alle 9 febbraio 2015 22:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del cd?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:22 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Elle sono molto d'accordo con te! Credo sia legato alla paura (che non a caso è uno dei temi del disco)di non riconoscere un parametro che la maggioranza ritiene "normale"

 
Alle 9 febbraio 2015 22:22 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

OK Alli :)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:24 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Mmm...episodi durante le registrazioni non ne ricordo in particolare..o meglio non particolarmente interessanti

 
Alle 9 febbraio 2015 22:25 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Forse ci faceva specie come ci fosse in Salento una temperatura quasi scandinava per tutto il tempo :)forse i colori dell'album hanno influito chissà...:)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari se ti vengono in mente dopo, o anche domani, puoi dirli ... tanto l'intervista è infinita :)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:26 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

in generale questo posso dirlo c'era un'aria molto più serena..quasi fossimo più consapevoli di cosa andavamo a realizzare rispetto al passato

 
Alle 9 febbraio 2015 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

A, è arrivato uno ... c'era così freddo? sì?...

 
Alle 9 febbraio 2015 22:26 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

ahhaha ok!se mi viene in mente qualcosa aggiungo!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:28 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Si si..faceva freddo..e in generale temperature rigide e paesaggi campestri ma quasi ghiacciati..bellissimi in fondo! (dentro no, riscaldatissimo e bellissimo lo studio!)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? …

 
Alle 9 febbraio 2015 22:29 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

sole d'inverno pallido e rugiadoso :)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:31 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Se fosse un concept parlerebbe di "Paura di viaggiare" : al di fuori di noi, al di fuori della coppia, insieme al mondo che ci circonda, alla paura di essere umani, di contravvenire a regole imposte da maggioranze (e quindi non di per sè giuste!)..si, il tema principale sarebbe questo (o il titolo alternativo)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Sarebbe un bel concept ...

 
Alle 9 febbraio 2015 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di “I vagabondi”?… che vi piace di più fare live?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:33 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Consideriamo però che sulla paura di viaggiare anche metaforico non mancano i rimedi: il sogno cui fa riferimento la prima canzone..il riconoscere l'errore come primo passo verso l'amore..il vagare resistente di cui parla la title track :)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:35 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

In generale amiamo tutti i brani dell'album..ma forse "I Vagabondi", la canzone intendo,in questo periodo della nostra vita credo sia la fotografia più fedele..e nei live ha raggiunto una sua energia matura molto interessante

 
Alle 9 febbraio 2015 22:35 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

nel piccolo è un piccolo cambio di rotta!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Le mie: Niente da perdere dal gran testo, dal gran ritmo, I diciottenni testo da mandare a memoria, anche questo, la title-track, con tante parole, suoni, musica (direi perfetta per chiudere i concerti, ma forse, anche per aprirli...), Madame Milano canzone da cantautore, dedica a Milano molto bella e intensa, viva...

 
Alle 9 febbraio 2015 22:37 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

scusate la ripetizione ..nel nostro piccolo è un bel cambio di rotta :) (scompensi da tour) ;)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, non ti preoccupare, come diceva Minà: è il bello della diretta :)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:38 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Grazie Alli! beh i Diciottenni è la più autobiografica e forse è quella che io amo di più ;)..su Niente da perdere vi rivelo una chicca: è stata scritta (in grossa parte) nel 2009..pensate a come il nostro (bel?)Paese sia ridotto ancora oggi..

 
Alle 9 febbraio 2015 22:40 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Madama Milano è la più viscerale..scritta in una notte uggiosa e solitaria..a Milano !

 
Alle 9 febbraio 2015 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', la deriva italica ha tempi lunghi ... il problema è che non si vede l'uscita.

 
Alle 9 febbraio 2015 22:41 , Blogger Elle ha detto...

Tocca a me?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, quella su Milano, sembra una dedica, molto bella, a come l'hanno ridotta e come avrebbe potuto essere.

 
Alle 9 febbraio 2015 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Elle, vai con le tue preferite :)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:42 , Blogger Elle ha detto...

A me piacciono: Testa di paglia, Passi, I diciotenni, I vagabondi, Marinai, Madama Milano... :)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Un disco che piace tutto ;)
In verità, è tutto da ascoltare...

 
Alle 9 febbraio 2015 22:46 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Beh ...sono molto contento del vostro apprezzamento davvero!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con la La Fabbrica, gran bella etichetta indipendente in costate crescita … come vi siete incontrati? Altre realtà produttive attorno a I vagabondi?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:48 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Molti hanno indicato in Roma (vedi il film di Sorrentino)la decadenza italica evidente dimenticando che forse la crisi di Milano è ancor più importante..

 
Alle 9 febbraio 2015 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi sì, hai ragione ... va di moda l'antipolitica, senza capire che il potere è altrove (almeno, non è solo quello che si vede).

 
Alle 9 febbraio 2015 22:50 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Dunque quello con La Fabbrica (concordo e non per spirito aziendale :)con i complimenti) è un rapporto professionale iniziato nel 2008 all'epoca del nostro primo Lp "L'Audace bianco sporca il resto".con delle pause intermedie è proseguito fino ad arrivare a "I Vagabondi"

 
Alle 9 febbraio 2015 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran bella crescita .... insime.

 
Alle 9 febbraio 2015 22:52 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Saremo sempre riconoscenti per essere stati in ambito professionale anche se indipendente i primi ad avere creduto più convintamente in noi! E poi devo citare Pelagonia music la nostra piccola e gagliarda associazione di cui oltre a noi quattro fan parte anche altre persone che ci supportano e sopportano da anni! In ultimo l'ufficio stampa PromOrama che si sta occupando della promozione del disco e siamo convinti ci farà diventare più famosi dei Beatles (seguono roghi dei dischi dei Leitmotiv :))

 
Alle 9 febbraio 2015 22:53 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Si..siamo cresciuti assieme con La Fab e mi fa molto piacere dirlo!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, gran bella gente, bei gruppi ... è vero, sarà così: e io documenterò il tutto ;)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina stupenda, una delle più belle dell’anno. Di chi è opera? Da dove salta fuori questa foto con questo volto barbuto?

 
Alle 9 febbraio 2015 22:55 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Ah, ah, ah ;)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:57 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Bene..la copertina è davvero bellissima! Raramente ci è capitato di vedere così perfettamente realizzata graficamente un'idea di disco..è opera di Gaetano Maiorano di Fab Lab, il laboratorio grafico de La Fabbrica!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Veramente bella, e anche l'interno, con le foto segnaletiche di voi, accanto ai testi dei pezzi ...bel lavoro davvero!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:58 , Blogger Elle ha detto...

Beh, direi che siete cresciuti bene!

 
Alle 9 febbraio 2015 22:59 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Non saprei dirti (non lo sa nessuno di noi) da dove salta fuori ma è un'idea di Gaetano. Davvero siamo orgogliosi di questa veste! Avevo scritto delle impressioni sul disco che gli avevo mandato giusto un anno fa..Lui le ha fatte proprie e ci ha..capiti al volo. La nostra reazione alla vista è stata entusiasta come poche altre volte! chapeau a Gaetano

 
Alle 9 febbraio 2015 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Cresciuti a pane fabbrica e pelagonia ;)

 
Alle 9 febbraio 2015 22:59 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Grazie Elle!

 
Alle 9 febbraio 2015 23:00 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Si il concept del booklet interno è altrettanto bello...

 
Alle 9 febbraio 2015 23:01 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Si pane fabbrica pelagonia e..la nostra follia (che non ci fa mai stare troppo fermi..)

 
Alle 9 febbraio 2015 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterete l’album? …

 
Alle 9 febbraio 2015 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Un sacco di concerti... anche sotto la neve, ho visto le foto... eroici!

 
Alle 9 febbraio 2015 23:03 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Ah ah ah! si eroici davvero...:) il disco lo stiamo presentando in tutta Italia..la neve poi ci perseguita..al ritorno da un mini tour d'anteprima in sicilia: neve. In piemonte in questi giorni : neve. Torniamo ora in Puglia: nevischio. bastaaa :)

 
Alle 9 febbraio 2015 23:04 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

A parte gli scherzi abbiamo un lungo e direi vario e bellissimo tour in tutto lo stivale! Potete trovare le nostre date sul web, sul sito de La Fabbrica, sulla nostra pagina Facebook e presto sul nostro sito ufficiale che è in riallestimento!

 
Alle 9 febbraio 2015 23:05 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Abbiamo due differenti spettacoli in tour: uno elettrico più fedele ai suoni del disco, e l'altro più..naked :) in veste completamente acustica

 
Alle 9 febbraio 2015 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Non mancherò di andare a vederlo, e se passate vicini alla palude (dove non c'è neve), vi veniamo a sentire ...

 
Alle 9 febbraio 2015 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche perché in palude, non c'è neve ...a nevicato un po' dopo natale e poi un giorno di fine gennaio, ma è durata lo spazio di una mattina.

 
Alle 9 febbraio 2015 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Ha nevicato, verbo avere .... azz!

 
Alle 9 febbraio 2015 23:07 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Si vi aspettiamo Alli!! :)(io amo la neve ma direi che siamo saturi no?) ..sarà il mood del disco..

 
Alle 9 febbraio 2015 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Beì, facciamo finta di nulla e andiamo verso la fine dell'intervista....

 
Alle 9 febbraio 2015 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, direi che siete saturi di neve e freddo ...

 
Alle 9 febbraio 2015 23:08 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

refusi da ora tarda ;)verremo a suonare nella palude, speriamo anche là!

 
Alle 9 febbraio 2015 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non vi ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 9 febbraio 2015 23:10 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Dunque ci provo...:)

 
Alle 9 febbraio 2015 23:10 , Blogger Elle ha detto...

Forse non è la neve che eprseguita voi, ma siete voi che create la neve per fermare, una volta tanto, i vagabondi: in un contesto intimo con la vostra musica non potranno che sentirsi meglio (a casa?), per una volta nella loro vita "strana".

 
Alle 9 febbraio 2015 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella interpretazione Elle
Provaci ancora Giorgio!

 
Alle 9 febbraio 2015 23:13 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

L'appello è che in Italia in generale si riprenda ad ascoltare più che a dover per forza sempre tutti stendere degli editoriali! L'ascolto è una virtù (lo dice un semi logorroico..) importante.
2) che oltre alle beneamate canzoni scritte dal gotha del rock e pop degli ultimi quarant'anni ci si accorga che ancora in Italia ci sono molti autori (gruppi o singoli) di musica INEDITA che vale la pena acoltare.

 
Alle 9 febbraio 2015 23:13 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Il saluto è a chi è venuto, verrà o vorrebbe venire a vedere ed ascoltare questi quattro vagabondi. Non ha prezzo il loro sostegno. :)

 
Alle 9 febbraio 2015 23:14 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Bellissima immagine Elle! (devo dire perà che la neve non ci ha fermati troppo per fortuna..)

 
Alle 9 febbraio 2015 23:14 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 9 febbraio 2015 23:15 , Blogger Elle ha detto...

Quindi anche a noi! :D

 
Alle 9 febbraio 2015 23:16 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Assolutamente anche a voi! (l'alligatore in effetti ha ancora la bellissima virtù dell'ascolto!) :D

 
Alle 9 febbraio 2015 23:16 , Blogger Alligatore ha detto...

La palude è sempre aperta a musica così, la palude spinge forte in alto musica così... più forte della neve.

 
Alle 9 febbraio 2015 23:17 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Spero Alli di aver risposto bene..:/

 
Alle 9 febbraio 2015 23:17 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Spero Alli di aver risposto bene..:/

 
Alle 9 febbraio 2015 23:17 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Spero Alli di aver risposto bene..:/

 
Alle 9 febbraio 2015 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Giorgio, grazie Leitmotiv, grazie Elle ;)*

 
Alle 9 febbraio 2015 23:18 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Viva la palude!

 
Alle 9 febbraio 2015 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Vivs i Leitmotiv :)

 
Alle 9 febbraio 2015 23:19 , Blogger Giorgio Consoli ha detto...

Grazie Elle, Grazie Alli e..a presto :)dai Leitmotiv

 
Alle 9 febbraio 2015 23:20 , Blogger Elle ha detto...

Grazie a voi per la musica. E ora.. tutti sulla neveee!!
Alla prossima, buonanotte! ;)

 
Alle 9 febbraio 2015 23:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna ai Leitmotiv.

 
Alle 10 febbraio 2015 12:45 , Blogger Schiele ha detto...

L'ascolto è una virtù' dice bene Giorgio, specie se si tratta di musica :)
E' bello tornare nella palude con della buona musica.

 
Alle 10 febbraio 2015 19:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Schiele, qui la musica è sempre ottima, da sempre e per sempre, e ci sentiamo dei privilegiati, sì ... bentornata.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page