mercoledì 11 giugno 2014

Trent'anni senza Berlinguer ... e si vede


Etichette: , , , , , , ,

17 Commenti:

Alle 11 giugno 2014 07:02 , Blogger ReAnto R ha detto...

.......e si sente

 
Alle 11 giugno 2014 07:14 , Blogger Kylie ha detto...

Un abbraccio e buona giornata!

 
Alle 11 giugno 2014 08:33 , Blogger mr.Hyde ha detto...

..nel frattempo è cambiato tutto.In peggio.

 
Alle 11 giugno 2014 08:38 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Purtroppo si vede che mancano anche i democristiani di una volta :-(

 
Alle 11 giugno 2014 12:57 , Blogger m4ry ha detto...

Lo ricordo come fosse ieri il giorno in cui è andato via..io e mia mamma stavamo seguendo il suo comizio in tv..e poi quel malore..uomini così, dopo di lui, non ce ne sono stati più..GRANDE !

 
Alle 11 giugno 2014 15:30 , Blogger Elle ha detto...

Se pensava cose come questa, allora ha lasciato un vero e proprio vuoto!

 
Alle 11 giugno 2014 18:34 , Blogger Alligatore ha detto...

@ReAnto
... e bravo, una volta un commento che mi piace :)
@Kyl
Grazie, anche a te...
@Mr Hyde
Non sarei così negativo, di sicuro non c'è più una visione di classe da parte della politica, anzi, non c'è proprio una visione (almeno di chi siede oggi in parlamento).
@Silvia
Capisco cosa intendi, anche se, di quelli non sento proprio la mancanza (in confronto con qualche politico di oggi, sembrano degli statisti, ma allora, facevano pena...).
@M4ry
Hai detto tutto, cosa aggiungere?
@Elle
Sì, malgrado errori (umani), direi che ha proprio lasciato un vuoto...

 
Alle 12 giugno 2014 18:39 , Anonymous Giò ha detto...

Ahimè, non solo la questione morale è irrisolta, ma è divenuta l'insieme delle questioni morali, ed attraversa trasversalmente le classi, la società in ogni suo anfratto, taglia le comunità orizzontalmente e verticalmente. È tale la dimensione della sua attualità che non rende innocente chi si sollazza del suo disimpegno.

 
Alle 13 giugno 2014 10:21 , Blogger redcats ha detto...

Meno male che lui non vede!

 
Alle 13 giugno 2014 15:09 , Blogger Berica ha detto...

Amo ricordarlo in braccio a Benigni.

 
Alle 13 giugno 2014 17:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Altri tempi, non necessariamente migliori .
Il compromesso storico per convivere in un mondo diviso in due blocchi contrapposti .
Il rimpianto di non aver visto un governo a guida pc .
Berlinguer ti voglio bene .
ancora
Rocco

 
Alle 13 giugno 2014 20:21 , Blogger giovanotta ha detto...

secondo me si starà rivoltando nella tomba..

 
Alle 14 giugno 2014 18:29 , Blogger Alligatore ha detto...

@Gio'
Hai detto bene,pure troppo. Credo che la questione morale sia irrisolvibile, se non dopo una vera uscita da capitalismo. Non so se Berlinguer lo sapesse/volesse, comunque suo il merito di aver messo il dito nella piaga per primo...
@Redcats
Ma noi, purtroppo sì...
@Berica
Sì, quella è stata per anni, una bella immagine divertente... poi Benigni a preso in braccio troppi altri, ma Berlinguer è stato il primo, e rimane indelebile questa immagine.
@Rocco
Impossibile, da comunisti, non voler bene a Berlinguer, nonstante gli errori (per me è stato uno dei più gravi).
@Giovanotta
Sì, vedendo gli eredi del suo parito ridotti così, alla guida di un governo di conservazione pura, credo proprio abbia motivo ...

 
Alle 16 giugno 2014 18:16 , Blogger George ha detto...

Un grande uomo politico, che manca alla sinistra italiana. Certo, anche da solo, non avrebbe fermato lo sfascio, certo, alcuni errori, ma umani... bel ricordo Ally.

 
Alle 16 giugno 2014 18:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Concordo George , davanti allo sfascio di oggi avrebbe potuto fare qualcosa, ovviamente non era Superman. Un uomo di sinistra, un comunista .... ed é già molto.

 
Alle 17 giugno 2014 10:09 , Anonymous riccardo ha detto...

Berlinguer aveva visto/previsto lo sfascio in cui siamo sprofondati da Tangentopoli... ai giorni nostri.
La sua politica... che dire? Errori ne facciamo tutti ma non era solo “compromesso storico.”
Comunque, quell'idea nasceva dalla convinzione che in Italia fosse necessaria l'unità di tutte le forze democratiche ed antifasciste... perché la tragedia cilena risaliva a pochissimo tempo prima.
Del resto, come è risultato dalle indagini sulla struttura militare clandestina di Gladio, se il Pci avesse vinto le elezioni, il golpe sarebbe “andato in scena” alla grande.
E già nel dicembre del 1970, tramava in quel senso Junio Valerio Borghese, della ex-X Mas...
Berlinguer era un comunista gramsciano, per me il tipo di comunismo (quello appunto gramsciano) migliore per uno Stato occidentale e le sue idee, certo debitamente aggiornate, potrebbero servirci ancora.
Del resto, i rapporti di forza tra lavoratori e datori di lavoro non sono mica cambiati: i primi stanno (stiamo!) ormai tornando sempre più a condizioni lavorative, giuridiche, sociali e salariali da fine '800...
Quindi la nostra società (e non solo quella!) è cambiata da un punto di vista tecnologico, non certo da quello politico-sociale.
La regressione, purtroppo, è sempre possibile, il progresso può essere interrotto o bloccato.
E questo, Berlinguer lo aveva capito ed intuito bene.
Scusa la lunghezza, Ally: ma il tema mi stava e mi sta troppo a cuore.
Ed anche l'uomo.

 
Alle 17 giugno 2014 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Nessun problema per la lunghezza Riccardo, si vede che parli con cognizione di causa e ti sta a cuore l'idea e l'uomo. Sul comunismo gramsicano e su tutta l'analisi, c'è sintonia assoluta con me... a parte, il compromesso storico, sempre avversato da me come idea (allora ero un bambino, ovviamente la mia è analisi storica. Quello fu un errore, e il Cile, forse solo una minaccia... non lo so, con il senno di poi, chi può dirlo: forse usata ad arte, per imborghesire e allontanare il PCI dal suo popolo, avvelenandolo con la DC (vabbe', oggi sembrano anche loro degli statisti, ma allora facevano veramente schifo).

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page