sabato 19 ottobre 2013

Una scorpacciata di film 1

L'arbitro di Paolo Zucca 
Cult-movie dell'anno. Girato in bianco e nero in gran parte in Sardegna, dove si svolge un surreale campionato di calcio di terza categoria in campetti sterrati, sarebbe piaciuto un sacco ad Osvaldo Soriano. C'è una squadra scarsa composta da poveri peones, l'Atletico Parabile, umiliata spesso e volentieri dalla vicina Montecrastu, guidata da un arrogante proprietario terriero. Ma le cose cambiano, quando dall'Argentina arriva il Matzutzi, fuoriclasse da molti gol a partita, capace, da solo, di cambiare volto al campionato, fino alla fine ... Parallelamente assistiamo alle imprese dell'arbitro internazionale Cruciani, con il sogno di arbitrare una finale di coppa europea: sempre sotto stress, tra allenamenti  massacranti, attacchi e parole da parte dei tifosi, corruzione, soldi, dirigenti internazionali trafficoni e falsi. Ma Cruciani ha una fede incrollabile, e cerca di non cedere alle tentazioni (di culto quando ignudo si auto-fustiga nella doccia di qualche mega-hotel europeo), ma alla fine ... Alla fine le vicende dei primi si intrecciano con quelle del secondo, e sarà festa. Gran film, con facce incredibili, storie impossibili, ma vere. Benito Urgu nel ruolo della sua vita, così, come del resto, Stefano Accorsi (è lui l'arbitro del titolo), Geppi Cucciari, e tutti gli attori sardi presenti. Menzione speciale per Marco Messeri, da sempre vero e proprio gigante nei piccoli ruoli.         
VOTO 



Che strano chiamarsi Federico di Ettore Scola
Una pellicola travestita da biografia/doc (su Fellini), un omaggio al maestro a vent'anni dalla morte, che finisce per essere il racconto dell'amicizia tra Fellini e Scola, ritornato al cinema per l'occasione. Fellini e Scola, pur avendo dieci anni di differenza, si sono ritrovati a fare, a poca distanza di tempo, le stesse esperienze artistiche: autori sul giornale satirico Marc'Aurelio (il primo nell'ultimo periodo del fascismo, il secondo nell'immediato dopoguerra), poi il cinema come sceneggiatori e quindi registi. E poi, entrambi provenienti dalla provincia, con le stesse amicizie (da Maccari a Mastroianni), la stessa curiosità intellettuale. Qui Scola è al suo meglio, nel narrare i suoi ricordi, tra immagini di repertorio e immagini con gli attori. Tra finzione (molta) e realtà (spezzoni di film di Fellini in particolare), si fa un bel viaggio nell'Italia del secolo scorso. Bello poetico l'arrivo di Fellini nella redazione del Marc'Aurelio, con tutti i satiri ad accoglierlo (alcuni di questi poi passeranno al cinema), bello il suo ricordo della partecipazione a C'eravamo tanto amati, cult-movie di Scola sulle promesse deluse di un'Italia diversa, bella la sua fuga dalla bara, seminando i carabinieri, per salire su di una giostra. Partono quindi le immagini dei capolavori felliniani, ed è una gioia per gli occhi e la mente. Ben fatto.

VOTO
L'intrepido di Gianni Amelio
Un film molto deprimente, come la realtà che vuole raccontare, quella dell'Italia di oggi, in crisi. La crisi che prova a narrare, è principalmente quella del lavoro (ma non solo). La racconta con un moralismo laburista tipico di Amelio (e anche dell'Albanese più melodrammatico). Ne esce un film tristissimo. Albanese, nel ruolo di un uomo buono come il pane (è pure il suo cognome), disoccupato di mezza età, che si presta a fare il "rimpiazzo", cioè qualsiasi lavoro capiti, per un'ora come per un giorno o di più. Il boss che lo gestisce  non lo paga, se non di rado, ma a lui va bene così, intanto si mantiene in forma... troppo surreale. E troppi luoghi comuni: la ragazza di buona famiglia che si toglie la vita (troppo viziata?), il figlio di Albanese, musicista alternativo incapace di accettare la realtà (troppe canne?). Piaciuto per niente.

VOTO

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

23 Commenti:

Alle 19 ottobre 2013 20:34 , Blogger bibliomatilda ha detto...

Ma io l'avevo detto che era un bel film! Contenta sia piaciuto anche a te! Ciao All :-)

 
Alle 19 ottobre 2013 20:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Ti rifersci a L'arbitro, del quale avevo letto anche da te, sì. Molto bello anche il film di Scola. Ciao BM :-)

 
Alle 19 ottobre 2013 20:51 , Blogger Marco Goi ha detto...

tre film italiani di fila?
non credo di avere tutto questo coraggio... :D

 
Alle 19 ottobre 2013 20:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, grande Marco. In realtà il primo non sembra manco italiano, ed è la vera sorpresa dell'anno.

 
Alle 20 ottobre 2013 01:04 , Blogger Elle ha detto...

Sono tornate le faccine del voto!
L'arbitro mi ha fatto ridere tantissimo, e mi è piaciuto molto il bianco e nero, per non parlare della colonna sonora. Per me è stato curioso vedere Benitu Urgu in questa veste più "seria".

 
Alle 20 ottobre 2013 01:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, sono tornate le faccine d'alligatore a dare i voti ;)
Qui un vecchio post su film, con in fondo la legenda, per capire il peso delle faccine.
Sapevo della tua visione, e che ti era piaciuto il film di Paolo Zucca ... pure a me Urgu in versione seria è stata una cosa inaspettata, ma interessante.

 
Alle 20 ottobre 2013 09:07 , Blogger Lucien ha detto...

Concordo su "L'intrepido" anche se sono più generoso: gli do la sufficienza per la prima parte; la seconda è proprio scarsa.
Purtroppo mi sono perso "L'arbitro" facerano pure quello nella mia saletta!

 
Alle 20 ottobre 2013 11:47 , Blogger Kylie ha detto...

Non mi ricordavo del film L'arbitro...

Buona domenica!

 
Alle 20 ottobre 2013 13:06 , Blogger Blackswan ha detto...

Non vedo l'ora di godermi L'arbitro, anche se Accorsi mi sa sempre di cinema da supermercato...spero davvero che mi stupisca.

 
Alle 20 ottobre 2013 13:58 , Blogger Alligatore ha detto...

@Lucien
Sì, nella prima parte L'intrepido qualcosa di buono fa vedere (rimontandolo e riducendolo ad un mediometraggio muto, forse sarebbe un buon film), L'arbitro spero avrai occasione di recuperarlo, e anche l'ultimo Scola (sarà il suo ultimo?), è da vedere.
@Kyl
Non ti ricordavi perché non ne hai sentito parlare? ... è uscito a settembre, credo dopo il passaggio a Venezia. Vai a vederlo, ti piacerà di sicuro.
Buona domenica anche a te.
@Blackswan
Credo proprio che ti stupirà, sia il film sia Accorsi, qui in un ruolo nuovo per lui.

 
Alle 20 ottobre 2013 20:03 , Blogger Charlie Brown ha detto...

mi sa che guarderò solo l'arbitro allora :-)

 
Alle 20 ottobre 2013 20:52 , Blogger Felinità ha detto...

Che ridere i musetti alligatoreschi ... mi sa che sono due bei film, il primo mi incuriosisce moltissimo, lo cerco. Miao miao ally

 
Alle 20 ottobre 2013 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

@Charlie
... anche il film di Scola non è male.
@Felinità
Grazie, cerca anche Che strano chimarsi Federico, per un'appassionata di cinema come ti conosco, è da vedere.

 
Alle 21 ottobre 2013 07:45 , Blogger Felinità ha detto...

Quello su Federico era in programma,come posso ignorare uno che di cognome fa Fellini ..... è questo arbitresco che non conoscevo , grazie dell'info e buona settimana miao

 
Alle 21 ottobre 2013 08:33 , Blogger En Joy ha detto...

uhm, dormo sempre :)
però con cattivissimo me 2 sono stata sveglia.
Non so Ally, non fan per me i film: musica musica e ancora musica per me.

 
Alle 21 ottobre 2013 10:51 , Blogger Sandra M. ha detto...

Visti...nessuno dei tre. Provvederò.

 
Alle 21 ottobre 2013 10:52 , Blogger Sandra M. ha detto...

Soprattutto quello di Scola mi incuriosisce.

 
Alle 21 ottobre 2013 10:53 , Blogger Sandra M. ha detto...

Perché ho visitato il set a Cinecittà, lo scorso settembre.
Scusa...sto scrivendo i commenti a rate: ho il cliccaggio compulsivo.

 
Alle 21 ottobre 2013 14:46 , Blogger Ernest ha detto...

questi mi mancano... mi sa che dovrò provvedere

 
Alle 21 ottobre 2013 21:25 , Blogger Alligatore ha detto...

@Felinità
Immaginava, l'ho detto per ribadire la sua importanza ... miaoo.
@En Joy
Al cine dormi sempre? ... però Cattivissimo me 2 l'hai visto, lo immaginavo. Credo che se vai a vedere L'arbitro non dormirai... prova.
@Sandra M.1
Devi, almeno i primi due (il terzo si può saltare).
@Sandra M.2
Non immaginavo mi avrebbe preso così, una bella sorpresa per me.
@Sandra M.3
I mitici studi resi mitici da Federico ... allora devi proprio vederlo, e non scusarti, commenti multipli nello stesso post non sono vietati ;)
@Ernest
Direi da vedere L'arbitro e il film di Scola, trascurabile L'intrepido.

 
Alle 22 ottobre 2013 00:29 , Blogger Kylie ha detto...

Ho visto che è al cinema a Silea, vediamo se mi viene voglia dopo i 3 ultimi brutti film che ho visto (Anni felici, Aspirante vedovo e Giovani ribelli).

 
Alle 23 ottobre 2013 00:39 , Blogger GIOCHER ha detto...

Felice che infin ti sia piaciuto davvero come a me il primo Zucca.Recuperati i suoi corti,se hai tempo!
Quelio di Scola,invece, faro' con calma .Ma lo vedo. ;)

 
Alle 23 ottobre 2013 01:09 , Blogger Alligatore ha detto...

@Kyl
Prova, credo proprio che questo ti piacerà (io, devo dire, ho trovato Anni felici un buon film, e trovo sempre De Luigi un grande comico, anche in film modesti ...vedo tutte le sue uscite al cine, e pure in questa non mi ha deluso... prima o poi gli dedicherò un post a lui).
@GIOCHER
Sì, l'ho visto dopo il tuo post, che mia ha spinto ad andarlo a vedere (non avevo letto altro prima di vederlo), e ti ringrazio per la dritta ... recupererò anche i corti, sì.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page